Show Menu
ARGOMENTI×

Elaborazione dei dati - Creazione della chiave primaria

In questa sezione viene illustrato come creare chiavi primarie (ID tracciamento) per i set di dati Workbench dati per la progettazione e l'implementazione dello schema.

Informazioni sull’ID di tracciamento

Dopo aver letto e decodificato i dati in DWB (utilizzando i decodificatori), il primo passo è definire l'ID tracciamento e la marca temporale. L'ID tracciamento è un identificatore che identifica in modo univoco un record cliente. Può trattarsi di qualsiasi campo del feed, ad esempio ID e-mail, Numero previdenza sociale, ID cookie e così via. Il campo da utilizzare come ID tracciamento viene deciso dal client durante la sessione di individuazione. ID tracciamento e marca temporale sono campi obbligatori e devono essere definiti per ciascun record.
Solitamente, per i dati online, il Cookie ID (combinazione di x-visid_high e* x-visid_low*) viene utilizzato come meccanismo predefinito per l'identificazione cliente univoca, tuttavia, questo può essere modificato in base ai requisiti del Client. La data e l'ora in cui si verifica la richiesta (o l'evento) è la marca x-timestamp . Tutti i record in DWB sono raggruppati per tracciamento e ordinati per marca temporale. Il file Campo richiesto è un file DataSet di elaborazione log che definisce i campi richiesti: Definitions.cfg x-trackingid e x-timestamp .
Nota: *x-trackingid *in DWB è un campo incorporato e questo nome non deve essere utilizzato per nessun altro campo.
Esempio 1 : Creazione di x-trackingid con l'ID del cookie (quando vengono utilizzati solo dati online)
Per creare la *x-trackingid *in DWB utilizzando l'ID del cookie, utilizzate la funzione Hash per creare la x-trackingid nel foundation.cfg file (è consigliabile definire l'ID di tracciamento in foundation.cfg ma può essere definita in qualsiasi altro file di configurazione nella Dataset > log processing cartella) come illustrato:
Esempio 2 : Creazione di dati x-trackingid con ID e-mail (quando sono disponibili sia dati online che offline)
Presupponendo che siano disponibili dati offline e online (per questo esempio), e l'ID e-mail sia disponibile in entrambe le origini dati. Poiché l'ID e-mail identifica in modo univoco un cliente, verrà utilizzato per creare la x-trackingid .
Utilizzate la funzione Hash per creare trackingId come mostrato: