Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Giugno 2015

Data Workbench 6.4, Generatore di metriche calcolate, aggiornamenti all’analisi a forma libera, incrementi delle regole di elaborazione, nuove metriche video di base in Video Stream Analytics e altro.

Servizi

Adobe Mobile Services

Il rilascio di Adobe Mobile Services del 18 giugno 2015 include le modifiche seguenti:
Modifica dell’accesso alle funzioni
I clienti devono disporre di Analytics—Mobile Apps o Analytics Premium per utilizzare le funzionalità seguenti:
  • Messaggistica in-app
  • Tracciamento della campagna di acquisizione
  • Analisi dei punti di interesse
I clienti che dispongono di Analytics Standard o di altri prodotti Analytics singoli (come ad esempio SiteCatalyst) saranno ammessi all’utilizzo delle funzionalità correnti fino al rinnovo.
Analytics I clienti della versione di base di non disporranno di questa funzionalità.
Correzioni di problemi e miglioramenti
Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Video Stream Analytics (Heartbeat)

Il rilascio di Video Stream Analytics (Heartbeat) del 18 giugno 2015 include le modifiche seguenti:
Funzione Descrizione
Metriche video di base
Strumenti di amministrazione > Suite per report > Modifica > Video Management (Modifica video) > Video Reporting (Reporting video)
Se riattivi il tracciamento video nella pagina Video Reporting (Reporting video), saranno disponibili nuove metriche video di base.
  • Inizio contenuti
    • Per le implementazioni effettuate tramite la libreria heartbeat video v1.5, questa metrica contrassegna la visualizzazione del primo fotogramma dei contenuti.
    • Per le implementazioni effettuate tramite la libreria heartbeat video v1.4 e versioni precedenti, questa metrica dispone degli stessi valori di Video Initiates (Avvio video) (in precedenza denominato Video Views (Visualizzazioni video)).
  • Durata video
    • La somma della durata dei contenuti e della durata degli annunci . Occorre attivare il modulo Annunci video per rendere disponibile questa metrica.
  • Percorso video
    • Si tratta di una soluzione Variabile.
    • La profondità massima del percorso è pari a tre livelli.
Qualità video
Strumenti di amministrazione > Suite per report > Modifica > Video Management (Modifica video) > Video Reporting (Reporting video)
Il modulo Qualità video è adesso disponibile nella pagina Video Reporting (Reporting video) . Vengono computate le metriche seguenti:
  • Variabili relative alla qualità: tempo di avvio, eventi buffer, durata buffer totale, switch bitrate, bitrate medio, errori e fotogrammi rilasciati.
  • Eventi relativi alla qualità: tempo di avvio, perdite prima dell’avvio, flussi interessati dal buffer, eventi buffer, durata totale buffer, flussi interessati dalla modifica del bitrate, modifiche del bitrate, bitrate medio, flussi interessati da errori, eventi di errore, flussi interessati da fotogrammi saltati e fotogrammi saltati.
Miglioramenti
  • Modifica dei nomi di variabili ed eventi per descrivere meglio gli scopi dei componenti (video, contenuti, annunci). I video adesso includono sia i contenuti principali che gli annunci.
  • Aggiornamento dei report Coinvolgimento video al fine di includere le nuove metriche video di base.
  • Aggiornamento della sezione Menu video per riflettere la struttura del modulo video. Tenete presente che i menu personalizzati potrebbero essere interessati da queste modifiche.
Correzioni
  • Sono stati risolti i problemi estetici dei report Coinvolgimento video.
  • Sono state corrette le metriche nel report Video DayPart mediante l'esclusione dei giorni futuri dal calcolo della media.

Dynamic Tag Management

Il rilascio di Dynamic Tag Management dell’8 giugno 2015 include le modifiche seguenti:
Correzioni di problemi e miglioramenti:
  • È stato risolto il problema relativo all'errore restituito da alcuni browser Safari iOS quando le opzioni localStorage sono limitate da un utente.
Consultare le Novità di Dynamic Tag Management per le note sulla versione attuali e cumulative, aiuto e aggiornamenti della documentazione.

