Show Menu
ARGOMENTI×

Panoramica sul servizio di disattivazione

Il servizio di gestione delle decisioni consente di creare esperienze personalizzate, ottimizzate e orchestrate nelle applicazioni in esecuzione su Adobe Experience Platform. Utilizzando il servizio di disattivazione, potete determinare l' opzione migliore da un insieme di opzioni disponibili. Queste opzioni, denominate anche alternative, potrebbero essere offerte, raccomandazioni di prodotto, componenti di contenuto per un'esperienza Web, script di conversazione e azioni da intraprendere. Attualmente il caso d'uso e il dominio di Offer Decisioning sono supportati, dove le opzioni di decisione sono modellate specificatamente come offerte, con il supporto per ulteriori casi d'uso a venire.
Con Decisioning Service, i clienti possono riutilizzare la logica aziendale e condividere un catalogo di opzioni tra canali e applicazioni. Invece di gestire le opzioni decisionali e le strategie per selezionarle direttamente all'interno di un'applicazione, ora possono essere sfruttate indipendentemente da quando, come e su quale canale l'utente finale di un cliente interagisce con un'azienda o un'organizzazione.
Le strategie di decisione possono essere fattori nelle molteplici interazioni che un cliente ha avuto, su diversi canali e applicazioni. Ad esempio, l'attività dell'applicazione call center potrebbe abilitare o sopprimere un messaggio di marketing per un certo periodo di tempo a seguito di un reclamo, e tale messaggio stesso potrebbe essere basato su acquisti effettuati e recensioni pubblicate dal cliente.
Decisioning Service facilita la personalizzazione dell'esperienza evoluta.
Prima della decisione dell'esperienza
Dopo la decisione dell'esperienza
Personalizza e ottimizza le esperienze dell’utente all’interno di un singolo canale o in un piccolo set di punti di contatto esperienza.
Le esperienze sono risposte orchestrate tra le varie interazioni.
Le ottimizzazioni si concentrano su una fase singola e tipicamente breve del percorso dell'utente finale
Le decisioni si basano sull'intera storia dell'interazione, passando dai comportamenti rilevati in passato all'ultimo contesto situazionale.
Le opzioni e le strategie per la scelta delle opzioni da presentare durante l'esperienza del cliente sono in genere codificate profondamente all'interno di un'applicazione.
Le strategie per la selezione dell'opzione migliore sono definite al di fuori delle applicazioni specifiche del canale e diventano riutilizzabili.
Le esperienze dei clienti sono personalizzate e ottimizzate in base a un obiettivo semplicistico, ad esempio per aumentare il numero di pagamenti di successo in una pagina Web o per accettare un'offerta presentata in un'interazione con un rappresentante.
Le esperienze cliente sono ottimizzate in base a una comprensione olistica delle attuali esigenze del cliente e si adattano a tutte le esperienze dell'utente, buone o cattive. Ad esempio, una campagna di marketing potrebbe non essere appropriata per un cliente che ha recentemente presentato un reclamo su un prodotto o un servizio.
Decisioning Service sposta le funzionalità di personalizzazione dell'esperienza dal targeting in un singolo canale alla determinazione dello stadio generale del ciclo di vita del coinvolgimento dei clienti con il tuo marchio, indipendentemente dai canali. Una fase del ciclo di vita è molto più complessa di un'appartenenza a un segmento ed è quasi sempre basata su flussi di eventi complessi, regole aziendali e attributi previsti.
Altri termini utilizzati da prodotti e servizi destinati a casi d’uso simili:
  • Gestione interazione in tempo reale (RTIM)
  • Gestione del viaggio
  • Marketing e personalizzazione omnicanale
  • Decisioni in tempo reale

Come funziona Decisioning Service?

