Show Menu
ARGOMENTI×

Modalità di elaborazione log.cfg

Il file di configurazione Log Processing Mode.cfg consente di mettere in pausa l'elaborazione dei dati in un dataset, specificare le origini offline o specificare la frequenza con cui il server workbench dati salva i propri file di stato.
Le modifiche apportate al Log Processing Mode.cfg file, inclusa l'aggiunta o la rimozione di origini, non causano la rielaborazione dei dati.
Per modificare il file Log Processing Mode.cfg per un profilo dataset
  1. Quando lavori nel profilo del set di dati, apri il set di dati Profile Manager e fai clic Dataset per visualizzarne il contenuto.
    Se il Log Processing Mode.cfg file non si trova nella directory per il profilo desiderato, è necessario copiare il file dalla directory Base sul computer server workbench dati nella directory del profilo.
    Per informazioni sull'apertura e l'utilizzo di Profile Manager, Workbench dati, vedere la Guida utente.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta accanto al nome del file di configurazione e quindi scegliere Make Local . Un segno di spunta per questo file viene visualizzato nella User colonna.
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta appena creato e scegliere Open > from the workbench . Viene visualizzata la finestra di configurazione.
  4. Modificate i parametri nel file di configurazione utilizzando la seguente tabella come guida.
    Alcuni parametri del Log Processing Mode.cfg file hanno nomi che includono Fast Input o Fast Merge. Fast Inputsi riferisce alla fase di elaborazione del log della costruzione dell'insieme di dati ed è responsabile di circa la metà del tempo totale di elaborazione dell'insieme di dati. Fast Merge si riferisce alla fase di trasformazione della costruzione dell'insieme di dati solo se preceduta dall'elaborazione del registro. Fast Merge non si verifica durante la riconversione che risulta dalla modifica di un Transformation Dataset Configuration file. Analogamente Fast Input, Fast Merge è responsabile di circa la metà del tempo di elaborazione del dataset.
    Parametro Descrizione
    Byte cloud
    Un parametro di ottimizzazione che influisce sull'efficienza della trasformazione dei dati. Il valore predefinito è 128000000.
    Nota: Non devi modificare questo valore senza consultare Adobe.
    Rapporto di ingresso rapido
    Un parametro di ottimizzazione che specifica il rapporto tra byte di log totali e non letti in cui il sistema passa alla modalità Fast Input (e successivamente Fast Merge ) anziché elaborare i dati in tempo reale.
    Il valore predefinito è 200, ovvero il sistema passa alla modalità Fast Input dalla modalità in tempo reale quando i dati di registro non letti sono a 1/200 del totale dei dati. Un rapporto di decisione più elevato rende il sistema entrare in modalità Fast Input più facilmente, mentre un rapporto inferiore rende meno probabile entrare in modalità Fast Input .
    Nota: Impostando il parametro su 0 si evita che il sistema entri in modalità Fast Input , anche per l'elaborazione iniziale. Impostando il parametro su 1.1, il sistema può immettere Fast Input durante l'elaborazione iniziale, ma non per l'elaborazione successiva. Adobe non consiglia di utilizzare valori compresi tra 0 e 1.1. Per ulteriori informazioni sull'impostazione di questo parametro, contattate Adobe.
    Byte FIFO di input rapido
    Parametro di ottimizzazione che bilancia l'utilizzo della memoria e le prestazioni del sistema durante l'elaborazione dei dati. Il valore predefinito è 120000000.
    Nota: Non devi modificare questo valore senza consultare Adobe.
    Byte buffer unione veloce
    Parametro di ottimizzazione che bilancia l'utilizzo della memoria e le prestazioni del sistema durante l'elaborazione dei dati. Il valore predefinito è 128000000.
    Nota: Non devi modificare questo valore senza consultare Adobe.
    Origini offline
    Maschera dell'origine del registro offline.
    Per specificare un'origine offline
    • Fai clic con il pulsante destro del mouse su Origini offline, quindi fai clic su Aggiungi nuovo > Origine .
    • Nel parametro per la nuova origine, immettete la maschera della sequenza di registro. Per le sorgenti di registro Sensor con nomi di file nel formato YYYYMMDD- SENSORID .vsl, la maschera è SENSORID.SENSORID con distinzione tra maiuscole e minuscole. Per le origini di registro dei file di registro, la maschera è la stringa estratta dal pattern di maschera. See Log Files .
    L'aggiunta o la rimozione di origini da origini offline non causa la rielaborazione del set di dati.
    Come misura del tempo vengono mantenute per l'elaborazione delle fonti online del profilo. Quando l'origine offline è nuovamente online, l'elaborazione dei file di registro in entrata per tale origine riprende.
    Ogni volta che una fonte torna online, devi rimuoverla da Origini offline. In caso contrario, il server workbench dati tratta l'origine come un'origine online e aggiorna il periodo di tempo impostato per l'invio dei dati. Se l'origine torna offline, le misure Come ora si fermano.
    In pausa True o false. Se true, i nuovi dati non vengono elaborati nel dataset. Il valore predefinito è false.
    Ritardo in tempo reale Il tempo in secondi che il server workbench dati attende tra gli intervalli di elaborazione dei dati nel dataset. Quando questo valore è impostato su zero, il sistema tenta di tenere il passo con i dati in entrata in tempo reale. Il valore predefinito è zero (0), ma potete aumentare questo valore per ridurre il carico della CPU.
    Byte FIFO in tempo reale
    La quantità di memoria in byte utilizzata per memorizzare i dati in attesa di essere elaborati nel dataset. Potrebbe essere necessario modificare questo valore in base al numero di secondi specificato per Ritardo in tempo reale. Il valore predefinito è 16000000.
    Nota: Non devi modificare questo valore senza consultare Adobe.
    Intervallo di salvataggio (sec)
    Frequenza con cui il server workbench dati salva i propri file di stato. Il valore predefinito è 3600.
    Nota: Non devi modificare questo valore senza consultare Adobe.
    Quando si modifica il Log Processing Mode.cfg file all'interno di una finestra del workbench dati, è possibile utilizzare i tasti di scelta rapida per le funzioni di modifica di base, quali Taglia (Ctrl+x ), Copia (Ctrl+c), Incolla (Ctrl+v), Annulla (Ctrl+z ), Ripristina (Ctrl+Maiusc+Z ), Seleziona la sezione (Clic+trascinamento) e seleziona tutto (Ctrl+a ). Inoltre, potete utilizzare i collegamenti per copiare e incollare il testo da un file di configurazione ( .cfg) a un altro.
  5. Fare clic con il pulsante destro del mouse (modified) nella parte superiore della finestra e fare clic su Save .
  6. Fare Profile Managerclic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta del file nella User colonna, quindi scegliere Save to > datasetprofile name .
    Non salvate il file di configurazione modificato in alcun profilo interno fornito da Adobe, in quanto le modifiche vengono sovrascritte quando installate gli aggiornamenti per tali profili.