Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Gennaio 2017

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Marketing Cloud.
Per ricevere le note sulla versione una settimana prima dell'aggiornamento mensile del prodotto, eseguire la sottoscrizione ad Adobe Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto Adobe). Le informazioni sulla versione nel Priority Product Update vengono comunicate una settimana prima della data di rilascio. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio.

Experience Cloud

Nuove funzioni e correzioni in Experience Cloud.

Servizio Marketing Cloud ID

Il codice del servizio Marketing Cloud ID ( VisitorAPI.js ) viene aggiornato alla versione 2.0 e comprende le seguenti funzioni, correzioni e altre modifiche.
Per impostazione predefinita, il codice v2.0 del servizio ID sincronizza automaticamente gli ID con Adobe Advertising Cloud. Consultare anche Informazioni sulla sincronizzazione degli ID e sulle percentuali di corrispondenza .
Correzioni:
  • È stato risolto un bug che impediva ad AppMeasurement di effettuare chiamate di tracciamento ad Analytics. (MCID-254, MCID-256, MCID-286)
  • È stato risolto un bug che impediva al servizio ID di generare immediatamente un errore in presenza di un ad blocker abilitato e configurato per escludere il dominio demdex.net. Si tratta di un bug raro e insolito, perché la maggior parte degli ad blocker non bloccano il dominio demdex.net. (MCID-233)
  • È stato risolto un bug causato da interazioni tra il codice del servizio ID e uno script personalizzato sul sito Web del cliente. Questo problema impediva a Internet Explorer 9 di caricare le pagine Web. (MCID-206)
L’Aiuto del servizio Marketing Cloud ID è disponibile qui .

Dynamic Tag Management

Funzione Descrizione
Aggiornamenti alla libreria del servizio Marketing Cloud ID
I clienti che utilizzano la libreria del servizio Marketing Cloud ID v1.6.0+ con Adobe Analytics devono disporre della libreria di Analytics versione 1.6.2+. Se necessario, effettuare l’aggiornamento.
I clienti che usano la libreria del servizio Marketing Cloud ID v1.10.0 e setCustomerIDs() devono effettuare l’aggiornamento ad AppMeasurement 1.8.0, disponibile a partire dal 19 gennaio 2017.
Informazioni sul fuso orario aggiunte alle notifiche e-mail
Questo miglioramento corregge un problema che causava discrepanze nella marca temporale.
Correzioni
  • Questa versione di Dynamic Tag Management contiene diversi piccoli miglioramenti di sicurezza.
Consultare le Novità di Dynamic Tag Management per le note sulla versione attuali e cumulative, aiuto e aggiornamenti della documentazione.

Adobe Mobile Services

Risorsa Descrizione
Localizzazione
È ora supportato anche l’italiano.
Sono state migliorate le prestazioni del rapporto Mantenimento.
Il PDF di suddivisione per tecnologia riflette ora metriche secondarie e tipi di pubblico nascosti, selezionati e con zoom.
Sono state aggiornate le panoramiche di utilizzo e tecnologia, che mostrano ora la dimensione “Tipo di sistema operativo” anziché la dimensione obsoleta “Sistema operativo mobile”.
SDK
Android (versione 4.13.3):
  • Messaggi in-app : è stato corretto un problema che impediva la visualizzazione di messaggi di avviso senza pulsante click-through.
  • Analytics : è stata migliorata la gestione dell’accesso in sola lettura al database.
  • Collegamenti universali : è stato corretto un bug a causa del quale collegamenti profondi differiti allegati ai dati di acquisizione venivano attivati per avvii consecutivi.
iOS (versione 4.13.3):
  • Messaggi in-app : è ora possibile disattivare i messaggi a schermo intero quando VoiceOver è in esecuzione.
  • Analytics : è stata migliorata la gestione dell’accesso in sola lettura al database.
  • Generale: è stato corretto un problema a causa del quale poteva verificarsi un arresto anomalo durante la chiamata di un metodo di tracciamento dal background durante l’utilizzo di gruppi di app.
Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.
Data della release di manutenzione: 19 gennaio 2017

