Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Marzo 2018

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Nota: per ricevere notifiche sulle sulla versione precedente, abbonati all' Adobe Priority Product Update . Il Priority Product Update viene pubblicato da tre a cinque giorni lavorativi prima della data di rilascio. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio. Le nuove informazioni pubblicate dopo il rilascio saranno contrassegnate dalla data di pubblicazione.

Aggiornamenti alle funzioni di branding di Experience Cloud

Fai clic qui per scoprire gli ultimi aggiornamenti alle funzioni di branding per le soluzioni e i servizi di base di Experience Cloud.

Esempi d’utilizzo

Gli esempi pratici di Experience Cloud consentono di implementare e distribuire flussi di lavoro e integrazioni applicabili a differenti soluzioni.
Caso d'uso Data di pubblicazione Descrizione
Configurazione iniziale
18 ottobre 2017
L’esempio pratico sulla configurazione iniziale guida l’utente attraverso le fasi necessarie per iniziare a utilizzare le soluzioni Experience Cloud.
Ottimizzazione e-mail
15 agosto 2017
Il caso di utilizzo per il marketing tramite e-mail mostra come implementare una strategia e-mail integrata con analisi, ottimizzazione e gestione delle campagne.
Interazione con app per dispositivi mobili
1 giugno 2017
Il caso d’uso di interazione con app per dispositivi mobili illustra come integrare le tue app mobili con Adobe Experience Cloud per misurare le interazioni degli utenti e offrire esperienze personalizzate al tuo pubblico.
Digital Foundation
Maggio 2017
L’esempio Digital Foundation è utile per implementare una piattaforma di marketing digitale con Analytics, per ottimizzare e gestire le campagne.
Informazioni sui clienti
Aprile 2017
Il caso d’uso Informazioni sui clienti spiega come creare un profilo unificato del cliente con più origini dati e come usarlo per creare un pubblico fruibile.

Experience Cloud e Servizi di base

Note sulla versione dell’interfaccia dei servizi di base, compresi Assets, Feed, Notifiche, Persone, Mobile Services, Launch e Dynamic Tag Management. Sono incluse anche le informazioni sulla versione del servizio Experience Cloud ID (Visitor API).

Experience Cloud Servizio ID

Miglioramenti e correzioni al servizio Experience Cloud ID.
  • È stato corretto un bug che impediva alla funzione resetBeforeVersion di operare nei sottodomini. (CORE-11390)
  • È stato corretto un bug che induceva il servizio Experience Cloud ID Service a impostare scorrettamente un cookie AMCV nei domini, omettendo il punto iniziale quando invece è presente in visitor.cookieDomain. For example, it would set an AMCV cookie on sampledomain.com in addition to .sampledomain.com. (CORE-10634)
Consulta la documentazione di prodotto dei servizi Experience Cloud ID .

Mobile Services

Nuove funzioni, aggiornamenti e correzioni in Mobile Services.
  • È stata rimossa la possibilità di creare flussi di lavoro Target in Adobe Mobile Services. (MOB-8683) Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Experience Cloud SDK per dispositivi mobili

Funzione Descrizione
Android SDK versione 4.15 e iOS SDK versione 4.15
SDK per dispositivi mobili ottimizzati con API che supportano i requisiti del GDPR (General Data Privacy Regulation) tramite:
  • Recuperare identità memorizzate localmente
  • Impostazione dei flag per lo stato di consenso per la raccolta e la trasmissione di dati

