Show Menu
ARGOMENTI×

Guida alla risoluzione dei problemi di caricamento in streaming

Questo documento contiene le risposte alle domande frequenti sull’assimilazione in streaming su Adobe Experience Platform. Per domande e risoluzione dei problemi relativi ad altri servizi della piattaforma, inclusi quelli che si verificano tra tutte le API della piattaforma, consulta la guida alla risoluzione dei problemi della piattaforma Experience .
L'inserimento dei dati in Adobe Experience Platform fornisce API RESTful che puoi utilizzare per assimilare i dati in Experience Platform. I dati acquisiti vengono utilizzati per aggiornare i profili dei singoli clienti in tempo quasi reale, consentendoti di fornire esperienze personalizzate e pertinenti su più canali. Per ulteriori informazioni sul servizio e sui diversi metodi di assimilazione, consulta la panoramica sull’inserimento dei dati. Per informazioni sull’utilizzo delle API di assimilazione in streaming, consultate la panoramica sull’assimilazione in streaming.

Domande frequenti

Segue un elenco di risposte alle domande frequenti sull’assimilazione in streaming.

Come posso sapere che il payload che sto inviando è formattato correttamente?

L'inserimento dei dati sfrutta gli schemi di Experience Data Model (XDM) per convalidare il formato dei dati in arrivo. L'invio di dati non conformi alla struttura di uno schema XDM predefinito causerà errori di assimilazione. Per ulteriori informazioni su XDM e sul suo utilizzo in Experience Platform, consulta la panoramica di sistema XDM.
L'assimilazione dello streaming supporta due modalità di convalida: sincrono e asincrono. Ogni metodo di convalida gestisce i dati non riusciti in modo diverso.
La convalida sincrona deve essere utilizzata durante il processo di sviluppo. I record per i quali la convalida non riesce vengono ignorati e restituiscono un messaggio di errore relativo al motivo dell'errore (ad esempio: "Formato messaggio XDM non valido").
La convalida asincrona deve essere utilizzata nella produzione. Eventuali dati non validi che non superano la convalida vengono inviati al Data Lake come file batch non riuscito, dove possono essere recuperati in seguito per ulteriori analisi.
Per ulteriori informazioni sulla convalida sincrona e asincrona, vedere la panoramica sulla convalida dello streaming. Per informazioni sulla visualizzazione dei batch con errore di convalida, consultare la guida per il recupero dei batch non riusciti.

Posso convalidare un payload di richiesta prima di inviarlo a Platform?

I payload di richieste possono essere valutati solo dopo che sono stati inviati a Platform. Durante l'esecuzione della convalida sincrona, i payload validi restituiscono oggetti JSON popolati mentre i payload non validi restituiscono messaggi di errore. Durante la convalida asincrona, il servizio rileva e invia tutti i dati non corretti al Data Lake, dove potrà essere successivamente recuperato per l'analisi. Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica sulla convalida dello streaming.

Cosa accade quando viene richiesta la convalida sincrona su un bordo che non la supporta?

Se la convalida sincrona non è supportata per la posizione richiesta, viene restituita una risposta di errore 501. Per ulteriori informazioni sulla convalida sincrona, vedere la panoramica sulla convalida in streaming.

Come posso garantire che i dati vengano raccolti solo da fonti attendibili?

Experience Platform supporta la raccolta dati protetta. Quando la raccolta di dati autenticati è abilitata, i client devono inviare un token Web JSON (JWT) e il relativo ID organizzazione IMS come intestazioni della richiesta. Per ulteriori informazioni su come inviare dati autenticati a Platform, consulta la guida sulla raccolta di dati autenticati.

Qual è la latenza per lo streaming dei dati sul profilo cliente in tempo reale?

Gli eventi in streaming si riflettono generalmente nel profilo cliente in tempo reale in meno di 60 secondi. Le latenze effettive possono variare a causa del volume dei dati, della dimensione del messaggio e delle limitazioni di larghezza di banda.

Posso includere più messaggi nella stessa richiesta API?

Puoi raggruppare più messaggi all’interno di un singolo payload di richiesta e inviarli in streaming alla piattaforma. Se utilizzati correttamente, il raggruppamento di più messaggi all’interno di una singola richiesta è un metodo eccellente per ottimizzare le operazioni relative ai dati. Per ulteriori informazioni, consulta l’esercitazione sull’ invio di più messaggi in una richiesta .

