Show Menu
ARGOMENTI×

Segment Builder guida utente

Adobe Experience Platform Segmentation Service fornisce un'API RESTful e un'interfaccia utente per la creazione delle definizioni dei segmenti dai Real-time Customer Profile dati.

Introduzione

Per utilizzare le definizioni dei segmenti è necessario conoscere i diversi Experience Platform servizi coinvolti nella segmentazione. Prima di leggere questa guida utente, consulta la documentazione relativa ai seguenti servizi:
  • Segmentation Service : Segmentation Service consente di dividere i dati memorizzati in Experience Platform relazione a individui (come clienti, potenziali, utenti o organizzazioni) in gruppi più piccoli che condividono caratteristiche simili e risponderanno in modo simile alle strategie di marketing.
  • Real-time Customer Profile : Fornisce un profilo di consumo unificato e in tempo reale basato su dati aggregati provenienti da più origini.
  • Identity Service : Consente Real-time Customer Profile di colmare le identità provenienti da origini dati diverse in cui viene eseguito il caricamento Platform.
  • Experience Data Model (XDM) : Il framework standard con cui Platform organizzare i dati relativi all'esperienza del cliente.
È inoltre importante conoscere due termini chiave utilizzati in questo documento e comprendere la differenza tra questi:
  • Definizione segmento: Set di regole utilizzato per descrivere le caratteristiche o i comportamenti chiave di un'audience di destinazione.
  • Pubblico : Set di profili risultante che soddisfano i criteri di una definizione di segmento.

Accesso alle definizioni dei segmenti

Per iniziare a lavorare con le definizioni dei segmenti in Adobe Experience Platform, fai clic Segments nella barra di navigazione a sinistra. Per visualizzare tutte le definizioni di segmento per la tua organizzazione, fai clic sulla Browse scheda. Questa visualizzazione elenca informazioni sulla definizione del segmento, incluso il metodo di valutazione, la data di creazione e l’ultima data di modifica.
Il metodo di valutazione può essere in streaming o batch. I segmenti di streaming vengono valutati costantemente quando i dati entrano nel sistema. I segmenti batch vengono valutati in base a una pianificazione prestabilita.
I segmenti batch presentano informazioni aggiuntive, che mostrano sia la data dell'ultima valutazione, sia la data della valutazione successiva per il batch.
Facendo clic Create segment nell’angolo in alto a destra si apre l’area di lavoro Generatore di segmenti, in cui potete iniziare a creare una definizione di segmento.

Segment Builder workspace

Segment Builder offre un’area di lavoro completa che consente di interagire con gli elementi Profile dati. L’area di lavoro offre controlli intuitivi per la creazione e la modifica di regole, come le sezioni di trascinamento utilizzate per rappresentare le proprietà dei dati.

Blocchi di generazione delle definizioni dei segmenti

I mattoni base delle definizioni dei segmenti sono Attributes e Events . Inoltre, gli attributi e gli eventi contenuti in esistenti Audiences possono essere utilizzati anche come componenti per nuove definizioni.
Potete vedere questi blocchi nella Fields sezione sul lato sinistro dell’ Segment Builder area di lavoro. Fields contiene una scheda per ciascuno dei blocchi di generazione principali: Attributes , Events e Audiences .

Attributi

La Attributes scheda consente di esplorare Profile gli attributi appartenenti alla XDM Individual Profile classe. Ogni cartella può essere espansa per rivelare altri attributi, in cui ogni attributo è una sezione che può essere trascinata sul quadro del generatore di regole al centro dell’area di lavoro. Il quadro del generatore di regole viene discusso più dettagliatamente più avanti in questa guida.

