Show Menu
ARGOMENTI×

Panoramica del servizio di segmentazione

Adobe Experience Platform Segmentation Service fornisce un'interfaccia utente e RESTful API che consente di creare segmenti e generare audience dai dati del profilo cliente in tempo reale. Questi segmenti sono configurati e mantenuti a livello centrale su Platform e sono facilmente accessibili da qualsiasi soluzione Adobe.
Questo documento fornisce una panoramica del servizio di segmentazione e del ruolo che esso svolge in Adobe Experience Platform.

Guida introduttiva a Segmentation Service

È importante comprendere i seguenti termini chiave utilizzati in tutto il presente documento:
  • Segmentazione : Dividere un gruppo di individui di grandi dimensioni (come clienti, potenziali, utenti o organizzazioni) in gruppi più piccoli che condividono caratteristiche simili e risponderanno in modo simile alle strategie di marketing.
  • Definizione segmento: Set di regole utilizzato per descrivere le caratteristiche o il comportamento chiave di un'audience target. Una volta concettualizzate, le regole delineate in una definizione di segmento vengono utilizzate per determinare i membri di pubblico idonei per un segmento.
  • Pubblico : Set di profili risultante che soddisfano i criteri di una definizione di segmento.

Funzionamento della segmentazione

La segmentazione è il processo di definizione di attributi o comportamenti specifici condivisi da un sottoinsieme di profili dall'archivio profili per distinguere un gruppo commerciabile di persone dalla base cliente. Ad esempio, in una campagna e-mail intitolata "Hai dimenticato di comprare le tue scarpe da ginnastica?", potresti voler avere un pubblico di tutti gli utenti che hanno cercato di correre scarpe negli ultimi 30 giorni, ma che non hanno completato un acquisto.
Una volta concettualmente definito un segmento, questo viene integrato in Experience Platform. In genere, i segmenti sono realizzati dagli esperti di marketing o dagli specialisti di audience, anche se alcune organizzazioni preferiscono essere creati dal loro reparto marketing, in collaborazione con i loro analisti di dati. Dopo aver rivisto i dati inviati ad Platform, l'analista dei dati compone la definizione del segmento selezionando quali campi e valori verranno utilizzati per creare le regole o le condizioni del segmento. Questa operazione viene eseguita utilizzando l'interfaccia utente o l'API.

Creare un segmento

Sia che vengano creati utilizzando l'API o mediante Segment Builder (Generatore di segmenti), i segmenti vengono definiti in ultima istanza tramite Profile Query Language (PQL). Qui la definizione del segmento concettuale viene descritta nel linguaggio creato per recuperare i profili che soddisfano i criteri. Per ulteriori informazioni, consultate la panoramica PQL .
Per informazioni su come creare e utilizzare i segmenti nel Generatore di segmenti (l’implementazione dell’interfaccia utente del servizio di segmentazione), consulta la guida al Generatore di segmenti.
Per informazioni sulla creazione di definizioni di segmenti tramite l'API, consulta l'esercitazione sulla creazione di segmenti di pubblico tramite l'API .
Nel caso in cui uno schema venga esteso, tutti i caricamenti futuri devono aggiornare di conseguenza i campi aggiunti di recente. Per ulteriori informazioni sulla personalizzazione di Experience Data Model (XDM), consulta l'esercitazione Editor di schema.

Valutazione dei segmenti

Segmentazione in streaming

La segmentazione in streaming è un processo continuo di selezione dei dati che aggiorna i segmenti in risposta all'attività degli utenti. Una volta creato e salvato un segmento, la definizione del segmento viene applicata in base ai dati in entrata nel profilo cliente in tempo reale. L'aggiunta e l'eliminazione di segmenti vengono elaborati regolarmente, garantendo che il pubblico di destinazione rimanga rilevante.
Per ulteriori informazioni sulla segmentazione in streaming, consulta la documentazione sulla segmentazione in streaming.

Segmentazione batch

In alternativa a un processo continuo di selezione dei dati, la segmentazione in batch sposta tutti i dati di profilo contemporaneamente attraverso le definizioni dei segmenti per produrre i tipi di pubblico corrispondenti. Una volta creato, questo segmento viene salvato e memorizzato in modo da poterlo esportare per l’uso.
Per informazioni su come valutare i segmenti, consulta l’esercitazione sulla valutazione dei segmenti.

Accesso ai risultati della segmentazione

Per informazioni su come accedere a un segmento esportato, consulta l’esercitazione sulla valutazione dei segmenti.

