Show Menu
ARGOMENTI×

Creare un connettore Phoenix utilizzando l'API di servizio di flusso

Flow Service è utilizzato per raccogliere e centralizzare i dati dei clienti da varie origini diverse all'interno di Adobe Experience Platform. Il servizio fornisce un'interfaccia utente e RESTful API da cui sono collegate tutte le origini supportate.
Questa esercitazione utilizza l’API del servizio di flusso per illustrare i passaggi necessari per collegare un database Phoenix a Experience Platform.

Introduzione

Questa guida richiede una buona conoscenza dei seguenti componenti di Adobe Experience Platform:
  • Origini : Experience Platform consente di acquisire dati da varie fonti, fornendo al contempo la possibilità di strutturare, etichettare e migliorare i dati in arrivo tramite i servizi della piattaforma.
  • Sandbox : Experience Platform fornisce sandbox virtuali che dividono una singola istanza della piattaforma in ambienti virtuali separati per sviluppare e sviluppare applicazioni per esperienze digitali.
Le sezioni seguenti forniscono informazioni aggiuntive che sarà necessario conoscere per collegarsi correttamente a Phoenix tramite l'API del servizio di flusso.

Raccogli credenziali richieste

Affinché il servizio di flusso possa connettersi con Phoenix, è necessario fornire i valori per le seguenti proprietà di connessione:
Credenziali
Descrizione
host
Indirizzo IP o nome host del server Phoenix.
username
Il nome utente utilizzato per accedere al server Phoenix.
password
La password corrispondente all'utente.
port
La porta TCP utilizzata dal server Phoenix per ascoltare le connessioni client. Se ci si connette ad Azure HDInsights, specificare la porta come 443.
httpPath
URL parziale corrispondente al server Phoenix. Specificare /hbasephoenix0 se si utilizza il cluster Azure HDInsights.
enableSsl
Un valore booleano. Specifica se le connessioni al server sono crittografate utilizzando SSL.
connectionSpec.id
Identificatore univoco necessario per creare una connessione. L'ID della specifica di connessione per Phoenix è: 102706fb-a5cd-42ee-afe0-bc42f017ff43
Per ulteriori informazioni su come iniziare, consulta questo documento Phoenix.

Lettura di chiamate API di esempio

Questa esercitazione fornisce esempi di chiamate API per dimostrare come formattare le richieste. Questi includono percorsi, intestazioni richieste e payload di richieste formattati correttamente. Viene inoltre fornito un JSON di esempio restituito nelle risposte API. Per informazioni sulle convenzioni utilizzate nella documentazione per le chiamate API di esempio, consulta la sezione come leggere le chiamate API di esempio nella guida alla risoluzione dei problemi della piattaforma Experience.

Raccogli valori per le intestazioni richieste

Per effettuare chiamate alle API della piattaforma, dovete prima completare l'esercitazione di autenticazione. Completando l'esercitazione sull'autenticazione, vengono forniti i valori per ciascuna delle intestazioni richieste in tutte le chiamate API di Experience Platform, come illustrato di seguito:
  • Autorizzazione: Portatore {ACCESS_TOKEN}
  • x-api-key: {API_KEY}
  • x-gw-ims-org-id: {IMS_ORG}
Tutte le risorse in Experience Platform, incluse quelle appartenenti al servizio di flusso, sono isolate in sandbox virtuali specifiche. Tutte le richieste alle API della piattaforma richiedono un'intestazione che specifica il nome della sandbox in cui avrà luogo l'operazione:
  • x-sandbox-name: {SANDBOX_NAME}
Tutte le richieste che contengono un payload (POST, PUT, PATCH) richiedono un'intestazione aggiuntiva per il tipo di supporto:
  • Content-Type: application/json

Creazione di una connessione

Una connessione specifica un'origine e contiene le credenziali per tale origine. Per l'account Phoenix è necessaria una sola connessione, in quanto può essere utilizzata per creare più connettori sorgente per inserire dati diversi.
Formato API
POST /connections

Richiesta
Per creare una connessione Phoenix, è necessario fornire l'ID univoco della specifica di connessione come parte della richiesta POST. L'ID della specifica di connessione per Phoenix è 102706fb-a5cd-42ee-afe0-bc42f017ff43 .
curl -X POST \
    'https://platform.adobe.io/data/foundation/flowservice/connections' \
    -H 'Authorization: Bearer {ACCESS_TOKEN}' \
    -H 'x-api-key: {API_KEY}' \
    -H 'x-gw-ims-org-id: {IMS_ORG}' \
    -H 'x-sandbox-name: {SANDBOX_NAME}' \
    -H 'Content-Type: application/json' \
    -d '{
        "name": "Phoenix test connection",
        "description": "Phoenix test connection",
        "auth": {
            "specName": "Basic Authentication",
        "params": {
            "host" :  "{HOST}",
            "username" : "{USERNAME}",
            "password" :"{PASSWORD}",
            "port" : {PORT},
            "httpPath" : "{PATH}",
            "enableSsl" : {SSL}
            }
        },
        "connectionSpec": {
            "id": "102706fb-a5cd-42ee-afe0-bc42f017ff43",
            "version": "1.0"
        }
    }'

Proprietà
Descrizione
auth.params.host
Host del server Phoenix.
auth.params.username
Nome utente associato alla connessione Phoenix.
auth.params.password
La password associata alla connessione Phoenix.
auth.params.port
La porta TCP per la connessione Phoenix.
auth.params.httpPath
Percorso http parziale per la connessione Phoenix.
auth.params.enableSsl
Valore booleano che specifica se le connessioni al server sono crittografate utilizzando SSL.
connectionSpec.id
ID specifica di connessione Phoenix: 102706fb-a5cd-42ee-afe0-bc42f017ff43 .
Risposta
Una risposta corretta restituisce i dettagli della nuova connessione creata, incluso il relativo identificatore univoco ( id ). Questo ID è necessario per esplorare i dati nell'esercitazione successiva.
{
    "id": "0d982fff-c443-403e-982f-ffc443f03e37",
    "etag": "\"830082dc-0000-0200-0000-5e84ee560000\""
}

Passaggi successivi

Seguendo questa esercitazione, hai creato una connessione Phoenix utilizzando l'API del servizio di flusso e hai ottenuto il valore ID univoco della connessione. Puoi usare questo ID nell’esercitazione successiva per imparare a esplorare i database utilizzando l’API del servizio di flusso.