Show Menu
ARGOMENTI×

Namespace

A ciascun ID che si desidera cercare viene assegnato uno spazio dei nomi, o namespace, ovvero una stringa personalizzata che identifica l’ID in qualsiasi variabile in cui esso viene usato per tutte le suite di rapporti.
La stringa namespace viene usata per identificare i campi in cui si desidera eseguire le ricerche quando si fornisce un ID come parte di una richiesta di Privacy dei dati. Quando una richiesta di Privacy dei dati viene inviata, la richiesta includerà una sezione JSON che specifica gli ID della persona interessata da usare nella richiesta. È possibile includere più ID come parte di una singola richiesta per una persona interessata. La sezione JSON include:
  • Un campo “namespace” contenente la stringa namespace.
  • Un campo “type” che per la maggior parte delle richieste di Adobe Analytics contiene il valore “analytics”.
  • Un campo “value” contenente l’ID che Analytics deve cercare nelle variabili namespace associate di ciascuna suite di rapporti.
Per altre informazioni fai riferimento alla documentazione relativa all’API Privacy dei dati per Experience Cloud.

ID visitatore personalizzato

{
     namespace: "customVisitorID",
     type: "analytics",
     value: "<ID>"
}

Anche il namespace è predefinito per l'ID visitatore personalizzato.

ID nelle variabili personalizzate

{
    namespace: "Email Address",
    type: "analytics", 
    value: "john@xyz.com" }, 
{
    namespace: "CRM ID", 
    type: "analytics", 
    value: "123456-ABCD" 
}

Per gli ID nelle variabili di conversione e traffico personalizzate (proprietà ed eVar), devi assegnare alla variabile l’etichetta ID-DEVICE o ID-PERSON e quindi il tuo nome namespace a quel tipo di ID. Vedi Fornire un namespace quando si applicano etichette come ID-DEVICE o ID-PERSON a una variabile.
Puoi anche vedere i namespace definiti in precedenza per altre variabili o suite di rapporti e riutilizzare una di queste, in modo che lo stesso namespace possa essere facilmente usato per tutte le suite di rapporti che contengono quel tipo di ID. È anche possibile assegnare lo stesso namespace a più variabili all’interno della suite di rapporti. Ad esempio, alcuni clienti memorizzano un ID CRM in una variabile di traffico e in una variabile di conversione (può trovarsi in una sola pagina o in entrambe le pagine a seconda dei casi) e possono assegnare il namespace “ID CRM” a entrambe le variabili.
Evita di usare il nome descrittivo di una variabile (il nome visualizzato nell’interfaccia utente della reportistica) o il numero della variabile (ad esempio eVar12) quando si specifica il namespace nell’API Privacy dei dati, a meno che non si tratti anche del namespace specificato durante l’applicazione dell’etichetta ID-DEVICE o ID-PERSON a questa variabile. L’uso di un namespace invece di un nome descrittivo consente allo stesso blocco di identità dell’utente di specificare la variabile corretta per suite di rapporti multiple. Per esempio, se l’ID si trova in eVars diversi di alcune delle suite di rapporti, o se i nomi descrittivi non corrispondono (come quando il nome descrittivo è stato localizzato per una specifica suite di rapporti).
I namespace “visitorId” e “customVisitorId” sono riservati per identificare il cookie di tracciamento legacy di Analytics e l’ID visitatore del cliente Analytics. Non utilizzare questi namespace per le variabili di traffico o conversione personalizzate.