Eventi

La Events scheda consente di creare un'audience basata su eventi o azioni che si sono verificati utilizzando elementi XDM ExperienceEvent dati. Potete anche trovare i tipi di evento nella Events scheda, una raccolta di eventi di uso comune che consente di creare i segmenti più rapidamente.
Oltre a poter individuare ExperienceEvent gli elementi, potete anche cercare i tipi di evento. I tipi di evento utilizzano la stessa logica di codifica utilizzata ExperienceEvents, senza che sia necessario eseguire ricerche nella XDM ExperienceEvent classe alla ricerca dell'evento corretto. Ad esempio, utilizzando la barra di ricerca per cercare "carrello" vengono restituiti i tipi di evento "AddCart" e "RemoveCart", due azioni carrello utilizzate di frequente per la creazione delle definizioni dei segmenti.
Per cercare qualsiasi tipo di componente, digitatene il nome nella barra di ricerca, che utilizza la sintassi di ricerca di Lucene. I risultati della ricerca iniziano a essere compilati man mano che vengono inserite parole intere. Ad esempio, per creare una regola basata sul campo XDM ExperienceEvent.commerce.productViews , iniziate a digitare "product views" nel campo di ricerca. Una volta digitata la parola "prodotto", i risultati della ricerca iniziano a comparire. Ogni risultato include la gerarchia di oggetti alla quale appartiene.
I campi dello schema personalizzato definiti dall'organizzazione possono richiedere fino a 24 ore per essere visualizzati e diventare disponibili per l'uso nelle regole di creazione.
Puoi quindi trascinare ExperienceEvents e rilasciare facilmente i segmenti e Event Types inserirli nella definizione del segmento.
Per impostazione predefinita, vengono visualizzati solo i campi dello schema compilati dall'archivio dati. Ciò include Event Types. Se l’ Event Types elenco non è visibile, oppure è possibile selezionare "Any" solo come Event Type, fare clic sull’icona a forma di ingranaggio accanto a Fields , quindi selezionare Show full XDM schema sotto Available Fields . Fare di nuovo clic sull'icona a forma di ingranaggio per tornare alla Fields scheda ed è ora possibile visualizzare più campi Event Types e di schema, indipendentemente dal fatto che contengano o meno dati.

Tipi di pubblico

La Audiences scheda elenca tutte le audience importate da origini esterne, come Adobe Audience Manager, nonché quelle create all'interno Experience Platform.
Nella Audiences scheda è possibile visualizzare tutte le origini disponibili come un gruppo di cartelle. Facendo clic su queste cartelle, è possibile visualizzare le sottocartelle e le audience disponibili. Inoltre, potete fare clic sull’icona della cartella (come illustrato nell’immagine all’estrema destra) per visualizzare la struttura delle cartelle (un segno di spunta indica la cartella in cui ci si trova attualmente) e navigare facilmente tra le cartelle facendo clic sul nome di una cartella nella struttura.
Puoi passare il cursore del mouse sul ⓘ accanto a un'audience per visualizzare le informazioni relative a quest'ultima, inclusi il relativo ID, la descrizione e la gerarchia di cartelle per individuare l'audience.
Potete anche cercare Audiences utilizzando la barra di ricerca, che utilizza la sintassi di ricerca di Lucene. Nella Audiences scheda, se si seleziona una cartella di livello principale viene visualizzata la barra di ricerca, che consente di effettuare ricerche all’interno della cartella. I risultati della ricerca iniziano a essere compilati solo dopo l'immissione di intere parole. Ad esempio, per trovare un Audience nome Online Shoppers , iniziate a digitare "Online" nella barra di ricerca. Una volta digitata la parola "Online", vengono visualizzati i risultati della ricerca contenenti la parola "Online".

Area di lavoro del generatore di regole

Una definizione di segmento è una raccolta di regole utilizzate per descrivere le caratteristiche o il comportamento chiave di un'audience target. Queste regole vengono create utilizzando il rule builder canvas , situato al centro di Segment Builder.
Per aggiungere una nuova regola alla definizione del segmento, trascinate una sezione dalla Fields scheda e rilasciatela nell’area di lavoro del generatore di regole. Verranno quindi presentate opzioni specifiche per il contesto in base al tipo di dati aggiunto. I tipi di dati disponibili includono: stringhe, date, ExperienceEvents​Event Typese Audiences.

