Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione- Gennaio 2018

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Nota: per ricevere notifiche sulle sulla versione precedente, abbonati all' Adobe Priority Product Update . Il Priority Product Update viene inviato da tre a cinque giorni lavorativi prima della data di rilascio. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio. Le nuove informazioni pubblicate dopo il rilascio saranno contrassegnate dalla data di pubblicazione.

Esempi pratici di Experience Cloud

Caso d'uso
Data di pubblicazione
Descrizione
Configurazione iniziale
18 ottobre 2017
L’esempio pratico sulla configurazione iniziale guida l’utente attraverso le fasi necessarie per iniziare a utilizzare le soluzioni Experience Cloud.
Ottimizzazione e-mail
15 agosto 2017
Il caso di utilizzo per il marketing tramite e-mail mostra come implementare una strategia e-mail integrata con analisi, ottimizzazione e gestione delle campagne.
Interazione con app per dispositivi mobili
1 giugno 2017
Il caso d’uso di interazione con app per dispositivi mobili illustra come integrare le tue app mobili con Adobe Experience Cloud per misurare le interazioni degli utenti e offrire esperienze personalizzate al tuo pubblico.
Digital Foundation
Maggio 2017
L’esempio Digital Foundation è utile per implementare una piattaforma di marketing digitale con Analytics, per ottimizzare e gestire le campagne.
Informazioni sui clienti
Aprile 2017
Il caso d’uso Informazioni sui clienti spiega come creare un profilo unificato del cliente con più origini dati e come usarlo per creare un pubblico fruibile.

Experience Cloud e Servizi di base

Note sulla versione dell’interfaccia dei servizi di base, compresi Assets, Feed, Notifiche, Persone, Mobile Services, Launch e Dynamic Tag Management. Sono incluse anche le informazioni sulla versione del servizio Experience Cloud ID (Visitor API).

Experience Cloud Servizio ID

Miglioramenti e correzioni al servizio Experience Cloud ID.
Data di rilascio: 18 gennaio 2018
Elemento Descrizione
Aggiornamento: 17 gennaio 2018
Thread yielding per richieste di sincronizzazione ID multiple
Iframe
Per i clienti che eseguono più sincronizzazioni di ID, in alcuni casi l'interfaccia utente si blocca a causa dei continui calcoli che la CPU deve elaborare. Stiamo pertanto introducendo la tecnica del thread yielding per separare le richieste di sincronizzazione ID di 100 msec l'una dall'altra.
Questa modifica determinerà un miglioramento delle prestazioni per i clienti che usano Visitor 2.3.0+ e DIL 6.10+.
Possibilità di disattivare le chiamate di terze parti aggiunta
JavaScript - 3.0.0
Adobe ha rinominato le configurazioni seguenti per consentire la disattivazione delle chiamate di sincronizzazione di terze parti.
Supporto per Internet Explorer
Il servizio ID non supporta più Internet Explorer 6, 7, 8 e 9.
Aggiornamento della documentazione getInstance
È stato aggiunto un avviso alla funzione Visitatore per non creare un'istanza di questa funzione con var visitor = new Visitor .

Mobile Services

Nuove funzioni, aggiornamenti e correzioni in Mobile Services.
Data di rilascio: 18 gennaio 2018
Correzioni
  • A partire da marzo 2018, i Target flussi di lavoro Adobe non saranno disponibili in Adobe Mobile Services.
  • Risolti alcuni problemi di download PDF e CSV dei rapporti.
Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Analytics

