Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Maggio 2017

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Le versioni di manutenzione di maggio sono state rimandate a giugno . Controlla di nuovo a giugno per informazioni sulla data di rilascio.

Esempi pratici di Experience Cloud

Nuova documentazione per aiutarti a implementare e distribuire flussi di lavoro e integrazioni tra le diverse soluzioni.
Caso d'uso Descrizione
L’esempio Digital Foundation è utile per implementare una piattaforma di marketing digitale con Analytics, per ottimizzare e gestire le campagne.
Il caso d’uso Informazioni sui clienti spiega come creare un profilo unificato del cliente con più origini dati e come usarlo per creare un pubblico fruibile.

Experience Cloud e servizi core

Note sulla versione dell’interfaccia dei servizi di base, compresi Assets, Feed, Profiles & Audiences, Mobile Services e Dynamic Tag Management. Sono incluse anche le informazioni sulla versione del servizio Marketing Cloud ID (Visitor API).

Servizio Marketing Cloud ID

Documentazione rivista
In Comprensione della sincronizzazione di ID e dei match rate sono presenti nuove informazioni sulla chiamata cm.eversttech.net effettuata dal servizio ID verso Adobe Advertising Cloud.
Consulta la documentazione di prodotto del Servizio Marketing Cloud ID .

Analytics

La versione di manutenzione di maggio per Analytics è stata rimandata a giugno . Controlla di nuovo a giugno per informazioni sulla data di rilascio. (La versione di Data Warehouse, di seguito, è stato rilasciata).

Analytics - Amministrazione, raccolta dati, implementazione

Correzioni e aggiornamenti applicati agli strumenti di amministrazione di Analytics, inclusi quelli per implementazione e sviluppatori (servizi Web e SDK).
Prodotto o funzione Correzione o aggiornamento
Data Warehouse
  • È stata corretta una discrepanza tra il rapporto Referenti di Data Warehouse e Reports & Analytics/Analysis Workspace. (AN-141930)

Audience Manager

Rilascio 18 - 24 maggio (non interessato dal posticipo del rilascio).
Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • È stato corretto un bug in Segment Builder (Generatore segmenti) a causa del quale le etichette Trait Name (Nome caratteristica) e Trait Realization (Realizzazione caratteristica) risultavano non allineate per segmenti contenenti numerose caratteristiche e regole complesse. (AAM-29596)
  • È stato corretto un bug in Audience Lab a causa del quale era possibile eliminare un gruppo di test attivo. (AAM-29452)
  • È stato corretto un bug che impediva di trascinare le caratteristiche in Segment Builder (Generatore segmenti). (AAM-29598)
  • È stato corretto un bug a causa del quale per la metrica della media di dispositivi per persona non veniva usata l’ultima data di rapporto. (AAM-28783)
  • È stato corretto un bug a causa del quale una regola di unione configurata con un’opzione per grafico dispositivi di terze parti non poteva restituire dati dall’opzione di grafico dispositivi selezionata. (AAM-28811)
  • È stato corretto un bug a causa del quale venivano visualizzate icone di descrizioni comandi superflue quando si modificava una sorgente dati. (AAM-29590)
  • È stato risolto un problema di impaginazione nella risposta Destination API (API destinazione). (AAM-29430)
  • Sono state aggiunte virgole ai numeri del limite massimo di utilizzo per caratteristiche, segmenti, destinazioni, ecc. Consulta Limiti di utilizzo . (AAM-29310)
  • Sono state aggiunte descrizioni alla sezione delle impostazioni delle sorgenti dati nella pagina dei dettagli delle sorgenti dati. (AAM-28678)
  • È stata aggiunta l’etichetta Metriche identità alla pagina del rapporto sulle regole per l’unione di profili. (AAM-28970)
  • È stato modificato il modo in cui il peso dei modelli algoritmici risulta in un valore percentuale da 0% a 100%. Precedentemente la scala del peso era compresa tra 0 e 1. (AAM-29652)
Nuova documentazione

Campaign

Nuove funzioni di Adobe Campaign Standard 17.5.
Pianificazione rilascio: 15 maggio 2017
Funzione Descrizione
Posta diretta
Infrangi la barriera digitale e collegati al mondo fisico con Direct Mail, il primo canale offline di Adobe Campaign Standard. Crea, personalizza e gestisci Direct Mail con il tuo provider preferito per le tue campagne multicanale. Utilizza Posta diretta per coinvolgere di nuovo i clienti o per migliorare la loro esperienza con un efficace punto di contatto tattile che indirizza i clienti all'app, al sito Web o allo store.
Ccn e-mail
Ccn e-mail consente di salvare messaggi di posta unici inviati a singoli destinatari, permettendo quindi al cliente di archiviarli. Basta aggiungere un indirizzo e-mail Ccn a tutte le e-mail inviate per conservarne una copia esatta. Si tratta di un requisito legale comune nel settore FSI e di un criterio di acquisto per agevolare la risoluzione dei conflitti in tempo reale tra venditori e clienti.
Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.

Nuove funzioni di AEM

Titolo Descrizione
Rilasci di prodotti
AEM 6.3
AEM 6.3, disponibile dal 26 aprile 2017, è un upgrade della codebase di AEM 6.2. Fornisce funzionalità nuove e migliorate, importanti correzioni dei clienti, miglioramenti dei clienti con priorità alta e correzioni di bug generali per migliorare la stabilità del prodotto.
Questa versione include anche tutti i feature pack, hotfix e service pack di AEM 6.2.
Manutenzione del prodotto
AEM Cumulative Fix Pack 6.2 SP1-CFP3
AEM Cumulative Fix Pack 6.2 SP1-CFP3, disponibile dal 9 maggio 2017, è un aggiornamento importante che include importanti correzioni dei clienti rese disponibili al momento della disponibilità generale di AEM 6.2 SP1, nel dicembre del 2016.
AEM Cumulative Fix Pack 6.1 SP2-CFP8
AEM Cumulative Fix Pack 6.1 SP2-CFP8, disponibile dal 5 maggio 2017, è un aggiornamento importante che include importanti correzioni dei clienti rese disponibili al momento della disponibilità generale di AEM 6.1 SP2, nell'agosto del 2016. Include la versione 1.2.18 dell'archivio integrato (Apache Jackrabbit Oak).
Aiuto e documentazione
Risorse per l'apprendimento di AEM 6.3
Community
IMMERSE
IMMERSE17 si terrà dal 15 al 19 maggio 2017
IMMERSE è una conferenza virtuale globale per sviluppatori di AEM.
Registrati ora al nostro secondo AEM DevCon globale virtuale che si tiene ogni anno. Include cinque sessioni ogni giorno nei fusi orari Ora solare India, Ora legale Regno Unito; BST, Pacifico (ora legale). Abbiamo aggiunto una exhibit hall, tavole rotonde e salottini. Puoi partecipare comodamente dall’ufficio o da casa, a seconda di dove ti trovi. Per saperne di più .
Sei un membro attivo della community degli sviluppatori AEM? La tua azienda vuole essere vista come una sostenitrice importante della community? Per diventare parte attiva di questa community dinamica, consulta il prospetto sulle sponsorizzazioni IMMERSE17 .
Adobe Partner Cafe per AEM 6.3
REGISTRATI ORA - Adobe AEM Partner Cafe
Gli esperti dei prodotti Adobe sono in viaggio per parlare delle novità di AEM 6.3!
Come partner di Adobe ed esperto del settore tecnologico, per te è fondamentale sapere come creare più valore per i tuoi clienti.
Unisciti a noi per uno dei prossimi Partner Cafe per conoscere la vision, la strategia e la roadmap di AEM e l'I/O di Adobe. Per te è anche un'eccezionale opportunità per interagire con i tuoi colleghi.

Livefyre

Nuove funzioni, correzioni e aggiornamenti di Adobe Livefyre. Livefyre presenta un’offerta completa per contenuti generati dagli utenti, tra cui funzionalità per curare i contenuti social e applicazioni di coinvolgimento in loco.
Per informazioni aggiornate consulta Note sulla versione di Target .

Advertising Cloud

Funzione Descrizione
Portfolio
Quando l'opzione per ottimizzare la posizione automatica o le regolazioni delle offerte per l'elenco di remarketing è abilitata, in base al processo di ottimizzazione viene ora modificata automaticamente anche la relativa regolazione delle offerte per le campagne pertinenti nel portafoglio ottimizzato.
Se il portfolio utilizza offerte infragiornaliere e l'impostazione di regolazione automatica dei budget per le campagne a livello di portfolio è abilitata, tutte le modifiche necessarie ai budget per le campagne dovute alla destinazione del portfolio ora vengono effettuate entro l'ora successiva (ad esempio alle 11:00 per le modifiche effettuate alle 10:30), non più a mezzogiorno.
Campagne basate su ricerche
(Account Google) Il servizio di base Adobe Mobile ora è integrato come Mobile Measurement Partner (MMP). L'impostazione a livello di inserzionista consente di specificare Adobe Mobile Services come MMP dell'inserzionista.
Quando un inserzionista utilizza il servizio di base Adobe Mobile, l'applicazione installa l'annuncio e nelle impostazioni di estensione è presente un URL postback. Per ciascuna app, immetti manualmente nelle impostazioni l'URL postback per gli eventi di installazione e gli altri eventi in-app.
Il servizio di base Mobile invia quindi i dati Advertising Cloud per ogni installazione o altro evento in-app eseguendo il ping dell'URL postback quando Advertising Cloud riceve i postback, gli eventi tracciati sono disponibili come proprietà transazione. Per includere le proprietà della transazione in viste e rapporti o per configurare gli obiettivi del tuo portfolio ottimizzandoli per proprietà specifiche della transazione, devi rendere le proprietà della transazione disponibili per portfolio, rapporti e viste.
Ricerca Advanced Campaign Management (ACM)
I modelli di annuncio per Bing Ads e Yahoo! Japan ora includono il supporto per gli annunci di testo espansi/estesi. I modelli per Bing Ads supportano ancora gli annunci di testo standard, ma i modelli per Yahoo! Japan non supportano più la creazione o la modifica di annunci di testo standard.
I modelli di annuncio per acquisti su Bing Ads includono una nuova impostazione della lingua a livello di gruppo.
Ricerca nei bulksheet
Nei bulksheet di Bing Ads generati con Advanced Campaign Management ora è presente la colonna “Retail Hash” (Hash per la vendita, alla fine), che viene compilata automaticamente con un codice hash alfanumerico (ad esempio f9639f40cdf56524b541e5dacf55a991) che indica che l'elemento è stato generato usando la vista Avanzate (ACM). Incluso a solo scopo informativo.