Show Menu
ARGOMENTI×

Configurazione del server Campaign

Nelle sezioni seguenti sono descritte le configurazioni server obbligatorie che garantiscono il funzionamento efficiente di Adobe Campaign per la maggior parte delle configurazioni.
Configurazioni aggiuntive sono disponibili in Configurazione del server Campaign.
Le configurazioni lato server possono essere eseguite solo da Adobe per le distribuzioni ospitate da Adobe. Per ulteriori informazioni sulle diverse distribuzioni, consultate la sezione Modelli di hosting o questo articolo .

Identificatore interno

L’identificatore interno è un login tecnico da utilizzare per l’installazione, l’amministrazione e la manutenzione. Questo login non è associato a un'istanza.
Gli operatori connessi con questo login avranno tutti i diritti su tutte le istanze. Questo login non avrà una password nel caso di una nuova installazione. È necessario definire manualmente questa password.
Usa il comando seguente:
nlserver config -internalpassword

Vengono quindi visualizzate le informazioni seguenti. Immettete e confermate la password:
17:33:57 >   Application server for Adobe Campaign Classic (7.X YY.R build XXX@SHA1) of DD/MM/YYYY
Enter the current password.
Password:
Enter the new password.
Password: XXXX
Confirmation: XXXX
17:34:02 >   Password successfully changed for account 'internal' (authentication mode 'nl')

File di configurazione

I file di configurazione sono memorizzati nella cartella conf della cartella di installazione Adobe Campaign. La configurazione è suddivisa in due file:
  • config-<instance>.xml (dove instance è il nome dell’istanza): specifica configurazione dell'istanza. Se condividete il server tra più istanze, inserite i parametri specifici per ciascuna istanza nel relativo file.
  • serverConf.xml : configurazione generale per tutte le istanze. Questo file combina i parametri tecnici del server Adobe Campaign : vengono condivisi da tutte le istanze. La descrizione di alcuni di questi parametri è dettagliata di seguito. Fare riferimento al file stesso per visualizzare tutti i parametri disponibili. I diversi nodi e parametri ed elencati in questa sezione .
È possibile configurare la directory di memorizzazione ( var directory) di dati Adobe Campaign (registri, download, reindirizzamenti, ecc.). A questo scopo, utilizzate la variabile di sistema XTK_VAR_DIR :
  • In Windows, indicare il seguente valore nella variabile di sistema XTK_VAR_DIR :
    D:\log\AdobeCampaign
    
    
  • In Linux, andate al file customer.sh e indicate: esporta XTK_VAR_DIR=/app/log/AdobeCampaign .
    For more on this, refer to Personalizing parameters .

Abilitazione dei processi

processi Adobe Campaign sul server sono attivati (e disabilitati) tramite config-default.xml e config-<instance>.xml file.
Per applicare le modifiche a questi file, se il servizio Adobe Campaign è avviato, è necessario eseguire il comando nlserver config -reload .
Esistono due tipi di processi: istanza multipla e istanza singola.
  • istanza multipla: viene avviato un singolo processo per tutte le istanze. Questo è il caso dei processi Web , syslogd e tracking .
    L'abilitazione può essere configurata dal file config-default.xml .
    Dichiarazione di un server Adobe Campaign per accedere alle console client e per il reindirizzamento (tracciamento):
    vi nl6/conf/config-default.xml
    <web args="-tomcat" autoStart="true"/>  
    <!-- to start if the machine is also a redirection server -->  
    <trackinglogd autoStart="true"/>
    
    
    In questo esempio, il file viene modificato utilizzando un comando vi in Linux. Può essere modificato utilizzando qualsiasi editor .txt o .xml .
  • mono-instance : viene avviato un processo per ogni istanza (moduli: mta , wfserver , inMail , sms e stat ).
    L'abilitazione può essere configurata utilizzando il file di configurazione dell'istanza:
    config-<instance>.xml
    
    
    Dichiarazione di un server per la distribuzione, esecuzione di istanze del flusso di lavoro e recupero di messaggi di rimbalzo:
    <mta autoStart="true" statServerAddress="localhost"/>
    <wfserver autoStart="true"/>  
    <inMail autoStart="true"/>
    <stat autoStart="true"/>
    
    

Impostazioni di consegna

I parametri di consegna devono essere configurati nella cartella serverConf.xml .
  • Configurazione DNS: specificare il dominio di consegna e gli indirizzi IP (o host) dei server DNS utilizzati per rispondere alle query DNS di tipo MX effettuate dal modulo MTA a <dnsconfig> partire da.
    Il parametro nameServers è essenziale per un'installazione in Windows. Per un'installazione in Linux, deve essere lasciata vuota.
    <dnsConfig localDomain="domain.com" nameServers="192.0.0.1,192.0.0.2"/>
    
    
Gli altri parametri di consegna disponibili in questo file sono presentati in Personalizzazione dei parametri di consegna.
Fate anche riferimento alla recapito e-mail .