Analytics

Data di rilascio: 08 marzo 2018

Avvisi importanti per gli amministratori di Analytics

consulta la tabella seguente per avvisi importanti su Analytics che possono influenzare la raccolta di dati, l’elaborazione, le API, la fine di vita del prodotto e così via.
Avviso Data di aggiunta o aggiornamento Descrizione
Adobe cesserà di emettere cookie terze parti s_vi per Safari
23 marzo 2018
Il 20 marzo 2018, Adobe cesserà di emettere cookie terze parti s_vi per il browser Safari. poiché la funzionalità ITP di Safari non identifica i visitatori in modo uniforme.
Aggiorna Report Builder prima della migrazione degli ID utente ad Admin Console
17 marzo 2018
>[!IMPORTANTE] >è necessario aggiornare l’installazione di Report Builder all’ultima versione. Questo aggiornamento è un prerequisito per la migrazione degli ID utente di Analytics ad Admin Console, che inizierà ad aprile 2018.
Per informazioni sulla migrazione, consulta Migrazione degli utenti Analytics ad Admin Console .
Modifiche back-end che interessano la generazione di rapporti
12 marzo 2018
Una modifica nel meccanismo di ricerca (back-end) interesserà la generazione di rapporti in diversi modi. Queste modifiche diventeranno effettive verso la fine di febbraio 2018 :
  • Nota: questa modifica è stata posticipata alla release del 12 aprile 2018: non sarà più consentito rinominare le pagine. In futuro, per rinominare le pagine sarà necessario utilizzare le classificazioni. Tieni presente che fino alla versione di manutenzione di maggio (10 maggio 2018), il sistema continuerà a elaborare la ridenominazione secondo la configurazione corrente. Adobe invita tutti i clienti a completare la migrazione alle classificazioni entro tale data. Dopo il rilascio della versione di manutenzione di maggio, le ridenominazioni esistenti non saranno più rispettate e saranno soggette a modifica retroattiva senza preavviso.
  • La metodologia di “sostituzione” degli URL è diversa. Precedentemente, Adobe Analytics memorizzava (nella maggior parte dei casi) il primo URL associato a ciascun nome pagina ogni mese. In futuro, verrà memorizzato l’URL più recente per ogni nome pagina.
  • In Rapporti e analisi (Reports & Analytics) non verranno più forniti rapporti per categorie con dati aggregati e correnti. La deprecazione dei rapporti aggregati per le categorie nell’API dei servizi Web è stata tuttavia posticipata fino alla versione di manutenzione di aprile.
  • Non saranno più supportati i dati di pagina e proprietà anteriori a gennaio 2007 circa (in alcuni casi 2006). Questo interessa solo le pagine, le proprietà e gli eventi di pagina (ad es. collegamenti personalizzati, di uscita e di download).
    Nota: questa modifica non interessa la generazione di rapporti in Analysis Workspace o Data Warehouse.
    Se disponi di dati antecedenti a queste date, si possono verificare le seguenti situazioni:
    • I dati non verranno combinati correttamente nel periodo di transizione prima/dopo gennaio 2007
    • Le ricerche non funzioneranno sui dati antecedenti a circa gennaio 2007
Fine del supporto per TLS 1.0
28 febbraio 2018
  • A partire dal 12 aprile 2018 Rapporti di Adobe Analytics non supporterà più la crittografia TLS (Transport Layer Security) 1.0. Questo cambiamento rientra nel nostro impegno continuo nel garantire i massimi standard di protezione e promuovere la sicurezza dei dati dei clienti. Poiché l’interfaccia utente Web di Rapporti di Analytics richiede già un browser Web moderno, non prevediamo alcun problema. Se dopo il 12 aprile non riesci più a connetterti a Rapporti di Adobe Analytics, devi aggiornare il browser in uso all’ultima versione .
  • A partire dal 13 settembre 2018 l’ API di Rapporti di Adobe Analytics non supporterà più la crittografia TLS 1.0. I clienti che accedono all’API devono assicurarsi che questo cambiamento non produca effetti negativi.
