Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione

Di seguito sono riportate le note sulla versione, i problemi noti e le informazioni sulle correzioni rapide per gli SDK iOS 4.x per le soluzioni Experience Cloud:
20 settembre 2019: versione 4.18.8
  • Messaggistica in-app:
    • Sui dispositivi con iOS 10 o più recenti, il framework UserNotifications è ora utilizzato per pianificare le notifiche locali per le applicazioni che sono collegate al UserNotifications.framework .
    • I messaggi a schermo intero ora utilizzano WKWebViews da WebKit.framework , che deve essere collegato nel progetto Xcode.
    • È stato corretto un bug a causa del quale il payload click-through push non poteva essere utilizzato come caratteristica dei i messaggi in-app.
    • Risolto un problema di arresto anomalo.
  • Generale: è stato corretto un bug a causa del quale i dati dell'SDK venivano sincronizzati con l'app watchOS associata a ogni chiamata di Analytics.
2 agosto 2019: versione 4.18.7
  • Ripristinato un cambiamento introdotto nella versione 4.18.6 che, in alcuni ambienti, ha causato un arresto anomalo dei dispositivi che utilizzavano una versione iOS più vecchia di 11.0.
  • Adobe Target: aggiunta la proprietà requestLocationParameters in ADBTargetRequestObject , che consente di inviare l'impressionId con le richieste di Target.
18 luglio 2019: versione 4.18.6
  • Adobe Target: tutte le richieste ora includono il client e il valore sessionId nei parametri di query URL.
  • Adobe Target: è stato risolto un problema di perdita di memoria.
  • Servizio Visitor ID: le API visitorAppendToURL e visitorGetUrlVariablesAsync non applicano più la doppia codifica ai valori restituiti.
    A causa della doppia codifica, i valori restituiti da tali API venivano segnalati da parte di alcuni servizi di sicurezza.
5 giugno 2019: versione 4.18.5
  • Analytics: aggiungi lo stato di consenso push ai dati del ciclo di vita quando le notifiche push sono abilitate.
24 maggio 2019: versione 4.18.4
  • Servizio ID visitatore: aumentato il timeout di ritorno per l'API visitorGetUrlVariablesAsync a 30 secondi.
  • Servizio ID visitatore: la chiamata API setPushIdentifier ora invia una chiamata di sincronizzazione al servizio ID visitatore ogni volta che viene chiamata.
Per ulteriori informazioni sulle note sulle versioni attuale e precedenti di tutte le soluzioni, consulta Note sulla versione di Adobe Experience Cloud .