Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Settembre 2015

Novità di Analytics: miglioramenti ad Analysis Workspace e Marca temporale opzionale. Gestione dei gruppi in Dynamic Tag Management. Messaggistica push per dispositivi mobili a segmenti Analytics, metodi di acquisizione e segnali di postback. Miglioramenti e correzioni generali delle soluzioni Marketing Cloud.
Il contenuto di questa pagina viene pubblicato una settimana prima della data di rilascio (tramite Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto)) ed è soggetto a modifiche al momento del rilascio. Consultatelo nuovamente al momento del rilascio per tutte le informazioni aggiornate. Per ricevere le note sulla versione una settimana prima dell'aggiornamento mensile del prodotto, eseguire la sottoscrizione ad Adobe Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto Adobe).
Data di rilascio: settembre 2015

Marketing Cloud 15.9

Nuove funzioni e correzioni nell’interfaccia di Adobe Marketing Cloud.
Data di rilascio: 10 settembre 2015
Aggiornamenti alla documentazione
Amministratori della soluzione, consultate Utenti e gruppi per importanti informazioni sui gruppi di soluzioni per la mappatura che consentono di ampliare i gruppi Adobe e sull'aggiunta in blocco di utenti nella dashboard di Enterprise .
Correzioni
  • È stato risolto un problema nelle prestazioni delle API di Audience Manager che causava timeout intermittenti durante il caricamento dei dati degli attributi cliente. (MAC-26305)
  • È stato risolto un problema che impediva agli utenti di aggiungere fino a 200 attributi clienti a una sottoscrizione. (MAC-26188)
  • È stato risolto un problema precedentemente noto sulla pagina Attributi cliente - Modifica schema che causava un errore in base al contenuto, che si verificava durante la modifica di un nome visualizzato. (MAC-25589, AN-103834)
Problema noto
Esiste un problema noto della Libreria Pubblico che potrebbe impedire al pubblico di effettuare condivisioni dalla segmentazione Analytics, il quale fa sì che la dimensione del pubblico resti costantemente a 0 (zero). Questo problema può verificarsi se il numero dei membri del pubblico supera i 50.000. Come soluzione alternativa, Adobe consiglia di ridurre le dimensioni del segmento a meno di 50.000 membri del pubblico. (MAC-25788)
Per assistenza, consulta la documentazione del prodotto Marketing Cloud .

Adobe Mobile Services

Il rilascio del 17 settembre 2015 di Mobile Services include le seguenti modifiche:
Risorsa Descrizione
Messaggi push ai segmenti Analytics
Con l'invio di messaggi push ai segmenti Analytics dall'interfaccia utente di Mobile Services , puoi sfruttare i solidi dati di Analytics mentre interagisci con gli utenti.
Vedi:
Miglioramenti nel tracciamento dell'acquisizione
Crea collegamenti agli app store o codici QR per consentire agli utenti di scaricare le applicazioni direttamente dall'App Store Apple o da Google Play. I collegamenti creati ti consentono di attribuire download e altri eventi di successo alla campagna di acquisizione.
I miglioramenti includono:
  • URL dinamici. Crea all'istante collegamenti di acquisizione esterni all'interfaccia utente di Mobile Services oppure nell'interfaccia utente tramite Acquisition Builder.
  • Crea un collegamento per Apple App Store e Google Play: ci occuperemo noi del rilevamento della piattaforma e del corretto indirizzamento.
  • Aggiungi dei dati alla fine dell'URL, ad esempio traffico affiliato. Puoi aggiungere dati all'URL: verranno trasferiti come dati contestuali che potrai salvare e includere nei rapporti.
  • Supporto IDFA/AdID per campagne cross-app.
Vedi:
Postback
I postback ti consentono di inviare i dati raccolti dall'SDK a un server di terze parti separato. Sfruttando le caratteristiche e gli attivatori utilizzati per visualizzare un messaggio in app, puoi configurare l'SDK per l'invio di dati personalizzati a una destinazione terza.
Retrodata hit sessioni
Una nuova casella di controllo permette di abilitare o disabilitare la funzione di Adobe SDK per retrodatare le occorrenze di informazioni della sessione.
Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.
Aggiornamenti Adobe Mobile Services SDK
Risorsa Descrizione
SDK 4.x Universal Windows Platform per Soluzioni Marketing Cloud
È ora disponibile la SDK 4.x Universal Windows Platform (UWP) per le Soluzioni Marketing Cloud.
Questa nuova SDK vi consente di misurare le applicazioni native per Windows 10, inviare contenuti mirati all'interno della vostra app e di sfruttare e acquisire dati del pubblico attraverso la gestione dell'audience.
Android SDK 4.x per soluzioni Marketing Cloud
E
SDK 4.x per iOS per soluzioni Marketing Cloud
È ora disponibile la versione 4.6 di entrambe le SDK (per Android e iOS).
Entrambe le SDK includono i seguenti miglioramenti:
Invio di messaggi push ai segmenti di Analytics: la SDK per Adobe Mobile Services e Adobe Mobile vi consente di inviare messaggi push ai segmenti Analytics . La SDK vi consente anche di segnalare facilmente gli utenti che hanno aperto la vostra app a seguito dell'apertura del messaggio push.
Metodi di acquisizione: consentono agli sviluppatori di avviare una campagna di acquisizione app, come se l'utente avesse fatto clic su un collegamento. È utile per creare collegamenti di acquisizione manuali e gestire autonomamente il ridirezionamento all'app store.
Postback: i postback vi consentono di inviare i dati raccolti dall'SDK a un server di terze parti separato. Sfruttando le caratteristiche e gli attivatori utilizzati per visualizzare un messaggio in app, puoi configurare l'SDK per l'invio di dati personalizzati a una destinazione terza.
Identificatori: aggiunti i seguenti identificatori:
  • Android:
    • setPushIdentifier
    • submitAdvertisingIdentifierTask
  • iOS:
    • setPushIdentifier
    • setAdvertisingIdentifier
    • trackPushMessageClickThrough
Supporto di WatchKit per WatchOS 2 (solo SDK iOS): aggiunto il supporto a WatchKit per WatchOS 2.
Per ulteriori informazioni, consulta:

