Show Menu
ARGOMENTI×

Il file Transform.cfg

Il file workbenchTransform.cfg di dati contiene i parametri che definiscono le origini di registro, le trasformazioni dei dati e gli esportatori.
Le trasformazioni definite dall'utente manipolano i dati non elaborati raccolti dai sensori ( .vsl file) o contenuti in file di testo, file XML o database conformi a ODBC e li inviano ai campi esistenti, sovrascrivendo i dati correnti o in campi di nuova definizione.
Per configurare la funzionalità di trasformazione, è possibile modificare il file del workbench dati all'interno della Transform.cfg cartella Dataset per il profilo per il quale si desidera esportare i dati dell'evento. In genere, questo profilo è dedicato alla funzionalità di trasformazione (ovvero, l'elaborazione dati non viene eseguita altro che quanto definito nel Transform.cfg file workbench dati). È importante notare che tutte le istruzioni di elaborazione specificate nei Log Processing Dataset Include file per eventuali profili ereditati vengono applicate in aggiunta a quelle specificate nel file workbench dati Transform.cfg .
Per informazioni sui set di dati che includono file, vedere Set di dati Includi file .
Se i dati che si desidera esportare vengono elaborati da un cluster di server workbench dati, ogni server di elaborazione (DPU) del cluster elabora i dati, ma solo il primo DPU (server di elaborazione n. 0 nel profile.cfg file) scriverà i dati di output nel proprio file system locale.
Per modificare il file Transform.cfg del workbench dati
  1. Durante l'utilizzo del profilo per il quale si desidera esportare i dati, aprire il profilo Profile Manager e fare clic Dataset per visualizzare il contenuto della directory.
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta accanto al workbench dati Transform.cfg, quindi fare clic su Make Local . Un segno di spunta per questo file viene visualizzato nella User colonna.
  3. Fare clic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta appena creato e scegliere Open > from the workbench . Viene visualizzata la finestra del workbench dati Transform.cfg .
  4. Modificate i parametri nel file di configurazione utilizzando la tabella seguente come guida:
Parametro Descrizione
Ora di fine
Facoltativo. Filtrare i dati per includere voci di registro con marche temporali fino a, ma non incluse, questa volta. Adobe consiglia di utilizzare per il momento uno dei seguenti formati:
  • 1 gennaio 2013HH:MM:SS EDT
  • 1 gen 2013 HH:MM:SS GMT
Ad esempio, se specificate il 29 luglio 2013 00:00:00 EDT come Ora di fine includete i dati fino al 28 luglio 2013, alle 11:59:59 PM EDT.
È necessario specificare un fuso orario. Il fuso orario predefinito non è GMT se non specificato. Per un elenco delle abbreviazioni del fuso orario supportate dal server workbench dati, vedere Codici del fuso orario .
Il parametro Use Start/End Times per Sensor e le origini file di registro è correlato a questo parametro.
Esportatori
I sottocampi di un esportatore specificano la modalità di elaborazione e/o formattazione dei dati di output. Potete definire più esportatori per un set di origini di registro. Ogni tipo di esportatore crea output in modo indipendente.
Esistono tre tipi di esportatori:
  • ExportTextFile
  • ExportDelimitedTextFile
  • ExportVSLFile
Per ulteriori informazioni sui tipi di esportatori, consultate Definizione degli esportatori .
Soglia hash Facoltativo. Fattore di campionamento per il sottocampionamento casuale delle righe. Se è impostato su un numero n, per l’esportazione viene selezionato solo un ID di tracciamento n, riducendo il numero totale di righe esportate di un fattore n. Per esportare tutte le righe, impostate Soglia hash su 1.
Condizione voce di registro Facoltativo. Definisce le regole in base alle quali le voci di registro vengono considerate per l’esportazione. Per ulteriori informazioni sulla condizione di voce di registro , vedere File di configurazione di elaborazione del registro .
Origini log
Le origini dei dati. Le origini di registro possono essere .vsl file, file di registro o file XML o dati provenienti da database conformi a ODBC. Per informazioni sulle origini di registro , vedere File di configurazione dell'elaborazione del registro .
Transform prevede che tutti i dati di origine siano in ordine cronologico all'interno di file di input ordinati lessicograficamente. Se questo requisito non è soddisfatto, Poiché i calcoli sono errati, e i dati di input aggiuntivi possono essere elaborati dopo la chiusura dei file di output.
Modalità offline
Facoltativo. True o false. Se true, Transform presuppone che tutti i file di input siano presenti quando inizia l'elaborazione dei dati. Quando tutti i dati di input sono stati letti, Transform chiude tutti i file di output senza attendere la ricezione di dati aggiuntivi. Il valore predefinito è false.
Nota: Se la modalità offline è impostata su true, Transform prevede la presenza di tutti i dati di origine prima dell'avvio dell'elaborazione. Un messaggio di avviso viene generato nel file VisualServer.log se vengono ricevuti dati aggiuntivi dopo la chiusura dei file di output.
