Show Menu
ARGOMENTI×

Informazioni su file di dati e origini dati per Attributi del cliente

Requisiti dei file di dati e diverse origini dati per caricare Attributi del cliente su Experience Cloud.
Avrai bisogno di accedere ai dati di gestione delle relazioni con i clienti o a dati simili della tua azienda. I dati da caricare in Experience Cloud devono essere un file .csv . Se effettui il caricamento mediante FTP o sFTP, puoi caricare anche un file .fin .
La funzione Attributi del cliente è progettata per gestire alcuni file al giorno. Per limitare il problema di avere numero elevato di file di piccole dimensioni a ritardare l'elaborazione, i file inviati nei 30 minuti di una batch precedente della stessa organizzazione vengono indirizzati a una coda di priorità inferiore.

Tipi di file consentiti e requisiti per la denominazione

Tipo di file Descrizione
.csv
Un file di valori separati da virgole (ad esempio un file creato in Excel). Questo è il file che contiene i dati degli attributi del cliente.
Requisiti di denominazione: verifica che le estensioni dei nomi dei file non contengano spazi.
.fin
(Necessario) Il file .fin informa il sistema che il caricamento dei dati è terminato. Il nome del file .fin deve corrispondere al nome del file .csv .
Adobe consiglia di creare un file di testo vuoto con estensione .fin . Un file vuoto consente di risparmiare spazio e tempi per il caricamento.
Nota: non puoi rinominare un file .fin dopo averlo caricato. Devi caricare il file .fin separatamente e non può essere un file caricato precedentemente e rinominato.
Dopo aver caricato il file .fin nell'FTP degli Attributi del cliente, il sistema restituisce velocemente i dati (entro un minuto). In questo si distingue da altri sistemi Adobe basati su FTP, che raccolgono i dati meno frequentemente (una volta all'ora circa).
Il file .fin non è necessario quando si utilizza il metodo di caricamento di trascinamento della selezione.
.gz o .zip
.gz (gzip) o .zip - per file compressi. Un file .zip non può contenere più di un file nell'archivio.
Requisiti per la denominazione: il nome del file .zip o .gz deve corrispondere al nome del file .csv . Ad esempio, se il nome del file .csv è crm_small.csv , il file .zip deve essere denominato crm_small.csv.zip .
Il file .fin deve corrispondere al file .csv.