Come posso sapere se i dati che sto inviando vengono ricevuti?

Tutti i dati inviati a Platform (correttamente o in altro modo) vengono memorizzati come file batch prima di essere memorizzati nei dataset. Lo stato di elaborazione dei batch viene visualizzato all’interno del set di dati a cui sono stati inviati.
Per verificare se i dati sono stati acquisiti correttamente, controlla l’attività dei dataset tramite l’interfaccia utente di Experience Platform. Fare clic su Set di dati nella barra di navigazione a sinistra per visualizzare un elenco dei set di dati. Selezionare il set di dati a cui si sta eseguendo lo streaming dall'elenco visualizzato per aprire la pagina dell'attività ** del set di dati, in cui sono visualizzati tutti i batch inviati durante un periodo di tempo selezionato. Per ulteriori informazioni sull’utilizzo di Experience Platform per monitorare i flussi di dati, consulta la guida sul monitoraggio dei flussi di dati in streaming.
Se il caricamento dei dati non è riuscito e si desidera ripristinarlo dalla piattaforma, è possibile recuperare i batch non riusciti inviando i relativi ID all'API # Data Access. Per ulteriori informazioni, consulta la guida sul recupero dei batch con errore.

Perché i miei dati di streaming non sono disponibili nel Data Lake?

Esistono diversi motivi per cui l'inserimento batch potrebbe non riuscire a raggiungere il Data Lake, ad esempio formattazione non valida, dati mancanti o errori di sistema. Per determinare il motivo per cui il batch ha avuto esito negativo, è necessario recuperare il batch utilizzando l'API del servizio Data Ingestion e visualizzarne i dettagli. Per i passaggi dettagliati relativi al recupero di un batch con errore, vedere la guida al recupero dei batch con errore.

Come posso analizzare la risposta restituita per la richiesta API?

Potete analizzare una risposta controllando innanzitutto il codice di risposta del server per determinare se la richiesta è stata accettata. Se viene restituito un codice di risposta corretto, è possibile esaminare l'oggetto responses array per determinare lo stato dell'attività di assimilazione.
Una richiesta API per messaggio singolo riuscita restituisce il codice di stato 200. Una richiesta API per messaggi in batch riuscita (o parzialmente riuscita) restituisce il codice di stato 207.
Il seguente JSON è un oggetto di risposta di esempio per una richiesta API con due messaggi: un esito positivo e uno negativo. Messaggi che restituiscono correttamente una xactionId proprietà. I messaggi che non riescono a trasmettere in streaming restituiscono una statusCode proprietà e una risposta message con ulteriori informazioni.
{
    "inletId": "9b0cb233972f3b0092992284c7353f5eead496218e8441a79b25e9421ea127f5",
    "batchId": "1565638336649:1750:244",
    "receivedTimeMs": 1565638336705,
    "responses": [
        {
            "xactionId": "1565650704337:2124:92:3"
        },
        {
            "statusCode": 400,
            "message": "inletId: [9b0cb233972f3b0092992284c7353f5eead496218e8441a
                79b25e9421ea127f5] 
                imsOrgId: [{IMS_ORG}] 
                Message has unknown xdm format"
        }
    ]
}

Perché i miei messaggi inviati non vengono ricevuti dal profilo cliente in tempo reale?

Se il profilo cliente in tempo reale rifiuta un messaggio, è probabile che sia dovuto a informazioni di identità errate. Questo può essere il risultato della fornitura di un valore o di uno spazio nomi non validi per un'identità.
Esistono due tipi di spazi dei nomi di identità: predefinito e personalizzato. Quando utilizzate spazi dei nomi personalizzati, accertatevi che lo spazio dei nomi sia stato registrato in Servizio identità. Per ulteriori informazioni sull'utilizzo degli spazi dei nomi predefiniti e personalizzati, consultate la panoramica dello spazio dei nomi identità.
Puoi usare l’interfaccia utente della piattaforma Experience per visualizzare ulteriori informazioni sui motivi per cui un'assimilazione non è riuscita. Fai clic su Monitoraggio nella navigazione a sinistra, quindi visualizza la scheda Streaming end-to-end per visualizzare i batch di messaggi in streaming durante un periodo di tempo selezionato.