Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione di AEM Assets

Le funzioni chiave, le evidenziazioni e i miglioramenti effettuati in Risorse AEM 6.4 sono trattati in queste note sulla versione. Per informazioni dettagliate, seguite i collegamenti forniti.

Smart tag avanzati avanzati (basati su Adobe Sensei)

AEM 6.4 introduce la funzionalità di intelligenza artificiale basata su Smart Tags, oltre ai tag avanzati lanciati in AEM 6.3.
  • Smart Content Service apprende la tassonomia aziendale dei clienti e la utilizza per assegnare automaticamente tag alle risorse digitali con tag pertinenti ai clienti oltre a tag generici. Migliora in modo significativo la reperibilità delle attività e riduce il tempo sul mercato.
  • Adobe Sensei potenzia Smart Content Service, che consente di formare l'algoritmo di riconoscimento delle immagini nella tassonomia aziendale. Questa funzione di content intelligence viene quindi utilizzata per applicare tag rilevanti a risorse simili.
Per utilizzare i tag avanzati di AEM Assets, installa l’ ultimo service pack di AEM 6.4 .

Ricerca di traduzione intelligente (con tecnologia Adobe Sensei)

AEM 6.4 introduce la funzionalità di ricerca per le traduzioni intelligenti per supportare scenari di ricerca multilingue. I clienti con team distribuiti a livello globale in più lingue ora possono effettuare ricerche in diverse lingue senza dover affrontare flussi di lavoro di traduzione costosi e lunghi.
  • La query di ricerca viene tradotta senza intervento manuale.
  • I tag avanzati vengono generati in inglese e tradotti automaticamente in altre lingue.
  • La ricerca multilingue è realizzata utilizzando la libreria open source Apache Joshua che supporta più di 50 lingue.

Esperienza utente

AEM 6.4 offre agli utenti miglioramenti significativi nelle aree di ricerca, ricerca, risorse con più pagine e strumenti di amministrazione. Dettagli di seguito:
Miglioramenti alla navigazione
  • Nuova barra ad albero del contenuto per navigare rapidamente in una gerarchia di risorse. In combinazione con la vista a elenco, questo ripristina il modello di interazione Interfaccia classica per la ricerca delle gerarchie di risorse.
  • Nuove scelte rapide da tastiera come m per spostare le risorse, p per aprire la pagina delle proprietà, Ctrl + C per copiare l'operazione e molto altro ancora.
  • È stata migliorata l'esperienza di scorrimento e caricamento lento nelle viste a schede e a elenco per la navigazione in un gran numero di risorse.
  • Vista a schede migliorata con il supporto per schede di diverse dimensioni in base all'impostazione della vista.
  • Esperienza di dettaglio delle risorse migliorata con la possibilità di visualizzare, passare alla risorsa "precedente" o "successiva" e al numero di risorse correnti.
Miglioramenti alla ricerca
  • Nuovo pulsante Ricerca indietro con la possibilità di passare a un elemento di ricerca e tornare alla stessa posizione nei risultati della ricerca senza eseguire nuovamente la query di ricerca.
  • Conteggio dei nuovi risultati della ricerca per visualizzare il numero di risultati della ricerca.
  • È stato migliorato il filtro di ricerca per i tipi di file con la possibilità di filtrare i risultati di ricerca in base a tipi di mime con granulosità fine come JPG, PNG e PSD, rispetto alle opzioni precedenti per immagini, documenti e contenuti multimediali.
  • Sono stati migliorati i filtri di ricerca con marche temporali precise invece della funzionalità del cursore tempo precedente.
Miglioramenti alle risorse multipagina
  • Esperienza di navigazione delle risorse multipagina migliorata con un numero ridotto di clic.
  • Migliorato il supporto di commenti e annotazioni con tutti i commenti raccolti a livello di risorsa anziché a livello di pagina.
Miglioramenti agli strumenti di amministrazione
  • È stato migliorato il selettore delle proprietà negli strumenti di amministrazione per metadati, ricerche e rapporti con funzionalità di navigazione e navigazione per semplificare l’esperienza di amministrazione.
Cataloghi
  • Esperienza utente migliorata, allineamento con l'interfaccia utente Templates. Per ulteriori informazioni, consultate Catalog Producer .