Requisiti per i file di dati degli attributi

Esempio di CSV
Il file CSV deve rispettare il seguente formato:
Lo stesso file visualizzato in un editor di testo:
Linee guida
Elemento Descrizione
Trascinamento della selezione
Il file da trascinare deve essere inferiore a 100 MB.
Il file .fin non è necessario quando si utilizza il metodo di caricamento di trascinamento della selezione.
Colonna ID cliente
La prima colonna deve essere un ID cliente univoco. L'ID usato deve corrispondere all'ID che viene passato al servizio Experience Cloud ID.
Per Analytics, l'ID archiviato in una prop o eVar.
Per Target, il valore setCustomerID. (Consulta Analytics e Adobe Target: sincronizzazione dell'ID cliente )
Questo ID cliente è l'unico identificatore che il sistema di gestione delle relazioni con i clienti utilizza per ogni persona nel database. Le colonne rimanenti sono attributi provenienti dai dati di gestione delle relazioni con i clienti. Puoi scegliere quanti attributi caricare.
Per le intestazioni delle colonne sono consigliati nomi descrittivi e leggibili, ma non sono obbligatori. Quando convalidi lo schema dopo il caricamento, puoi mappare i nomi descrittivi alle righe e alle colonne caricate.
Informazioni sugli ID cliente
In genere, un'azienda utilizza un ID cliente proveniente da un sistema di gestione delle relazioni con i clienti. Tale ID viene impostato usando la chiamata setCustomerIDs quando una persona effettua l'accesso. Questo ID viene anche usato come chiave nel file CRM che viene caricato in Experience Cloud. Un ID alias è un nome semplificato per i dati archiviati in Audience Manager, dove vengono archiviati i dati alias. Il sistema invia alias a questo archivio di dati (tramite setCustomerIDs). Il file di gestione delle relazioni con i clienti viene applicato ai dati in tale archivio di dati.
Per informazioni su setCustomerIDs consulta ID cliente e stati di autenticazione .
Intestazioni e colonne successive
Le intestazioni successive devono rappresentare il nome di ciascun attributo.
Queste colonne devono contenere gli Attributi del cliente provenienti dal CRM.
Limiti degli attributi
In Experience Cloud, nel servizio attributo cliente puoi caricare centinaia di colonne .csv . Tuttavia, quando configuri le sottoscrizioni e selezioni gli attributi, si applicano i seguenti limiti a seconda delle soluzioni che possiedi:
  • Analytics Standard : 3 totali
  • Analytics Premium : 200 per suite di rapporti
  • Adobe Target Standard: 5
  • Adobe Target Premium: 200
Limiti delle righe
Non esiste alcun limite noto al numero di righe.
Limiti delle colonne
Per praticità, limita il numero di colonne a circa 200.
Limiti dei caratteri
Quando crei una sottoscrizione Analytics, le lunghezze dei campi per i file caricati vengono troncate a 255.
Linee guida FTP e limiti di dimensione
  • La dimensione massima del file per l'FTP è 4 GB per ciascun caricamento.
  • La dimensione minima del file è di 10 MB per ogni caricamento.
  • puoi caricare un file ogni mezz'ora.
  • Devi rilasciare il file .csv (e .fin ) nella cartella root del sito FTP.
Importante: lo spazio totale consentito per l'account FTP è 40 GB. È tua responsabilità eliminare i file elaborati.
Requisiti dei file
Ciascuna sorgente attributo deve contenere lo stesso numero di campi separati da virgola.
I campi contenenti un'interruzione di riga, virgolette o virgole devono essere tra virgolette.
Le virgolette doppie in un campo devono essere precedute da una barra inversa (\).
Le colonne vuote vengono archiviate come nulle .
File multipli
Durante il caricamento dei dati dell'attributo del cliente, se devi caricare diversi file in rapida successione, in particolare se sono di grandi dimensioni, accertati che il file precedente sia stato elaborato prima di caricare il file successivo. Puoi monitorare questo passaggio controllando quando il file precedente è stato spostato nella cartella elaborati o non riusciti all'interno del tuo account FTP di Attributi del cliente.
La suddivisione di un file di grandi dimensioni in file più piccoli inviandoli in rapida successione potrebbe rallentare l'elaborazione, se non ti assicuri che ogni file sia elaborato completamente prima di inviare quello successivo.
Codifica caratteri
Per il Giappone, è obbligatoria la codifica UTF-8.
Dati storici
Gli attributi del cliente sono legati al profilo del visitatore sottostante in Analytics. Pertanto sono associati al visitatore per l'intera durata del profilo del visitatore in Analytics. Ciò include il comportamento precedente al primo accesso del cliente.
Se utilizzi il metodo di recupero dei data warehouse, i dati vengono legati a un post_visid_high/low basato sull'ID di Analytics (AID). Se utilizzi il servizio Experience Cloud ID, i dati sono legati a un post_visid_high/low basato sull'Experience Cloud ID (MID).
Feed di dati
Gli attributi del cliente non sono disponibili nei feed di dati.

Utilizzo di più origini dati

Quando crei, modifichi o elimini sorgenti di attributi del cliente, si verifica un ritardo di circa un'ora prima della effettiva sincronizzazione degli ID con la nuova sorgente dati.
L'ID alias per ogni origine di attributi del cliente deve essere univoco. Se hai più sorgenti di dati che sfruttano lo stesso ID, devi impostarle come segue:
In VisitorAPI.js o nello strumento Experience Cloud ID in Dynamic Tag Management:
Imposta due ID cliente corrispondenti alle origini dati appropriate:
Visitor.setCustomerIDs({ 
     "ds_id1”:"123456", 
     "ds_id2":"123456" 
});

(Consulta ID cliente e stati di autenticazione per ulteriori informazioni.)
In Experience Cloud > Persone > Attributi del cliente :
Crea due origini di attributi del cliente utilizzando ID alias unici corrispondenti agli ID cliente citati in precedenza. Questo metodo consente di inviare lo stesso ID di riferimento a più origini di attributi del cliente.