Analytics

Avvisi importanti per gli amministratori di Analytics

Consulta la tabella seguente per avvisi importanti su Analytics che possono influenzare la raccolta di dati, l’elaborazione, le API, la fine di vita del prodotto e così via.
Avviso Data di aggiunta o aggiornamento Descrizione
Rimozione delle restrizioni relative alla gestione dei dati tecnologici da parte di Analytics
14 novembre 2016
In precedenza, Adobe Analytics non registrava i dati tecnologici per il traffico web dei dispositivi mobili. In altre parole, i rapporti nella sezione Profilo visitatore > Tecnologia di Reports & Analytics di marketing non ricevevano dati per gli hit web dei dispositivi mobili. A partire da questa versione, i rapporti seguenti verranno compilati con il traffico dei dispositivi mobili:
  • Java
  • JavaScript / Versione JavaScript
  • Profondità colore
  • Risoluzione
  • Larghezza browser
  • Altezza browser
  • Tipo di referente (digitato/con segnalibro)
Elementi obsoleti dell’API 1.3 di Analytics.
15 settembre 2016
La versione 1.3 delle API di Analytics diventerà ufficialmente obsoleta dal 15 settembre 2016. Per evitare interruzioni, Adobe consiglia di effettuare l’aggiornamento alle versioni più recenti dell’API appena possibile.
Per ulteriori informazioni, consulta la pagina sui criteri di supporto API .
AppMeasurement 1.6.3 e Visitor API 1.6.0
4 agosto 2016
La versione 1.6.0 del servizio Marketing Cloud ID richiede AppMeasurement per JavaScript versione 1.6.3 o successiva. Se desideri effettuare l’aggiornamento alla versione 1.6.0 del servizio Marketing Cloud ID, accertati di utilizzare la versione 1.6.3 o successiva del codice AppMeasurement.

Nuove funzioni in Analytics

Funzione Descrizione
Miglioramenti apportati ad Analysis Workspace
  • È ora possibile inviare e scaricare un PDF in Workspace senza dover salvare il progetto . Il nome del PDF corrisponde al nome corrente del progetto. Il PDF scaricato include le modifiche non salvate del progetto. Non è possibile pianificare progetti non salvati. (È inoltre possibile inviare e scaricare file CSV non salvati, ma non è possibile pianificarli.) Altro...
  • Ora è possibile condividere automaticamente i componenti di un progetto (segmenti, metriche calcolate e intervalli di date) con tutti i destinatari. Una volta condivisi, tali componenti sono disponibili nel menu a discesa dei componenti nell’interfaccia Workspace del destinatario. Altro...
  • È stato aggiunto il supporto per la visualizzazione dei dati di Abbandono nel CSV .
  • Intervalli di date nei segmenti : è possibile rilasciare intervalli di date nelle zone di rilascio dei segmenti (ad esempio, zone di rilascio dei segmenti nei pannelli, nella visualizzazione Abbandono e così via.). Gli intervalli di date vengono automaticamente convertiti in segmenti. Gli intervalli di date possono essere personalizzati o meno, ma senza granularità quali ora, giorno, settimana, mese, trimestre o anno. Altro...
  • Ora è possibile aggiungere a ciascuna colonna di una tabella un periodo di tempo diverso da quello impostato nel calendario corrente. Questa funzione offre un altro metodo per confrontare date diverse. È inoltre possibile allineare le date di ogni colonna affinché inizino tutte con la stessa riga. Altro...
Nuova metrica - Visitatori con Marketing Cloud ID
Visitatori con Marketing Cloud ID è disponibile in Analysis Workspace e nel generatore segmenti. Mostra quanti visitatori dispongono di un Marketing Cloud ID. È possibile capire su quali pagine è stato implementato il servizio Marketing Cloud ID e quanti visitatori possono essere condivisi con altre soluzioni Marketing Cloud. È inoltre possibile usare questa metrica nei segmenti condivisi in Marketing Cloud. (Per usare questa nuova metrica è necessario accedere tramite Marketing Cloud.)