Dynamic Tag Management

Aggiornamento dello strumento di Marketing Cloud Visitor ID Service: il 22 settembre, DTM rilascerà un aggiornamento per lo strumento di Marketing Cloud Visitor ID Service. L'ultima versione della libreria (1.6.1) offrirà supporto migliorato per gli ID cliente, aggiunta del supporto per lo stato autenticato e integrazione con più soluzioni migliorata.
L’ultima versione è totalmente compatibile con le implementazioni attuali del servizio Marketing Cloud Visitor ID tramite DTM. Per consentire a tutti gli utenti di trarre vantaggio da questo aggiornamento gli account verranno automaticamente migrati nella nuova libreria di Marketing Cloud ID Service.
Dalla suddetta migrazione risulteranno nuove funzionalità per lo strumento del servizio Marketing Cloud Visitor ID su DTM. Prima della pubblicazione si consiglia di eseguire un test dell'aggiornamento nell'ambiente in uso.
Il team DTM desidera offrire valore sempre maggiore ai propri clienti e l'aggiornamento per lo strumento di Marketing Cloud Visitor ID Service ne è una chiara dimostrazione.
Deprecazione di Amazon S3: Adobe ha dichiarato obsoleto l'uso di Amazon S3 come opzione di hosting della libreria DTM.
Adobe non supporterà più Amazon S3. Le vostre librerie per la gestione tag dinamica su Amazon S3 continueranno a ricevere aggiornamenti fino al 31 dicembre 2015, ma unicamente in stato di sola lettura. Qualsiasi modifica apportata a Dynamic Tag Management non verrà più riflessa in questi file.
Per distribuire modifiche aggiuntive al vostro sito dopo il 31 luglio 2015, dovrete selezionare un'altra delle nostre opzioni di hosting. L'hosting autonomo (Trasmissione FTP o Download della libreria) è sempre la miglior prassi consigliata, ma il nostro hosting terzo Akamai rappresenta un'opzione altrettanto ottima.
Il rilascio di Dynamic Tag Management del 3 settembre 2015, include le seguenti modifiche:
Nuove funzionalità
Funzione Descrizione
Gestione dei gruppi
La gestione dei gruppi semplifica l'organizzazione degli utenti e il controllo dei loro livelli di accesso. I permessi sono impostati a livello di gruppi di utenti, in modo che tutti gli utenti nel gruppo possano ereditare i permessi di tale gruppo, incluso l'accesso alle proprietà.
Correzioni di problemi e miglioramenti:
  • Migliorata la distribuzione della libreria satellite (aumento della velocità da 2 a 5 volte). I clienti con molte regole o che stanno distribuendo molti tag di terza parte otterranno grandi vantaggi da queste modifiche.
  • Migliorata la velocità di upload in Akamai (fino a 5 volte più veloce).
  • Migliorata la velocità di caricamento (2 volte più veloce) per tutte le pagine che elencano regole.
  • Risolto un problema che impediva ad alcune pagine di caricarsi in Internet Explorer (gli utenti ricevevano un messaggi di errore popup).
Consultate le Novità di Dynamic Tag Management per le note sulla versione attuali e cumulative, aiuto e aggiornamenti della documentazione.
nel mese di gennaio 2016, Adobe disabiliterà il supporto al protocollo SSL v3 a scopo di sicurezza e interromperà il traffico SSL v3 per la raccolta di dati Adobe Analytics. Adobe contatterà quei clienti che risentiranno significativamente di questo provvedimento nel prossimo periodo.

Nuove funzioni in Analytics

Il rilascio del 17 settembre 2015 di Analytics include le seguenti modifiche:
Funzione Descrizione
Analysis Workspace
Precedentemente in beta pubblica, Analysis Workspace è ora una funzionalità completamente funzionante di Adobe Analytics. Le informazioni sono disponibili in modo più veloce e flessibile, con analisi a trascinamento della selezione, layout flessibile e potenti visualizzazioni interattive. Salvate e riutilizzate progetti personalizzabili.
Nota: prima di creare o curare un progetto di Analysis Workspace, gli amministratori devono aggiungere gli utenti a un gruppo su cui sia abilitato il permesso Crea/Cura progetti in Analysis Workspace oppure al gruppo di utenti Accesso a tutti i report . ( Strumenti di amministrazione > Gruppi ).
Marca temporale opzionale
Ora potete integrare sia i dati con marca temporale sia quelli privi di marca in una suite per report.
  • Inserite sia i dati con marca temporale sia quelli privi di marca nella stessa suite per report globale.
  • Inviate dati con marca temporale da un app per dispositivo mobile a una suite per report globale.
  • Aggiornate le app per poter utilizzare il monitoraggio offline senza dover creare per una suite per report.
Marca temporale opzionale è l'impostazione predefinita per tutte le nuove suite per report generate da un modello (le nuove suite per report copiate da una suite esistente erediteranno le impostazioni di marca temporale dalla suite per report originale).
Consultate le procedure consigliate per le marche temporali per una panoramica delle informazioni che identificano i limiti e le opzioni dell'impiego delle marche temporali o dell'impostazione di suite di record come timestamp opzionali.
Miglioramenti di Video Analytics
Analisi federate: Analisi federate è una funzionalità di Adobe Video Analytics che consente la condivisione standardizzata interpiattaforma di dati video tra i partner, governata da regole/logiche. Chi condivide è in grado di controllare i dati che verranno condivisi durante la riproduzione di ogni video, fino a un livello video individuale. Il destinatario può specificare dove devono essere inviati i dati sulla base di attivatori definiti, all'interno di Adobe.
Analisi OTT (Over-the-Top): Adobe Video Analytics fornisce misurazioni standardizzate sia dei video che delle app per dispositivi OTT. La nuova SDK OTT include:
  • Roku (solo app BrightScript)
  • AppleTV
  • Presto disponibili: Chromecast e Xbox One
Metriche Quality of Experience (QoE) : l'SDK Adobe Video Analytics raccoglie circa 20 metriche Quality of Experience , che includono buffering, tasso di bit ed errori per monitorare come la qualità video influisce su metriche del coinvolgimento fondamentali come il tempo trascorso, i video per visita, gli annunci per video e così via.
Consultate la sezione relativa alle variabili di qualità e agli eventi .
Data Workbench 6.5 Nuova tabella delle associazioni e altre funzionalità aggiunte al nuovo rilascio di Data Workbench 6.5 .
Miglioramento di Data Warehouse
Aggiunta un'opzione con casella di controllo all'interfaccia utente di Data Warehouse, "Ordina output per metrica".
Selezionando la casella, l'output viene ordinato in base all'ordine in cui sono selezionate delle colonne delle metriche nell'anteprima del report. Le metriche vengono ordinate in ordine decrescente. Altro... (AN-100771)
Modifiche dei permessi in Generatore segmenti e Generatore metriche calcolate
L'utente amministratore può limitare il tipo di utenti che possono creare nuovi segmenti o nuove metriche calcolate.
Per impostazione predefinita, tutti gli utenti possono creare segmenti o metriche calcolate. Altro...
Modifiche alla metrica Ricerche La metrica Ricerche ora include dati generati su hit linkTrack, che aumentano l'accuratezza della metrica. Qualsiasi tipo di hit (visualizzazione pagina, visualizzazione video, clic collegamento, ecc.) può ora incrementare la metrica Ricerche, purché sia il primo hit della visita. Questa modifica influenza il calcolo della metrica Ricerche.
Aggiornamenti alla documentazione
Amministratori di Analytics: se siete amministratori in Marketing Cloud, consultate Utenti e gruppi per informazioni aggiornate sui gruppi di soluzioni per la mappatura che consentono di ampliare i gruppi Adobe e sull'aggiunta in blocco di utenti nella dashboard di Enterprise .