    • I clienti che utilizzano l’API con Java 7 applicando le impostazioni predefinite dovranno configurare il supporto per TLS 1.2 . (Vedi “Changing default TLS protocol version for client end points: TLS 1.0 to TLS 1.2”.)
    • I clienti che utilizzano l’API con Java 8 non dovrebbero essere interessati, perché Java 8 utilizza TLS 1.2 per impostazione predefinita.
    • Per i clienti che utilizzano l’API con altri framework, occorre contattare il fornitore per ottenere informazioni sul supporto per TLS 1.2.
    Per verificare i possibili effetti del cambiamento, Adobe intende fornire un endpoint API temporaneo a scopo di test. I dettagli verranno forniti a maggio.
  • A partire dal 13 settembre 2018 la funzione di raccolta dati di Adobe Analytics non supporterà più TLS 1.0. In seguito a questo cambiamento, non verranno più raccolti dati di Analytics dagli utenti finali che utilizzando vecchi dispositivi o browser Web che non supportano TLS 1.1 o versione successiva.
    Nota: se il tuo sito Web non supporta TLS 1.0, non sei interessato dalla modifica della funzione di raccolta.
Prossime modifiche relative al supporto delle classificazioni abilitate per data e numeriche
28 febbraio 2018
A partire dalla versione di manutenzione di aprile, le classificazioni numeriche e abilitate per le date verranno gradualmente limitate. Le classificazioni di questo tipo verranno rimosse dalle interfacce Ammin e Importazione delle classificazioni .
A partire da tale data non sarà più possibile aggiungere nuove classificazioni numeriche e abilitate per le date. Sarà comunque possibile gestire le classificazioni esistenti, aggiornandole o eliminandole tramite i flussi di lavoro di classificazione standard, e continuare a utilizzarle nei report.
Modifiche imminenti al supporto per Costi e budget canale di marketing
28 febbraio 2018
Nella versione di manutenzione di aprile, dal menu Admin (Ammin) > Marketing Channel (Canale di marketing) verrà rimossa la funzione Marketing Channel Cost and Budget (Costi e budget canale di marketing), pertanto non sarà più possibile aggiungere dati relativi a costi e budget. I dati esistenti per costi e budget rimarranno disponibili nei report, ma non potranno più essere aggiornati.
Code Manager - H Code legacy
8 febbraio 2018
Il download di codice JavaScript legacy (H Code) da Code Manager non è più supportato.
Conservazione dei dati: verifica e imposta i tuoi criteri di conservazione dei dati per Adobe Analytics
1° febbraio 2018
Informazioni di base
Il Regolamento generale sulla protezione dei dati (RGPD) dell’Unione Europea, in vigore dal 25 maggio 2018, impone ad Adobe, in qualità di titolare del trattamento dei dati, di adottare misure idonee ad assistere la propria clientela nel rispondere alle richieste di accesso, cancellazione e di altro genere da parte di singoli individui. L’applicazione di criteri di cancellazione adeguati, sicuri e puntuali è determinante ai fini della conformità ai suddetti obblighi. Pertanto, Adobe è disponibile a collaborare con i singoli utenti al fine di implementare i criteri di conservazione dei dati desiderati, prima dell’entrata in vigore del regolamento RGPD il 25 maggio 2018.
Di fatto, cosa avverrà?. A meno che non siano già in vigore dei criteri di conservazione dei dati per Adobe Analytics, verrà messa in atto la seguente procedura.
Innanzitutto, Adobe adotterà i criteri attualmente specificati nei contratti con la clientela per Adobe Analytics, salvo accordi di diverso tenore. La maggior parte dei contratti per Adobe Analytics contiene una clausola che consente ad Adobe di eliminare i dati dopo 25 mesi. Una volta stabiliti i criteri di conservazione dei dati per la propria organizzazione, questi vengono applicati su base mensile continuativa. Versando una tariffa supplementare è possibile conservare i dati per periodi superiori a 25 mesi. Inoltre, contattando l’Assistenza clienti, è possibile configurare periodi di durata inferiore.
A breve riceverai un’e-mail con ulteriori dettagli relativi alla tua organizzazione.
I criteri di conservazione dei dati hanno effetto su tutte le procedure di accesso ai dati storici Adobe Analytics, compresi, tra l’altro, Reports & Analytics , Analysis Workspace , Report Builder , API Web Services per generazione rapporti, data warehouse e feed di dati.
Passaggi successivi
Identifica all’interno della tua organizzazione le parti interessate responsabili del processo decisionale per la conservazione dei dati. Di fatto, solo i responsabili della tua organizzazione sono in grado di valutare il periodo appropriato di conservazione dei dati Adobe Analytics.
Per qualsiasi chiarimento relativo alla conservazione dei dati per Adobe Analytics, contatta il Customer Success Manager Adobe.
Collegamento degli account utente
26 ottobre 2017
Gli utenti di Analytics non dovranno più collegare manualmente i propri account tra Experience Cloud e Analytics. Per richiedere l’accesso ad Analytics gli utenti possono contattare il proprio amministratore Admin Console .
Migrazione degli ID utente ad Admin Console
21 settembre 2017
La migrazione degli ID utente di Analytics permette agli amministratori di trasferire facilmente gli account utente da Gestione utenti di Analytics ad Adobe Admin Console. Dopo la migrazione, gli utenti potranno accedere alle soluzioni e ai servizi di base disponibili in Experience Cloud. La migrazione diventerà disponibile per i clienti in più fasi, a partire dalla fine di questo mese.
Avviso per i metodi API interessati dalla migrazione ad Admin Console.
21 settembre 2017
Con la migrazione della gestione e degli accessi utente ad Admin Console, Adobe ritirerà gradualmente i metodi API Permissions e Company.GetLoginKey .
Tutte le aziende Analytics che al momento utilizzano tali metodi riceveranno una notifica di premigrazione a partire dal 31 marzo 2018 . Dopo aver ricevuto questa notifica, gli amministratori avranno 30 giorni di tempo prima dell’inizio della migrazione, dopodiché tali metodi non funzioneranno più.
In preparazione a tale evento, puoi prendere visione delle API interessate e leggere le raccomandazioni di Adobe consultando Analytics Administration API 1.4 .
Ad Hoc Analysis
21 settembre 2017
A partire da maggio 2018, Ad Hoc Analysis supporterà solo Java 8 o versione successiva. Se dopo la versione di manutenzione di maggio 2018 esegui Ad Hoc Analysis con Java 7, Adobe non sarà più in grado di fornire supporto per la tua implementazione di Ad Hoc Analysis.
I nostri file .jar sono firmati con una cifratura sicura a 256 bit non supportata dalle versioni di Java precedenti alla 1.7.0_76. Questo certificato con cifratura a 256 bit offre maggiore sicurezza.
Regole bot
21 settembre 2017
Consigliamo di definire on più di 500 regole bot per suite di rapporti.
L'interfaccia utente consente di definire manualmente 500 regole. Al raggiungimento di tale limite, le regole devono essere gestite in gruppo usando le opzioni Importa file ed Esporta regole bot.
Eventi calendario: ultimi 20 eventi principali
21 settembre 2017
Per migliorare le prestazioni di reporting, gli ultimi 20 eventi di calendario principali vengono visualizzati su grafici di trend e nel tempo.
geo_zip
23 agosto 2017
A partire dal 22 agosto, Adobe Analytics ha iniziato a determinare il campo geo_zip per tutti gli hit ricevuti durante la raccolta di dati. Questo aggiornamento aumenta l’accuratezza dei dati, in particolare per i dispositivi mobili. Precedentemente, il campo geo_zip veniva impostato una volta per visita. Ora invece può cambiare correttamente nel corso di una visita del visitatore. Il campo geo_zip non viene utilizzato nella generazione dei rapporti, ma compare nei feed di dati.
Segmentazione geografica
21 agosto 2017
Il 22 agosto i rapporti di segmentazione geografica sono stati abilitati in Adobe Analytics per tutti i clienti. Questa modifica è un’anticipazione della prossima rimozione delle impostazioni di segmentazione geografica in Admin Console.