Analytics Correzioni e miglioramenti

Sono stati risolti i seguenti problemi per questi prodotti e servizi:
Prodotto Correzioni
Analysis Workspace
  • È stato corretto un problema che provocava il blocco di Workspace durante il rilascio nelle dimensioni. (AN-136256)
  • È stato risolto un problema a causa del quale il valore di Variazione di riepilogo cambiava se si bloccavano alcuni elementi selezionati e quindi si ridimensionava la visualizzazione Variazione di riepilogo. (AN-136028)
  • È stato corretto un problema che impediva la duplicazione di pannelli e visualizzazioni. (AN-135772, AN-135682)
  • È stato risolto un problema a causa del quale venivano troncati i valori di Numero di riepilogo e Variazione di riepilogo nei progetti scaricati o inviati come PDF. (AN-135741)
  • È stato corretto un problema a causa del quale alcuni progetti con visualizzazioni ridotte non potevano essere scaricati e inviati come PDF. (AN-135511)
  • È stato corretto un problema che impediva il caricamento di progetti Workspace. (AN-135253, AN-134445)
  • È stato corretto un problema a causa del quale le visualizzazioni Istogramma presentavano una valuta errata. (AN-135230)
  • È stato risolto un problema a causa del quale nelle visualizzazioni Variazione di riepilogo si verificava una modifica dei valori a seguito del salvataggio. (AN-135161, AN-134767)
  • È stato corretto un problema che causava la presenza di valori decimali (con almeno 4 cifre decimali) sia con punti che con virgole decimali nei progetti Workspace. (AN-134889)
  • È stato corretto un problema che impediva ad alcuni utenti di accedere a Workspace. (AN-134885)
  • È stato corretto un problema che impediva a Workspace di applicare metrica alla formattazione condizionale. (AN-134314)
  • È stato corretto un problema che impediva a Workspace di condividere alcuni progetti con alcuni utenti. (AN-134154)
  • È stato corretto un problema che impediva ai progetti Workspace di mantenere il layout salvato. (AN-133810)
  • È stato corretto un problema a causa del quale l’impostazione “Mostra anomalie” non funzionava come previsto in alcune situazioni. ( AN-133721)
  • È stato corretto un problema a causa del quale le dimensioni e metriche di Workspace sparivano in modo intermittente. (AN-133421)
  • È stato corretto un problema che impediva il completamento del confronto di segmenti. (AN-133222)
  • È stato corretto un problema a causa del quale i progetti pianificati di Workspace attivavano e-mail ridondanti. (AN-131167)
  • È stato corretto un problema che si verificava nel blocco di visualizzazioni con righe di suddivisione. (AN-130944)
  • È stato corretto un problema a causa del quale le visualizzazioni Workspace non mostravano la valuta della suite di rapporti. (AN-130196)
  • È stato corretto un problema che causava saltuariamente l’ordine errato delle date in Workspace. (AN-127586)
  • È stato corretto un problema a livello di modifica della formattazione condizionale personalizzata. (AN-134210)
  • È stato corretto un problema di assenza di dati nei PDF per alcune visualizzazioni. (AN-134904)
  • È stato corretto un problema che causava dati di progetto Workspace mancanti nei PDF pianificati. (AN-136104)
Reports & Analytics
  • (24 gennaio 2017) È stato corretto un difetto a causa del quale veniva inserito “0” per un campo Codice postale (CAP) vuoto. Quando un CAP non è noto o non è disponibile o supportato per un indirizzo IP, talvolta il fornitore di informazioni geografiche restituisce un valore vuoto (che viene visualizzato come Nessuno nei rapporti) e talvolta restituisce un valore 0. Il valore 0 ora è vuoto, in modo tale che le due righe nel rapporto vengano visualizzate insieme in un singolo elemento della riga Nessuno. (AN-134076, AN-133097)
  • È stato corretto un problema che causava ritardi nella consegna degli avvisi. (AN-135010)
  • È stato corretto un problema che causava un errore durante il rilevamento delle anomalie. (AN-132517)
  • È stato corretto un problema di anteprima con metriche calcolate contenenti metriche non più supportate, quali “Visitatori unici giornalieri”. In futuro, tali metriche presenteranno un messaggio di tipo “Le anteprime non sono supportate per questa metrica”. (AN-129452)
  • È stato corretto un problema a livello di autorizzazioni utente, dove la modifica delle autorizzazioni da Amministratore a Non amministratore non veniva salvata. (AN-134393)
  • È stato corretto un problema a causa del quale, quando si applicava a un rapporto un segmento appena creato, veniva generato un rapporto con configurazione errata. (AN-134560, AN-136367, AN-135152, AN-135645, AN-134405, AN-133270)
  • È stato corretto un problema che impediva di salvare gli avvisi. (AN-136589)
  • È stato corretto un problema in cui i rapporti sulla conversione non venivano visualizzati in assenza di metriche di conversione. (AN-134441)
  • È stato corretto un problema che si verificava quando si cambiava suite di rapporti: alcuni rapporti sul traffico venivano erroneamente visualizzati. (AN-136348)
  • È stato corretto un problema che impediva ai dashboard di essere pianificati o scaricati come PDF. (AN-129605)
  • È stato corretto un problema in cui la variabile Video presentava un nome errato in alcuni rapporti. (AN-131274)
  • (AN-127376) È stato rimosso il requisito Nome pagina dalla metrica Hit da dispostivi mobili perché restituiva dati nulli.
  • È stato corretto un problema che poteva avere un impatto sui numeri. Per correggerlo, è stato ridotto il periodo di look-back dei rapporti all’intervallo di date predefinito. (AN-131186)
  • È stato corretto un problema di allocazione lineare che provocava discrepanze tra i rapporti di Reports & Analytics e Analytics Workspace. (AN-128166)
  • È stato corretto un problema che si verificava nei rapporti in caso di suddivisione di variabili mvvar per classificazioni della stessa variabile mvvar. (AN-134574)
  • Prima di questa versione, il look-back di attribuzione veniva calcolato sull’unione di tutti gli intervalli di date per tutte le metriche su un rapporto, quindi esteso per includere tutti i mesi per tali intervalli di date. Con questa versione, ogni metrica è indipendente e il look-back di attribuzione non viene esteso quando viene aggiunta un’altra metrica. (AN-136600)
Classificazioni
  • È stato corretto un problema di Generatore di regole di classificazione impediva il salvataggio di espressioni regolari. (AN-130199)
  • È stato risolto un problema di sicurezza di classificazione. (AN-130691)
Ad Hoc Analysis
  • È stato corretto un problema di mancata consegna dei rapporti pianificati nonostante la data di fine fosse impostata su “Mai.” (AN-133817)
Data Warehouse
  • È stato corretto un problema di configurazione che impediva il caricamento di più di 200 eventi personalizzati. (AN-135740)
AppMeasurement (SDK legacy e mobile)
AppMeasurement per JavaScript
JavaScript versione 1.8.0 (19 gennaio 2017)
  • Include VisitorAPI 2.0.0 ( servizio Marketing Cloud ID )
  • È stata modificata la sequenza di chiamate di funzioni e verifiche in modo che SDID viene consumato dopo il completamento della verifica di interruzione. (AN-134364)
  • Sono stati aggiunti i seguenti hook di chiamate pre e post tracciamento. (AN-134567)
    • s.registerPreTrackCallback
    • s.registerPostTrackCallback
    Per ulteriori informazioni, consultare AppMeasurement per JavaScript (19 gennaio 2017).
AppMeasurement per altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio AppMeasurement per una cronologia del rilascio di AppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian

Audience Manager

Aggiornato il 31 gennaio
Funzione Descrizione
DIL e Google Universal Analytics
È stata aggiunta la nuova funzione DIL GA.submitUniversalAnalytics che consente di inviare dati da Google Universal Analytics ad Audience Manager . Consultare GA.submitUniversalAnalytics .
Rapporti Advertiser (Inserzionista) di Analytics
Le nuove funzioni includono:
  • Filtro per segmenti mappati e non mappati.
  • Dashboard di segmenti aggiornato con rapporti di analisi distinti per tendenze e volume.
  • Possibilità di visualizzare le impression, il tasso di click-through e i tassi di conversione simultaneamente nel dashboard di segmenti .
Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
Correzioni:
  • È stato corretto un bug SQL a causa del quale veniva restituito un messaggio di errore di sistema invece di un messaggio più comprensibile per l’utente, quando si tentava di creare una destinazione da server a server. (AAM-21187)
  • È stato corretto un bug nella casella Seleziona tutto della pagina di destinazione Caratteristiche che impediva di selezionare tutte le caratteristiche elencate. (AAM-26031)
  • È stato corretto un bug nel visualizzatore del profilo visitatore a causa del quale le date venivano visualizzate nell’ora locale anziché nel fuso orario UTC. (AAM-26061)
  • È stato corretto un bug a causa del quale gli utenti con autorizzazioni Amministratore potevano creare una cartella con ID 0 che non poteva quindi essere eliminata. (AAM-26558)
  • È stato corretto un bug che impediva ad alcuni clienti con controlli di accesso basati su ruolo assegnati a gruppi di utenti, di lavorare con i segmenti. (AAM-26632)
  • È stato corretto un bug che restituiva dati da un’origine di dati eliminata. (AAM-26716)
  • È stato corretto un bug che impediva il caricamento di regole per l’unione di profili in Internet Explorer. (AAM-27557)
  • È stato corretto un bug in Audience Marketplace a causa del quale, in seguito alla revoca dell’accesso ai feed di dati, venivano inviati file .csv vuoti agli acquirenti di dati. (AAM-27671)
I miglioramenti includono:
  • Modifiche a livello di design nelle pagine dei dettagli Destinazioni e Segmenti per migliorarne l’usabilità. (AAM-25723)
  • Nuovi intervalli di date (14 giorni, 90 giorni, ciclo di vita) per le popolazioni dei segmenti. (AAM-27712)
DIL - Correzioni di bug, miglioramenti e codice dichiarato obsoleto
!UICONTROL DIL è il codice di raccolta di dati API per Audience Manager. Con il rilascio di gennaio, DIL è stato incrementato alla versione 6.8.
Questa versione modifica il modo in cui la funzione DIL.create risponde quando viene rilevato un errore. Con la versione 6.8, DIL genera un errore descrittivo che interrompe l’esecuzione del codice e indica la natura dell’errore.
Documentazione nuova e rivista
Novità:
File CSV per rapporti di sovrapposizione . È possibile richiedere un file .csv per rapporti di sovrapposizione quando tale rapporto raggiunge il limite di 1 milione di record.
Articoli rivisti:
Miglioramenti
manutenzione del server pianificata per il 30/01/2017 alle ore 1:00-4:00 PST. Durante questa finestra di manutenzione, il modulo di pubblicazione non sarà disponibile e i post pianificati non verranno pubblicati. Si prega di tenerne conto e pianificare i post di conseguenza.
Funzione Descrizione
Gli amministratori di Analytics ora possono accedere all’attivazione/disattivazione della suite per rapporti Social.
Modifiche apportate alle API Descrizione
Il limite di dimensione file immagine è stato aggiornato a 10 MB per FB in Adobe Social, in linea con il limite delle API di Facebook.
Per gli aggiornamenti mirati della pagina LinkedIn dell’azienda, LinkedIn ha cambiato il requisito minimo di follower, portandolo da 100 a 300. Le pagine aziendali seguite da meno di 300 utenti potranno essere pubblicate per tutti i follower, ma non per uno specifico segmento.