Correzioni di Reports & Analytics

  • È stato risolto un problema che impediva il provisioning di 100 eVar e 1.000 eventi. (AN-107899)
  • È stato risolto un problema che impediva a due funzioni avanzate di comparire nel Generatore metriche calcolate: Cumulativa e Media cumulativa. (AN-108072)
  • È stato risolto un problema che impediva a eVar personalizzati di essere visualizzati nel menu Report. (AN-107387)
  • È stato risolto un problema in cui un grafico in un report Target scaricato in formato PDF non corrispondeva al grafico nell'interfaccia Web. (AN-107389)
  • È stato risolto un problema che impediva la visualizzazione di alcuni widget di pubblicazione. (AN-101551)
  • È stato risolto un problema che causava il mancato allineamento delle cifre sull'asse del tempo con le linee tratteggiate, nei report delle tendenze normalizzati. (AN-99445)
  • È stato risolto un errore che si verificava dopo la creazione un gruppo utenti in Reports & Analytics, selezionandolo come gruppo utenti predefinito. Il tentativo di ripristinare il gruppo predefinito su Nessuno non andava a buon fine e generava un messaggio di errore. (AN-108270)
  • È stato risolto un problema che impediva ai rapporti Profilo visitatore e Attributi cliente di venire visualizzati nel menu. (AN-106265)
  • È stato risolto un problema che causava la disattivazione delle schermate degli utenti dopo l'accesso in Analytics, quando non vi era nessun grafico presente sulla landing page. (AN-105470)
  • È stato risolto un problema relativo ai feed di dati Adobe Advertising Cloud. (AN-106116)
  • Logica di rilevamento del motore di ricerca aggiornata per contare il traffico criptato da Bing come "parola chiave non disponibile". (AN-106209)
  • Corretto un errore di segmentazione presente in caso di nidificazione dei contenitori, poiché venivano inclusi dati che non avrebbero dovuto esserlo. Ad esempio, il problema si verificava quando da due contenitori nidificati (che utilizzavano valori quali visitatori/visite/occorrenze) si desiderava escludere le visite il cui numero (profondità di occorrenza) fosse maggiore di uno. Se all'interno di un contenitore si trovavano due contenitori, uno compreso nella gamma di dati consentiti e l'altro no, i visitatori venivano contati se ritenuti idonei in uno qualunque dei contenitori. (AN-107936)

Correzioni di Data Workbench

  • In precedenza, l'attributo di tipo CRS non veniva convalidato se il tipo di attributo corrispondeva al tipo di dati dell'attributo di un cliente esistente con lo stesso nome. Adesso, viene rilevata la corrispondenza del tipo di attributo e viene segnalato un errore nei registri di CRS in caso di mancata corrispondenza dei tipi di attributo.