Nuove funzioni di Adobe Analytics

Miglioramenti e nuove funzioni introdotte in Adobe Analytics.
Data di rilascio: 8 marzo 2018
Prodotto Nome funzione Descrizione
Analysis Workspace
Ora è possibile impostare con ritorno a capo automatico il testo delle intestazioni nelle tabelle a forma libera, per agevolare la lettura delle intestazioni e la condivisione delle tabelle. Abbiamo aggiunto il comando Wrap Header Text (Testo intestazioni a capo) nelle impostazioni delle colonne. Questa opzione è particolarmente utile per il rendering .pdf e le metriche con nomi particolarmente lunghi.
Per accelerare e semplificare la creazione delle metriche calcolate, il comando Create Metric from selection (Crea metrica calcolata da selezione) è stato aggiunto al menu di scelta rapida, accessibile tramite clic con il pulsante desto del mouse. Questa opzione viene visualizzata quando è selezionata almeno una cella di intestazione di colonna.
Al fine di mostrare il confronto tra un periodo e quello precedente (come il confronto tra due anni consecutivi) nella visualizzazione Mappa, abbiamo aggiunto questi miglioramenti:
  • Ora la visualizzazione Mappa può mostrare numeri negativi. Ad esempio, per rappresentare una metrica annuale, la mappa può visualizzare -33% per New York.
  • Queste metriche sono di tipo percentuale e raggruppano le medie delle percentuali.
  • È stata aggiunta una nuova combinazione di colori positivo/negativo (verde/rosso).
Per i modelli personalizzati rilasciati di recente abbiamo
  • Aggiunto l’icona del modello nella parte superiore del progetto (accanto al titolo), per distinguere la modalità di modifica del modello dall’uso di un modello come punto di partenza del progetto.
  • Consentito agli utenti senza diritti di amministratore di create (salvare con nome) e modificare modelli di progetto di area di lavoro, purché dispongano dell’autorizzazione Create/Curate Projects in Analysis Workspace (Creazione/Cura di progetti nelle Analysis Workspace), accessibile da Admin (Ammin) > User Management (Gestione utenti) > Groups (Gruppi) > Edit All Report Access (Modifica l’accesso a tutti i rapporti) > Customize Analytics Tools (Personalizza strumenti di Analytics) > Create/Curate Projects in Analysis Workspace (Creazione/Cura di progetti nelle Analysis Workspace .
Suite di rapporti virtuali
Nella scheda Visit Definition (Definizione visite) del generatore della suite di rapporti virtuali abbiamo aggiunto l’impostazione Start New Visit with Event (Avvia nuova visita con evento) . In questo modo è possibile avviare una nuova visita per qualsiasi combinazione di eventi, non solo per il lancio delle app. È stato aggiunto anche un elenco di metriche che puoi trascinare nella scheda di definizione delle visite.
Metriche calcolate
I clienti di Adobe Analytics Select ora dispongono delle adesioni necessarie per utilizzare le metriche calcolate avanzate.