Data di rilascio: 18 gennaio 2018

Nuove funzioni di Adobe Analytics

Miglioramenti e nuove funzioni introdotte in Adobe Analytics.
Prodotto Nome funzione Descrizione
Analysis Workspace
Più opzioni filtro tabella Freeform
Sono state aggiunte le seguenti opzioni filtro dimensioni:
  • Contiene tutti i termini
  • Contiene qualsiasi termine
  • Contiene la frase
  • Non contiene alcun termine
  • Non contiene la frase
  • È uguale a
  • Non è uguale a
  • Inizia con
  • Termina con
Copia e incolla di visualizzazioni/pannelli tra pannelli e progetti
Ora puoi fare clic con il tasto destro del mouse e copiare una visualizzazione o un pannello, quindi incollare (inserire) l'elemento copiato in un'altra posizione all'interno del progetto o in un progetto diverso.
Puoi utilizzare questa funzionalità per creare blocchi predefiniti (visualizzazioni/pannelli predefiniti) che possono essere copiati in altri progetti da avviare più rapidamente, con dati specifici della tua attività.
New Mobile templates for Messaging and Location
Sono stati aggiunti due nuovi modelli di progetto:
  • Un nuovo modello di progetto mobile per messaggi che si focalizza sulle prestazioni di messaggi in-app e push.
  • Un nuovo modello di progetto mobile per posizione che include una mappa che mostra i dati della posizione.
Miglioramento del ridimensionamento colonne
Quando si ridimensiona la colonna più a sinistra, Workspace mantiene ora le proporzioni delle altre colonne (non regola semplicemente la larghezza della colonna successiva a destra). Questa modifica velocizza la creazione di tabelle per l'analisi e la condivisione.
Visualizzazione di 400 righe in una tabella
Ora puoi visualizzare 400 righe in una tabella (rispetto alle 200 di prima) per osservare le tendenze di 365 giorni.
Supporto della visualizzazione mappa in PDF
È ora possibile effettuare il rendering della visualizzazione mappa, introdotta a ottobre 2017, in PDF.
Intra-link relativi quando si copia/salva con nome il progetto
Precedentemente, quando copiavi un progetto o utilizzavi il comando Salva con nome , tutti gli intra-link salvati nel progetto puntavano al progetto originale e non a quello copiato.
Gli intra-link ora fanno riferimento al progetto a cui sono collegati, dopo l'operazione di copia o salvataggio con nome.
Analisi dei contributi: notifica token
If your company has a limited number of Contribution Analysis tokens, the Analysis Workspace UI now shows a notification when you consume a token. Puoi quindi sapere quanti token sono ancora disponibili. 
(Gli utenti amministratori possono limitare il numero di utenti che possono utilizzare i token modificando le autorizzazioni del gruppo.) 
File CSV con caratteri multibyte
I file CSV inviati via e-mail contenenti caratteri multibyte ora possono essere aperti in MS Excel.
Modifiche a event#, eVar# e prop#
Event#, eVar# e prop#, aggiunti ai nomi di dimensioni nella a barra a sinistra (nel 2017) saranno visualizzati solo quando cerchi il componente.
(Applicabile anche al generatore di suite per rapporti virtuali.)
Modifiche a Nessuno/Non specificato
Changed how None/Unspecified works in Analysis Workspace so that it is consistent with Reports & Analytics , the Segment Builder, and the dimension values menu in Analysis Workspace .
This means that the value will show up as "Unspecified" instead of "None" in most projects in Analysis Workspace . (AN-146879)
Altre opzioni di Analytics
Suite per rapporti virtuali : modificato in Component Curation
Non è più necessario condividere i componenti curati (segmenti, metriche calcolate, intervalli di date). Saranno sempre visibili in Workspace se sono curati per la suite per rapporti virtuali, anche se non sono condivisi.
Analisi dei contributi : numero maggiore di risultati
Ora sono visualizzati fino a 50 risultati in Analisi dei contributi (dai 10 di prima).
Generatore di segmenti : aggiunto un tipo di compatibilità prodotto Analysis Workspace
Nel generatore di segmenti è stato aggiunto un tipo di compatibilità prodotto Analysis Workspace.
Segments with embedded date ranges will continue to operate differently in Analysis Workspace versus Reports & Analytics : In Workspace, a segment with an embedded date range overrides the panel date range. By contrast, [ Reports & Analytics gives you the intersection of the report date range and the segment's embedded date range.

Analytics - Correzioni e aggiornamenti

Correzioni e piccoli aggiornamenti all’interfaccia, agli strumenti e ai componenti di Adobe Analytics (ad esempio Analysis Workspace, Reports & Analytics, Report Builder, ecc.).
Prodotto Correzione o aggiornamento
Analysis Workspace
  • Risolto un problema per cui la metrica Persone e la metrica Numero stimato distinto generavano numeri insolitamente bassi. (AN-154510)
  • Risolto un problema che generava erroneamente un avviso "suite per rapporti incompatibile". (AN-154791, AN-154706)
  • Risolto un problema che causava la scomparsa dei tag di progetti pianificati dopo l'aggiornamento del progetto pianificato. (AN-153794)
  • Risolto un problema che impediva il caricamento o il download completo di un PDF di progetto. (AN-152760)
  • Risolto un problema per cui i numeri dell'asse Y presentavano sempre almeno una cifra decimale. In futuro, i decimali saranno visualizzati solo laddove necessario. (AN-152685)
  • Risolto un problema che impediva l'aggiornamento corretto delle suddivisioni in caso di modifica di un intervallo di date e di utilizzo di Suddivisione per posizione . (AN-152275)
  • Risolto un problema che impediva agli utenti di inviare progetti a indirizzi e-mail che contenevano apostrofi. (AN-151837)
  • Risolto un problema che impediva l'aggiunta di colonne di periodi di tempo a una tabella Freeform, in alcune situazioni. (AN-150614)
  • Risolto un problema che si verificava durante la modifica della suite per rapporti di un progetto e il salvataggio del progetto. Nella finestra di dialogo del progetto pianificato, veniva visualizzata una suite per rapporti errata nelle informazioni sul fuso orario. (AN-150570)
  • Risolto un problema con la tabella di coorti che visualizza NaN (Non un numero) in determinate istanze. Ora, invece, la tabella di coorti visualizzerà non valido . (AN-146403)
  • Risolto un problema che si verificava durante la creazione di confronti di segmenti con segmenti non validi. Ora sarà visualizzato un messaggio di errore più descrittivo. (AN-145953)
Altre opzioni di Analytics
  • Risolto un problema che causava il mancato funzionamento dei collegamenti generati dall'opzione Collega a rapporto quando l'utente effettuava l'accesso tramite Ricordami . (AN-153261, AN-153038)
  • Segnalibri : risolto un problema che visualizzava occasionalmente i rapporti con segnalibri anche se l'utente non aveva più i diritti per la suite per rapporti in cui risiedeva il rapporto con segnalibro. In futuro, in questo caso sarà visualizzato un messaggio "Accesso negato". (AN-153970)
  • Ad Hoc Analysis : risolto un problema con il blocco ad hoc in alcune istanze. (AN-141935)
  • Estratti di dati : risolto un problema con l'opzione di suddivisione non disponibile in Estrazione dati per eVar successive a #75. (AN-151070)
  • Admin Console (Autorizzazioni) : risolto un problema che impediva agli amministratori di aggiungere utenti al gruppo di reporting Activity Map. (AN-141536)
  • Admin Console (Autorizzazioni) : risolto un problema per cui gli utenti continuavano ad avere accesso ai rapporti First Touch e Last Touch Channel, anche se le loro autorizzazioni erano state revocate. (AN-152282)
  • Admin Console (Autorizzazioni) : risolto un problema di autorizzazione che impediva agli amministratori di visualizzare eventuali suite per rapporti in Admin console. (AN-153966)
  • Admin Console (Autorizzazioni) : risolto un problema che consentiva a un gruppo di utenti di accedere a classificazioni non autorizzate. (AN-152374)
  • Admin Console (Autorizzazioni) : risolto un problema che impediva la disattivazione degli accessi legacy dopo la migrazione degli utenti a IMS. (AN-154498)
  • Rapporti pianificati : risolto un problema che impediva che una pianificazione riflettesse con precisione il relativo proprietario (prima veniva visualizzato il proprietario del dashboard contenente la pianificazione). (AN-145663)
  • Rapporti pianificati : risolto un problema che impediva ai rapporti pianificati di ripetere la consegna per il numero di volte necessario. (AN-152996)
  • Admin Console : risolto un problema di codifica che impediva la visualizzazione di alcuni nomi/descrizioni di eVar. (AN-145933)
  • Admin Console : risolto un problema che impediva di eliminare un utente il cui nome utente includeva caratteri speciali.(AN-153421)
  • Admin Console : risolto un problema di denominazione colonna con Eventi di successo quando si selezionava Multiplo . La colonna Tipo visualizzava invece i valori per Nome . (AN-148763)
  • (Aggiornato il 29 maggio 2018 ) Autorizzazioni : è stato risolto un problema a causa del quale, se si disponeva dell'autorizzazione per accedere al rapporto Canale, veniva consentito automaticamente l’accesso alle dimensioni Canale primo contatto e Dettaglio canale primo contatto. Questi 2 set di autorizzazioni sono ora separati.
Data Workbench

Analytics - Amministrazione, raccolta dati, implementazione

Correzioni e aggiornamenti applicati agli strumenti di amministrazione di Analytics, inclusi quelli per implementazione e sviluppatori (servizi Web e SDK).
Prodotto/Funzione Aggiornamento
Data Warehouse
  • I rapporti Data Warehouse di grandi dimensioni non devono più fallire con un errore 500 Gateway. Saranno invece suddivisi e impaginati. (AN-150062)
  • Messaggi email migliorati per gli errori di trasferimento file. (AN-150162)
AppMeasurement (Legacy and Mobile SDKs)
AppMeasurement per JavaScript
JavaScript 2.7.0
  • Fine del supporto per IE da 6 a 9
  • Inclusione di Visitor API v3.0.0
  • Inclusione di DIL v7.00 per il modulo Audience Manager
AppMeasurement per altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio AppMeasurement per una cronologia del rilascio di AppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian

Avvisi importanti per gli amministratori di Analytics

consulta la tabella seguente per avvisi importanti su Analytics che possono influenzare la raccolta di dati, l’elaborazione, le API, la fine di vita del prodotto e così via.
Avviso Data di aggiunta o aggiornamento Descrizione
Collegamento degli account utente
26 ottobre 2017
Gli utenti di Analytics non dovranno più collegare manualmente i propri account tra Experience Cloud e Analytics. Per richiedere l’accesso ad Analytics gli utenti possono contattare il proprio amministratore Admin Console .
Migrazione degli ID utente ad Admin Console
21 settembre 2017
La migrazione degli ID utente di Analytics permette agli amministratori di trasferire facilmente gli account utente da Gestione utenti di Analytics ad Adobe Admin Console. Dopo la migrazione, gli utenti potranno accedere alle soluzioni e ai servizi di base disponibili in Experience Cloud. La migrazione diventerà disponibile per i clienti in più fasi, a partire dalla fine di questo mese.
Avviso per i metodi API interessati dalla migrazione ad Admin Console.
21 settembre 2017
Con la migrazione della gestione e degli accessi utente ad Admin Console, Adobe ritirerà gradualmente i metodi API Permissions e Company.GetLoginKey .
Tutte le aziende Analytics che al momento utilizzano tali metodi riceveranno una notifica di premigrazione a partire dal 31 marzo 2018 . Dopo aver ricevuto questa notifica, gli amministratori avranno 30 giorni di tempo prima dell’inizio della migrazione, dopodiché tali metodi non funzioneranno più.
In preparazione a tale evento, puoi prendere visione delle API interessate e leggere le raccomandazioni di Adobe consultando Analytics Administration API 1.4 .
Ad Hoc Analysis
21 settembre 2017
A partire da maggio 2018, Ad Hoc Analysis supporterà solo Java 8 o versione successiva. Se dopo la versione di manutenzione di maggio 2018 esegui Ad Hoc Analysis con Java 7, Adobe non sarà più in grado di fornire supporto per la tua implementazione di Ad Hoc Analysis.
I nostri file .jar sono firmati con una cifratura sicura a 256 bit non supportata dalle versioni di Java precedenti alla 1.7.0_76. Questo certificato con cifratura a 256 bit offre maggiore sicurezza.
Regole bot
21 settembre 2017
Consigliamo di definire on più di 500 regole bot per suite di rapporti.
L'interfaccia utente consente di definire manualmente 500 regole. Al raggiungimento di tale limite, le regole devono essere gestite in gruppo usando le opzioni Importa file ed Esporta regole bot.
Eventi calendario: ultimi 20 eventi principali
21 settembre 2017
Per migliorare le prestazioni di reporting, gli ultimi 20 eventi di calendario principali vengono visualizzati su grafici di trend e nel tempo.
geo_zip
23 agosto 2017
A partire dal 22 agosto, Adobe Analytics ha iniziato a determinare il campo geo_zip per tutti gli hit ricevuti durante la raccolta di dati. Questo aggiornamento aumenta l’accuratezza dei dati, in particolare per i dispositivi mobili. Precedentemente, il campo geo_zip veniva impostato una volta per visita. Ora invece può cambiare correttamente nel corso di una visita del visitatore. Il campo geo_zip non viene utilizzato nella generazione dei rapporti, ma compare nei feed di dati.
Segmentazione geografica
21 agosto 2017
Il 22 agosto i rapporti di segmentazione geografica sono stati abilitati in Adobe Analytics per tutti i clienti. Questa modifica è un’anticipazione della prossima rimozione delle impostazioni di segmentazione geografica in Admin Console.

Audience Manager

Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • È stato aggiunto un limite di 50.000 al numero di segnali derivati utilizzabili. Ulteriori informazioni sull' Utilizzo dei limiti .
  • Risolto un bug nella pagina Crea/Modifica destinazioni, per cui, sui browser Safari, i pulsanti di mappatura segmenti non rispondevano. (AAM-33558)
  • Risolto un bug nella pagina Segnali derivati per cui, sui browser Firefox, i pulsanti di azione (Modifica, Elimina) non rispondevano. (AAM-33573)
  • Risolto un bug sui browser Internet Explorer. Quando si tentava di modificare una destinazione dalla pagina di visualizzazione, il pulsante Modifica non attivava un evento. (AAM-33625)
  • È stato risolto un bug in Regole di unione profili sui browser Internet Explorer 11 per cui le opzioni di Profilo autenticato non erano visualizzate correttamente. (AAM-33628)
  • Risolto un bug in Pubblico indirizzabile sui browser Internet Explorer 11 per cui la finestra modale di aiuto non era visualizzata correttamente. (AAM-33631)
  • Risolto un problema in Audience Lab per cui alcuni clienti ricevevano un errore 500 quando tentavano di scaricare il file CSV con le caratteristiche per conversione. (AAM-33775)
  • Risolto un problema che si verificava durante l'eliminazione di segmenti con il pulsante Rimuovi selezionato, per cui i segmenti non venivano effettivamente eliminati. (AAM-33815)
  • Risolto un problema riscontrato dai clienti che ricevevano un errore quando tentavano di rimuovere una mappatura segmento dalla destinazione Google DBM. (AAM-34056)
  • Risolto un errore per cui i clienti non potevano modificare l'operatore in una regola caratteristica senza eliminare la condizione o utilizzare la vista codice. (AAM-34112)
DIL - Correzioni di bug, miglioramenti e codice dichiarato obsoleto
DIL è il codice di raccolta di dati API per Audience Manager. Con il rilascio di gennaio, DIL è stato incrementato alla versione 7.
il supporto DIL per tutte le versioni di Internet Explorer inferiori alla 10 è obsoleto e sarà interrotto.

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Primetime

Adobe Primetime è una piattaforma TV multischermo che consente alle media company di creare e monetizzare esperienze di visione coinvolgenti e personalizzate.

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Adobe CampaignStandard 18.1 - Data di rilascio: 15 gennaio 2018
Funzione Descrizione
Reporting for Fatigue Management
Reporting for Fatigue Management è un rapporto dedicato e configurabile che visualizza l'impatto delle regole di affaticamento sulle consegne tra canali e-mail, push, SMS e posta diretta in un intervallo di date specificato prima dell'invio. Grazie alla possibilità aggiunta di poter visualizzare rapidamente tutte le campagne in conflitto in una vista singola, gli addetti al marketing possono pianificare campagne di marketing in base alle regole di affaticamento in modo più efficace, dando priorità alle comunicazioni.
Per ulteriori informazioni, consulta la relativa documentazione .
Condivisione di rapporti
La condivisione di rapporti consente di condividere i rapporti con gli utenti Adobe Campaign come allegati e-mail e su base ricorrente automatica. Gli utenti che ricevono i rapporti ricorrenti hanno la possibilità di annullare l'iscrizione a tali comunicazioni tramite un collegamento dedicato in ogni e-mail.
Per ulteriori informazioni, consulta la relativa documentazione .
Miglioramenti push
Anteprima messaggi push - Anteprima di notifiche push su dispositivi iOS e Android dall'editor contenuti notifiche push per visualizzare esattamente ciò che i destinatari vedranno prima di testare o eseguire la consegna.
Per ulteriori informazioni, consulta la relativa documentazione .
Contenuto disponibile - Quando non si aprono le app per periodi di tempo prolungati, i loro dati possono non essere più aggiornati. Ciò richiede l'aggiornamento o la sostituzione dei dati nel momento in cui un utente apre l'app, causando ritardi nell'utilizzo. Grazie al supporto aggiunto di Contenuto disponibile, gli utenti Adobe Campaign possono richiamare l'app per aggiornare i dati in background quando viene inviata una notifica push, consentendo coerenza e controllo maggiori dell'esperienza in-app di un utente.
Contenuto variabile - Con il supporto aggiunto di Contenuto variabile, gli utenti Adobe Campaign possono ora utilizzare le estensioni della loro app mobile per modificare ulteriormente il contenuto o la presentazione delle notifiche push in arrivo inviate da Adobe Campaign. Ad esempio, gli utenti possono utilizzare Contenuto variabile per:
  • Decrittografare i dati inviati in formato crittografato
  • Scaricare immagini o altri file multimediali e aggiungerli come allegati a una notifica
  • Modificare il corpo o il testo del titolo di una notifica
  • Aggiungere un identificatore di thread a una notifica
Per maggiori informazioni su Contenuto disponibile e Contenuto variabile, consulta la documentazione dettagliata .
Consegne ottimizzate sul fuso orario
Pianificare notifiche e-mail, SMS e push ricorrenti da inviare in un giorno e a un'ora specifici in ogni fuso orario dei destinatari, garantendo la consegna dei messaggi all'ora esatta senza configurare più consegne.
Per ulteriori informazioni, consulta la relativa documentazione .
Attivazione attività segnale API
It is now possible to trigger a signal activity for your workflows directly from Adobe Campaign Standard API.
Per ulteriori informazioni, consulta la relativa documentazione .
Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Note sulla versione di AEM

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.
Titolo Descrizione
Rilasci di prodotti
AEM Assets Brand Portal 6.3.1
Brand Portal 6.3.1 offre un'esperienza utente e prestazioni migliorate, nonché nuovi miglioramenti di metadati, ricerca, reporting e gestione dei diritti digitale.
AEM 6.3 Dynamic Media Feature Pack
AEM 6.3 Dynamic Media Feature Pack è ora compatibile con AEM 6.3.1.0.
App desktop AEM 1.7
AEM Desktop App 1.7 introduce miglioramenti della stabilità e della logica di caching, un migliore supporto per il proxy di rete e la possibilità di cancellare i file interni dopo la disinstallazione.
Manutenzione del prodotto
AEM 6.3 Service Pack 1 – Cumulative Fix Pack 2
AEM 6.3 – CFP2 (6.3.1.2), rilasciato l’8 gennaio 2018, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi e miglioramenti fondamentali per i clienti, introdotti successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.3 SP1 di aprile 2017.
Aiuto e documentazione
Documentazione sull'aggiornamento AEM
La documentazione sull'aggiornamento AEM è stata migliorata ed è disponibile qui: https://helpx.adobe.com/it/experience-manager/6-3/sites/deploying/user-guide.html .
Linee guida sulle prestazioni AEM
Le linee guida generali su come ottimizzare le prestazioni della distribuzione AEM sono disponibili qui: https://helpx.adobe.com/it/experience-manager/6-3/sites/deploying/using/performance-guidelines.html .
Documentazione AEM Oak e best practice
KB: manutenzione archivio AEM 6.3
Nuovo articolo KB per un problema di manutenzione archivio AEM 6.3.
KB: replica AEM
Nuovo articolo KB per un problema di loop di replica.
KB: campagna AEM
Nuovo articolo KB per un problema di sincronizzazione della campagna AEM.
KB: AEM Cumulative Fix Pack
Nuovo articolo KB per un problema di distribuzione di AEM Cumulative Fix Pack.
KB: rappresentazioni di AEM assets
Nuovo articolo KB per la generazione di rappresentazioni di risorse.

Livefyre

Nuove funzioni, correzioni e aggiornamenti di Adobe Livefyre. Livefyre presenta un’offerta completa per contenuti generati dagli utenti, tra cui funzionalità per curare i contenuti social e applicazioni di coinvolgimento in loco.
Per informazioni aggiornate consulta Note sulla versione di Target. Aggiornato: 22 gennaio 2018 per rilascio il 20 gennaio

Advertising Cloud

Funzione Descrizione
Portfolio
Per tutti gli iserzionisti, i dati Google AdWords per “Impression Share Lost due to Budget” (Quota impression perduta a causa del budget) vengono ora utilizzati per regolare automaticamente i budget delle campagne nei portfolio impostati con l’opzione “Auto adjust campaign budget limits” (Regola automaticamente i limiti di budget delle campagne) e per regolare le offerte.
Regole di offerta
È stata effettuata la migrazione delle regole di offerta nell’architettura di classificazione delle etichette.
Sarà comunque possibile creare e modificare le regole di offerta da Ottimizzazione > Regole di offerta. Modifiche apportate:
  • È possibile applicare una sola regola di offerta a una parola chiave. Se in precedenza erano state applicate più regole di offerta a una singola parola chiave, è stata mantenuta solo la regola di offerta con la priorità più elevata e le altre sono state rimosse.
  • Ora puoi assegnare le regole di offerta solo dalle viste Campaigns Beta. Per applicare una regola di offerta a una parola chiave, assegna alla parola chiave o alla campagna principale o al gruppo di annunci la classificazione dell’etichetta associata: nella barra degli strumenti sopra la tabella dei dati, fai clic su +, quindi su Assegna > Bid Rule. Fai clic sul nome della regola di offerta, quindi fai clic su Salva.
  • Il rapporto Etichetta non supporta più le regole di offerta. È disponibile invece un nuovo rapporto di base, il rapporto Regola di offerta.
Ricerca Advanced Campaign Management (ACM)
Non è più possibile modificare i campi degli annunci di testo standard nei modelli di feed inventario di Bing Ads, Google AdWords e Yahoo Japan.
Nei modelli di annunci di testo, puoi ora aggiungere le classificazioni delle etichette ai modelli per singole variazioni degli annunci. Aggiungi le classificazioni sotto il modello di variazione annunci nella scheda Annunci.
Nei modelli di annunci commerciali, puoi aggiungere le classificazioni delle etichette ai gruppi di prodotti generati. Aggiungi le classificazioni dalla scheda Classificazioni etichette. Le classificazioni delle etichette per gruppi di prodotti sono applicate a livello di unità (più granulare).
Ricerca nei bulksheet e Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
Ora puoi assegnare le classificazioni delle etichette ai gruppi di prodotti dai bulksheet. Puoi assegnarle anche dalla vista Gruppi di prodotti.
Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
Puoi ora creare e gestire collegamenti a siti condivisi Bing e assegnarli a livello di campagna.
I sitelink degli annunci condivisi di Bing e di Google sono disponibili nella sezione “Estensioni” del menu Campaigns Beta. La sezione include una vista Sitelink, dalla quale puoi creare il testo e le impostazioni del sitelink, e una vista Associazioni, che consente di assegnare i sitelink agli account (solo Google), alle campagne e ai gruppi di annunci (solo Google) negli annunci dei quali desideri che vengano visualizzati.
Ora puoi assegnare i target degli elenchi di remarketing Bing Ads esistenti come target (ma non esclusioni) per i gruppi di annunci Bing dalla vista Audience > Target. Puoi impostare le regolazioni e lo stato dell’offerta per i target modificando il valore nelle colonne Regolazione offerta e Stato all’interno della vista Audience > Target.
I dati su impression, clic e costi sono disponibili per i target degli annunci di ricerca dinamica (DSA) di Bing Ads a livello di target, gruppo di annunci e campagna. Non sono ancora disponibili a livello di annuncio. Attenzione: i dati sui ricavi non sono ancora disponibili e saranno orfani finché l’attribuzione non sarà disponibile. Non aggiungere ancora campagne con target DSA Bing a portfolio ottimizzati.
Ulteriori miglioramenti includono:
  • Un riquadro di navigazione migliorato, con la possibilità di filtrare per motore di ricerca, portfolio o una vista personalizzata esistente.
  • I filtri vengono mantenuti quando si aprono le entità secondarie.
  • Possibilità di creare viste personalizzate.
  • Possibilità di creare colonne personalizzate dalla finestra di selezione delle colonne o dalle impostazioni di visualizzazione.
  • (Viste Parole chiave e Posizionamenti) Il valore nella colonna ID unità di offerta include un collegamento ai dettagli sull’unità di offerta, con le schede Previsione, Cronologia e Unità di offerta.
  • Possibilità di controllare se visualizzare 25 righe, 50 righe o Scorrimento infinito nell’angolo in basso a destra di ogni pagina.
  • La vista Classificazioni delle etichette Beta include ora le visualizzazioni secondarie Classificazioni e Valori.
  • La vista Gruppi di prodotti consente ora di copiare e incollare le righe. Puoi copiare fino a 10.000 righe dalla griglia, incollarle in Excel per modificare qualsiasi campo non ID, quindi copiare le righe Excel e incollarle nuovamente nella griglia.
Rapporti
È disponibile un nuovo rapporto di base, il rapporto Regola di offerta. Include dati su costi, clic e (facoltativamente) conversione per una o più regole di offerta. Per impostazione predefinita, i dati includono una riga per ogni regola di offerta applicabile per ogni unità di tempo nell’intervallo di date specificato; le righe sono in ordine crescente prima per regola di offerta e quindi per data di inizio della regola di offerta. Puoi visualizzare i dati a partire dal 13 dicembre 2017.