Show Menu
ARGOMENTI×

Implementazione di Android Player

Questa sezione descrive la configurazione del lettore Android. Fornisce informazioni sul file di configurazione e sulle opzioni disponibili e consigli sulle impostazioni da utilizzare per lo sviluppo e il test.
Inoltre, Watchdog è una soluzione per recuperare il lettore da arresti anomali. Un'applicazione deve registrarsi presso il servizio di controllo e inviare periodicamente messaggi al servizio che è attivo. Nel caso in cui il servizio di controllo non riceva un messaggio keep-alive entro un tempo stabilito, il servizio tenta di riavviare il dispositivo per un ripristino pulito (se dispone dei privilegi sufficienti) o di riavviare l'applicazione.

Installazione di Android Player

Per implementare Android Player per AEM Screens, installate Android Player per AEM Screens.
Visita la pagina AEM 6.5 Player Downloads .

Impostazione dell'ambiente per AEM Screens 6.5.5 Service Pack

È necessario configurare un ambiente per il lettore Android se si utilizza AEM Screens 6.5.5 Service Pack.
Impostate l’attributo SameSite per i cookie del token di login da Lax a None da Adobe Experience Manager Web ConsoleConfiguration su tutte AEM istanze di creazione e pubblicazione.
Effettua le seguenti operazioni:
  1. Passa ad Adobe Experience Manager Web ConsoleConfiguration tramite http://localhost:4502/system/console/configMgr .
  2. Cercare gestore autenticazione token di Granite di Adobe.
  3. Impostate l’attributo SameSite per i cookie di token di login da Lax a None .
  4. Fai clic su Salva .

Metodo Ad Hoc

Il metodo Ad-Hoc consente di installare la versione più recente di Android Player ( .exe ). Visita AEM pagina dei download di 6.5 Player.
Una volta scaricata l’applicazione, seguite i passaggi del lettore per completare l’installazione ad hoc:
  1. Tenete premuto sull’angolo in alto a sinistra per aprire il pannello di amministrazione.
  2. Andate a Configurazione dal menu delle azioni a sinistra e immettete il percorso (indirizzo) dell'istanza AEM a cui desiderate connettervi e fate clic su Salva .
  3. Andate al collegamento Device Registration (Registrazione dispositivo) dal menu delle azioni a sinistra per verificare lo stato del processo di registrazione del dispositivo.
Se lo stato è REGISTRATO , il campo ID ​dispositivo verrà popolato.
Se lo stato è NON REGISTRATO , potete utilizzare il token per registrare il dispositivo.

Implementazione di Android Watchdog

A causa dell'architettura di Android, il riavvio del dispositivo richiede che l'applicazione disponga dei privilegi di sistema. A tal fine, è necessario firmare l'apk utilizzando i tasti di firma del produttore. In caso contrario, watchdog riavvierà l'applicazione del lettore e non riavvierà il dispositivo.

Segnalazione di apk Android con produttore chiavi

Per accedere ad alcune delle API privilegiate di Android quali PowerManager o HDMIControlServices , è necessario firmare l'app Android utilizzando le chiavi del produttore.
Prerequisiti:
Prima di eseguire i seguenti passaggi, devi installare l’SDK Android.
Seguite i passaggi indicati di seguito per firmare il disco Android utilizzando i tasti del produttore:
  1. Scarica l'app da Google Play o dalla pagina dei download di AEM Screens Player
  2. Ottenete le chiavi della piattaforma dal produttore per ottenere un pk8 e un file pem
  3. Individuate lo strumento apksigner in android sdk utilizzando trova ~/Library/Android/sdk/build-tools -name "apksigner"
  4. <percorso> /apksigner sign —key platform.pk8 —cert platform.x509.pem aemscreensplayer.apk
  5. Trovare il percorso dello strumento di allineamento zip in android sdk
  6. <percorso> /zipalign -fv 4 aemscreensplayer.apk aemscreensalign.apk
  7. Installare aemscreensalign.apk utilizzando l'installazione adb nel dispositivo

Implementazione Android Watchdog

Il servizio di controllo Android è implementato come plug-in cordova utilizzando AlarmManager .
Il diagramma seguente mostra l’implementazione del servizio di controllo:
1. Inizializzazione Al momento dell'inizializzazione del plug-in cordova, le autorizzazioni vengono verificate per verificare se disponiamo dei privilegi di sistema e quindi dell'autorizzazione Riavvia. Se questi due criteri vengono soddisfatti, viene creato un Intento in sospeso per il riavvio. In caso contrario viene creato un Intento in sospeso per riavviare l'applicazione (in base all'attività di avvio).
2. Mantieni timer attivo Un timer per mantenere in vita viene utilizzato per attivare un evento ogni 15 secondi. In questo caso, è necessario annullare l'intento in sospeso esistente (per riavviare o riavviare l'app) e registrare un nuovo intento in sospeso per gli stessi 60 secondi in futuro (in sostanza, posticipare il riavvio).
In Android, AlarmManager viene utilizzato per registrare gli pendingIntents che possono essere eseguiti anche se l'app si è bloccata e la relativa consegna dell'allarme non è esatta dall'API 19 (Kitkat). Mantenere una certa distanza tra l'intervallo del timer e l'allarme di AlarmManager pendingIntent .
3. Arresto anomalo dell'applicazione In caso di arresto anomalo, l'intento in sospeso per il riavvio registrato con AlarmManager non viene più reimpostato ed esegue quindi un riavvio o un riavvio dell'app (a seconda delle autorizzazioni disponibili al momento dell'inizializzazione del plug-in cordova).