Metadati segmento

I metadati dei segmenti facilitano l’indicizzazione nel caso in cui uno dei segmenti venga riutilizzato e/o combinato.
Per comporre i segmenti (tramite API o Generatore di segmenti) è necessario definire un nome di segmento e un criterio di unione.

Nomi dei segmenti

Quando crei un nuovo segmento, devi fornire un nome di segmento. Il nome del segmento viene utilizzato per identificare un particolare segmento tra la raccolta creata da Segmentation Service. I nomi dei segmenti devono pertanto essere descrittivi, concisi e univoci.
Durante la pianificazione di un segmento, tieni presente che ai segmenti è possibile fare riferimento da qualsiasi altro segmento e che questi possono essere combinati con esso. Quando selezioni un nome, prendi in considerazione la possibilità che il segmento contenga porzioni riutilizzabili.

Unisci criteri

I criteri di unione sono regole utilizzate dal profilo per determinare in che modo i dati verranno classificati in ordine di priorità e combinati in una visualizzazione unificata a determinate condizioni. Se non è definito alcun criterio di unione, viene utilizzato il criterio di unione predefinito di Platform. Se preferite utilizzare un criterio di unione specifico per l'organizzazione, potete crearne uno personalizzato e contrassegnarlo come predefinito dell'organizzazione.
La stima delle dimensioni del pubblico si basa sui criteri di unione dei profili predefiniti dell'organizzazione.

Altri metadati di segmento

Oltre al nome del segmento e ai criteri di unione, il Generatore di segmenti offre un campo di metadati "descrizione del segmento" aggiuntivo in cui potete riepilogare lo scopo della definizione del segmento.

Funzioni avanzate di segmentazione

I segmenti possono essere configurati in modo da generare continuamente un pubblico combinando l'inserimento dei dati di streaming con una delle seguenti funzioni avanzate di segmentazione:
Queste funzioni avanzate sono descritte più dettagliatamente nelle sezioni seguenti.

Segmentazione sequenziale

Un percorso standard dell'utente è sequenziale. Adobe Experience Platform consente di definire una serie ordinata di segmenti per riflettere questo percorso, acquisendo così le sequenze di eventi man mano che si verificano. Potete organizzare gli eventi nell'ordine desiderato utilizzando la timeline dell'evento visivo nel Generatore di segmenti.
Un esempio di percorso cliente che richiederebbe segmentazione sequenziale sarebbe la visualizzazione prodotto > aggiunta prodotto > checkout > Nessun acquisto.

Segmentazione dinamica

La segmentazione dinamica risolve i problemi di scalabilità che tradizionalmente incontrano i professionisti del marketing quando creano segmenti per campagne di marketing.
A differenza della segmentazione statica che richiede l'acquisizione esplicita e ripetuta di ogni caso di utilizzo possibile, la segmentazione dinamica utilizza le variabili per creare la logica della regola ed esprimere in modo dinamico le relazioni.

Caso di utilizzo: Ricerca di clienti che effettuano acquisti al di fuori del proprio stato

Per illustrare il valore di questa funzione di segmentazione avanzata, è consigliabile che un architetto dati collabori con un esperto di marketing per identificare i clienti che hanno effettuato acquisti al di fuori del proprio stato di origine.
Il problema
La segmentazione statica richiede di definire singoli segmenti con un attributo di stato iniziale univoco, prima di filtrare gli eventi di acquisto che non corrispondono allo stato iniziale. Un segmento esplicito di questo tipo avrebbe scritto "Sto cercando persone dallo Utah dove lo stato del loro acquisto non è lo Utah". La creazione di un'audience con questo metodo richiede la definizione di un segmento per ogni stato statunitense, per un totale di 50 segmenti.
A seguito delle diverse combinazioni di segmenti che inevitabilmente si verificano durante la scalabilità, il processo manuale richiesto per la segmentazione statica diventa più lungo, riducendo l'efficienza complessiva.
La soluzione
Assegnando una variabile all'attributo stato acquisto, il segmento dinamico semplifica la ricerca di un acquisto in cui lo stato dell'acquisto non è uguale allo stato iniziale del cliente. In questo modo potrete consolidare 50 segmenti statici in un unico segmento dinamico.

Segmentazione multi-entità

Con la funzione avanzata di segmentazione multi-entità, potete creare segmenti utilizzando più classi XDM, aggiungendo così estensioni agli schemi di persona. Di conseguenza, il servizio di segmentazione può accedere a campi aggiuntivi durante la definizione del segmento, come se fossero nativi dell'archivio dati del profilo.
La segmentazione multi-entità offre la flessibilità necessaria per identificare i tipi di pubblico in base ai dati pertinenti alle esigenze aziendali. Questo processo può essere fatto in modo rapido e semplice senza richiedere la competenza nella query dei database. Questo consente di aggiungere dati chiave ai segmenti senza dover apportare costose modifiche ai flussi di dati o aspettare un'unione di dati back-end.

