Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione di Adobe Experience Platform

Data di rilascio: 8 aprile 2020
Nuove funzioni in Adobe Experience Platform:
Aggiornamenti alle funzioni esistenti:

Servizi intelligenti

I servizi intelligenti consentono agli analisti e ai professionisti del marketing di sfruttare la potenza dell'intelligenza artificiale e dell'apprendimento automatico nei casi di utilizzo dell'esperienza cliente. Questo consente agli analisti di marketing di impostare previsioni specifiche per le esigenze di un'azienda utilizzando configurazioni a livello di business, senza bisogno di conoscenze scientifiche. Inoltre, i professionisti del marketing possono attivare le previsioni in Adobe Experience Cloud, Adobe Experience Platform e applicazioni di terze parti.
Funzionalità chiave
Funzione
Descrizione
AI cliente
L'AI del cliente fornisce agli esperti di marketing il potere di generare previsioni dei clienti a livello individuale con spiegazioni. Con l'aiuto di fattori influenti, l'intelligenza artificiale del cliente può dirvi cosa è probabile fare e perché. Inoltre, gli esperti di marketing possono trarre vantaggio dalle previsioni e dalle informazioni dell'AI cliente per personalizzare l'esperienza dei clienti, servendo le offerte e i messaggi più appropriati.
Attribuzione AI
L'AI di attribuzione è un servizio di attribuzione algoritmica multicanale che calcola l'influenza e l'impatto incrementale delle interazioni dei clienti rispetto a determinati risultati. Con Attribution AI, gli addetti al marketing possono misurare e ottimizzare le spese di marketing e pubblicitarie comprendendo l'impatto di ogni singola interazione con i clienti in ogni fase dei viaggi dei clienti.
Problemi noti
  • Nessun problema noto al momento.
Per maggiori informazioni sui servizi intelligenti e sui servizi offerti, consulta la panoramica sui servizi intelligenti.

Sistema XDM (Experience Data Model)

Standardizzazione e interoperabilità sono concetti chiave della piattaforma Experience. Experience Data Model (XDM), guidato da Adobe, è uno sforzo per standardizzare i dati sull'esperienza cliente e definire schemi per la gestione dell'esperienza cliente.
XDM è una specifica documentata pubblicamente progettata per migliorare la potenza delle esperienze digitali. Fornisce strutture e definizioni comuni per qualsiasi applicazione che desideri comunicare con i servizi in Adobe Experience Platform. Aderendo agli standard XDM, tutti i dati relativi all'esperienza dei clienti possono essere incorporati in una rappresentazione comune, fornendo informazioni approfondite in modo più rapido e integrato. Puoi ricavare informazioni utili dalle azioni dei clienti, definire il pubblico dei clienti attraverso i segmenti e utilizzare gli attributi del cliente a scopo di personalizzazione.
Nuove funzionalità
Funzione
Descrizione
Informazioni di visualizzazione alternative automatiche
Il Registro di sistema dello schema applica automaticamente i valori personalizzati di titolo e descrizione configurati nel alternateDisplayInfo descrittore.
Limitazioni per i campi scalari
Il Registro di sistema dello schema non consente più di 6000 campi scalari in un unico schema.
Revisione delle prestazioni
Il Registro di sistema dello schema è stato modificato per soddisfare meglio le esigenze della piattaforma Experience.
Correzioni di bug
  • È stato aggiornato XDM in XED convertito per supportare un formato XED più pulito per i campi URI nidificati in XDM standard.
Problemi noti
  • Noto

Governance dei dati

Adobe Experience Platform Data Governance è una serie di strategie e tecnologie utilizzate per gestire i dati dei clienti e garantire la conformità a normative, restrizioni e criteri applicabili all'utilizzo dei dati. Essa svolge un ruolo chiave all’interno di Experience Platform a vari livelli, tra cui catalogazione, line-up di dati, etichettatura dell’utilizzo dei dati, criteri di accesso ai dati e controllo dell’accesso ai dati per le azioni di marketing.
Per iniziare a utilizzare la gestione dei dati è necessario conoscere a fondo le normative, gli obblighi contrattuali e le politiche aziendali applicabili ai dati dei clienti. Da qui, i dati possono essere classificati applicando le etichette di utilizzo dei dati appropriate e il loro utilizzo può essere controllato tramite la definizione di criteri di utilizzo dei dati.
Il framework DULE semplifica e semplifica il processo di classificazione dei dati e creazione di criteri di utilizzo dei dati tramite l’interfaccia utente della piattaforma Experience e l’API del servizio DULE Policy.
Nuove funzionalità
Funzione
Descrizione
Gestione dei criteri di utilizzo dei dati nell’interfaccia utente
I criteri di utilizzo dei dati possono ora essere gestiti nell'area di lavoro Criteri dell'interfaccia utente della piattaforma Experience. Per ulteriori informazioni, consultate la guida utente ai criteri.
Problemi noti
  • None.
Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica sulla governance dei dati .