Analytics - Correzioni e aggiornamenti

Correzioni e piccoli aggiornamenti all’interfaccia, agli strumenti e ai componenti di Adobe Analytics (ad esempio Analysis Workspace, Reports & Analytics, Report Builder, ecc.).
Prodotto Correzione o aggiornamento
Analysis Workspace
  • È stato risolto un problema che non consentiva di eseguire correttamente il rendering della formattazione condizionale all’aggiunta di una colonna per un periodo di tempo a una tabella in forma libera. (AN-157087)
  • È stato risolto un problema che si verificava durante la modifica degli intervalli di date personalizzati, impedendo la visualizzazione corretta della definizione dell’intervallo di date cumulativo alla prima apertura. (AN-155970)
  • È stato risolto un problema che impediva di applicare all’Analysis Workspace l’impostazione relativa al separatore CSV specificata in Components (Componenti) > Report Settings (Impostazioni rapporti). (AN-155596)
  • È stato risolto un problema relativo alla funzionalità di ridimensionamento delle colonne introdotta nel gennaio 2018, che ora può essere utilizzata anche per le suddivisioni. (AN-156048)
  • È stato risolto un problema che impediva di formattare correttamente le tabelle in forma libera quando si selezionava Collapse all breakdowns (Comprimi tutte le suddivisioni) . (AN-157169)
Altre correzioni apportate ad Analytics
  • Richieste API : sono stati risolti alcuni problemi con le richieste API che determinavano la restituzione di errori con i segmenti. (AN-153459, AN-152573)
  • Strumenti di amministrazione : è stato risolto un problema che determinava la visualizzazione delle etichette delle metriche in lingua inglese, anche se per la suite di rapporti era stata impostata un’altra lingua. (AN-153268)
  • Rapporti e analisi : è stato risolto un problema che impediva di visualizzare correttamente i totali trimestrali nei rapporti di Target. (AN-153933)
  • Migrazione degli utenti : il messaggio dell’errore di migrazione è stato corretto e ora spiega che l’interfaccia utente di Experience Cloud non supporta l’uso di alcuni caratteri speciali nei nomi degli utenti. (AN-155946)
  • Migrazione degli utenti : è stato risolto un problema che mostrava ad alcuni clienti un banner di migrazione degli utenti in lingua inglese, anziché nella lingua appropriata per la suite di rapporti. (AN-157729)
  • Rapporti : è stato risolto un problema che determinava la restituzione di dati errati per la suddivisione delle proprietà Entry (ad esempio il tipo di pagina di immissione) in base alla proprietà (ad esempio il tipo di pagina) e viceversa. Il problema si presentava con tutte le variabili che supportano i valori multipli, come mc_audiences, post_tnt e così via. (AN-156606)

Analytics - Amministrazione, raccolta dati, implementazione

Correzioni e aggiornamenti applicati agli strumenti di amministrazione di Analytics, inclusi quelli per implementazione e sviluppatori (servizi Web e SDK).
Prodotto/Funzione Aggiornamento
AppMeasurement (Legacy and Mobile SDKs)
AppMeasurement per JavaScript
JavaScript 2.8.1 (29 marzo 2018)
  • Nuovo raggruppamento API visitatore aggiornata alla versione 3.1 (AN-159524)
JavaScript 2.8.0
  • Il file AppMeasurement è stato modificato in modo da utilizzare la versione aggiornata dell’interfaccia Visitor per la richiesta degli ID. (AN-151483)
  • Il cookie di tracciamento dei collegamenti viene scritto anche dopo la disattivazione della funzione di tracciamento dei collegamenti. (AN-156332)
Servizi Web di Analytics (API SOAP e REST)
Avviso elementi obsoleti
La versione 1.2 dell’API di Web Services è stata ufficialmente dichiarata obsoleta il 20 febbraio 2014 e il ciclo di vita terminerà il 15 settembre 2016. In tale data, Adobe impedirà ai server API di rispondere alle richieste API versione 1.2. Eventuali richieste API effettuate all’endpoint https://api.omniture.com/admin/1.2 restituiranno l’errore 404.

Audience Manager

Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • Abbiamo apportato alla pagina di visualizzazione delle caratteristiche un miglioramento che consente di visualizzare tutto il percorso della cartella di una caratteristica, anziché mostrare solo la cartella padre. (AAM-34364)
  • In Audience Marketplace è stato corretto un bug che non consentiva lo scorrimento orizzontale nella finestra modale View All Traits (Visualizza tutte le caratteristiche), impedendo ai clienti di esaminare le caratteristiche con i nomi più lunghi. (AAM-34033)
  • È stato corretto un bug che impediva di modificare da IN SOSPESO ad ATTIVO lo stato degli utenti che effettuavano l’accesso con un Adobe ID, anche dopo l’accesso. (AAM-32364)
  • Nel generatore caratteristiche è stato corretto un bug che impediva agli utenti di aggiungere una seconda regola per le caratteristiche dopo la creazione di caratteristiche basate su regola, a causa di un messaggio di errore che richiedeva la selezione di un operatore. (AAM-35019)
  • In Audience Lab è stato corretto un bug che determinava la creazione di un gruppo di controlli duplicato quando un cliente faceva accidentalmente clic per due volte su Finalize Control Group (Finalizza gruppo di controlli). (AAM-31141)
  • È stato corretto un bug che si presentava durante la mappatura di un segmento a una destinazione nel selettore della data, a causa del quale le date precedenti e successive al mese corrente venivano visualizzate come NaN. (AAM-34505)
  • Nelle impostazioni dell’origine dati è stato corretto un bug che determinava la reimpostazione dei pulsanti di scelta su Customer ID (ID cliente)alla selezione di qualsiasi altro elemento nella pagina. La correzione elimina anche alcune incoerenze nei messaggi di errore delle impostazioni dell’origine dati. (AAM-34754)

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Note sulla versione di AEM

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.
Titolo Descrizione
Rilasci di prodotti
AEM Assets Brand Portal 6.3.2
In AEM Assets Brand Portal 6.3.2, disponibile dal 13 febbraio 2018, sono state introdotte alcune funzionalità nuove e migliorate, per soddisfare le richieste più frequenti dei clienti e migliorare le prestazioni in generale. Gli aggiornamenti principali alle funzionalità di documentazione sono i seguenti:
  • Ora gli utenti possono richiedere l’accesso a Brand Portal.
  • Il rapporto di download delle risorse è stato migliorato, includendo il numero di download di risorse per utente
  • Prima di un’attività di manutenzione imminente in Brand Portal viene visualizzata una nuova notifica.
  • La funzionalità di condivisione dei collegamenti è stata migliorata aggiungendo la richiesta di accettare il contratto di licenza durante il download delle risorse su licenza.
Guida utente di AEM Assets Brand Portal
App desktop AEM 1.8
In AEM Desktop App 1.8 è stato migliorato il controllo della dimensione della cache per l’utente, l’esperienza di accesso per SAML/SSO su Windows, il supporto del proxy di rete PAC su Mac e i problemi segnalati dagli utenti.
Manutenzione del prodotto
Rilasci e aggiornamenti per AEM
È disponibile una pagina centralizzata per tutti i rilasci e gli aggiornamenti per AEM 6.3, 6.2 e 6.1.
AEM 6.1 Service Pack 2 – Cumulative Fix Pack 14
AEM 6.1 SP2–CFP14 (6.1.2.14), rilasciato il 1° febbraio 2018, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per il cliente, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.1 SP2, nell’agosto 2016.
AEM 6.2 Service Pack 1 – Cumulative Fix Pack 12
AEM 6.2 SP1–CFP12 (6.2.1.12), rilasciato il 13 febbraio 2018, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per il cliente, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.2 SP1, nel dicembre 2016.
Aiuto e documentazione
Integrazione dei dati di AEM Forms
Sono state aggiunte informazioni sull’integrazione di Microsoft Dynamics on-premise con AEM Forms, tramite il modello dati modulo.
https://helpx.adobe.com/it/experience-manager/6-3/forms/using/ms-dynamics-odata-configuration.html
Conversione da HTML a PDF in AEM Forms tramite PDF Generator
Sono state aggiunte informazioni per la configurazione e l’utilizzo di PhantomJS per la conversione dei file da HTML a PDF tramite PDF Generator.
https://helpx.adobe.com/it/experience-manager/6-3/forms/using/install-configure-pdf-generator.html
Integrazione di Adobe Analytics
Gli argomenti dell’Aiuto in linea Using Opt-In (Uso del consenso esplicito) , Managed Polling Configurations (Configurazioni di polling gestite) e Seeing Page Analytics Data (Visualizzazione dei dati di Analytics nelle pagine) sono stati aggiornati.
Pulizia delle revisioni
All’argomentio dell’Aiuto in linea Revision Cleanup (Pulizia delle revisioni) è stata aggiunta la nuova sezione “Running Online Revision Cleanup After Offline Revision Cleanup” (Esecuzione della pulizia delle revisioni online dopo la pulizia delle revisioni offline).
Vedere Revision Cleanup (Pulizia delle revisioni).
Community
AEM 6.4
Scopri le novità in AEM 6.4. Check out, il webinar di annunci su AEM 6.4 presentato da Loni Stark e Cedric Huesler. Per riprodurre la sessione, fai clic qui .
Controlla i prossimi approfondimenti di AEM GEMS sugli ultimi aggiornamenti.
Adobe IMMERSE
La conferenza globale annuale virtuale prevede sessioni approfondite per sviluppatori e architetti aziendali con qualunque livello di esperienza. Le sessioni in diretta seguono i fusi orari Ora standard dell’India, Ora legale britannica e Costa del Pacifico. I titolari dei biglietti dispongono inoltre di accesso illimitato a tutte le registrazioni per un anno.
Le sessioni su richiesta di Adobe IMMERSE17 sono disponibili fino al 12 giugno 2018. Sono previste 59 sessioni uniche, dedicate a corsi introduttivi e best practice. Acquista il biglietto oggi stesso e utilizza il codice sconto PRT05 per ottenere un prezzo speciale. https://bit.ly/IMMERSE17OD
Adobe IMMERSE’18 si terrà dal 12 al 14 giugno 2018. Il programma verrà annunciato nell’aprile 2018. Le iscrizioni sono aperte. È possibile preacquistare i biglietti all’indirizzo: https://adobe.ly/immerse18
AEM Technologist Meetup Group
Questo gruppo fornisce notifiche per i webinar Ask the AEM Community Expert di AEM GEMS appena vengono programmati. Vengono segnalati anche gli eventi di persona e gli incontri dei gruppi di utenti regionali.
Iscriviti all’indirizzo https://adobe.ly/2sVoSwy
AEM GEMS
Questa serie di webinar è dedicata alle più recenti innovazioni e best practice per l’utilizzo dell’ultima versione di AEM.
Le sessioni vengono presentate ogni mercoledì dagli esperti Adobe. Tutte le sessioni sono accessibili on-demand qui .
Chiedi agli esperti della community AEM
Questa serie di webinar è dedicata agli argomenti di discussione più richiesti nel forum AEM HelpX.
Le sessioni vengono presentate dagli Adobe Community Experts. Tutte le sessioni sono accessibili on-demand qui .
Forum AEM HelpX
Partecipando a questo forum frequentato da altri professionisti come te e dipendenti Adobe puoi trovare risposta a tutte le tue domande. Accedi con il tuo Adobe ID e presentati qui .
Ricorda di consultare gli articoli della community, disponibili qui , che contengono utili istruzioni procedurali.
Servizi di formazione
Blog Experience Delivers
Il nostro blog tecnico è stato rinnovato per tutti gli utenti del software Adobe Enterprise. Puoi trovarlo qui .

Advertising Cloud

Ultimo aggiornamento: 17 marzo 2018
Funzione Descrizione
Ricerca campagne
La vista Campagne (Beta) ora è la vista Campagne principale per gli utenti in sola lettura, mentre la vista legacy è disponibile come Campagne (legacy).
Tutte le viste personalizzate legacy sono state migrate e sincronizzate con le viste personalizzate nelle nuove viste Campagne. Ora le viste personalizzate vengono gestite in modo indipendente tra i due set di viste: le nuove viste personalizzate e le modifiche apportate alle viste personalizzate dalle viste Campagne non vengono riportate nelle viste Campagne (legacy) e viceversa.
Ricerca in Advanced Campaign Management
Nel campo Parole chiave è ora possibile utilizzare la sintassi seguente per includere modificatori di corrispondenza generica per i parametri dinamici:
  • Modificatore di corrispondenza generica per il primo termine nella colonna Parola chiave del feed (ad esempio +blue suede shoes) = +[parola chiave]
  • Modificatore di corrispondenza generica per ogni termine nella colonna Parola chiave del feed (ad esempio +blue +suede +shoes) = +[parola chiave]+
Per inserire un nome di colonna come parametro dinamico, fai clic nel campo di immissione, quindi fai clic su un nome di colonna nell’elenco delle colonne.
Advertising Cloud help is available in the product at ? > Sommario .