Analytics

Nuove funzioni in Analytics

Funzionalità/Componente Descrizione
Metriche calcolate unificate
La funzione delle metriche calcolate adesso consente l’utilizzo di metriche segmentate, calcoli più avanzati e la possibilità di organizzare e condividere le metriche.
Potete creare delle nuove metriche da applicare al livello della cronologia senza aggiornare l’implementazione, condividere e perfezionare le metriche per eliminare il disordine ed effettuare delle analisi statistiche di base. Potrete mettere a confronto i segmenti in modo molto più semplice.
Potrete applicare queste nuove metriche dovunque in Reports e Analytics, Analysis Workspace, Report Builder e Ad Hoc Analysis.
Area di lavoro di analisi - Analisi freeform
L'analisi freeform vi consente di trascinare e rilasciare dimensioni, metriche e segmenti per creare tutti i report desiderati. Potete suddividere i dati in base a necessità specifiche, fornendo un quadro per la creazione di query con metriche, dimensioni, segmenti, linee temporali e altri valori di suddivisione dell'analisi pertinenti.
Le ultime funzioni includono:
  • Esportazione CSV: adesso potrete esportare una tabella di dati o delle serie di tabelle di dati in formato CSV o su base ad hoc.
  • Più visualizzazioni: grafici ad anello, grafici ad area e grafici a barre orizzontali sono adesso disponibili come tipi d visualizzazione.
  • Layout flessibile: trascinate per regolare la posizione, la larghezza e l’altezza degli elementi nel quadro dell’analisi.
  • Visualizzazione selettiva: le visualizzazioni corrispondono alle selezioni effettuate nelle tabelle dei dati per consentirvi di visualizzare soltanto gli elementi specifici desiderati.
  • Miglioramenti delle suddivisioni: possibilità di suddividere più elementi in una dimensione con una sola azione di trascinamento e rilascio.
  • Applicazione di segmenti ai pannelli: adesso potete utilizzare i segmenti su un pannello intero con una sola azione di trascinamento e rilascio.
  • Miglioramenti alle autorizzazioni: potete concedere l’accesso all’Area di lavoro di analisi agli utenti non amministratori tramite l’area delle autorizzazioni per i gruppi di utenti in Strumenti di amministrazione.
L’analisi freeform è attualmente in versione open beta supportata principalmente dal team della community di Analytics. Per le informazioni aggiornate e in caso di domande sull'analisi freeform, consultate il forum sull'analisi freeform (beta) .
Sovrascrittura SFTP Data Warehouse SFTP adesso supporta la sovrascrittura sulle trasmissioni. Vi consigliamo di aggiornare il server SFTP a una versione in grado di supportare la funzione di ridenominazione.
Aumento del limite delle regole di elaborazione
Il numero delle regole di elaborazione consentito è stato aumentato da 100 a 150. Inoltre, la dimensione consentita della regola di elaborazione XML è stata aumentata a 4 MB (da 65 KB). Questa modifica della dimensione impedisce la restituzione dell'errore in caso di superamento del limite XML.
Report Builder
Supporto per nuove metriche calcolate.
Ad Hoc Analysis
Supporto per nuove metriche calcolate. L'interfaccia utente del Generatore della metrica calcolata in Ad Hoc Analysis è ora simile all'interfaccia di Reports & Analytics.
Rimuovi utenti che ha bloccato tutti i cookie sui browser desktop
Strumenti di amministrazione > Suite di rapporti > Modifica impostazioni > Generali > Impostazioni sulla privacy
Questa funzione consente ai clienti di Adobe Analytics di rispettare la volontà dell'utente di interrompere l'elaborazione a scopi di profiling. Secondo quanto stabilito dalle leggi e dalle indicazioni normative, l’azione di blocco dei cookie da parte di un utente è equiparabile alla scelta dell’utente di non partecipare alle attività di profiling. Attivando questa funzione, i dati raccolti dai browser desktop e mobili impostati dall'utente sul blocco di tutti i cookie, verranno esclusi dai report di Analytics. Se Adobe non è in grado di riconoscere il browser Web, i dati verranno inclusi nei report di Analytics.

