Show Menu
ARGOMENTI×

Guida alla migrazione delle risorse

Durante la migrazione delle risorse in AEM, è necessario tenere in considerazione diversi passaggi. L’estrazione di risorse e metadati dalla propria cartella principale non rientra nell’ambito di applicazione di questo documento, in quanto varia notevolmente a seconda delle implementazioni. In questo documento viene descritto come importare queste risorse in AEM, applicarne i metadati, generare rappresentazioni e attivare o pubblicare le risorse.

Prerequisiti

Prima di eseguire uno dei passaggi descritti di seguito, consulta e implementa le linee guida riportate nei suggerimenti per l’ottimizzazione delle prestazioni di Assets . Molti passaggi, come la configurazione del numero massimo di processi simultanei, migliorano la stabilità e le prestazioni del server sotto carico. È difficile eseguire altri passaggi, ad esempio la configurazione dell'archivio dati del file, dopo che il sistema è stato caricato con le risorse.
I seguenti strumenti di migrazione delle risorse non fanno parte di Adobe Experience Manager. L'Assistenza clienti Adobe non supporta questi strumenti.
  • Tag Maker di ACS AEM Tools
  • Importazione risorse CSV degli strumenti AEM
  • ACS Commons Bulk Workflow Manager
  • ACS Commons Fast Action Manager
  • Flusso di lavoro sintetico
Questo software è open source ed è coperto dalla Licenza Apache v2 . Per porre una domanda o segnalare un problema, visita rispettivamente GitHub Issues for ACS AEM Tools e ACS AEM Commons .

Migrazione ad AEM

La migrazione delle risorse ad AEM richiede diversi passaggi e deve essere vista come un processo graduale. Le fasi della migrazione sono le seguenti:
  1. Disattiva flussi di lavoro.
  2. Caricare i tag.
  3. Consente di inserire le risorse.
  4. Elaborazione di rappresentazioni.
  5. Attivare le risorse.
  6. Abilita flussi di lavoro.

Disattiva flussi di lavoro

Prima di avviare una migrazione, disattivate i avviatori per il DAM Update Asset flusso di lavoro. È meglio inserire tutte le risorse nel sistema ed eseguire i flussi di lavoro in batch. Se siete già in diretta durante la migrazione, potete pianificare queste attività in modo che vengano eseguite durante le ore di inattività.

Caricare i tag

È possibile che sia già presente una tassonomia di tag applicata alle immagini. Strumenti come Importazione risorse CSV e la funzionalità dei profili di metadati consentono di automatizzare l’applicazione di tag alle risorse. Prima di iniziare, aggiungi i tag in Experience Manager. La funzione ACS AEM Tools Tag Maker consente di compilare i tag utilizzando un foglio di calcolo di Microsoft Excel caricato nel sistema.

Acquisire le risorse

Le prestazioni e la stabilità sono fattori importanti per l’assimilazione delle risorse nel sistema. Quando carichi molti dati in Experience Manager, assicurati che il sistema funzioni correttamente. In questo modo si è ridotto il tempo necessario per aggiungere i dati e si evita di sovraccaricare il sistema. In questo modo si evita il blocco del sistema, specialmente nei sistemi già in produzione.
Esistono due approcci per caricare le risorse nel sistema: un approccio basato su push mediante HTTP o un approccio basato su pull mediante le API JCR.

Invia per HTTP

Il team dei servizi gestiti di Adobe utilizza uno strumento denominato Glutton per caricare i dati negli ambienti dei clienti. Glutton è una piccola applicazione Java che carica tutte le risorse da una directory a un'altra in un'istanza di AEM. Al posto di Glutton, potete anche utilizzare strumenti come gli script Perl per inserire le risorse nella directory archivio.
Esistono due aspetti negativi principali dell'utilizzo dell'approccio di spingere attraverso https:
  1. Trasmettete le risorse su HTTP al server. Ciò richiede un notevole sovraccarico e richiede molto tempo, il che aumenta il tempo necessario per eseguire la migrazione.
  2. Se disponete di tag e metadati personalizzati da applicare alle risorse, questo approccio richiede un secondo processo personalizzato da eseguire per applicare questi metadati alle risorse una volta importati.
L’altro approccio per l’assimilazione delle risorse consiste nel estrarre le risorse dal file system locale. Tuttavia, se non riuscite a ottenere un'unità esterna o una condivisione di rete montata sul server per eseguire un approccio basato su pull, è consigliabile pubblicare le risorse su HTTP.

