Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione di Adobe Experience Cloud - Gennaio 2020

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Iscriviti ad [Adobe Priority Product Update] per ricevere notifiche e-mail sulle prossime versioni. Le nuove informazioni pubblicate dopo il rilascio saranno contrassegnate dalla data di pubblicazione.
Data di rilascio: 16 gennaio 2020
Cerchi la pagina iniziale della guida? Consulta la documentazione di Adobe Experience Cloud .

Stato del sistema di Adobe

Stato del sistema di Adobe fornisce informazioni dettagliate, aggiornamenti sullo stato e notifiche e-mail relative agli eventi di sospensione, interruzione e manutenzione di prodotti e servizi cloud di Adobe. Consulta status.adobe.com .
Novità
  • Utilizzando l’Adobe ID, puoi abbonarti e ricevere le notifiche relative agli eventi in base alle preferenze per prodotti, area geografica ed eventi. Gli utenti che configurano le proprie preferenze di iscrizione ricevono solo le notifiche degli eventi relativi a problemi e manutenzione dei prodotti in concomitanza all’apertura, all’aggiornamento o alla chiusura degli stessi. Per iniziare, consulta status.adobe.com/subscriptions .
Nuove funzioni e miglioramenti disponibili oggi
Funzione
Descrizione
Abbonati per ricevere notifiche e-mail proattive
  • Supporto per Experience Cloud, Creative Cloud, Document Cloud, Adobe Experience Platform e i Servizi Adobe
  • Supporto delle preferenze per area geografica e tipo di evento
Gestisci le preferenze per le notifiche
  • Modifica e salva le preferenze per le notifiche in qualsiasi momento
  • Annulla l’abbonamento per ricevere le notifiche in qualsiasi momento
Ricevi e-mail in modo personalizzato e più veloce
  • Le notifiche degli eventi vengono inviate appena dopo l’apertura, l’aggiornamento o la chiusura degli eventi
  • Ricevi solo le notifiche degli eventi corrispondenti alle preferenze configurate
  • Ricevi notifiche localizzate in base alla lingua configurata nelle preferenze del tuo account
Ottieni notifiche personalizzate interne al prodotto
  • Gli eventi che corrispondono alle tue preferenze per le notifiche e ai prodotti acquistati vengono visualizzati nel pannello Annunci

Interfaccia e servizi principali di Experience Cloud

Nuove funzioni e problemi risolti nell’interfaccia Experience Cloud, tra cui gestione e servizi principali (attributi del cliente, pubblico, trigger, cookie e così via).

Dominio di prodotto unificato

Adobe sta aggiornando l’intestazione del dominio e dell’interfaccia per unificare e migliorare la tua esperienza su tutte le applicazioni Experience Cloud. Si tratta di miglioramenti progettati per semplificare la tua esperienza grazie a dettagli piccoli, ma importanti, e che non modificheranno il tuo attuale flusso di lavoro.
Gli aggiornamenti includono:
  • Nuovi URL della soluzione: experience.adobe.com/<application name> :
    • Tutti i prodotti adotteranno questo pattern per i propri URL. Cerca i nuovi URL che diventeranno validi nel corso del mese.
    • Supporto browser: i browser supportati includono Microsoft Edge, Google Chrome, Firefox, Safari e Opera (versioni più recenti). Nota: sebbene l’interfaccia di Experience Cloud supporti questi browser, le singole soluzioni potrebbero non supportare tutti i browser. Ad esempio, Analytics non supporta Opera e Target non supporta Safari.
    • (Solo per Safari) La modifica del dominio potrebbe causare problemi di cookie in Safari. Deselezionando l’opzione Impedisci il tracciamento intersito nelle preferenze relative alla privacy di Safari, i cookie verranno abilitati per tutti i domini (e tutte le esperienze intersito), permettendo ad Experience Cloud di funzionare su questo nuovo dominio.
  • Un passaggio più semplice tra le organizzazioni o verso un’altra applicazione.
  • Guida di prodotto migliorata: Experience League è stato integrato nel prodotto, in modo tale che la ricerca nella guida includa anche i risultati dei forum e dei contenuti video della community. Questa modifica semplifica l’accesso a più contenuti e ti consente di ottenere il massimo da Experience Cloud. Fai clic inoltre su Guida > Feedback per segnalare i problemi o condividere le tue idee con Adobe.
  • Notifiche migliorate: Il menu a discesa Notifiche ora include due schede, una per le notifiche sui prodotti e una per gli annunci globali dei prodotti.
Nota: La pagina Feed verrà rimossa a gennaio 2020. Nel prodotto verrà visualizzato un avviso di funzione rimossa.
Per la documentazione sul prodotto, consulta Experience Cloud .