Nuove funzioni in Analytics Premium

Analytics Premium offre le nuove funzioni aggiuntive seguenti nel rilascio Data Workbench 6.4 :
Funzione Descrizione
Data Workbench 6.4
Esportazione in Reports & Analytics La funzione di esportazione CRS (Customer Record Service) consente di esportare i dati di Data Workbench per l'integrazione con altre funzionalità di Analytics, inclusa Reports & Analytics .
Installazione di una nuova workstation Configurate il Data Workbench (client) seguendo la dettagliata procedura di installazione guidata. Scaricate, impostate le opzioni, installate il workbench ed effettuate la sincronizzazione con i server.
Miglioramento dell'esperienza di configurazione della workstation In seguito all'installazione della workstation, l'area di lavoro Configura connessioni al server si aprirà con delle informazioni aggiuntive sull'installazione di un certificato e l'immissione delle informazioni sulla connessione del server nel file Insight.cfg.file. Potete vedere lo stato della connessione anche sui server e sui profili selezionati.
Livello presentazione Annotate e definite le visualizzazioni con una sovrapposizione delle presentazioni. Aggiungete note di testo, frecce, immagini e codifica colore per evidenziare e definire i dati e condividerli con gli altri utenti.
Nuova procedura guidata sulla dimensione delle metriche Utilizzate la dettagliata procedura guidata per semplificare la creazione delle dimensioni delle metriche.
Amministrazione utente dell'accesso dei membri del gruppo Gli amministratori possono concedere agli utenti della workstation la possibilità parziale di gestire il controllo degli accessi per i gruppi personalizzati.
Blocco delle modifiche ai profili Impedite la sovrascrittura dei profili da parte degli utenti che utilizzano i gestori di profili, dimensioni, report, aree di lavoro, metriche o filtri.
Aggiornamenti alla nuova interfaccia utente della workstation In Data Workbench 6.4 sono state aggiunte icone dell'area di lavoro, descrizioni degli strumenti, schermate introduttive nuove e un collegamento <F1> all'Aiuto. Consente inoltre di aprire i file di registro selezionando Aiuto > Open Trace Directory (Apri directory di traccia) dalla barra degli strumenti.
Aggiornamento delle informazioni di registrazione Data Workbench adesso utilizza un framework di registrazione "L4" esteso che offre la possibilità di configurare le registrazioni in base alle necessità. L'implementazione predefinita fornita con il pacchetto 6.4 contiene le informazioni fondamentali sull'elaborazione del software. Le registrazioni possono essere estese con informazioni aggiuntive per la risoluzione dei problemi relativi agli eventi dei server e per supportare nell'analisi dei problemi sottostanti, incluse le informazioni aggiuntive relative a server, client e server dei report associati.
Per ulteriore assistenza durante l'implementazione delle registrazioni L4 aggiuntive, contattate l'account manager.
Nuovo file di configurazione per le opzioni di registrazione di ExportIntegration.exe
Un nuovo file di configurazione httpLoggingEI.cfg (al percorso server\Admin\Export\httpLoggingEI.cfg ) consente di arrestare la registrazione INFO sul file HTTP.log durante le esportazioni delle integrazioni (le esportazioni CRS, TNT e MMP acquisiscono già le registrazioni dettagliate in file di registro di esportazione singoli).
Se la funzione è impostata su True, viene avviata la registrazione INFO (per le attività di verifica e di reporting dettagliato) sul file HTTP.log, mentre se è impostata su False, la registrazione dettagliata viene arrestata. In caso di impostazione su False, al file HTTP.log verranno inviati soltanto dei messaggi di livello AVVISO/ERRORE.
Funzione di zoom per le visualizzazioni dei grafici Utilizzate la funzione di zoom per visualizzare meglio le etichette delle metriche quando i valori raggiungono una differenza elevata. In precedenza l'etichetta non veniva più visualizzata con la modifica del contrasto dei valori, ad esempio, quando si impostava un valore di regressione della metrica più elevato rispetto ai valori precedenti. Adesso potete effettuare lo zoom nella visualizzazione facendo clic su <Ctrl> e spostando la rotellina del mouse mentre passate il puntatore sul grafico.
Nuovo strumento selettore colore Il nuovo selettore colore vi consente di selezionare i colori da una semplice tavolozza di colori, selezionare la scheda Avanzate per scegliere da una scala di gradazione o inserire i valori RGB personalizzati.
Il Finder consente adesso di esportare più metadati
Durante l'esportazione di dimensioni e metriche dal Finder vengono forniti più metadati .
  • L'output del Finder delle metriche include i valori Nome e Formula
  • L'output del Finder delle dimensioni include i valori Nome , Tipo ed Elemento padre
Insight.exe e InsightSetup.exe dispongono adesso della firma digitale. Questi file eseguibili dispongono adesso della firma digitale per garantire che i download del software non siano stati alterati o danneggiati.
Opzioni del formato della data Potete modificare il formato della data in base alle impostazioni locali nel file Dimensions.cfg del formato dell'ora standard. Modificate il formato MM/DD/YYYY predefinito nel formato DD/MM/YYYY o scegliete delle altre opzioni.
Interruzione della visualizzazione dei file La visualizzazione dei file ( Amministratore > File ) per i profili di base non includerà le directory di grandi dimensioni (registri, esportazioni e ricerche rimossi) durante il reporting. In questo modo, aumenterà la velocità di visualizzazione dei report. Per le directory di grandi dimensioni sono adesso disponibili dei report individuali (Amministratore/File di esportazione, File di ricerca e File di registro).
Miglioramenti delle trasformazioni DeviceAtlas Il file DeviceAtlas.bundle adesso utilizza una cache in-memoria per un miglioramento notevole delle prestazioni delle ricerche.
Aggiornamento della visualizzazione Chord Miglioramento della visibilità quando si passa il mouse su una sezione mentre la visualizzazione Chord è attiva.
Trascinamento delle dimensioni dal Finder alla tabella dei dettagli Dalla workstation, adesso potete trascinare le dimensioni dal pannello del Finder direttamente nella tabella dei dettagli in un'area di lavoro.

Correzioni di Reports & Analytics

  • È stato risolto il problema relativo alla visualizzazione di un errore durante il tentativo di download di un report Last Touch Channel in cui era incluso un confronto tra le date e una metrica calcolata.
  • È stato risolto il problema che si verificava durante il tentativo di creazione del report sui dettagli della campagna item specific summary di riepilogo di un elemento specifico in formato PDF.
  • È stato risolto l'errore di visualizzazione in Strumenti di amministrazione. In seguito all'eliminazione di un utente, nella console veniva visualizzato che l'autore dell'eliminazione era lo stesso utente eliminato.
  • È stato risolto il problema che causava l’incremento di un’istanza di un eVar se il valore dell’eVar veniva eliminato o impostato su blank , mediante le regole di elaborazione.

Correzioni di Ad Hoc Analysis

  • È stato risolto il problema relativo alle e-mail del report (allegati .xls e .csv) che contenevano l’ID al posto del nome della suite di rapporti. Adesso viene visualizzato il nome della suite dei report.

Correzioni di Data Workbench

  • Il punteggio di propensione non veniva reimpostato quando si eseguivano nuovamente degli input diversi nella stessa area di lavoro. Adesso la reimpostazione avviene correttamente.
  • È stato risolto il problema a causa del quale alla prima apertura della matrice di correlazione non era disponibile nessuna dimensione calcolabile.
  • L’esportazione di segmenti Target non riusciva perché il campo mboxPC era mancante. Questo problema è stato adesso risolto.
  • Richiesta dell'ID formattata correttamente. L'uso dell'identificazione mbox3rdpartyId al posto dei valori PCID predefiniti causava il rifiuto da parte di Adobe Target delle richieste generate tramite l’integrazione Target/Data Workbench (mediante il file ExportIntegration.exe). La richiesta dell'D viene adesso formattata correttamente e la velocità effettiva è corretta.
  • La perdita di memoria del server dei report che si verificava durante l'esportazione in Excel è stata risolta.

Correzioni di Data Warehouse

  • Segmenti: aggiunta del supporto di data warehouse per l'operatore event-exists per le metriche non basate su eventi.
  • Segmenti: aggiunta del supporto per l'operatore not-event-exists .
  • Segmenti: aggiunta del supporto per timerange* .
  • Modifiche apportate alla logica aziendale Orario visita/sito:
    • Utilizzate visit_start_time_gmt come ora di inizio di una visita. Adesso le visite iniziate prima dell'intervallo di date di reporting non risulteranno compromesse.
    • Aggiunta delle nuova categoria di suddivisione Group L: No duration per la classificazione delle visite con estensione di zero secondi. Adesso queste visite non sono più incluse nell'intervallo di tempo Group A: <1 minute .
    • Non è più necessario che per le occorrenze delle origini dei dati di transazione (hit_source=7) venga impostata una durata della visita.
    • Le occorrenze contrassegnate con un timestamp antecedente a visit_start_time_gmt dispongono di un valore assoluto applicato all’intervallo di tempo e pertanto non verranno categorizzate sempre automaticamente come Group A: <1 minute .
L’accesso a data warehouse dalla Versione 14 è stato rimosso. Per saperne di più