Aggiunta di audience

Puoi trascinare un'audience dalla Audience scheda nell'area di lavoro del generatore di regole per fare riferimento all'appartenenza all'audience nella nuova definizione di segmento. Questo consente di includere o escludere l'appartenenza all'audience come attributo nella nuova regola del segmento.
Per Platform i tipi di pubblico creati con Segment Builder, potete scegliere di convertire l'audience in un set di regole utilizzate nella definizione del segmento per quell'audience. Questa conversione crea una copia della logica della regola, che può essere modificata senza influenzare la definizione del segmento originale. Prima di convertire le modifiche recenti nella definizione del segmento in logica regola, accertatevi di aver salvato le modifiche recenti.
Quando si aggiunge un'audience da un'origine esterna, viene fatto riferimento solo all'appartenenza all'audience. Non è possibile convertire l'audience in regole, pertanto le regole utilizzate per creare l'audience originale non possono essere modificate nella nuova definizione di segmento.
Se si verificano dei conflitti durante la conversione dei tipi di pubblico in regole, Segment Builder tenterà di mantenere al meglio le opzioni esistenti.

Vista Codice

In alternativa, è possibile visualizzare una versione basata su codice di una regola creata in Segment Builder. Dopo aver creato la regola all'interno del quadro del generatore di regole, potete selezionare Code view per visualizzare il segmento come PQL.
La vista Codice fornisce un pulsante che consente di copiare il valore del segmento da utilizzare nelle chiamate API. Per ottenere la versione più recente del segmento, accertati di aver salvato le ultime modifiche al segmento.

Contenitori

Le regole del segmento vengono valutate nell'ordine in cui sono elencate. I contenitori consentono il controllo dell'ordine di esecuzione mediante l'uso di query nidificate.
Dopo aver aggiunto almeno una sezione al quadro del generatore di regole, potete iniziare ad aggiungere contenitori. Per creare un nuovo contenitore, fate clic sulle ellissi (...) nell’angolo superiore destro della sezione, quindi fate clic Add container .
Un nuovo contenitore viene visualizzato come secondario del primo contenitore, ma è possibile regolare la gerarchia trascinando e spostando i contenitori. Il comportamento predefinito di un contenitore consiste nel "Include" l'attributo, l'evento o l'audience forniti. Potete impostare la regola su "Exclude" profili che corrispondono ai criteri del contenitore facendo clic Include nell'angolo superiore sinistro della sezione e selezionando "Exclude".
È inoltre possibile estrarre e aggiungere un contenitore secondario al contenitore principale facendo clic su "unwrapper contenitore" nel contenitore secondario. Fate clic sulle ellissi (...) nell’angolo superiore destro del contenitore secondario per accedere a questa opzione.
Dopo aver fatto clic Unwrap container sul contenitore secondario viene rimosso e i criteri vengono visualizzati in linea.
Quando si estrae un contenitore, prestate attenzione affinché la logica continui a soddisfare la definizione del segmento desiderata.

Unisci criteri

Experience Platform consente di unire dati provenienti da più origini e combinarli per visualizzare una visione completa di ogni singolo cliente. Quando si uniscono questi dati, i criteri di unione sono le regole che Platform utilizzano per determinare in che modo i dati verranno classificati come priorità e quali dati verranno combinati per creare un profilo.
È possibile selezionare un criterio di unione che corrisponda al proprio scopo di marketing per questo pubblico o utilizzare il criterio di unione predefinito fornito da Platform. È possibile creare più criteri di unione univoci per l'organizzazione, inclusa la creazione di criteri di unione predefiniti. Per istruzioni dettagliate sulla creazione di criteri di unione per l'organizzazione, vedere l'esercitazione sull' utilizzo dei criteri di unione nell'interfaccia utente .
Per selezionare un criterio di unione per la definizione del segmento, fai clic sull'icona a forma di ingranaggio nella Fields scheda, quindi utilizza il menu Merge Policy ​a discesa per selezionare il criterio di unione che desideri utilizzare.