Le esperienze possono essere personalizzate utilizzando il servizio di gestione delle decisioni in tempo reale, dal momento che il cliente si impegna con il tuo marchio tramite un canale in ingresso, ad esempio il tuo sito o l'app mobile. La decisione può essere utilizzata anche per personalizzare i messaggi tramite il canale in uscita, come una notifica e-mail o push.
Le decisioni possono essere prese in molti modi. Un approccio consiste nell'eliminare le opzioni in successione fino a quando non ne viene lasciata una sola o le opzioni non sono state ridotte e rimane qualche sottoinsieme o un vincitore viene scelto in modo casuale dal set ridotto. Una variante di questo approccio per scegliere l'opzione vincente in base a una formula calcolata. La classificazione delle opzioni è realizzata utilizzando una funzione. Per la decisione dell'offerta, tale funzione potrebbe calcolare il costo, il valore dell'offerta all'azienda e utilizzare una predeterminata probabilità che l'offerta venga accettata dall'utente finale. La valutazione risultante potrebbe essere utilizzata per ordinare le offerte.
In alternativa o in aggiunta, una strategia potrebbe essere basata sui risultati raccolti dalle interazioni precedenti con clienti simili a cui sono state proposte opzioni simili. In questa strategia viene appresa la funzione che ha calcolato i valori di priorità. Il valore di risultato ottimale è legato agli obiettivi dell'attività e l'indicatore di prestazioni per la previsione è la frequenza con cui il risultato è stato raggiunto dopo la proposta dell'opzione.

Strategia di decisione

Le strategie decisionali sono configurate tramite oggetti denominati attività . Ogni strategia di decisione è essenzialmente un algoritmo o una funzione che utilizza le opzioni N {o1, o2, ...oN} come input e produce un elenco ordinato di opzioni (o1, o2,...oK) in cui la prima opzione nell'elenco viene considerata la migliore in base a criteri di ottimizzazione, la seconda opzione nell'elenco dei risultati viene quindi considerata la seconda opzione migliore e così via.
In qualsiasi momento durante il percorso del cliente, l'opzione migliore per una determinata attività viene rivalutata in base al set più recente di variabili di contesto, regole e vincoli. Le variabili di contesto includono i record memorizzati in Real Time Customer Profile (Profilo cliente in tempo reale). Un'entità record centrale è un profilo del cliente, ma altre entità come i dati aziendali operativi sono ugualmente disponibili per l'attività.
L'algoritmo o la funzione che genera l'elenco delle opzioni principali K varia in base al caso d'uso. I componenti interni di tale algoritmo sono diversi per i diversi casi di utilizzo. I componenti sono definiti in un repository in fase di progettazione e "compilati" in istruzioni per la strategia decisionale specifica per il caso d’uso.

Utilizzo del servizio di disattivazione

Il servizio di gestione delle decisioni, come altri servizi della piattaforma, adotta una prima filosofia API. Ciò significa che l'API è l'interfaccia principale in cui tutte le funzioni, comprese quelle amministrative, sono rese disponibili tramite le API. Significa anche che altri servizi della piattaforma, soluzioni Adobe e integrazioni di terze parti utilizzano le stesse API.
È possibile utilizzare il servizio di gestione delle decisioni in una modalità di interazione richiesta-risposta sincrona facilitata da una semplice API REST HTTP. La chiamata API restituisce l’opzione ottimale per un singolo profilo. La selezione "attualmente migliore opzione" cambierà in base alle regole e ai vincoli applicati a tutte le opzioni che sono in considerazione da una determinata attività. L'API REST consente di ottenere l'opzione migliore successiva per più attività alla volta. Questo consente di arbitrare le opzioni tra i canali. Quando si ottengono insieme risposte per più attività, possono essere applicate regole aggiuntive.