SDK per AppMeasurement e dispositivi mobili

Servizio ID visitatore di Marketing Cloud
Versione 1.5
  • Supporto dello stato autenticato. Insieme all’ID visitatore di Marketing Cloud, l’API visitatore accetta più ID cliente per lo stesso visitatore, insieme a un identificatore del tipo di cliente, per separare l’ambito dei diversi ID cliente e degli authStates .
  • Rimozione del supporto obsoleto dei mapping DPID di Audience Manager sui tipi degli ID cliente utilizzati in setCustomerIDs .
Versione 1.5
  • Supporto per l'API visitatore 1.5 che utilizza il metodo getCustomerIDs per raccogliere gli ID del cliente e lo stato autenticato e invia tali ID con le richieste di raccolta dei dati.
AppMeasurementper altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio per una cronologia del rilascio di AppMeasurementAppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian

Analytics Servizi Web di (API SOAP e REST)

Aggiornamenti
Funzione Descrizione
Nuovi metodi API di calcolo metriche
Sono stati aggiunti dei metodi API in un nuovo modulo Metriche calcolate: CalculatedMetrics.Get (consultate tutte le metriche calcolate a cui avete accesso oppure, come amministratore, tutte le metriche calcolate per la società), CalculatedMetrics.Save (create nuove metriche calcolate o aggiornate quelle esistenti), CalculatedMetrics.Delete e CalculatedMetrics.GetFunctions (consultate l'elenco completo delle funzioni consentite nelle nuove definizioni delle metriche calcolate).
Per una panoramica consultate Nuove metriche calcolate e API e per le API Metriche calcolate .

Audience Manager

Funzione Descrizione
Controlli sull'esportazione dei dati
La funzione Controlli sull'esportazione dei dati impedisce l'aggiunta di caratteristiche ai segmenti o l'invio di dati a una destinazione se questa azione viola la privacy dei dati o le policy di utilizzo dei dati. Consultate la documentazione sulla funzione Controlli sull'esportazione dei dati per ulteriori informazioni.
Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • Stiamo migliorando la documentazione sull'API con Swagger. Consultate la sezione Documenti sull'API di Audience Manager per i metodi nuovi e rivisti.
  • Aggiunta di nuova documentazione sugli ID dei visitatori di Marketing Cloud . Alcune volte, durante la creazione o la modifica di un’origine dati, è necessario un ID visitatore.
  • È stato risolto il problema che impediva il trascinamento delle caratteristiche tra i vari gruppi nel Generatore di caratteristiche.
  • È stato risolto il problema del Generatore di segmenti che rimuoveva le caratteristiche dai segmenti se il segmento conteneva più di 100 caratteristiche.