Metadati

AEM 6.4 offre diverse funzionalità avanzate di gestione dei metadati, che consentono di gestire i metadati su larga scala e di garantire l’integrità dei metadati attraverso regole e convalide. Le funzionalità principali sono le seguenti:
  • Nuova funzionalità di esportazione in blocco di metadati per esportare (tutti, selettivi) metadati per un numero elevato di risorse in formato CSV per la modifica, la condivisione e l’integrazione con terze parti.
  • Nuova funzionalità di importazione di metadati in blocco per importare file CSV per l’aggiunta di nuovi metadati, aggiornando i metadati esistenti per più risorse in un solo passaggio. Questa operazione è asincrona e non ostacola le prestazioni del sistema. Una volta completato, l'utente riceve una notifica tramite il sistema di notifica di AEM.
  • Nuovi metadati concatenati e contestuali mediante lo strumento Schema metadati. È ora possibile definire catene di dipendenze e mappature dei valori tra i campi. È inoltre possibile definire il contesto in cui i campi dei metadati vengono visualizzati o nascosti. In questo modo, è possibile visualizzare solo i campi pertinenti in qualsiasi momento, a seconda dei valori presenti in altri campi.

Rapporti

AEM 6.4 offre significativi miglioramenti nella generazione dei rapporti sulle risorse:
  • Nuovo framework di report scalabile (per repository di grandi dimensioni) a livello aziendale che applica processi Sling per l'elaborazione asincrona delle richieste di report. Puoi pianificare il rapporto in una data e in un'ora specifiche. È inoltre possibile aggiungere colonne personalizzate a un rapporto.
  • I nuovi report OOTB più comunemente richiesti dai clienti, come Uso del disco, File, Condivisione collegamenti, Pubblica sul portale dei marchi e Formazione smart tag.
  • Nuova interfaccia utente per la creazione e la gestione di report con opzioni precise, possibilità di accedere ai report archiviati, stato di esecuzione dei report (success, fail, queue e così via).

Brand Portal

  • Aggiornamento della piattaforma 6.3: Portale del marchio aggiornato da AEM 6.0 a AEM 6.3, con nuove funzioni e miglioramenti delle prestazioni.
  • Pubblicazione parallela: Tra AEM Assets e Brand Portal possono verificarsi fino a repliche (precedentemente 1), il che migliora notevolmente le prestazioni di pubblicazione
  • Pubblicazione Facet di schema e ricerca: Possibilità di pubblicare schemi di metadati e facet di ricerca personalizzati in Brand Portal, eliminando la duplicazione degli sforzi.
  • Pubblicazione tag di massa: Possibilità di pubblicare tassonomia (insieme alla gerarchia) in Brand Portal, eliminando la duplicazione degli sforzi.
  • Accesso autonomo o richiesta di accesso: Flusso di lavoro per utenti non registrati al Brand Portal.
  • Notifica di manutenzione in-app (sullo schermo): Le notifiche vengono visualizzate con largo anticipo per evitare interruzioni nell'attività.
  • Miglioramenti del reporting: Sono disponibili tre report OOTB: download, pubblicazione e condivisione di collegamenti.
  • Limitazioni basate su DRM: Una volta scaduta una risorsa con licenza, non sarà più disponibile per il download dal Brand Portal.

App desktop AEM

L’app desktop AEM è stata aggiornata alla versione 1.8, compatibile con AEM 6.4. L'elenco completo delle modifiche per l'app desktop AEM viene fornito in un documento dedicato con le note sulla versione dell'app desktop AEM. Elenco delle funzionalità principali delle app desktop AEM dal rilascio di AEM 6.3:
  • Possibilità di caricare cartelle gerarchiche in background.
  • Interfaccia utente per monitorare i caricamenti delle risorse in background.
  • Miglioramenti nella cache, inclusa un'interfaccia per gestire i parametri di memorizzazione nella cache.
  • Supporto più ampio per le configurazioni di autenticazione AEM (SAML/SSO) e il proxy di rete.
  • Supporto: accesso facilitato ai registri dall'interfaccia utente.
  • Miglioramento della stabilità e delle correzioni dei problemi dei clienti.
Per un accesso più semplice alla documentazione e alle procedure ottimali, è disponibile la seguente documentazione:
  • Guida utente, destinata agli utenti finali che utilizzano l'applicazione
  • Guida alle best practice, destinata agli utenti finali e agli amministratori
  • Guida all'installazione, destinata agli amministratori che configurano l'app desktop AEM e AEM per lavorare insieme

Storage su più livelli

AEM 6.4 include una serie di funzioni che supportano diverse preferenze di storage su più livelli e implementano le regole del ciclo di vita. Le opzioni di archiviazione supportano anche (ma non sono limitate) cloud pubblici - AWS o Azure.
  • Possibilità per gli utenti di selezionare e successivamente modificare la classe di storage a piacimento e definire regole per l'archiviazione delle risorse da una classe all'altra o gestire il ciclo di vita delle risorse.
  • Possibilità per gli utenti di ridurre i costi di archiviazione selezionando un'altra AWS o Azure.
Per una panoramica delle piattaforme supportate, consulta la Documentazione sui requisiti tecnici.

Gruppo utenti chiuso

  • In AEM 6.4, il gruppo di utenti chiuso o il gruppo di utenti chiuso offrono un modo per limitare l’accesso alle cartelle nell’istanza di pubblicazione. È un’opzione dell’interfaccia touch per aggiungere entità tramite la pagina delle proprietà delle cartelle a livello di cartella e vengono applicate a tutte le cartelle e sottocartelle/risorse all’interno.
  • In modalità di pubblicazione, se un gruppo di utenti chiuso è configurato e l’autorizzazione è abilitata in una cartella, gli utenti vengono reindirizzati a una pagina di accesso quando tentano di accedere alla cartella. Pertanto, gli utenti autorizzati possono accedere alla cartella e alle relative risorse solo dopo l’accesso. Pertanto, CUG limita l’accesso in lettura a una determinata struttura nell’archivio dei contenuti per tutti gli utenti tranne le entità selezionate.

Dynamic Media add-on

Dynamic Media in 6.4 supporta una nuova modalità, in cui la risorsa principale viene caricata e gestita con l’interfaccia Web di AEM Assets, e le rappresentazioni dinamiche e altre funzioni per contenuti multimediali dinamici vengono gestite in background dal servizio di distribuzione Dynamic Media Cloud.
In questa modalità (introdotta per prima cosa con il rilascio di AEM 6.3 Feature Pack 14410 e 18912 ), gli utenti possono sfruttare la gestione completa delle risorse e le funzioni per contenuti multimediali dinamici utilizzando la moderna interfaccia utente Web di AEM Assets e continuare a utilizzare i servizi di distribuzione che sono compatibili con Dynamic Media Classic (Scene7), inclusi gli URL di consegna, che non subiscono modifiche.
Inoltre, AEM 6.4 introduce nuove funzioni di Adobe Sensei, miglioramenti per contenuti multimediali emergenti come VR e 3D, visualizzatori per contenuti multimediali dinamici e supporto per frammenti esperienza in immagini interattive e banner carosello.

Smart Crop (con tecnologia Adobe Sensei)

  • Smart Crop consente automaticamente il ritaglio non distruttivo delle immagini per mantenere il punto di interesse del design reattivo. Potete visualizzare in anteprima i suggerimenti ritagliati e, se necessario, modificarli manualmente.
  • Questa funzione consente anche la generazione automatizzata dei campioni per le immagini dei prodotti. La generazione automatizzata dei campioni consente di aggiungere automaticamente campioni colore, campioni di pattern o entrambi alle immagini del prodotto.
Per ulteriori informazioni, consulta la documentazione sui profili immagine.
Consultate anche la documentazione Aggiunta di risorse multimediali dinamiche alle pagine per ulteriori informazioni sull’utilizzo di SmartCrop con il componente Contenuti multimediali dinamici.

Imaging avanzato

  • La tecnologia di imaging intelligente sfrutta le caratteristiche di visualizzazione esclusive di ogni utente per distribuire automaticamente immagini ottimizzate per la propria esperienza, migliorando le prestazioni e il coinvolgimento.
  • Le immagini vengono automaticamente convertite in formati diversi in base alle funzionalità del browser.
  • Le impostazioni di qualità delle immagini vengono determinate nel browser e applicate rispettivamente. Questa funzionalità consente di mantenere le prestazioni di caricamento delle immagini accettabili per larghezza di banda limitata e velocità di connessione ridotte.
Per ulteriori informazioni, consulta la documentazione sulle immagini intelligenti.

Miglioramenti per contenuti multimediali e visualizzatori emergenti

  • Sono supportati nuovi visualizzatori, che offrono agli utenti esperienze più coinvolgenti e di migliore qualità.
  • Il visualizzatore panoramico consente di interagire con l’utente e offre la possibilità di sperimentare meglio scene, proprietà, posizioni e paesaggi delle stanze. Per ulteriori informazioni, consulta Documentazione sulle immagini panoramiche.
  • Il visualizzatore VR offre un’esperienza completa su proprietà, posizioni e paesaggi.
  • Visualizzatore di immagini verticali ottimizzato per le immagini dei prodotti.
  • Miglioramenti dell'accessibilità della tastiera.

3D e integrazione con Dimension CC

È stata introdotta l'integrazione con Adobe Dimension CC per un flusso di lavoro 3D più semplice. Per ulteriori informazioni, consulta Utilizzo della documentazione delle risorse 3D.