Integrazione con altri flussi di lavoro della piattaforma

L'utilizzo di Decisioning Service è facoltativo e richiede solo alcuni passaggi oltre ai passaggi tipici richiesti per creare e gestire le entità Profilo.
Per sfruttare al meglio il profilo cliente in tempo reale, il servizio di decodifica si integra direttamente con lo store del profilo. Le chiamate API devono solo indicare una delle identità per un determinato profilo.
La sequenza tipica di passaggi inizia con la creazione di profili:
  • Eseguire l'autenticazione a Experience Platform.
  • Definire uno schema basato sulla classe del profilo e, facoltativamente, definire uno schema basato sulla classe dell'evento esperienza.
  • Configura un dataset per caricare dati di record e serie temporali nel profilo cliente.
  • Aggiungere i dati tramite il dataset configurato nel passaggio o nei dati dell'istanza di flusso precedente tramite Pipeline.
  • Trasmissione di eventi esperienza nella piattaforma per arricchire il profilo con dati comportamentali.
Inoltre, per utilizzare il servizio di disattivazione, procedere come segue:
  • Definite i componenti decisionali utilizzando le API Repository. Queste sono le entità di business logic che compongono la strategia decisionale. I componenti di decisione verranno compilati automaticamente in un formato utilizzato da Decision Service Runtime. Le API Repository sono illustrate a sinistra nel diagramma seguente.
  • Richiamate l'API Runtime per ottenere l'opzione migliore in base alla logica di business definita nel passaggio precedente. Le API Decision Service Runtime sono illustrate a destra nel diagramma seguente.
L'attivazione delle entità business logic avviene automaticamente e in modo continuo. Non appena viene salvata una nuova opzione nella directory archivio e contrassegnata come "approvata", sarà possibile inserirla nel set di opzioni disponibili. Non appena una regola di decisione viene aggiornata, il set di regole verrà riassemblato e preparato per l'esecuzione in fase di esecuzione. In questa fase di attivazione automatica, verranno valutati tutti i vincoli definiti dalla logica aziendale che non dipendono dal contesto di runtime. I risultati di questo passaggio di attivazione vengono inviati a una cache in cui sono disponibili per il runtime di Decisioning Service. Questo è illustrato nel diagramma seguente.
Una volta attivati i set di opzioni, i set di regole e i vincoli e inviati ai nodi del servizio di disattivazione, viene utilizzata una semplice API per inviare una richiesta di decisione. L'API viene generalmente chiamata da un servizio di consegna che prende l'opzione proposta (ad esempio, l'azione migliore successiva o l'offerta migliore successiva) e assembla l'esperienza o esegue l'azione. Se la proposta è un'offerta, il contenuto che rappresenta tale offerta viene ricercato e inserito in un'esperienza consegnata all'utente finale. Questo è illustrato nel diagramma seguente.
Il servizio di consegna raccoglie i dati per la richiesta di decisione. Determina l'ID dell'entità profilo per la quale è decisa l'opzione migliore. Assembla inoltre tutti i dati contestuali non memorizzati nel profilo cliente ma potenzialmente utilizzati dalla logica decisionale.
La logica decisionale è organizzata per attività, ciascuna delle quali specifica un filtro per il sottoinsieme di opzioni che dovrebbe essere preso in considerazione per questa attività, insieme a una singola opzione di fallback.
Ogni decisione viene presa applicando prima vincoli per ridurre il numero di opzioni e quindi classificando le opzioni rimanenti. Anche se la maggior parte della logica viene valutata all'interno del servizio di gestione delle decisioni, per questi due aspetti vengono utilizzati vari servizi di aggiunta. Ad esempio, un servizio di capping gestisce i limiti superiori per la frequenza con cui un'opzione può essere utilizzata in qualsiasi decisione e un altro servizio può ospitare un modello di machine learning utilizzato per calcolare i punteggi per un profilo e un'opzione.
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo delle API Repository, consultate l'esercitazione sulla gestione delle entità e delle regole di gestione tramite API
Per ulteriori informazioni sull'utilizzo del runtime di Decisioning Service, vedere l'esercitazione sull' utilizzo del runtime di Decisioning Service tramite API