Estrarre dal file system locale

Importazione risorse CSV ACS AEM Tools estrae le risorse dal file system e dai metadati delle risorse da un file CSV per l’importazione delle risorse. L’API AEM Asset Manager viene utilizzata per importare le risorse nel sistema e applicare le proprietà dei metadati configurate. Idealmente, le risorse sono montate sul server tramite un montaggio di file di rete o tramite un'unità esterna.
Quando le attività non vengono trasmesse in rete, le prestazioni complessive migliorano notevolmente. Questo metodo è in genere il metodo più efficiente per caricare le risorse nell’archivio. Inoltre, potete importare tutte le risorse e i metadati in un singolo passaggio, poiché lo strumento supporta l’assimilazione dei metadati. Per applicare i metadati, ad esempio mediante uno strumento separato, non è necessario alcun altro passaggio.

Elaborazione di rappresentazioni

Dopo aver caricato le risorse nel sistema, è necessario elaborarle tramite il flusso di lavoro DAM Update Asset per estrarre i metadati e generare le rappresentazioni. Prima di eseguire questo passaggio, dovete duplicare e modificare il flusso di lavoro DAM Update Asset (Aggiorna risorsa) in base alle vostre esigenze. Alcuni passaggi del flusso di lavoro predefinito potrebbero non essere necessari, ad esempio generazione PTIFF di Scene7 o integrazione con il server InDesign.
Dopo aver configurato il flusso di lavoro in base alle esigenze, avete due opzioni per eseguirlo:
  1. L'approccio più semplice è ACS Commons's Bulk Workflow Manager . Questo strumento consente di eseguire una query ed elaborare i risultati della query attraverso un flusso di lavoro. Sono inoltre disponibili opzioni per impostare le dimensioni batch.
  2. Puoi utilizzare ACS Commons Fast Action Manager insieme a Synthetic Workflows (Flussi di lavoro sintetici). Questo approccio è molto più complesso, ma consente di rimuovere il sovraccarico del motore del flusso di lavoro AEM, ottimizzando l’utilizzo delle risorse del server. Inoltre, Fast Action Manager migliora ulteriormente le prestazioni monitorando dinamicamente le risorse del server e riducendo il carico posizionato sul sistema. Gli script di esempio sono stati forniti nella pagina delle funzioni di ACS Commons.

Attivare le risorse

Per le distribuzioni con un livello di pubblicazione, è necessario attivare le risorse nella farm di pubblicazione. Adobe consiglia di eseguire più di un’istanza di pubblicazione, ma è più efficace replicare tutte le risorse in un’unica istanza di pubblicazione e quindi duplicarla. Quando si attivano numerose risorse, dopo l’attivazione di una struttura ad albero potrebbe essere necessario intervenire. Ecco perché: Quando si disattivano le attivazioni, gli elementi vengono aggiunti alla coda di processi Sling/eventi. Dopo che la dimensione di questa coda inizia a superare circa 40.000 elementi, l'elaborazione rallenta notevolmente. Dopo che la dimensione di questa coda supera i 100.000 elementi, la stabilità del sistema inizia a soffrire.
Per risolvere questo problema, potete utilizzare Fast Action Manager per gestire la replica delle risorse. Ciò funziona senza l'utilizzo delle code Sling, riducendo il sovraccarico e riducendo al contempo il carico di lavoro per evitare che il server venga sovraccaricato. Un esempio di utilizzo di FAM per gestire la replica è riportato nella pagina della documentazione della funzione.
Le altre opzioni per spostare le risorse nella farm di pubblicazione includono l’utilizzo di vlt-rcp o oak-run , forniti come strumenti nell’ambito di Jackrabbit. Un’altra opzione consiste nello sfruttare uno strumento open-source per l’infrastruttura AEM, detto Grabbit , che promette prestazioni più veloci rispetto a vlt.
Per ciascuno di questi approcci, l’avviso è che le risorse nell’istanza di creazione non vengono visualizzate come attivate. Per gestire il contrassegno di queste risorse con lo stato di attivazione corretto, è inoltre necessario eseguire uno script per contrassegnare le risorse come attivate.
Adobe non mantiene o supporta Grabbit.