Experience Platform

Note sulla versione di Experience Platform, Experience Platform Launch, Servizio identità e bollettini sulla sicurezza.

Experience Platform Launch

Per le note sulla versione e la documentazione del prodotto, consulta Experience Platform Launch .

Journey Orchestration

Usando Adobe Experience Platform, coordina i percorsi dei singoli clienti su vasta scala attraverso i vari canali dell’esperienza, anticipando in modo intelligente e in tempo reale le esigenze di ciascuno di essi, ovunque li porti il loro percorso.
Journey Orchestration è ora disponibile al pubblico. Ulteriori informazioni

Mobile Services e Mobile SDK

16 gennaio 2020: Versione 4.18.0
  • Acquisizione - Aggiunta una nuova API, Analytics.processGooglePlayInstallReferrerUrl(final String url) , per supportare l’ Google Play Installazione delle API di riferimento.
Per ulteriori informazioni sull’Installazione delle API di riferimento, consulta Stai ancora usando InstallBroadcast? Passa all’Esecuzione dell’API di riferimento entro il 1° marzo 2020 .

Analytics

Nuove funzioni e problemi risolti in Adobe Analytics:
Per la documentazione del prodotto, consulta l’ Aiuto di Adobe Analytics .

Nuove funzionalità, miglioramenti e problemi risolti in Adobe Analytics

Funzione
Descrizione
Analysis Workspace – Generatore di tabelle a forma libera
Con il Generatore di tabelle abilitato, puoi trascinare e rilasciare più dimensioni, raggruppamenti, metriche e segmenti per creare tabelle che rispondano a esigenze aziendali più complesse. I dati non verranno aggiornati immediatamente. Al contrario, gli aggiornamenti si verificano dopo aver fatto clic su Genera : sapendo quale tabella desideri creare, ciò ti permette di risparmiare tempo. Questa funzione offre inoltre:
  • Anteprima : Puoi visualizzare in anteprima il formato di una tabella prima di trascorrere del tempo a eseguire il rendering dei dati reali.
  • Impostazioni di riga flessibile e raggruppamento : Puoi impostare i livelli di riga e raggruppamento per ogni riga delle dimensioni. In precedenza, Workspace impostava valori predefiniti che non potevano essere modificati fino a quando non venivano restituiti i dati.
  • Raggruppamento per posizione : Puoi impostare le righe delle dimensioni in modo da effettuare sempre il raggruppamento per posizione anziché per elemento specifico (impostazione predefinita).
  • Ordinamento manuale delle righe statiche : Puoi ordinare manualmente le righe statiche in modo che vengano visualizzate esattamente come necessario. In precedenza, le righe statiche potevano essere ordinate solo in base a una colonna metrica o in ordine alfabetico.
La documentazione associata verrà pubblicata quando questa funzione verrà rilasciata in seguito, nel mese di gennaio.
Nuova dimensione di Stato identificato per Cross-Device Analytics (CDA)
Stiamo aggiungendo una nuova dimensione denominata Stato identificato alle suite dei report virtuali CDA. La dimensione ha due possibili valori: Identificato e Non identificato . Identificato significa che la persona è stata identificata dal grafico del dispositivo. Non identificato significa che la persona non è stata identificata dal grafico del dispositivo.
Ciò significa che ora gli utenti CDA possono creare metriche calcolate, come Copertura dei grafici dei dispositivi, che descrive quante delle persone nella suite dei report virtuali sono note dal grafico del dispositivo. Questa metrica è utile per la risoluzione dei problemi relativi ai tassi di compressione CDA. Se vengono identificate poche persone, il livello di unione risulterà basso.
Supporto VRS nell’API di Data Warehouse
Le Suite dei report virtuali saranno ora disponibili per l’utilizzo tramite API di Data Warehouse. Precedentemente, erano disponibili solo tramite l’interfaccia utente di Data Warehouse. Quando utilizzi l’API di Data Warehouse, ora puoi visualizzare ed eseguire query sulle suite dei report virtuali, ma solo se i segmenti applicati a una Suite dei report virtuali sono compatibili con Data Warehouse.
API per i Servizi per la privacy: CCPA
Il California Consumer Privacy Act (CCPA) migliora i diritti alla privacy e la protezione dei consumatori per i residenti in California, Stati Uniti. La legge è entrata in vigore il 1° gennaio 2020.
Il CCPA conferisce ai residenti della California nuovi diritti sulla privacy dei dati, come il diritto di accesso e cancellazione dei propri dati personali, di sapere se i propri dati personali vengono venduti o divulgati (e a chi), e di rifiutare la vendita degli stessi.
I servizi per la privacy supportano le richieste di rinuncia alla vendita di dati personali.
I servizi per la privacy erano precedentemente noti come servizi RGPD e manterranno tutte le funzionalità precedenti, in aggiunta al supporto per il CCPA.

Correzioni

  • Corretto un problema che impediva la consegna delle notifiche di avviso ai numeri di telefono in Egitto. (AN-197079)
  • Corretti diversi problemi relativi a DFA Data Connector. (AN-193281, AN-193075, AN-193484, AN-193737)
  • Reports &amp; Analytics: Corretto un problema a causa del quale il report di Product Conversion Funnel veniva disattivato e mostrava numeri non chiari. (AN-186901)
  • Corretto un problema che impediva agli utenti di cambiare suite dei report in progetti Workspace basati su suite di report con la nuova architettura Classificazioni. (AN-199076)
  • Risolto un problema che impediva il corretto funzionamento della funzione Cumulative in Metriche calcolate. (AN-184257)

Avvisi importanti per Analytics amministratori

Avviso
Data di aggiunta o aggiornamento
Descrizione
Nuovo dominio Adobe Analytics
18 dicembre 2019
A partire dal 16 gennaio 2020, Adobe Analytics inizierà a spostarsi su un nuovo dominio - https://experience.adobe.com/analytics.
Nota:  Questa modifica si applica a tutti gli utenti che accedono ad Analytics con il proprio Adobe ID o Enterprise ID.
  • La modifica del dominio potrebbe causare problemi con i cookie durante il caricamento di Analytics in Safari. Deselezionando l’opzione Impedisci il rilevamento intersito nelle preferenze relative alla privacy di Safari, i cookie verranno abilitati per tutti i domini (e tutte le esperienze intersito), permettendo ad Analytics di funzionare su questo nuovo dominio di Adobe Experience Cloud. Potrai utilizzare altri browser senza alcun problema, poiché questa modifica interessa solo gli utenti Safari.
  • La modifica del dominio potrebbe impedire il funzionamento di Activity Map per alcuni clienti in casi specifici .
Fine del ciclo di vita - Versioni precedenti delle API di Analytics
9 gennaio 2020
A partire da novembre 2020, i seguenti servizi appartenenti alle versioni precedenti delle API di Analytics termineranno il loro ciclo di vita e saranno chiusi. Le integrazioni esistenti create utilizzando questi servizi cesseranno di funzionare.
  • API di Analytics 1.3
  • API di Analytics SOAP 1.4
  • Autenticazione per la versione precedente di OAuth (OAuth e JWT)
Abbiamo messo a disposizione una FAQ per le versioni precedenti dell’API EOL per rispondere alle tue domande e fornire indicazioni su come procedere. Le integrazioni API che utilizzano questi servizi possono eseguire la migrazione alle API REST di Analytics 1.4 o alle API di Analytics 2.0 . I precedenti account OAuth possono migrare a un account di integrazione Adobe IO Analytics, che può essere utilizzato per accedere sia alle API di Analytics 1.4 che alle API di Analytics 2.0.
Fine del ciclo di vita dell’opzione  Visualizza archivio
30 ottobre 2019
Annuncio della data di fine del ciclo di vita, gennaio 2020, per l’opzione  Visualizza archivio  in Dashboard Manager ( Componenti > Dashboard ).
Fine del ciclo di vita dell’opzione  Enforce IP Login Restrictions
30 ottobre 2019
Annuncio della data di fine del ciclo di vita, gennaio 2020, per la funzionalità di whitelisting degli accessi IP ( Enforce IP Login Restrictions ), nel menu  Amministrazione > Impostazioni società > Sicurezza .
Fine del supporto per TLS 1.1
3 ottobre 2019
Entro il 31 marzo 2020, Adobe Analytics rimuoverà il supporto per TLS 1.1. Questo cambiamento fa parte del nostro impegno continuo per mantenere gli standard di sicurezza più elevati e promuovere la sicurezza dei dati dei clienti.
San Jose FTP Broker in scadenza per Londra e Singapore
Luglio 2020
Per i clienti di Londra e Singapore, non supporteremo più il brokering dei dati tra Londra o Singapore e il data center di San Jose ftp.omniture.com .
Modifiche imminenti relative createDate al campo per gli utenti di Analytics
30 agosto 2019
A ottobre o novembre 2019, il createDate campo per gli utenti di Analytics è stato aggiornato da Ora del Pacifico a un valore di data e ora formattato correttamente con le informazioni sul fuso orario.(AN-183468)

Audience Manager

Correzioni e funzioni aggiunte ad Audience Manager.

Nuove funzioni, miglioramenti e correzioni in Audience Manager

Funzione
Descrizione
La legge California Consumer Privacy Act (CCPA) , entrata in vigore il 1° gennaio 2020, conferisce ai residenti della California nuovi diritti in merito alle informazioni personali e impone responsabilità in materia di protezione dei dati a determinate entità che svolgono attività commerciali in California.
Audience Manager ti aiuterà a rispettare gli obblighi previsti dalle normative sulla privacy, attraverso strumenti per la privacy come i servizi per la privacy di Adobe Experience Platform per l’accesso ai dati e l’eliminazione di richieste.
Abbiamo aggiornato l’attuale processo di gestione della rinuncia per includere la rinuncia a qualsiasi ID dichiarato (ad esempio, ID CRM). In caso di rinuncia tramite ID dichiarato, l’ID dichiarato e l’ultimo dispositivo collegato verranno esclusi dalla raccolta dati di Audience Manager. Con le richieste di rinuncia, ora vengono inviate anche richieste di non segmentazione ai partner di destinazione che supportano questa funzione, in batch e in tempo reale.
Inoltre, abbiamo riprogettato la nostra documentazione relativa alla Sicurezza dei dati , alla Privacy dei dati e alla Governance dei dati per facilitare la ricerca delle informazioni necessarie, in modo da conformarsi alle normative sopra citate.

Correzioni e miglioramenti

  • Corretto un problema nel flusso di lavoro Crea destinazione per il quale, selezionando Piattaforme integrate come Categoria, la sezione Informazioni di base scompariva, rendendo impossibile completare il flusso di lavoro. (AAM-52397, AAM-52414)
  • È stato corretto un bug a causa del quale la pagina delle destinazioni per Crea/modifica non veniva caricata nei browser Apple Safari e Mozilla Firefox. (AAM-51784)

Experience Manager

Nuove funzioni, problemi risolti e aggiornamenti di Adobe Experience Manager (AEM). Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, sicurezza e prestazioni migliori.

Manutenzione del prodotto

  • AEM 6.5.3.0 AEM 6.5, Service Pack 3.0 (6.5.3.0, rilasciato 12 dicembre 2019), è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per i clienti, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.5 di aprile 2019.
  • AEM 6.4.7.0
    AEM 6.4 Service Pack 7.0 (6.4.7.0, rilasciato 12 dicembre 2019), è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per i clienti, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.4 di aprile 2018.
  • AEM 6.3.3.7
    AEM 6.3 Service Pack 3–Cumulative Fix Pack 7 (6.3.3.7 rilasciato il 12 dicembre 2019), è un aggiornamento importante che include correzioni fondamentali per i clienti, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.3, aprile 2017.
  • App desktop AEM 2.0.1.1
    AEM Desktop App 2.0.1.1 fornisce un aggiornamento per Single Sign-On con Okta e la possibilità di specificare il percorso dei file temporanei nelle Preferenze. Con questa versione, il supporto per AEM 6.3.x è stato rimosso per Desktop App 2.x.
  • Adobe Asset Link 1.1 rimuove il supporto per AEM 6.3.x
    Il supporto per AEM 6.3.x è stato rimosso da Adobe Asset Link a partire da aprile 2019. Adobe Asset Link 1.1 rimuove il supporto per AEM 6.3.x a partire dal 13 gennaio 2020.

Rilasci di prodotti

Aiuto e documentazione

  • Anteprima delle risorse 3D
    AEM 6.5 supporta il caricamento, la distribuzione e l’anteprima interattiva di risorse 3D come parte del processo di authoring. Il visualizzatore 3D interattivo è disponibile dalla pagina dei dettagli delle risorse in AEM. Il visualizzatore include, tra le altre cose, una raccolta di controlli interattivi per la videocamera, che consentono di descrivere un’orbita intorno alla risorsa 3D, nonché di ingrandirla ed effettuare una panoramica. Consulta Anteprima delle risorse 3D .
  • Componenti di base
    Core Components 2.8.0, con numerose correzioni, è ora disponibile insieme alla documentazione sull’authoring , ai dettagli per gli sviluppatori e al download del progetto su GitHub .
  • Archetipo di progetto AEM
    Il modulo ui.frontend dell’ Archetipo di progetto AEM è uno strumento utile e flessibile per facilitare lo sviluppo front-end del progetto AEM.

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti, mediante esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.

Campaign Standard

Pannello di controllo di Adobe Campaign

Abbiamo aggiunto nuove funzionalità per consentire agli utenti amministratori di effettuare deleghe per i sottodomini e rinnovare i certificati SSL dal Pannello di controllo.
Per ulteriori informazioni, consulta le seguenti pagine:
Queste funzioni saranno disponibili in versione beta entro la fine del mese di gennaio e saranno soggette a frequenti aggiornamenti e modifiche senza preavviso.

Risorse aggiuntive

Advertising Cloud

Aggiornato il 10 febbraio 2020 per la versione dell’8 febbraio:
Visualizzazione
Funzione
Portfolio
Ora puoi aggiungere campagne Yahoo Japan Display Network (YDN) ai portfolio per ottimizzare il budget delle campagne e le offerte dei gruppi di annunci. La stessa offerta viene applicata a tutti gli annunci di un gruppo di annunci. I dati per le campagne YDN sono inclusi nelle simulazioni per il portfolio.
Ricerca > Bulksheet
Ora puoi creare, modificare ed eliminare gli annunci adattabili alla rete di ricerca di Google (RSA, Responsive Search Ads) utilizzando i bulksheet. In precedenza, il supporto era disponibile solo tramite l’interfaccia standard di gestione campagne in Ricerca > Campagne
Ricerca > Campagne, Report
Le metriche relative alla visibilità di Google Ads “Impr. (Abs. Top) %” e “Impr. (Top) %” sono ora disponibili in tutti i report semplici e in tutte le visualizzazioni di gestione campagne a livello di entità, eccetto le campagne Shopping con i gruppi di prodotti, nei report Campaign Daily Impression Share (Quota impressioni campagna giornaliera) e Keyword Daily Impression Share (Quota impressioni parola chiave giornaliera), nelle visualizzazioni delle etichette e dei vincoli.
Aggiornato per la versione dell’11 gennaio 2020:
Visualizzazione
Funzione
Monitoraggio delle conversioni
Tutti i cookie di Advertising Cloud sono stati aggiornati per soddisfare i nuovi requisiti di controllo dei cookie per Google Chrome 80, che verrà rilasciato il 4 febbraio. Le modifiche sono state implementate dai server Adobe utilizzando i cookie esistenti, senza alcun effetto sulle metriche dei visitatori. Non sono necessari aggiornamenti per gli inserzionisti.
Insights > Alert Beta, Cerca > Campagne
(Funzione beta solo per gli account di ricerca) Una nuova funzione beta per gli avvisi consente di creare modelli di avvisi, utili a identificare quando una campagna di ricerca, un gruppo di annunci, una parola chiave o un annuncio soddisfa condizioni specifiche (ad esempio, metriche di prestazioni) durante un periodo specificato, generando quindi un avviso. Gli avvisi sono disponibili per un singolo inserzionista.
Rapporti
I dati per gli annunci degli elenchi di prodotti sono ora inclusi nei report di Classificazione etichetta, Valore etichetta, Regola offerta e Vincolo.