Destinazioni

In Adobe Real-time Customer Data Platform , le destinazioni sono integrazioni preconfigurate con piattaforme di destinazione che attivano i dati per tali partner in modo semplice.
Nuove destinazioni
Adobe Real-time CDP ora supporta l'attivazione dei dati per oltre cinquanta estensioni Experience Cloud Launch, abilitando analisi, personalizzazione e altri casi di utilizzo. Per ulteriori informazioni, vedere di seguito:
Documentazione
Descrizione
Questo articolo spiega la differenza tra connessioni ed estensioni nell'interfaccia Adobe Real-time CDP e consiglia quando utilizzare ciascuna di queste destinazioni.
In questa pagina sono illustrate le estensioni Launch, sono elencati i casi di utilizzo per le estensioni Launch e sono disponibili collegamenti alla documentazione per ciascuna estensione Launch di Adobe Real-time CDP.
Per ulteriori informazioni, consulta la panoramica Destinations Overview Destinazioni.

Servizio Privacy

Le nuove normative legali e organizzative danno agli utenti il diritto di accedere o cancellare i propri dati personali dall'archivio dei dati su richiesta. Il servizio Adobe Experience Platform Privacy Service fornisce un'API RESTful e un'interfaccia utente per aiutarti a gestire queste richieste di dati dai tuoi clienti. Il servizio Privacy consente di inviare richieste per l'accesso e l'eliminazione di dati privati o personali dei clienti dalle applicazioni Adobe Experience Cloud, facilitando la conformità automatizzata alle normative sulla privacy legali e organizzative.
Nuove funzionalità
Funzione
Descrizione
Supporto PDPA
Le richieste di privacy possono ora essere create e monitorate in base al Personal Data Protection Act (PDPA) in Thailandia. Quando si effettuano richieste di privacy nell'API, l' regulation array accetta il valore "pdpa_tha".
Tipi di namespace nell’interfaccia
È ora possibile specificare diversi tipi di spazio nomi in Request Builder nell'interfaccia utente del servizio per la privacy. Per ulteriori informazioni, consultate la guida Guida utente del servizio sulla privacy utente.
Obsoleto endpoint precedente
Il vecchio endpoint API ( data/privacy/gdpr ) è stato dichiarato obsoleto.
Problemi noti
  • None
Per ulteriori informazioni sul servizio Privacy, consultare la panoramica del servizio Privacy.

Origini

Adobe Experience Platform è in grado di acquisire dati da origini esterne e allo stesso tempo di strutturarli, etichettarli e ottimizzarli tramite i servizi della piattaforma. È possibile acquisire dati da origini diverse, come applicazioni Adobe, archiviazione basata su cloud, software di terze parti e il sistema CRM in uso.
Experience Platform fornisce un'API RESTful e un'interfaccia utente interattiva che consente di impostare connessioni sorgente per vari provider di dati con facilità. Queste connessioni di origine consentono di autenticare e connettersi a sistemi di storage e servizi CRM esterni, impostare i tempi per l'esecuzione dell'assimilazione e gestire il throughput di assimilazione dei dati.
Nuove funzionalità
Funzione
Descrizione
Supporto API e interfaccia utente per i database
Nuovi connettori sorgente per Apache Spark (su HDInsights), Azure Synapse Analytics, Azure Table Storage, Hive (su HDInsights) e Phoenix.
Supporto API e interfaccia utente per applicazioni basate su pagamenti
Nuovi connettori sorgente per PayPal.
Supporto API e interfaccia utente per applicazioni basate su protocolli
Nuovi connettori sorgente per OData generico.
Problemi noti
  • None
Per ulteriori informazioni sulle origini, consultate la panoramica sulle origini .