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Search&Promote

I collegamenti da Adobe Analytics a tutti i prodotti Adobe, inclusi Search&Promote, sono stati rimossi dalla navigazione. Gli utenti che utilizzano questi strumenti possono effettuare l’accesso sia tramite Marketing Cloud (ove supportato) o direttamente. Per accedere a Search&Promote utilizza questo collegamento: / https://center.atomz.com/center/.

Campaign

Correzioni
  • È ora disponibile la versione 17.1.1.
Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Per la documentazione sul prodotto consulta:
Adobe Campaign Standard
Adobe Campaign v6

Experience Manager

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.

Nuove funzioni di AEM

Titolo Descrizione
Rilasci di prodotti
Offre miglioramenti a livello di prestazioni, supporto di miniature video personalizzate e funzioni di gestione del colore per elementi multimediali dinamici, in AEM Assets in seguito alla disponibilità di AEM 6.2.
Per ulteriori informazioni, consultare le note sulla versione di AEM 6.2 Feature Pack 2 .
Include miglioramenti a livello di scalabilità, prestazioni e usabilità per i clienti di AEM 6.1.
Manutenzione del prodotto
AEM 6.2 Service Pack 1
AEM 6.2 Service Pack 1 è un aggiornamento importante che include correzioni suggerite dai clienti e miglioramenti a prestazioni, stabilità sicurezza disponibili dal rilascio di AEM 6.2 ad aprile 2016.
È possibile installare AEM 6.2 Service Pack 1 su AEM 6.2 GA dopo l’applicazione dell’Hotfix 12785. Alcuni elementi di rilievo del Service Pack sono elencati di seguito:
  • L’archivio incorporato Apache Jackrabbit Oak è stato aggiornato alla versione 1.4.6.
  • Include hotfix per prestazioni, usabilità e problemi segnalati dagli utenti in AEM 6.2 e 6.1.
  • Sono state migliorate la stabilità, la scalabilità e le prestazioni di assimilazione per AEM Assets.
  • Sono stati risolti problemi di gestione di modelli e percorsi di traduzione in AEM Sites.
  • È stata migliorata la stabilità dei processi di traduzione.
  • È stata migliorata l’esperienza di ricerca nella schermata iniziale.
  • È stata migliorata l’esperienza di anteprima delle risorse, comprese le risorse video.
  • Sono stati risolti problemi di replica in merito a preferenze degli utenti.
Per ulteriori informazioni, consultare le note sulla versione di AEM 6.2 Service Pack 1 .
AEM 6.1 SP2-CFP4
AEM 6.1 SP2-CFP4 (Service Pack 2 - Cumulative Fix Pack 4) è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per il cliente, introdotte dopo la data di disponibilità generale di AEM 6.1 SP 2 nell’agosto 2016.
AEM 6.1 SP2-CFP4 include anche l’archivio Apache Jackrabbit Oak 1.2.18.
Nota: AEM 6.1 SP2-CFP4 dipende da AEM 6.1 Service Pack 2. È pertanto necessario avere installato AEM 6.1 SP2. Per informazioni sull’installazione di AEM 6.1 SP2, consultare le note sulla versione di AEM 6.1 SP2 . Quindi installare il pacchetto AEM 6.1 SP2-CFP4 disponibile su Adobe Package Share (nello stesso percorso sono anche disponibili le relative note sulla versione).
AEM 6.1 Cumulative Fix Pack e le relative note sulla versione sono disponibili in Adobe Package Share .
Community
IMMERSE
IMMERSE17 si terrà dal 15 al 19 maggio 2017
IMMERSE è una conferenza virtuale globale per sviluppatori di AEM.
Registrazione: la promozione Early Bird con tariffe ridotte termina il 31 gennaio 2017.
L’edizione inaugurale del convegno si è tenuta lo scorso aprile. Ha riscosso un successo tale che Adobe Systems ha deciso di renderlo un appuntamento annuale ricco di contenuti. L’evento comprende ora un’area espositiva, discussioni tematiche di tipo round table e sale dedicate al networking. È possibile partecipare comodamente dall’ufficio o da casa. Per saperne di più .
Sei un membro attivo della community degli sviluppatori AEM? La tua azienda vuole essere vista come una sostenitrice importante della community? Per diventare parte attiva di questa community dinamica, consulta il prospetto sulle sponsorizzazioni IMMERSE17 .

