Show Menu
ARGOMENTI×

Token

La trasformazione Tokenize applica iterativamente un'espressione regolare contro la stringa di input.
Tuttavia, a differenza RETransform, Tokenize non deve necessariamente corrispondere all'intera stringa: l'espressione regolare utilizzata per la Tokenize trasformazione può corrispondere a un sottoinsieme dell'input. Dopo aver trovato una corrispondenza, Tokenize applica di nuovo l'espressione regolare, a partire dal carattere dopo la fine dell'ultima corrispondenza.
Parametro
Descrizione
impostazione predefinita
Nome
Nome descrittivo della trasformazione. Potete inserire un nome qualsiasi qui.
Distinzione tra maiuscole e minuscole
True o false. Specifica se la corrispondenza fa distinzione tra maiuscole e minuscole.
Commenti
Facoltativo. Note sulla trasformazione.
Condizione
Condizioni in cui viene applicata la trasformazione.
impostazione predefinita
Il valore predefinito da utilizzare se la condizione è soddisfatta e il valore di input non è disponibile oppure se l'espressione regolare non corrisponde al valore di input.
Espressione
L'espressione regolare utilizzata per la corrispondenza.
Uscite
Nomi delle stringhe di output. È possibile disporre di più output per una determinata stringa di input. Il numero di output deve corrispondere al numero di sottopattern di cattura nell'espressione regolare.
Nell'esempio seguente, la Tokenize trasformazione utilizza un'espressione regolare per acquisire i nomi delle stringhe di query (nella query cs-uri) e restituire il pattern secondario acquisito (il nome della query) a x-pull-query-name.
Per la stringa di query "a=b&c=d", l’output sarà un vettore contenente "a" e "c".
Per informazioni sulle espressioni regolari, consultate Espressioni regolari .