Correzioni di Ad Hoc Analysis

  • È stato risolto un problema che causava l'errato caricamento delle metriche con numeri statici molto grandi o molto piccoli. (AN-106886)

Correzioni di Data Warehouse

  • È stato risolto un problema che causava la mancata separazione delle dimensioni di suddivisione con più valori in un'occorrenza in elementi di riga separati, nei casi in cui erano presenti metriche di partecipazione. (AN-106762)
  • È stato risolto un problema con le metriche di non-partecipazione che venivano collocate sull'elemento di riga errato, dopo che la creazione di una riga di output di una metrica di partecipazione principale veniva limitata a 100 righe. (AN-107866)

SDK per AppMeasurement e dispositivi mobili

Servizio ID visitatore di Marketing Cloud
Versione 1.5.2
  • È stato corretto un bug del browser Safari che impediva il funzionamento della sincronizzazione dei servizi quando gli utenti impostavano il blocco dei cookie di terze parti. (AAM-20764)
  • Le chiamate al Servizio ID visitatore ora include ora l'ID versione nel parametro d_visid_ver= . L'ID restituito aiuta i team di supporto con la risoluzione dei problemi e l'assistenza tecnica. (AAM-20824)
** AppMeasurement per JavaScript**
Versione 1.5.2
  • Inclusione di API visitatore 1.5.2
Codice H JavaScript (legacy)
Versione H.27.5
  • Inclusione di API visitatore 1.5.2
AppMeasurementper altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio per una cronologia del rilascio di AppMeasurementAppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian
Funzione Descrizione
In Tipi di pubblico utilizzabili viene visualizzata la sovrapposizione (tasso di corrispondenza) tra i segmenti e una destinazione per gli ultimi 60 giorni. Mostra i risultati con una visualizzazione dei dati e metriche numeriche. I dati di sovrapposizione vengono visualizzati nella sezione delle informazioni di base al momento dell'invio dei segmenti verso una destinazione. L’area Tipi di pubblico utilizzabili è disponibile automaticamente e restituisce dati solo per destinazioni da server a server.
Nota: al momento del rilascio (29/09), la funzione Tipi di pubblico utilizzabili :
  • Avrà solo 5 giorni di dati storici dei rapporti per le nuove caratteristiche Pubblico attivo e Pubblico sincronizzato .
  • Accumulerà dati nei successivi 55 giorni prima di raggiungere la scala completa. Durante questo periodo di creazione, le metriche dei rapporti Pubblico di riferimento possono mostrare risultati inferiori alla popolazione effettiva.
Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • È stato corretto un bug di Audience Marketplace che causava un doppio conteggio delle entrate nell'elenco I miei dati condivisi. (AAM-20200, AAM-20852)
  • È stato corretto un bug di Audience Marketplace che mostrava erroneamente un'icona di avviso "nessun uso" per le sottoscrizioni di feed di dati a canone fisso (flat). (AAM-20850)
  • È stata corretta un’etichetta riportata in maniera errata sulla pagina per la creazione di una regola di unione profili. (AAM-20920)
  • È stato corretto un bug che vi ha impedito di scaricare report in formato .csv. (AAM-20940, AAM-20839)
  • Nella sezione Formati dello strumento di amministrazione interno, è stato aumentato il conteggio dei caratteri del campo riga dati a oltre 255 caratteri. (AAM-20768)
Documentazione nuova e rivista
Nuove funzionalità
Funzione Descrizione
@menzioni
Funzionalità @menzioni aggiunta ai post di Facebook creati in Pubblica ovunque.
Correzioni di problemi e miglioramenti
Questa versione di Social introduce miglioramenti a livello di prestazioni, scalabilità, usabilità e affidabilità. Queste aree sono state ottimizzate con oltre 75 modifiche, tra problemi di back-end risolti e miglioramenti. Le correzioni sotto riportate descrivono le risoluzioni per i principali problemi segnalati dai clienti.
  • È stato risolto un problema che ha talvolta causato la mancata visualizzazione delle informazioni di targeting nell'elenco a discesa di targeting.
  • È stato risolto un problema che causava un errore di post-programmazione durante l'uso dell'interfaccia utente Social in lingua giapponese.
  • È stato risolto un problema che causava un errore in alcuni post di LinkedIn a causa di problemi nella ri-autorizzazione.
  • È stato risolto un problema che di rado impediva agli utenti di ri-autorizzare le proprietà e di aggiungerne di nuove.
  • È stato risolto un problema che impediva agli utenti di eliminare i tweet in attesa nel Calendario dei contenuti.
Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic L'Aiuto per Gestione della pubblicità è disponibile nel prodotto in Aiuto > Sommario . Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Per la documentazione sul prodotto consulta:
Adobe Experience Manager è un sistema di gestione dei contenuti web aziendali che consente di gestire, sviluppare e pubblicare siti web.
Per la documentazione sul prodotto consulta:
Elemento Descrizione Data di pubblicazione
(Aggiornati) Utenti e gruppi
Amministratori Analytics: se siete amministratori nel Marketing Cloud, consultate Utenti e gruppi per informazioni aggiornate sui gruppi di soluzioni Analytics per la mappatura che consentono di ampliare i gruppi Adobe e sull’aggiunta singola o in blocco di utenti nella dashboard di Enterprise .
17 settembre 2015
Documentazione del prodotto Analysis Workspace aggiornata con descrizioni delle funzioni, attività per la creazione di progetti, video e casi d’uso.
17 settembre 2015
Aggiunta la documentazione di prodotto e le buone prassi per Marca temporale opzionale. Questa funzione vi consente di integrare sia dati con marca temporale che privi di marca in una suite per report. Tutte le nuove suite per report verranno dotate della marca temporale opzionale per impostazione predefinita.
17 settembre 2015
Aggiornamento Data Workbench 6.5 Consultate le note sulla versione di Data Workbench 6.5 per istruzioni sull’esecuzione dell’aggiornamento e un elenco di nuove funzioni e correzioni, tra cui nuova tabella delle associazioni, diagramma a corda oltre ad aggiornamenti a visualizzazioni, interfaccia utente, algoritmi e funzioni di esportazione. 17 settembre 2015
Generatore di regole di classificazione è stato aggiornato per consentire l’aggiunta di suite di rapporti e variabili a un set di regole quando si modifica un set di regole esistente (dopo aver creato il set di regole). In precedenza si specificavano la variabile e la suite di rapporti durante la creazione del set di regole. Questa modifica impedisce il verificarsi di problemi segnalati con le variabili di classificazione.
20 agosto 2015
Collegamento profilo funziona con fonti di dati trasversali ai dispositivi per identificare e raccogliere caratteristiche dei visitatori del sito autenticati. Include la funzione Regole unione profili, che consente di segmentare e individuare in maniera precisa gli utenti tra più dispositivi.
20 agosto 2015
Nuovi Generatore della metrica calcolata e Gestore della metrica calcolata
La funzione delle metriche calcolate adesso consente l’utilizzo di metriche segmentate, calcoli più avanzati e la possibilità di organizzare e condividere le metriche.
18 giugno 2015
Analisi freeform (versione beta per il pubblico)
Una funzione di Analysis Workspace, l'analisi freeform consente di creare tabelle di dati e metriche drag-and-drop, dimensioni, segmenti e visualizzazioni multiple per un pannello di progetto.
18 giugno 2015
Data Workbench 6.4
Il rilascio Data Workbench 6.4 include numerose nuove funzioni descritte qui .
18 giugno 2015
Aggiunta del programma di certificazione gestito di Adobe per la versione aggiornata della documentazione di prodotto dei cookie dei siti Web visualizzati.
Il programma di certificazione gestito consente di implementare un nuovo certificato SSL di prima parte per i cookie dei siti Web visualizzati senza nessun costo aggiuntivo.
22 maggio 2015
Aggiornamento della documentazione di prodotto di Adobe Mobile.
22 maggio 2015
Una raccolta dettagliata di ciò che occorre per modernizzare le implementazioni della propria soluzione per i servizi di base.
19 marzo 2015
Se si acquisiscono dati del cliente di livello Enterprise in un database customer relationship management (CRM), è possibile caricare tali dati in Marketing Cloud.
19 marzo 2015
Rilascio primaverile di Analytics
Consultate la sezione Sezione Nuove funzioni di Analytics per una raccolta della nuova documentazione sul rilascio primaverile di Analytics del 2015.
19 marzo 2015
Regole di classificazione di Analytics: sovrascrittura dei valori esistenti
In Strumenti di amministrazione > Generatore regole di classificazione > <nome set di regole> , due nuove opzioni consentono di selezionare una modalità di sovrascrittura:
  • Le regole sovrascrivono i valori esistenti: (impostazione predefinita) sovrascrive sempre le chiavi di classificazione esistenti, incluse le classificazioni caricate mediante l’importazione (SAINT).
  • Le regole sovrascrivono solo i valori non impostati : vengono compilate solo le celle vuote (non impostate). Le classificazioni esistenti non saranno modificate.
Prima, se una chiave era già stata classificata in una colonna o in una cella, la regola non veniva eseguita su tale chiave e la riga nella tabella veniva ignorata.
19 febbraio 2015