Show Menu
ARGOMENTI×

Modifica avanzata delle espressioni

Informazioni sulla modifica avanzata delle espressioni

La modifica di un'espressione implica l'immissione manuale delle condizioni per formare una regola.
Questa modalità consente di utilizzare funzioni avanzate. Queste funzioni consentono di manipolare i valori utilizzati per eseguire query specifiche, come la manipolazione di date, stringhe, campi numerici, l'ordinamento e così via.
È inoltre possibile utilizzare le variabili di eventi quando si modifica un'espressione. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Personalizzazione delle attività con variabili di eventi.
È possibile modificare le espressioni per:
  • Definire una query tramite l' Advanced mode opzione disponibile quando viene aggiunta una regola.
  • Modificare un'espressione in un flusso di lavoro. Ad esempio, per aggiungere dati aggiuntivi a un'attività.
  • Modificate una condizione di visibilità per definire la modalità di visualizzazione di un blocco nell'editor di contenuti HTML. In questo caso, l'espressione viene modificata in formato JavaScript e non offre l'uso di funzioni avanzate come standard.

Modificare un'espressione

L'edizione con espressione avanzata consente di definire manualmente un'espressione che corrisponde specificatamente alle esigenze dell'utente.
Le espressioni di modifica possono essere utilizzate nella finestra Pubblico durante la creazione di un'e-mail o in un'attività Query durante la creazione di un flusso di lavoro.
  1. Per accedere alla finestra di modifica delle espressioni, utilizzare uno dei metodi descritti nella sezione Informazioni sulla modifica delle espressioni avanzate. Comprende i seguenti elementi:
    • Campo di input in cui è definita l'espressione.
    • Elenco di campi disponibili che possono essere utilizzati nell'espressione e che corrispondono alla dimensione di targeting della query (consultate Dimensioni e risorse di targeting).
    • Elenco delle funzioni disponibili, ordinate per categoria.
  2. Modificare l'espressione immettendo un'espressione direttamente nel campo corrispondente o utilizzando gli elenchi di campi e funzioni disponibili.
    Facendo doppio clic su un campo o un'espressione, questo viene aggiunto all'espressione in cui è posizionato il cursore.
    È possibile utilizzare le variabili degli eventi dei flussi di lavoro per creare un'espressione. Per ulteriori informazioni, vedere la sezione Personalizzazione delle attività con variabili di eventi.
  3. Se necessario, assegnare alla regola un nome specifico. Il nome immesso verrà visualizzato come nome della regola nell'area di lavoro dell'editor di query.
La modifica di un'espressione consente di personalizzare l'espressione Audiences in modo da indirizzare la popolazione come necessario.
Argomenti correlati:

Sintassi delle espressioni

Sintassi standard

Le espressioni standard sono composte da una o più condizioni che rispettano i seguenti elementi di sintassi:
  • Ogni condizione assume la forma di <valore1> <operatore di confronto> <valore2> con cui:
    • <value1> è un campo o una funzione. Ad esempio, @created per la data di creazione di un profilo oppure Year(@created) per l'anno in cui è stato creato un profilo.
    • <operatore di confronto> è uno degli operatori elencati nella sezione Operatori di confronto. Questo operatore definisce il metodo di confronto tra <value1> e <value2> .
    • <value2> è un campo, una funzione o un valore immesso manualmente.
    I dati del tipo <value1> e <value2> devono essere identici. Ad esempio, se <value1> è una data, anche <value2> deve essere una data.
  • Se si desidera utilizzare diverse condizioni, è possibile combinarle utilizzando operatori logici.
    • AND : due condizioni sono intersecate.
    • OR : due condizioni sono combinate.
Ad esempio:
Year(@created) = Year(GetDate()) AND Month(@created) = Month(GetDate())

In questo esempio, vengono impostati come destinazione i profili la cui data di creazione è compresa tra il mese e l'anno correnti.

Sintassi JavaScript

Quando si definiscono le condizioni di visibilità di un blocco di testo dell'editor di contenuti HTML, è necessario utilizzare un'espressione con sintassi di tipo JavaScript.
Le espressioni JavaScript sono composte da una o più condizioni e utilizzano i seguenti elementi di sintassi:
  • Ogni condizione assume la forma di <context> <operatore di confronto> <value2> con cui:
    • <context> è un campo o una funzione che consente di specificare il contesto. Ad esempio context.profile.@email per l'indirizzo e-mail di un profilo o per context.profile.firstName.length() per il numero di caratteri del nome di un profilo.
    • <operatore di confronto> è uno degli operatori elencati nella sezione Operatori di confronto. Questo operatore definisce il metodo di confronto tra <context> e <value2> .
    • <value2> è un campo, una funzione o un valore immesso manualmente.
    I dati del tipo <context> e <value2> devono essere identici. Ad esempio, se <context> è una data, anche <value2> deve essere una data.
  • Se si desidera utilizzare diverse condizioni, è possibile combinarle utilizzando operatori logici.
    • && : due condizioni sono intersecate.
    • || : due condizioni sono combinate.
Ad esempio:
context.profile.age > 21 && context.profile.firstName.length() > 0

In questo esempio, profili di età superiore a 21 anni il cui nome è stato fornito (simbolizzato dal fatto che il campo firstName contiene almeno un carattere).

Operatori di confronto

Per alcune regole, l'editor di query consente di scegliere un valore per definire la condizione.
Le condizioni devono essere collegate ai valori utilizzando uno dei seguenti operatori.
Operatore Sintassi standard Sintassi JavaScript Descrizione Esempio
Uguale a = == Il primo valore deve essere completamente identico al secondo valore. @lastName = Martin recupera i profili il cui cognome è 'Martin', con solo questi caratteri identici.
Maggiore di > > Il primo valore deve essere categoricamente maggiore del secondo. @age > 50 recupera i profili più vecchi di '50', quindi '51', '52', ecc.
Minore di < < Il primo valore deve essere categoricamente minore del secondo. @created < DaysAgo(100) recupera tutti i profili creati nel database meno di 100 giorni fa.
Maggiore o uguale a >= >= Il primo valore deve essere maggiore o uguale al secondo valore. @age >= 30 recupera i profili di oltre 30 anni.
Minore o uguale a <= <= Il primo valore deve essere minore o uguale al secondo valore. @age <= 60 recupera i profili di età non superiore a 60 anni.
Diverso != != Il primo valore deve essere diverso dal secondo. @language != L'inglese recupera i profili che non sono stati definiti come anglofoni.
Contiene IN N/D Il primo valore deve contenere il secondo valore. @domain IN mail . In questo caso, tutti i nomi di dominio con il valore 'mail' vengono restituiti nel risultato. Di conseguenza, il nome di dominio 'gmail.com' farà parte dei risultati restituiti.
Simile SIMILE N/D Analogamente è molto simile all'operatore Contiene . Consente di inserire un carattere jolly % nel valore ricercato. @lastName SIMILE a Mart%n . In questo caso, il carattere di sostituzione % serve come "scherzetto" per trovare il nome "Martin" nel caso ipotetico che l'ortografia non sia corretta.
Non piace NOT N/D È simile a Like . Consente di non recuperare il valore immesso. Anche in questo caso, il valore immesso deve contenere il carattere jolly % . @lastName NON Smi%h . Qui i destinatari corrispondono al nome 'Smi%h' (quindi Smith, ecc.) non vengono restituiti come risultato.
È vuoto IS NULL N/D Il primo valore deve corrispondere a un valore vuoto. @mobilePhone IS NULL recupera tutti i profili il cui numero di telefono cellulare non è stato fornito.