Show Menu
ARGOMENTI×

Risoluzione dei problemi di recapito

Si è verificato un problema di recapito? Puoi trovare la soluzione qui.

Errore regola MX

Cosa significa il messaggio di errore "quote rispettate"?
Questo messaggio indica che è stato raggiunto il limite di quota per un MX specifico e che è necessario attendere di poter inviare un'altra e-mail a questo provider.
Adobe Campaign, è disponibile una configurazione relativa al numero di e-mail per ora che possono essere inviate. Questa configurazione deve essere utilizzata con attenzione, in quanto il numero definito nell'istanza riguarda il numero di connessioni effettuate con l'ISP e non il numero di e-mail effettivamente inviate.
Ciò significa che una connessione può utilizzare una regola MX senza inviare correttamente un'e-mail. In questo caso, una configurazione con un IP o un dominio con una reputazione ridotta dovrà provare diverse connessioni prima di inviare un'e-mail. Per ogni tentativo, verrà utilizzato un messaggio all'ora di credito. Di conseguenza, le prestazioni della campagna di marketing subiranno un impatto significativo.
Pertanto, il "rispetto delle quote" non è solo un problema di configurazione, ma può anche essere collegato alla reputazione. È importante analizzare i messaggi di errore nel registro Errori SMTP per dominio SMTP.
Per ulteriori informazioni sulla configurazione MX, consulta questa sezione .

Stesso messaggio di errore per un ISP

Perché ricevo sempre lo stesso messaggio di errore per un particolare ISP?
Se si riceve sempre lo stesso messaggio di errore per un ISP, l'e-mail o l'IP potrebbe essere stato rilevato come difettoso dal provider di servizi Internet. Eseguite le seguenti raccomandazioni:
  • Verificate se ricevete una percentuale elevata di errori collegati a indirizzi e-mail inesistenti (errori utente sconosciuti ).
  • Aggiornare i moduli di iscrizione per rilevare eventuali errori nei nomi di dominio immessi (ad esempio: gmaul.com o yaho.com).
  • Se noti degli errori che indicano che i messaggi sono dichiarati come spam o che i messaggi sono costantemente bloccati, prova ad escludere i destinatari che non hanno aperto o fatto clic in uno dei tuoi messaggi negli ultimi 12 mesi dalla destinazione.
Se il problema persiste, contattate i servizi commerciali o di recapito, Client Care di Adobe Campaign o supporto del Adobe Campaign.

Elenco blocchi e quarantena

  • Qual è la differenza tra un indirizzo e-mail nell'elenco dei blocchi e un indirizzo e-mail in quarantena?
    • Lo stato On block list è il risultato di un ciclo di feedback (quando una persona segnala un messaggio come spam).
    • Lo stato Quarantined è il risultato di un rimbalzo morbido o duro.
    For more on this, see this section .
  • Cosa significano i diversi motivi di errore di quarantena?
    I motivi possibili sono 10: non definito, utente sconosciuto, dominio non valido, indirizzo nell'elenco blocchi, rifiutato, errore ignorato, non raggiungibile, account disabilitato, cassetta postale piena, non connesso.
    Per ulteriori informazioni, consulta Informazioni sulla gestione della quarantena.

Rimozione dall'elenco dei blocchi

  • Uno dei miei destinatari è stato aggiunto all'elenco dei blocchi per errore. Come posso rimuoverli dall'elenco dei blocchi in modo da poter iniziare a inviarli di nuovo?
    • Vai a Administration > Campaign Management > Non deliverables Management > Non deliverables and addresses .
    • Nei dettagli del record corrispondente, impostare il valore del Status campo su Valid .
    • Salvare il record.
  • Come posso sapere se uno dei miei IP si trova in un elenco di blocchi? Come posso rimuovere i miei IP da un elenco di blocchi?
    Per verificare se l'indirizzo IP si trova in un elenco di blocchi, è possibile utilizzare vari siti Web per verificarlo, ad esempio:
    In genere, il risultato della verifica dell'indirizzo IP restituirà un elenco contenente i dettagli dell'elenco dei blocchi e il nome del sito Web che ha bloccato l'indirizzo IP.
    Facendo clic sul collegamento corrispondente, potete accedere ai dettagli del sito Web. Quindi, potete richiedere che il sito Web venga eliminato dal sito Web che ha aggiunto l'indirizzo IP al relativo elenco di blocchi.
    Il processo di eliminazione può variare a seconda del sito Web. Alcuni siti richiedono la creazione di un account, mentre altri richiedono solo l’indirizzo IP.

Best practice

Di seguito sono riportate alcune best practice che possono aiutare a identificare e risolvere i problemi di recapito.

Identificare un problema di recapito

I seguenti elementi possono attirare la vostra attenzione:
  • Metriche di posta elettronica o campagna: annulla sottoscrizione, denuncia e/o tassi di rimbalzo sono più alti del solito.
  • Attività utente iscritto: aperture, clic e/o transazioni sono inferiori al normale.
  • Gli account di sementi mostrano gli invii filtrati o non consegnati.

Ipotefice potenziali cause

Fai le seguenti domande per identificare le possibili cause del problema di recapito:
  • Si è verificato un recente cambiamento nella segmentazione degli elenchi?
  • Sono state acquisite nuove origini dati?
  • Ho inviato accidentalmente un file di quarantena?
  • Il problema potrebbe essere dovuto al contenuto del mio messaggio?
  • Invio spesso di posta abbastanza per mantenere gli IP caldi?
  • Sto segmentando i miei messaggi per attività/coinvolgimento, o sto inviando file completi?
  • Qual è il segmento "sicuro" del mio file in termini di aggiornamento?
  • Esistono strategie di riattivazione e riconferma per segmenti non definiti sicuri?

Risolvere il problema

Reclami
I reclami sono definiti dagli abbonati che segnalano l'e-mail come spam premendo il pulsante corrispondente dalla loro inbox.
Se il problema di consegna è stato causato da reclami:
  • È necessario cercare di determinare il motivo per cui i destinatari si lamentano.
  • Potreste anche decidere di spostare il collegamento per l’annullamento della sottoscrizione nella parte superiore dell’e-mail. Questo incoraggerà gli abbonati a cancellare l'iscrizione invece di lamentarsi con il pulsante dello spam.
I mittenti possono ricavare una serie di informazioni dai loro reclami relativi al ciclo di feedback :
  • È importante evitare i dati e cercare i pattern in cose come l'origine di consenso, per quanto tempo l'indirizzo è stato sottoscritto, o anche alcune caratteristiche demografiche comportamentali.
  • I reclami possono spesso identificare un'origine dati o un segmento rischiosi all'interno del file. Rischioso è definito come la maggior parte delle probabilità di lamentarsi, che può danneggiare la reputazione, e, a sua volta, le tariffe inbox.
I reclami provengono anche dagli abbonati che semplicemente non desiderano più ricevere e-mail:
  • Ciò può essere dovuto spesso a messaggi in eccesso, alla percezione da parte degli abbonati del messaggio, al fatto che non si aspettavano il messaggio o che non si ricorderebbero di aver acconsentito al consenso.
  • È inoltre importante eseguire un audit per garantire che tutti i punti di raccolta siano chiari e che nei punti di acquisizione non siano presenti caselle di controllo preselezionate.
  • È inoltre necessario inviare un messaggio e-mail di benvenuto quando gli abbonati scelgono di impostare il tono e spiegare la frequenza con cui possono ricevere e-mail dall'utente.
Validità dei dati
I rimbalzi forti si verificano quando si invia a un indirizzo non consegnabile presso un ISP. Un indirizzo può non essere recapitato per diversi motivi, ad esempio:
  • Indirizzo con errore ortografico. Questo problema può essere risolto con un servizio di convalida dei dati in tempo reale, o richiedendo una scelta confermata prima di inviare e-mail di marketing a tale indirizzo.
  • Elenco o origine dati non valida. Se proviene da una nuova origine, controlla in che modo gli indirizzi sono stati raccolti e verifica che sia presente l'autorizzazione.
  • Invio a un indirizzo che era in una volta attivo, ma che è stato chiuso o terminato dopo un periodo di inattività.
Coinvolgimento
Oltre ai reclami e alla validità dei dati, gli ISP si stanno concentrando più che mai sull'impegno ​positivo per prendere decisioni sulla consegna. Stanno cercando di vedere se i vostri abbonati stanno aprendo le vostre e-mail, o se le stanno cancellando senza leggerle. Poiché non condividono questi dati con i mittenti, dobbiamo utilizzare le informazioni disponibili e tradurre aperture/clic/transazioni come coinvolgimento.
Come parte della manutenzione continua della reputazione, è importante comprendere in che modo gli abbonati coinvolti si trovano nell'elenco e sviluppare una gerarchia dei rischi di recency per gli abbonati su ciascun file. Recency è definita come ultima data di apertura/clic/transazione o registrazione. Questo intervallo di tempo può essere diverso per verticale. Per eseguire questa operazione:
  1. Determinare segmenti attivi ("sicuri") per ogni verticale. Si tratta in genere di abbonati che sono stati attivi negli ultimi 3-6 mesi.
  2. Ridurre la frequenza agli inattivi.
  3. Crea una serie di ri-coinvolgimento per ridurre i rischi. Di solito, questi sono 6-9 mesi senza impegno.
  4. Sviluppare una campagna di riconferma per inattivi a rischio più elevato. Generalmente si tratta di utenti che non hanno mai partecipato a un’e-mail per 9-12 mesi.
  5. Infine, impostate una regola di rilascio e rimuovete gli utenti che non hanno aperto le e-mail nei 'x' mesi. In genere consigliamo 12 mesi, ma questo può variare in base al ciclo di vendita e di acquisto.