Show Menu
ARGOMENTI×

Metodi di configurazione

Elenco dei metodi di forniti dalla libreria Android.

Configurazione iniziale

Il seguente metodo deve essere chiamato una volta nel metodo onCreate della tua attività principale:
  • setContext Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
     @Override
     public void onCreate(BundlesavedInstanceState){
       super.onCreate(savedInstanceState)
       setContentView(R.layout.main);
       Config.setContext(this.getApplicationContext());
     }
    
    

Impostazioni SDK (classe di configurazione)

  • registerAdobeDataCallback
    • Registra un oggetto che implementa l'interfaccia AdobeDataCallback . Il metodo "call" sovrascritto sarà invocato con un valore Config.MobileDataEvent e i dati associati in una Map<String, Object> per l'evento che scatena l'attivazione. Per ulteriori dettagli sugli eventi che attiveranno questo callback, vedi MobileDataEventEnum in fondo a questo argomento.
      Questo metodo richiede la versione 4.9.0 o successiva.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void registerAdobeDataCallback(final AdobeDataCallback&amp;nbsp;callback);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
        Config.registerAdobeDataCallback(new Config.AdobeDataCallback() {
          @Override
          public void call(Config.MobileDataEvent event, Map<String, Object> contextData) {
              // handle each event type accordingly 
              if (event == Config.MobileDataEvent.MOBILE_EVENT_ACQUISITION_INSTALL) {
                   // do something with acquisition data found in contextData parameter
                   HashMap<String, Object> acquisitionData = new HashMap<String, Object>(contextData);
              }
          }
      });
      
      
  • getVersion
    • Restituisce la versione corrente della libreria Adobe Mobile.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static String getVersion();
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      String libraryVersion = Config.getVersion(); 
      
      
  • getPrivacyStatus
    • Restituisce la rappresentazione enum dello stato di privacy per l’utente corrente.
      I valori di stato disponibili sono:
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_OPT_IN - gli hit vengono inviati immediatamente.
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_OPT_OUT - gli hit vengono scartati.
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_UNKNOWN - se la suite di rapporti ha la marca temporale abilitata, gli hit vengono salvati finché lo stato di privacy non cambia in optedin (gli hit vengono inviati) o in optedout (gli hit vengono scartati).
        Se le marche temporali non sono abilitate nella suite di rapporti, gli hit vengono scartati fino a quando lo stato di privacy non cambia in optedin. Il valore predefinito è impostato nel file ADBMobileConfig.json .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static MobilePrivacyStatus getPrivacyStatus(); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      MobilePrivacyStatus privacyStatus Config.getPrivacyStatus();
      
      
  • Il metodo setPrivacyStatus
    • Imposta lo stato di privacy per l'utente corrente su status .
      Puoi impostare lo stato di privacy su uno dei seguenti valori:
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_OPT_IN - gli hit vengono inviati immediatamente. Questi hit vengono inviati immediatamente.
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_OPT_OUT - gli hit vengono scartati. Questi hit vengono scartati.
      • MOBILE_PRIVACY_STATUS_UNKNOWN - se la suite di rapporti ha la marca temporale abilitata, gli hit vengono salvati finché lo stato di privacy non cambia in optedin (gli hit vengono inviati) o in optedout (gli hit vengono scartati). Se le marche temporali non sono abilitate nella suite di rapporti, gli hit vengono scartati fino a quando lo stato di privacy non cambia in optedin.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setPrivacyStatus(MobilePrivacyStatus status); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Config.setPrivacyStatus(MobilePrivacyStatus.MOBILE_PRIVACY_STATUS_OPT_IN); 
      
      
  • getLifetimeValue
    • Restituisce il valore "lifetime" del ciclo di vita dell'utente corrente. Il valore predefinito è 0 .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static BigDecimal getLifetimeValue();
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      BigDecimal currentLifetimeValue Config.getLifetimeValue(); 
      
      
  • getUserIdentifier
    • Se è stato impostato un identificatore personalizzato, restituisce l'identificatore utente personalizzato. In caso contrario restituisce null . Il valore predefinito è null .
      Se l'app viene aggiornata dall'SDK di Experience Cloud 3.x alla versione 4.x, l'ID precedente (personalizzato o generato in automatico) viene recuperato e memorizzato come identificatore utente personalizzato. In tal modo i dati del visitatore vengono mantenuti da un aggiornamento all'altro dell'SDK. Per le nuove installazioni sull'SDK 4.x, finché non impostato, l'identificatore utente è null .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static String&amp getUserIdentifier();
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      String userId = Config.getUserIdentifier();
      
      
  • setUserIdentifier
    • Imposta l'identificatore utente su identifier .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setUserIdentifer(String identifier);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Config.setUserIdentifier("billybob"); 
      
      
  • getDebugLogging
    • Restituisce l'attuale preferenza di accesso di debug. Il valore predefinito è false .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static Boolean getDebugLogging(); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Boolean debugging = Config.getDebugLogging(); 
      
      
  • setDebugLogging
    • Imposta la preferenza per l'accesso di su debugLogging debug.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setDebugLogging(Boolea debugLogging);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Config.setDebugLogging(true);
      
      
  • collectLifecycleData
    • Indica all'SDK che i dati del ciclo di vita devono essere raccolti per l'utilizzo in tutte le soluzioni dell'SDK. Per ulteriori informazioni, vedi Metriche del ciclo di vita .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void collectLifecycleData(final Activity activity,final Map<String, Object>contextData); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      @Override
      protectedvoid  onResume()  {
        super.onResume();
        Config.collectLifecycleData(this);
        } 
      