Clona pubblicazione

Dopo che le risorse sono state attivate, potete duplicare l’istanza di pubblicazione per creare tutte le copie necessarie per la distribuzione. La duplicazione di un server è abbastanza semplice, ma ci sono alcuni passi importanti da ricordare. Per duplicare la pubblicazione:
  1. Eseguire il backup dell'istanza di origine e dell'archivio dati.
  2. Ripristinare il backup dell'istanza e del datastore nel percorso di destinazione. I seguenti passaggi fanno riferimento a questa nuova istanza.
  3. Eseguire una ricerca del file system in crx-quickstart/launchpad/felix per sling.id . Elimina questo file.
  4. Sotto il percorso principale dell'archivio dati, individuare ed eliminare eventuali repository-XXX file.
  5. Modificare crx-quickstart/install/org.apache.jackrabbit.oak.plugins.blob.datastore.FileDataStore.config e crx-quickstart/launchpad/config/org/apache/jackrabbit/oak/plugins/blob/datastore/FileDataStore.config puntare alla posizione del datastore nel nuovo ambiente.
  6. Avviate l'ambiente.
  7. Aggiornate la configurazione di eventuali agenti di replica negli autori per indicare le istanze di pubblicazione corrette o gli agenti di eliminazione del dispatcher nella nuova istanza, in modo da puntare ai dispatcher corretti per il nuovo ambiente.

Abilita flussi di lavoro

Una volta completata la migrazione, gli avviatori per i flussi di lavoro DAM Update Asset dovrebbero essere riabilitati per supportare la generazione di rappresentazioni e l'estrazione di metadati per un utilizzo quotidiano del sistema.

Migrazione delle risorse tra le distribuzioni AEM

Anche se non è altrettanto comune, a volte è necessario migrare grandi quantità di dati da un’istanza di AEM a un’altra; ad esempio, quando eseguite un aggiornamento AEM, aggiornate l’hardware o eseguite la migrazione a un nuovo centro dati, ad esempio con una migrazione AMS.
In questo caso, le risorse sono già popolate con metadati e le rappresentazioni sono già generate. Potete semplicemente concentrarvi sullo spostamento delle risorse da un’istanza all’altra. Durante la migrazione tra le istanze di AEM, effettuate le seguenti operazioni:
  1. Disattiva flussi di lavoro: Poiché state eseguendo la migrazione delle rappresentazioni insieme alle risorse, desiderate disattivare gli avviatori dei flussi di lavoro per DAM Update Asset.
  2. Migra tag: Poiché i tag sono già stati caricati nell’istanza AEM di origine, potete crearli in un pacchetto di contenuto e installare il pacchetto sull’istanza di destinazione.
  3. Migra risorse: Per spostare le risorse da un’istanza di AEM a un’altra sono consigliati due strumenti:
    • Vault Remote Copy , o vlt rcp , consente di utilizzare vLL in una rete. È possibile specificare una directory di origine e di destinazione e vlt scarica tutti i dati del repository da un'istanza e li carica nell'altra. Vlt rcp è documentato all'indirizzo https://jackrabbit.apache.org/filevault/rcp.html
    • Grabbit è uno strumento di sincronizzazione dei contenuti open-source sviluppato da Time Warner Cable per la loro implementazione AEM. Poiché utilizza flussi di dati continui, rispetto a vLt rcp, ha una latenza inferiore e dichiara un miglioramento della velocità da due a dieci volte più veloce di vlt rcp. Grabbit supporta anche la sincronizzazione solo del contenuto delta, che consente di sincronizzare le modifiche dopo il completamento di un passaggio di migrazione iniziale.
  4. Attivare le risorse: Seguite le istruzioni per attivare le risorse documentate per la migrazione iniziale ad AEM.
  5. Clona pubblicazione: Come per la nuova migrazione, il caricamento di un’istanza di pubblicazione singola e la duplicazione è più efficiente rispetto all’attivazione del contenuto su entrambi i nodi. Consultate Clonazione della pubblicazione.
  6. Abilitazione dei flussi di lavoro: Dopo aver completato la migrazione, riattivate i lanciatori per i flussi di lavoro DAM Update Asset per supportare la generazione di rappresentazioni e l'estrazione di metadati per un utilizzo quotidiano del sistema.