Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione per Adobe Experience Manager as a Cloud Service 2020.8.0

La sezione seguente illustra le note generali sulla versione di Experience Manager as a Cloud Service 2020.8.0.

Adobe Experience Manager Sites come Cloud Service

What is new in Sites

Adobe Experience Manager Assets come Cloud Service

What is new in Assets

  • La transcodifica video ora è supportata con i microservizi delle risorse. Una nuova sezione della configurazione Profili di elaborazione consente di impostare il bitrate e le dimensioni del video. Il formato di output è MP4 con codec H.264. Per informazioni dettagliate, consultate Gestione delle risorse video. Per ulteriori opzioni di transcodifica e per la distribuzione dei video, utilizzate il Dynamic Media componente aggiuntivo.
  • Nelle nuove Experience Manager Assets distribuzioni, la funzionalità di smart tag è ora configurata per impostazione predefinita. Non è necessario effettuare l’integrazione manuale con Adobe Developer Console. Nelle distribuzioni esistenti, gli amministratori configurano l'integrazione degli smart tag come prima.
  • Una nuova esperienza di download delle risorse consente di:
    • Download asincrono per i download di grandi dimensioni in modo che gli utenti non debbano attendere.
    • Una nuova API modulare per l'estensibilità degli sviluppatori.
  • L'estrazione dei metadati per i microservizi di risorse ha prestazioni migliorate. Aumenta il throughput complessivo di assimilazione delle risorse.
  • Utilizzate un profilo di elaborazione per generare metadati personalizzati utilizzando Compute Service. Consultate Metadati personalizzati con il profilo di elaborazione.
  • Un’esperienza di download più semplice per gli utenti di Brand Portal che gli amministratori possono configurare. Consultate Panoramica dell'esperienza di download.
  • Le anteprime dei documenti PDF native e ad alta fedeltà sono ora disponibili nel Brand Portal. Consultate Panoramica del visualizzatore di documenti.
  • Ora potete annullare la validità della cache CDN (Content Delivery Network) direttamente da Dynamic Media in AEM come Cloud Service (anziché utilizzare Dynamic Media Classic). In questo modo, le risorse più recenti verranno servite in pochi minuti anziché in ore. Consultate Annullamento della validità della cache CDN per mezzo di elementi multimediali dinamici.
  • Il supporto per l'accessibilità è stato aggiunto ai controlli dell'interfaccia utente, alla navigazione, alla navigazione e all'esperienza di ricerca in Assets.
    • Se si preme il tasto Escape dopo aver selezionato Aggiungi rappresentazione , lo stato attivo ritorna alla barra degli strumenti.
    • Lo stato attivo della tastiera funziona come previsto quando si utilizza la casella combinata E-mail.
    • Gli elementi Accordion nella sezione dei filtri di ricerca vengono interpretati come Accordi espandibili standard.
    • Quando applicate un tag a una risorsa, nella finestra di dialogo vengono visualizzati i tag come elementi ad albero. Gli attributi ARIA vengono applicati correttamente agli elementi della struttura per renderli accessibili.
  • AEM Desktop app È ora disponibile la versione 2.0.3. Migliora la compatibilità con il service pack Experience Manager 6.5.5 e dispone di un elenco aggiornato di compatibilità del sistema operativo client. Windows 7 e macOS versioni precedenti alla 10.14 non sono supportate.

Bug corretti in Assets

  • L'opzione Relate (Collega) e Annulla relazione (scollega) non risponde quando si fa clic per la prima volta. (CQ-4299022)
  • Quando scaricate una risorsa, se selezionate l’opzione per riceverla via e-mail, l’e-mail non viene inviata. (CQ-4299146)

Adobe Experience Manager Commerce as a Cloud Service

Novità

  • È ora disponibile la funzionalità della console prodotto. Questo consente agli esperti di marketing/autori di AEM di visualizzare e navigare tra le categorie e i prodotti memorizzati nel back-end del commercio. È stato inoltre fornito il supporto per le proprietà di categorie e prodotti nella console Prodotti.
  • Sono stati migliorati i selettori prodotto e categoria per consentire agli addetti al marketing di selezionare il prodotto tramite SKU o di selezionare la categoria tramite l'ID categoria.

Cloud Manager

Data di rilascio

The Release Date for Cloud Manager Version 2020.8.0 is August 06, 2020.