Social

Il rilascio Social 15.6.1.0 (18 giugno 2015) include le modifiche seguenti:
Nuove funzionalità
Funzione Descrizione
App mobile Adobe Social
L'app mobile Adobe Social porta la potenza dei flussi di lavoro di pubblicazione dei contenuti di Adobe Social sul vostro iPhone o iPad.
Correzioni di problemi e miglioramenti
Il presente rilascio di Social si focalizza su prestazione, scalabilità, usabilità e affidabilità migliorate. Le correzioni sotto riportate descrivono le risoluzioni per i principali problemi segnalati dai clienti.
  • Miglioramento del flusso di lavoro di pubblicazione al fine di includere un promemoria visualizzato quando fate clic su Post Now (Pubblica ora) e in cui vengono elencati i nomi delle proprietà per cui state pubblicando i contenuti.
  • Ridenominazione del pulsante Approve Now (Approva adesso) in Bypass Approvals (Ignora approvazioni) al fine di definire il comportamento. Facendo clic su Bypass Approvals (Ignora approvazioni), è possibile utilizzare l'autorizzazione di esclusione.
  • Miglioramento della funzione del controllo ortografico nell'Editore al fine di ignorare i collegamenti abbreviati e sottolineare gli errori di ortografica come previsto.
  • È stato risolto il problema relativo al report Analisi post che causava il mancato rispetto dei gruppi di pagine selezionati da parte dei filtri.
  • È stato risolto il problema che causava il mancato funzionamento delle funzioni Scarica e Invia sul report Analisi post.
  • È stato risolto il problema che causava un errore durante l'accesso al report Dettagli post relativo ai video di YouTube.
  • È stato risolto il problema che causava delle discrepanze tra il numero di coinvolgimenti pagina segnalati nel report Proprietà e nel relativo file scaricato.
  • È stato risolto il problema che causava la disattivazione dopo un giorno dei dati nel report Proprietà e nel relativo file scaricato.
  • È stato risolto il problema relativo al filtro di classificazione nel report Social Buzz che causava la mancata restituzione dei risultati.
  • È stato risolto il problema che impediva l'aggiunta dei codici di tracciamento ai post degli album di Facebook.
  • È stato risolto il problema che alcune volte causava la mancata riuscita dei post per degli errori di timeout.
  • È stato risolto il problema che impediva la visualizzazione degli assegnatari del flusso di lavoro di moderazione nei browser Internet Explorer 11.
  • È stato risolto il problema che impediva agli utenti la creazione delle regole di ascolto per WordPress contenenti un operatore OR.
Consultate le Note sulla versione di Adobe Social per ulteriori informazioni.

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic
Adobe Experience Manager è un sistema di gestione dei contenuti web aziendali che consente di gestire, sviluppare e pubblicare siti web.

Modifiche principali alla documentazione

Elemento Descrizione Data di pubblicazione
Nuovi Generatore della metrica calcolata e Gestore della metrica calcolata
La funzione delle metriche calcolate adesso consente l’utilizzo di metriche segmentate, calcoli più avanzati e la possibilità di organizzare e condividere le metriche.
18 giugno 2015
Analisi freeform (versione beta per il pubblico)
Una funzione di Analysis Workspace, l'analisi freeform consente di creare tabelle di dati e metriche drag-and-drop, dimensioni, segmenti e visualizzazioni multiple per un pannello di progetto.
18 giugno 2015
Data Workbench 6.4
Il rilascio Data Workbench 6.4 include numerose nuove funzioni descritte qui .
18 giugno 2015
Aggiunta del programma di certificazione gestito di Adobe per la versione aggiornata della documentazione di prodotto dei cookie dei siti Web visualizzati.
Il programma di certificazione gestito consente di implementare un nuovo certificato SSL di prima parte per i cookie dei siti Web visualizzati senza nessun costo aggiuntivo.
22 maggio 2015
Aggiornamento della documentazione di prodotto di Adobe Mobile.
22 maggio 2015
Una raccolta dettagliata di ciò che occorre per modernizzare le implementazioni della propria soluzione per i servizi di base.
19 marzo 2015
Se si acquisiscono dati del cliente di livello Enterprise in un database customer relationship management (CRM), è possibile caricare tali dati in Marketing Cloud.
19 marzo 2015
Rilascio primaverile di Analytics
Consultate la sezione Sezione Nuove funzioni di Analytics per una raccolta della nuova documentazione sul rilascio primaverile di Analytics del 2015.
19 marzo 2015
Regole di classificazione di Analytics: sovrascrittura dei valori esistenti
In Strumenti di amministrazione > Generatore regole di classificazione > <nome set di regole> , due nuove opzioni consentono di selezionare una modalità di sovrascrittura:
  • Le regole sovrascrivono i valori esistenti: (impostazione predefinita) sovrascrive sempre le chiavi di classificazione esistenti, incluse le classificazioni caricate mediante l’importazione (SAINT).
  • Le regole sovrascrivono solo i valori non impostati : vengono compilate solo le celle vuote (non impostate). Le classificazioni esistenti non saranno modificate.
Prima, se una chiave era già stata classificata in una colonna o in una cella, la regola non veniva eseguita su tale chiave e la riga nella tabella veniva ignorata.
19 febbraio 2015