Rielabora
Facoltativo. È possibile inserire qui qualsiasi carattere o combinazione di caratteri. La modifica di questo parametro e il salvataggio del file nel computer Transform avvia la rielaborazione dei dati.
Per informazioni sulla rielaborazione dei dati, vedere Rielaborazione e Trasformazione.
Stadi
Facoltativo. I nomi delle fasi di elaborazione che possono essere utilizzate nel set di dati Elaborazione log includono i file che vengono eseguiti oltre al file workbench di dati Transform.cfg . Le fasi di elaborazione consentono di ordinare le trasformazioni definite in Log Processing Dataset Include i file. Questo parametro è molto utile se avete definito una o più trasformazioni all'interno di più file Log Processing Dataset Include e desiderate che le trasformazioni specifiche vengano eseguite in punti specifici durante il processo di esportazione.
L'ordine in cui si elencano le fasi qui determina l'ordine in cui le trasformazioni nei file Log Processing Dataset Include vengono eseguite durante l'esportazione dei dati. La preelaborazione e il posttrattamento sono fasi integrate; La preelaborazione è sempre la prima fase, mentre la postelaborazione è sempre l'ultima fase. Per impostazione predefinita, è presente uno stage denominato Default .
Per aggiungere una nuova fase di elaborazione
  • Nella finestra workbench dati Transform.cfg , fare clic con il pulsante destro del mouse su Stages , quindi scegliere Aggiungi nuovo > Stage .
  • Immettete un nome per il nuovo passaggio.
Per eliminare una fase di elaborazione esistente
  • Fare clic con il pulsante destro del mouse sul numero corrispondente all'area di visualizzazione da eliminare e scegliere Rimuovi < #stage_number > .
Nota: Quando si specifica uno stage in un file Log Processing Dataset Include, il nome dell'area di visualizzazione deve corrispondere esattamente al nome immesso qui. Per ulteriori informazioni sui dataset includono i file, vedere Dataset Include i file .
Ora di inizio
Facoltativo. Filtrare i dati per includere voci di registro con marche temporali all’ora o dopo. Adobe consiglia di utilizzare per il momento uno dei seguenti formati:
  • 1 gennaio 2013 HH:MM:SS EDT
  • 1 gen 2013 HH:MM:SS GMT
Ad esempio, se specificate il 29 luglio 2013 00:00:00 EDT come Ora di inizio, i dati iniziano il 29 luglio 2013, alle 01:00:00 EDT delle ore 12.
È necessario specificare un fuso orario. Il fuso orario predefinito non è GMT se non specificato. Per un elenco delle abbreviazioni del fuso orario supportate dal server workbench dati, vedere Codici del fuso orario .
Nota: Il parametro Use Start/End Times per Sensor e le origini file di registro è correlato a questo parametro.
Trasformazioni
Facoltativo. Definisce le trasformazioni da applicare ai dati. Per informazioni sui tipi di trasformazione disponibili, vedere Trasformazioni dati .
Nota: I seguenti tipi di trasformazione non funzionano se definiti nel file workbench dati Transform.cfg :
  • AppendURI
  • CrossRows
  • ODBCLookup
  • Sessionizza
Se vengono ricevuti dati aggiuntivi dopo la chiusura dei file di output (vedere Log Sources e Offline Mode nella tabella precedente), Transform crea nuovi file di output con i dati aggiuntivi. I nomi dei nuovi file di output vengono generati dal nome del file di output originale con l'aggiunta di un numero di versione pari a zero subito prima dell'estensione. Ad esempio, se il file di output originale è 20070701-ABC.vsl, le versioni successive di questo file verranno denominate 20070701-ABC(1).vsl, 20070701-ABC(2).vsle così via. Tenere presente che l'utilizzo dei file con le versioni come input per il server workbench dati potrebbe causare errori di elaborazione.
Adobe consiglia di evitare la creazione di file di output con controllo delle versioni verificando che tutti i dati di origine siano in ordine cronologico all'interno di file di input ordinati in modo lessicografico e, se Offline Mode è impostato su true, che tutti i dati di origine siano presenti prima dell'avvio dell'elaborazione. Per ulteriori informazioni, vedere Log Sources e Offline Mode le voci della tabella precedente.
  1. Aggiungete le trasformazioni facendo clic con il pulsante destro del mouse Transformations e scegliendo Add new > Transformation type . Completare i campi di trasformazione.
    Per le descrizioni e gli esempi delle trasformazioni utilizzabili con la funzionalità di trasformazione, consultate Trasformazioni dati .
  2. Fare clic con il pulsante destro del mouse (modified) nella parte superiore della finestra, quindi scegliere Save .
  3. Per rendere attive le modifiche apportate localmente, nella Profile Managercolonna fare clic con il pulsante destro del mouse sul segno di spunta per il workbench dati Transform.cfg nella User colonna, quindi scegliere Save to > profile name , dove il nome del profilo è il nome del profilo per il quale si esportano i dati. La rielaborazione dei dati inizia dopo la sincronizzazione del profilo.
    Per informazioni sulla rielaborazione dei dati per l'esportazione, vedere Rielaborazione e trasformazione .