Novità

  • Content Audit è una funzione abilitata nelle pipeline di produzione di siti di Cloud Manager. La configurazione della pipeline di produzione per i programmi con Siti ora include una terza scheda denominata Controllo ​contenuto. Ogni volta che viene eseguita una pipeline di produzione, verrà inclusa una nuova fase di controllo dei contenuti nella pipeline dopo il test funzionale personalizzato che valuterà il sito rispetto a una serie di dimensioni, tra cui prestazioni, SEO (ottimizzazione motore di ricerca), accessibilità, best practice e PWA (app Web progressiva).
    L'audit dei contenuti è stato successivamente rinominato in Experience Audit.
    Per ulteriori informazioni, consulta Test di audit esperienza.
  • Gli ambienti creati di recente nei programmi Assets ora verranno configurati automaticamente con Smart Content Services.
  • Gli ambienti con sospensione possono essere disattivati dalla pagina Panoramica di Cloud Manager.
  • Possibilità di eseguire verifiche dell’esperienza sulle pagine, con tecnologia Google Lighthouse. Come parte della pipeline di Cloud Manager, è possibile controllare e convalidare fino a 25 pagine in base ai KPI dell'esperienza e visualizzare i punteggi nell'interfaccia di Cloud Manager.

Correzioni di bug

  • Alcuni plug-in SonarQube non necessari e indesiderati venivano eseguiti come parte della scansione Code Quality.
  • Nella pagina di esecuzione della pipeline, il nome del ramo non era formattato correttamente.
  • In alcuni casi, le esecuzioni completate della pipeline non sono state registrate come completate, impedendo così nuove esecuzioni della pipeline.
  • Le esecuzioni delle tubazioni si bloccavano occasionalmente a causa di problemi di comunicazione interni.
  • Al momento del provisioning di una nuova organizzazione, ad alcuni utenti con ruoli amministrativi diversi dagli amministratori di sistema veniva erroneamente concesso l'accesso a Cloud Manager.
  • In alcune condizioni, il processo di indicizzazione degli aggiornamenti è stato avviato più volte in parallelo e ciò ha comportato un errore di distribuzione.
  • La descrizione comandi sulle schede del programma non era corretta in modo coerente.
  • L'interfaccia utente ha erroneamente consentito di tentare operazioni in un ambiente durante l'eliminazione.
  • C'è stata una mancata corrispondenza di colore nella pagina Panoramica di Cloud Manager.

Problemi noti

  • Sono incluse pagine non valide che riportano il punteggio medio di controllo dei contenuti al di sotto di quanto dovrebbero essere.
  • La scheda Controllo contenuto visualizza erroneamente l'URL di base utilizzando il dominio dell'autore invece del dominio di pubblicazione.
  • Per attivare il passaggio Controllo contenuto, gli utenti devono modificare la pipeline e, facoltativamente, aggiungere pagine. Se non viene aggiunta alcuna pagina, la pagina iniziale verrà sottoposta a controllo.

Strumento Content Transfer (Trasferimento contenuti)

Seguite questa sezione per saperne di più sulle novità e gli aggiornamenti per Content Transfer Tool Release v1.0.4.

Novità

  • Content Transfer Tool ora supporta Shared S3 DataStore.

Correzioni di bug

  • Timeout aggiuntivi aggiunti allo strumento per completare le azioni.
  • L’interfaccia utente della versione precedente talvolta mostrava un’estrazione corretta anche se il registro presentava degli errori.

Strumenti di refactoring del codice

Segui questa sezione per saperne di più sulle novità e gli aggiornamenti per gli strumenti di refactoring del codice.

Novità

  • Plug-in AIO-CLI rilasciato per unificare gli strumenti di refactoring del codice per consentire agli sviluppatori di richiamare ed eseguire strumenti di refactoring del codice da un'unica posizione. Fare riferimento a Risorse Git: per maggiori informazioni, fai clic su aio-cli-plugin-aem-cloud-service-migration .
  • AEM Dispatcher Converter esteso per supportare le conversioni delle configurazioni del dispatcher dei servizi gestiti in sede e Adobe in AEM come configurazioni del dispatcher Cloud Service compatibili con il . Fare riferimento a Risorse Git: AEM Cloud Service Dispatcher Converter per ulteriori dettagli.
  • AEM Dispatcher Converter riscritto node.js e integrato con il plugin AIO-CLI.