      
      Con dati contestuali ulteriori:
      @Override
      public  void  onResume()  {
        HashMap<String, Object> contextData = new HashMap<String, Object>();
        contextData.put("myapp.category", "Game");        Config.collectLifecycleData(this, contextData);} 
      
      
  • collectLifecycleData (Activity activity)
    • ( Versione 4.2 o versioni successive ) Indica all'SDK che i dati del ciclo di vita devono essere raccolti per l'utilizzo in tutte le soluzioni nell'SDK. Per ulteriori informazioni, vedi Metriche del ciclo di vita .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void collectLifecycleData(final Activity activity);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      @Overrideprotected void onResume() {
        super.onResume()
        // assume being called in an Activity class Config.collectLifecycleData(this);
        } 
      
      
  • pauseCollecting​LifecycleData
    • Indica all'SDK che l'applicazione è in pausa, in modo che le metriche del ciclo di vita vengano calcolate correttamente. Ad esempio, onPause recupera una marca temporale per determinare la durata della sessione precedente. Inoltre, imposta un flag in modo che il ciclo di vita acquisisca che l'applicazione non si è bloccata. Per ulteriori informazioni, vedi Metriche del ciclo di vita .
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void pauseCollectingLifecycleData(); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      @Override
      protected void onPause() {
        super.onPause();
        Config.pauseCollectingLifecycleData();
      } 
      
      
  • setSmallIconResourceId(int resourceId)
    • ( Versione 4.2 o successiva ) Imposta l'icona piccola che verrà utilizzata per le notifiche create dall'SDK. Questa icona compare sulla barra di stato e sarà l'immagine secondaria visualizzata quando l'utente visualizza la notifica completa nel Centro notifiche.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setSmallIconResourceId(final int resourceId); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Config.setSmallIconResourceId(R.drawable.appIcon);
      
      
  • setLargeIconResourceId(int resourceId)
    • ( Versione 4.2 o successiva ) Imposta l'icona grande che verrà utilizzata per le notifiche create dall'SDK. Questa icona sarà l'immagine principale visualizzata dall'utente nella notifica completa all'interno del Centro notifiche.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setLargeIconResourceId(final int  resourceId);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      Config.setLargeIconResourceId(R.drawable.appIcon);
      
      
  • overrideConfigStream(InputStream configInput)
    • ( Versione 4.2 o successiva ) Consente di caricare un diverso file di configurazione ADBMobile JSON all'avvio dell'applicazione. La diversa configurazione viene utilizzata fino alla chiusura dell'applicazione.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void overrideConfigStream(final InputStream configInput);
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
       try {
          InputStream configInput = getAssets().open("ExampleJSONFile.json") 
          Config.overrideConfigStream(configInput)
          } catch (IOException ex) { 
          //do something with the exception if needed
      }
      
      
  • setPushIdentifier
    • Imposta il token dispositivo per le notifiche push.
    • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
      public static void setPushIdentifier(final String registrationId); 
      
      
    • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
      ...// note the code to retreive the push token must run in the background
      InstanceID instanceID= InstanceID.getInstance(getApplicationContext());String token=instanceID.getToken("835015092242", GoogleCloudMessaging.INSTANCE_ID_SCOPE null);Config.setPushIdentifier(token);
      ...
      
      
  • submitAdvertisingIdentifierTask
    • Fornisce un oggetto chiamabile all'SDK che restituisce la stringa dell'Identificatore pubblicitario restituito da Google Play Services. L'SDK esegue questo task in un thread di background e imposta una variabile interna per l'Identificatore pubblicitario che si basa sul valore restituito dall'oggetto chiamabile.
      Se desideri utilizzare l'Identificatore pubblicitario in Acquisizione o Lifecycle, chiamalo prima di Config.collectLifecycleData .
      • Di seguito è riportata la sintassi per questo metodo:
        public static void submitAdvertisingIdentifierTask(final Callable<String> task); 
        
        
      • Di seguito è riportato un esempio di codice per questo metodo:
        @Override
        public void  onResume() {
            super.onResume();
            final  Callable<String>; task = new Callable<String>(){
                @Override
                public String call() throws Exception {
                   AdvertisingIdClient.Info idInfo;
                   String adid = null;
                   Context appContext = CLASSNAME.this.getApplicationContext();
                   try {
                        idInfo = AdvertisingIdClient.getAdvertisingIdInfo(appContext);
                        if (idInfo != null) { 
                            adid = idInfo.getId();
                        } 
                   } catch  (Exception ex) {
                       Log.e("Error",  ex.getLocalizedMessage());
                   }
                   return  adid;
                }
          };
          Config.submitAdvertisingIdentifierTask(task); 
          Config.collectLifecycleData(this);
        }
        
        

AdobeDataCallback Interface

public interface AdobeDataCallback {  
    void call(MobileDataEvent event, Map<String, Object> contextData);  
} 

MobileDataEvent Enum

public enum MobileDataEvent {  
    MobileDataEvent.MOBILE_EVENT_LIFECYCLE, // triggers on a lifecycle hit  
    MobileDataEvent.MOBILE_EVENT_ACQUISITION_INSTALL, // triggers on a app install that has acquisition data  
    MobileDataEvent.MOBILE_EVENT_ACQUISITION_LAUNCH // triggers on launch when the device previously installed via acquisition  
}