Show Menu
ARGOMENTI×

Creare un connettore di origine di archiviazione Google Cloud nell'interfaccia utente

I connettori di origine in Adobe Experience Platform consentono di trasferire i dati esternamente su base programmata. Questa esercitazione fornisce i passaggi per la creazione di un connettore sorgente Google Cloud Storage (in seguito denominato "GCS") tramite l'interfaccia utente della piattaforma.

Introduzione

Questa esercitazione richiede una buona conoscenza dei seguenti componenti di Adobe Experience Platform:
  • Sistema XDM (Experience Data Model): Il framework standardizzato tramite il quale Experience Platform organizza i dati sull'esperienza dei clienti.
    • Nozioni di base sulla composizione dello schema: Scoprite i componenti di base degli schemi XDM, inclusi i principi chiave e le procedure ottimali nella composizione dello schema.
    • Esercitazione sull'Editor di schema: Scoprite come creare schemi personalizzati utilizzando l'interfaccia utente dell'Editor di schema.
  • Profilo cliente in tempo reale: Fornisce un profilo di consumo unificato e in tempo reale basato su dati aggregati provenienti da più origini.
Se disponete già di una connessione di base GCS, potete ignorare il resto del documento e procedere all'esercitazione sulla configurazione di un flusso di dati .

Formati di file supportati

Experience Platform supporta i seguenti formati di file da acquisire da archivi esterni:
  • Valori separati da delimitatore (DSV): Il supporto per i file di dati in formato DSV è attualmente limitato ai valori separati da virgole. Il valore delle intestazioni dei campi all'interno dei file formattati DSV deve essere costituito solo da caratteri alfanumerici e caratteri di sottolineatura. In futuro verrà fornito il supporto per i file DSV generali.
  • JavaScript Object Notation (JSON): I file di dati formattati JSON devono essere conformi a XDM.
  • Parquet Apache: I file di dati in formato parquet devono essere conformi a XDM.

Raccogli credenziali richieste

Per accedere ai dati GCS sulla piattaforma, è necessario fornire un ID chiave di accesso GCS valido e un Segreto . Per ulteriori informazioni su come ottenere questi valori, consulta la guida production all’autenticazione da server a server per Google Cloud.

Collegamento dell'account GCS

Dopo aver raccolto le credenziali richieste, puoi seguire i passaggi descritti di seguito per creare una nuova connessione di base in entrata per collegare l'account GCS alla piattaforma.
Accedi ad platform.adobe.com Adobe Experience Platform , quindi seleziona Origini dalla barra di navigazione a sinistra per accedere all'area di lavoro Origini . Nella schermata Catalogo sono visualizzate diverse sorgenti con cui è possibile creare connessioni di base in entrata e ogni origine mostra il numero di connessioni di base esistenti ad esse associate.
Nella categoria Cloud Storage , selezionate Google Cloud Storage per esporre una barra delle informazioni sul lato destro dello schermo. La barra delle informazioni fornisce una breve descrizione dell’origine selezionata e le opzioni per connettersi alla relativa documentazione o per connettersi all’origine. Per creare una nuova connessione di base in entrata, fate clic su Connetti sorgente .
Viene visualizzata la finestra di dialogo Connetti a Google Cloud Storage . Nel modulo di input, fornite alla connessione di base un nome, una descrizione facoltativa e le credenziali GCS. Al termine, fate clic su Connect , quindi consentite un po' di tempo per l'impostazione della nuova connessione di base.
Una volta stabilita la connessione di base, puoi continuare con la sezione successiva e configurare un flusso di dati per l'inserimento di dati in Platform.

Passaggi successivi

Seguendo questa esercitazione, hai stabilito una connessione di base al tuo account GCS. Ora puoi continuare con l’esercitazione successiva e configurare un flusso di dati per l’inserimento di dati nella piattaforma .