Proprietà dei segmenti

Quando si crea una definizione di segmento, la Segment Properties sezione sul lato destro dell'area di lavoro visualizza una stima della dimensione del segmento risultante, consentendo di regolare la definizione del segmento come necessario prima di creare il pubblico stesso.
La Segment Properties sezione è anche il punto in cui potete specificare informazioni importanti sulla definizione del segmento, inclusi i relativi Name e Description . I nomi delle definizioni dei segmenti vengono utilizzati per identificare il segmento tra quelli definiti dall’organizzazione e devono pertanto essere descrittivi, concisi e univoci.
Mentre continuate a generare la definizione del segmento, potete visualizzare un'anteprima impaginata del pubblico selezionando View Profiles .
Le stime dell'audience vengono generate utilizzando una dimensione di esempio dei dati di quel giorno. Se nell'archivio profili sono presenti meno di 1 milione di entità, viene utilizzato l'intero set di dati; per un periodo compreso tra 1 e 20 milioni di entità, sono utilizzate 1 milione di entità; e per oltre 20 milioni di entità, viene utilizzato il 5% del totale delle entità. Ulteriori informazioni sulla generazione delle stime dei segmenti sono disponibili nella sezione Generazione delle stime dell’esercitazione sulla creazione dei segmenti.

Abilita segmentazione pianificata

Una volta create le definizioni dei segmenti, potete valutarle tramite una valutazione su richiesta o pianificata (continua). Valutazione significa spostare Real-time Customer Profile i dati attraverso le definizioni dei segmenti per produrre audience corrispondenti. Una volta creati, i tipi di pubblico vengono salvati e memorizzati in modo che possano essere esportati tramite Experience Platform le API.
La valutazione su richiesta prevede l'utilizzo dell'API per eseguire la valutazione e generare audience in base alle esigenze, mentre la valutazione programmata (nota anche come "segmentazione pianificata") consente di creare una pianificazione periodica per valutare le definizioni dei segmenti in un momento specifico (al massimo, una volta al giorno).
Per abilitare le definizioni dei segmenti per la valutazione pianificata, puoi utilizzare l’interfaccia utente o l’API. Nell’interfaccia utente, tornate alla Browse scheda all’interno Segments e attivate Evaluate all segments . In questo modo tutti i segmenti verranno valutati in base alla pianificazione impostata dall'organizzazione.
La valutazione pianificata può essere abilitata per le sandbox con un massimo di cinque (5) criteri di unione per XDM Individual Profile. Se l'organizzazione dispone di più di cinque criteri di unione per XDM Individual Profile un unico ambiente sandbox, non sarà possibile utilizzare la valutazione pianificata.
Le pianificazioni al momento possono essere create solo tramite l'API. Per informazioni dettagliate sulla creazione, la modifica e l'utilizzo delle pianificazioni tramite l'API, seguite l'esercitazione per valutare e accedere ai risultati dei segmenti, in particolare la sezione sulla valutazione pianificata tramite l'API .

Segmentazione in streaming

Affinché la segmentazione in streaming possa funzionare, il cliente dovrà attivare la segmentazione pianificata per l’organizzazione. Per informazioni dettagliate sull'abilitazione della segmentazione pianificata, consultate la sezione precedente in questa guida utente.
Una query verrà valutata automaticamente con segmentazione in streaming se soddisfa uno dei seguenti criteri:
Tipo di query
Dettagli
Esempio
hit in ingresso
Definizione di segmento che fa riferimento a un singolo evento in arrivo senza limitazioni temporali.
Hit in arrivo all’interno di una finestra temporale relativa
Definizione di segmento che fa riferimento a un singolo evento in arrivo negli ultimi sette giorni .
Hit in arrivo che fa riferimento a un profilo
Definizione di segmento che fa riferimento a un singolo evento in arrivo, senza limitazioni temporali, e uno o più attributi di profilo.
Hit in arrivo che fa riferimento a un profilo all’interno di una finestra temporale relativa
Definizione di segmento che fa riferimento a un singolo evento in arrivo e a uno o più attributi di profilo, negli ultimi sette giorni .
Più eventi che fanno riferimento a un profilo
Qualsiasi definizione di segmento che fa riferimento a più eventi nelle ultime 24 ore e (facoltativamente) ha uno o più attributi di profilo.
Nella sezione seguente sono elencati alcuni esempi di definizione del segmento che non saranno abilitati per la segmentazione in streaming.
Tipo di query
Dettagli
Hit in arrivo all’interno di una finestra temporale relativa
Se la definizione del segmento si riferisce a un evento in arrivo non entro l’ ultimo periodo di sette giorni. Ad esempio, entro le ultime due settimane .
Hit in arrivo che fa riferimento a un profilo all’interno di una finestra relativa
Le seguenti opzioni non supportano la segmentazione in streaming:
  • Un evento in arrivo non entro l' ultimo periodo di sette giorni.
  • Definizione del segmento che include Adobe Audience Manager (AAM) segmenti o caratteristiche.
Più eventi che fanno riferimento a un profilo
Le seguenti opzioni non supportano la segmentazione in streaming:
  • Un evento che non si verifica entro le ultime 24 ore .
  • Definizione del segmento che include segmenti o caratteristiche Adobe Audience Manager (AAM).
Query con più entità
Nel complesso, le query con più entità non sono supportate dalla segmentazione in streaming.
Inoltre, durante la segmentazione in streaming si applicano alcune linee guida:
Tipo di query
Indirizzo
Query evento singolo
La finestra di look-back è limitata a sette giorni .
Query con cronologia eventi
  • La finestra di look-back è limitata a un giorno .
  • Tra gli eventi deve esistere una condizione di ordine di tempo restrittivo.
  • Sono consentiti solo gli ordini temporali semplici (prima e dopo) tra gli eventi.
  • I singoli eventi non possono essere negati. Tuttavia, l’intera query può essere negata.