Caso di utilizzo: Promozione basata sui prezzi

Per illustrare il valore di questa funzione di segmentazione avanzata, è consigliabile che un architetto dati collabori con un esperto di marketing.
In questo esempio, l'architetto dei dati sta unendo i dati di una singola classe (costituita da schemi con XDM Singolo profilo e XDM ExperienceEvent come classi base) a un'altra classe utilizzando una chiave. Una volta uniti, l'architetto dei dati o l'esperto di marketing possono utilizzare questi nuovi campi durante la definizione del segmento come se fossero nativi dello schema della classe base.
Il problema
L'architetto dei dati e l'esperto di marketing lavorano entrambi per lo stesso rivenditore di abbigliamento. Il rivenditore ha più di 1.000 punti vendita in Nord America e riduce periodicamente i prezzi dei prodotti per tutto il loro ciclo di vita. Di conseguenza, l'esperto di marketing vuole eseguire una campagna speciale per dare agli acquirenti che hanno acquistato questi articoli la possibilità di acquistarli al prezzo scontato.
Le risorse dell'architetto dati includono l'accesso ai dati Web dalla navigazione dei clienti e ai dati di aggiunta del carrello contenenti identificatori SKU del prodotto. Hanno inoltre accesso a una classe "prodotti" separata, in cui vengono memorizzate informazioni aggiuntive sul prodotto (incluso il prezzo del prodotto). La loro guida è focalizzata sui clienti che hanno aggiunto un prodotto al loro carrello negli ultimi 14 giorni, ma non hanno acquistato l'articolo, il cui prezzo è ora sceso.
La soluzione
In questo esempio si suppone che l'architetto dei dati abbia già stabilito uno spazio dei nomi ID.
Utilizzando l'API, l'architetto dei dati collega la chiave dello schema ExperienceEvent con la classe "products". In questo modo l'architetto dei dati può utilizzare i campi aggiuntivi della classe "products" come se fossero nativi dello schema ExperienceEvent. Come fase finale del lavoro di configurazione, l'architetto dei dati deve inserire i dati appropriati nel profilo cliente in tempo reale. A questo scopo, abilita il dataset "products" per l'utilizzo con Profile. Una volta completata la configurazione, l’architetto dei dati o l’esperto di marketing possono creare il segmento di destinazione in Segment Builder (Generatore di segmenti).
Vedere la panoramica sulla composizione dello schema per apprendere come definire le relazioni tra le classi XDM.

Casi di utilizzo

Per illustrare il valore di questa funzione di segmentazione avanzata, prendete in considerazione tre casi d’uso standard che illustrano le sfide presenti nelle applicazioni di marketing prima del miglioramento del payload del segmento:
  • Personalizzazione e-mail
  • Ritargeting e-mail
  • Ad retargeting
Personalizzazione e-mail
Un esperto di marketing che crea una campagna e-mail potrebbe aver tentato di creare un segmento per un pubblico target utilizzando gli acquisti recenti da parte dell'archivio clienti negli ultimi tre mesi. Idealmente, questo segmento richiederebbe sia il nome dell'articolo che il nome dello store in cui è stato effettuato l'acquisto. Prima di questo miglioramento, la sfida era catturare l'identificatore dello store dall'evento di acquisto e assegnarlo al profilo del cliente.
Ritargeting e-mail
Spesso è complesso creare e qualificare segmenti per le campagne e-mail mirate all'"abbandono del carrello". Prima del miglioramento, sapere quali prodotti includere in un messaggio personalizzato era difficile a causa della disponibilità dei dati richiesti. I dati per i quali i prodotti sono stati abbandonati sono legati a eventi di esperienza che prima erano difficili da monitorare ed estrarre dati da.
Ad retargeting
Un'altra sfida tradizionale per gli esperti di marketing è stata la creazione di annunci per ricompensare i clienti con articoli abbandonati del carrello. Mentre le definizioni dei segmenti affrontavano questa sfida, prima del miglioramento, non esisteva un metodo formale per distinguere tra prodotti acquistati e prodotti abbandonati. Ora è possibile eseguire il targeting di set di dati specifici durante la definizione del segmento.

Tipi di dati del servizio di segmentazione

Tutti i tipi di dati XDM sono supportati in Segmentation Service. Le regole che costituiscono una definizione di segmento sono contestualizzate dai seguenti tipi di dati.

Dati stringa

Le definizioni dei segmenti utilizzano i dati stringa per definire vincoli non numerici per i tipi di pubblico dei segmenti, ad esempio "nome del paese" o "livello del programma fedeltà".
I dati stringa sono inclusi nelle definizioni dei segmenti utilizzando istruzioni logiche, complete/esclusive e di confronto. Una volta aggiunto un attributo stringa alla definizione del segmento, è possibile utilizzare istruzioni pertinenti sotto forma di stringa per valutarlo rispetto ad altri campi stringa.
Tipo di istruzione
Esempi
Logica
e, oppure no
Inclusivo/esclusivo
includi, deve esistere, escludi, non deve esistere
Confronto
uguale, non uguale, contiene, inizia con

Dati data

I dati data consentono di assegnare contesto basato sull'ora alle definizioni dei segmenti, utilizzando date di inizio/fine specifiche o utilizzando istruzioni relative alla data come mostrato nella tabella seguente. Un'implementazione potrebbe consistere nel creare un pubblico di clienti che hanno interagito con il tuo marchio in quest'anno e che è stato attivo anche negli ultimi giorni.
Esempio di campo
Indicazioni relative alla data
Timeline
person.firstPurchase
oggi, ieri, questo mese, quest'anno
Rilevante per il giorno in cui il segmento è stato creato.
person.lastPurchase
last, durante, prima, dopo, entro
Pertinente entro una data settimana/mese.

Eventi esperienza

Come schema di Adobe Experience Platform , XDM ExperienceEvents registra le interazioni esplicite ed implicite dei clienti con le applicazioni integrate Platform, inclusa un'istantanea del sistema al momento dell'interazione. ExperienceEvents sono record di fatti. Sono pertanto un'origine dati disponibile durante la definizione del segmento.
Come illustrato nella tabella seguente, i dati dell'evento vengono rappresentati utilizzando le parole chiave che consentono di definire il comportamento dell'evento e specificare gli attributi dell'evento.
Parola chiave
Utilizzo di
Includi/Escludi
Descrive il comportamento dell'evento attraverso l'inclusione o l'omissione dei dati.
Any/all
Consente di determinare il numero di segmenti idonei.
Pulsante "Applica regola di ora"
Incorpora i dati data.
Uguale, non uguale, inizia con, non inizia con, termina con, non termina con, contiene, non contiene, non contiene, esiste, non esiste
Incorpora i dati stringa.

Segmenti

Le definizioni di segmento esistenti possono essere utilizzate anche come componenti di una nuova definizione di segmento, aggiungendo al nuovo segmento i relativi attributi e regole basate sugli eventi.

Tipi di pubblico

Le audience esterne possono essere utilizzate anche come componenti di una nuova definizione di segmento, aggiungendo le relative regole di attributi al nuovo segmento.
Al momento, è supportato solo Adobe Audience Manager come pubblico. In futuro verranno attivate ulteriori fonti.

Altri tipi di dati

Oltre a quelli sopra menzionati, l'elenco dei tipi di dati supportati include anche:
  • Stringa
  • Uniform Resource Identifier
  • Enum
  • Numero
  • Long
  • Intero
  • Breve
  • Byte
  • Booleano
  • Data
  • Data-ora
  • Matrice
  • Oggetto
  • Mappa
  • Eventi

Passaggi successivi

Il servizio di segmentazione fornisce un flusso di lavoro consolidato per creare segmenti dai dati del profilo cliente in tempo reale. In sintesi:
  • La segmentazione è il processo di definizione di un sottoinsieme di profili dallo store del profilo, che consente di caratterizzare il comportamento o gli attributi di un gruppo commerciabile desiderato. Il servizio di segmentazione rende possibile questo processo.
  • Durante la pianificazione di un segmento, tenere presente che a un segmento può essere fatto riferimento e combinato con qualsiasi altro segmento.
  • Un segmento può essere generato da regole basate sui dati del profilo, sui dati delle serie temporali correlati o su entrambi.
  • I segmenti possono essere valutati su richiesta o in modo continuo. Quando viene valutato su richiesta, tutti i dati del profilo vengono passati attraverso le definizioni del segmento alla volta. Quando viene valutato in modo continuo, i dati scorrono le definizioni dei segmenti mentre questi vengono immessi in Platform.
Per informazioni su come definire i segmenti nell’interfaccia utente, consulta la guida di Generatore di segmenti. Per informazioni sulla creazione di definizioni di segmenti tramite l'API, consulta l'esercitazione sulla creazione di segmenti tramite l'API .