Risorse AEM aggiuntive

Advertising Cloud

Aggiornato: aggiornato il 20 gennaio
Funzione Descrizione
Cerca Variabile
Ricerca Advanced Campaign Management (ACM)
È possibile scaricare e visualizzare i dati per un account Bing Merchant Center (BMC) in Cerca > Prodotti. È inoltre possibile associare un modello di feed inventario con l’account BMC in modo da includere colonne di feed nella struttura della campagna e il testo di annunci per le campagne di acquisto.
Per lavorare direttamente con i dati di prodotto in Advertising Cloud, è necessario creare un record di account corrispondente in Advertising Cloud contenente le credenziali di accesso all'account e con l'accesso abilitato.
Attualmente, l’utilizzo dei feed BMC è supportato quando:
  • Per l’account non è configurato alcun modello di tracciamento.
  • Gli URL nel file di feed includono il reindirizzamento a Advertising Cloud.
(Modelli per acquisti Google) Singapore è ora disponibile come paese per le vendite.
Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
Funzioni aggiunte a Campaigns Beta:
  • Scheda Audience Targets (Destinazioni pubblico), per la gestione delle destinazioni di pubblico Google RLSA.
  • (Google AdWords) Nelle impostazioni dei gruppi di annunci, è ora possibile configurare regolazioni dei bid per dispositivo tramite le impostazioni Devices (Dispositivi) nella sezione Ad Group Targeting (Destinazione gruppo di annunci). I valori percentuali validi possono comprendere -100 per smartphone e tablet (per escludere il bid per tipo di dispositivo), e da -90 a 900 per tutti i tipi di dispositivo.
  • (Google adwords) È ora possibile creare, modificare e modificare in modalità collettiva annunci di testo estesi.
  • (Yahoo Japan) Le entrate e i dati dei rapporti per annunci di testo estesi vengono sincronizzati dalla rete.
Visualizza campagne gestite
È ora possibile salvare le modifiche per più strategie di annunci pubblicitari in una campagna alla volta.
Yahoo Ad Exchange è ora disponibile come sorgente per le strategie pubblicitarie RTB. Questa opzione è selezionata per impostazione predefinita per le nuove strategie pubblicitarie.
A tutti gli annunci Facebook Exchange (FBX), dichiarati obsoleti il 1° novembre 2016, è ora assegnato lo stato “Eliminato”. Precedentemente era assegnato loro lo stato “Pausa”.
I dati per le strategie pubblicitarie FBX sono ancora disponibili nei rapporti.
Versione beta della console dei feed social
La versione beta della console dei feed include ora una colonna che indica l’origine del file di feed: FTP, GMC o Upload.
Ulteriori dettagli sono disponibili direttamente nel prodotto, da ? > Sommario .