Monitoraggio della segmentazione in streaming

Dopo aver creato un segmento abilitato per lo streaming, potete monitorare i dettagli di tale segmento.
Nello specifico, total qualified audience size vengono visualizzati i dettagli relativi all'evento. Se un processo è stato eseguito nelle ultime 24 ore, viene visualizzato il Total Audience Size modulo dal processo, oltre a un grafico a linee per l’audience aggiunta. In caso contrario, Estimated Audience Size viene visualizzato, oltre a una linea di tendenza della visualizzazione.
Ulteriori informazioni sulla valutazione dell’ultimo segmento sono reperibili facendo clic sulla bolla delle informazioni.

Video dimostrativo sulla segmentazione in streaming

Il seguente video è pensato per comprendere meglio la segmentazione in streaming. Mostra un esempio di esperienza del cliente seguito da una breve presentazione delle funzioni chiave nell' Platform interfaccia.

DULE violazioni dei criteri

Le violazioni dei criteri DULE si applicano solo se si crea un segmento assegnato a una destinazione.
Dopo aver creato il segmento, questo verrà analizzato Data Governance per assicurarsi che non vi siano violazioni dei criteri all'interno del segmento. Per informazioni dettagliate sulle violazioni DULE e dei criteri, fare riferimento alla panoramica delle etichette di utilizzo dei dati.

Passaggi successivi e risorse aggiuntive

Segment Builder (Generatore di segmenti) offre un flusso di lavoro avanzato che consente di isolare i tipi di pubblico commerciabili dai Real-time Customer Profile dati. Dopo aver letto questa guida, è ora possibile:
  • Crea le definizioni dei segmenti utilizzando una combinazione di attributi, eventi e audience esistenti come elementi costitutivi.
  • Utilizzate l'area di lavoro e i contenitori del generatore di regole per controllare l'ordine in cui vengono eseguite le regole del segmento.
  • Visualizzare le stime del pubblico potenziale, per regolare le definizioni dei segmenti in base alle esigenze.
  • Abilita tutte le definizioni di segmento per la segmentazione pianificata.
  • Abilita le definizioni di segmento specificate per la segmentazione in streaming.
Per saperne di più Segmentation Service, continuate a leggere la documentazione e completate le vostre lezioni guardando i video qui sotto. Per istruzioni dettagliate sull'utilizzo Segmentation Service dell' Segmentation Service API, vedete l'esercitazione sulla creazione di segmenti di pubblico tramite API .
L’ Platform interfaccia utente mostrata nei video seguenti è obsoleta. Per informazioni sulle ultime funzionalità e videate dell’interfaccia, consulta la documentazione precedente.
Crea un segmento:

Crea un segmento dinamico: