Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Settembre 2017

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Per ricevere le note sulla versione una settimana prima dell'aggiornamento mensile del prodotto, eseguire la sottoscrizione ad Adobe Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto Adobe). Le informazioni sulla versione nel Priority Product Update vengono comunicate una settimana prima della data di rilascio. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio.

Esempi pratici di Experience Cloud

Caso d'uso Data di pubblicazione Descrizione
15 agosto 2017
Il caso d’uso di e-mail marketing illustra come implementare una strategia e-mail integrata con analisi, ottimizzazione e gestione delle campagne.
1 giugno 2017
Il caso d’uso relativo al coinvolgimento con le app per dispositivi mobili illustra come integrare le app mobili con Adobe Experience Cloud per misurare il coinvolgimento degli utenti e fornire esperienze personalizzate al pubblico.
Maggio 2017
L’esempio Digital Foundation è utile per implementare una piattaforma di marketing digitale con Analytics, per ottimizzare e gestire le campagne.
Aprile 2017
Il caso d’uso Informazioni sui clienti spiega come creare un profilo unificato del cliente con più origini dati e come usarlo per creare un pubblico fruibile.

Experience Cloud e servizi core

Note sulla versione dell’interfaccia dei servizi di base, compresi Assets, Feed, Profiles & Audiences, Mobile Services e Dynamic Tag Management. Sono incluse anche le informazioni sulla versione del servizio Experience Cloud ID (Visitor API).

Experience Cloud Servizio ID

Con questa release il codice del servizio ID arriva alla versione 2.5.
Il supporto del servizio ID per Internet Explorer 6, 7 e 8 è diventato obsoleto e verrà terminato.
Funzione Descrizione
getVisitorValues
Questa API asincrona restituisce per impostazione predefinita identificatori per Analytics , il servizio ID, la rinuncia alla raccolta di dati, la geolocalizzazione, e contenuti di metadati BLOB. Inoltre, è possibile controllare gli ID che dovranno essere restituiti con l'enum opzionale visitor.FIELDS . (CORE-4723)
Correzioni di bug e altre modifiche
  • È stato corretto un bug relativo a Chrome a causa del quale il servizio ID generava un errore quando si faceva clic sul pulsante Indietro in questo browser. (CORE-5135)
  • Il servizio ID ora riavvia la sincronizzazione degli ID quando l’ID di regione cambia nella risposta alla chiamata dell’evento. (CORE-4342)
  • Added new documentation, Content Security Policies and the Marketing Cloud ID Service that explains how to allow calls to Adobe domains used by the ID service.
Consulta la documentazione di prodotto del Servizio Marketing Cloud ID .

Mobile Services

Correzioni di bug minori.
Consulta Adobe Mobile Services per la documentazione di prodotto. Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Connettori dati

Integrazione del connettore dati ExactTarget con Adobe Analytics
Salesforce ha interrotto l’integrazione del connettore dati ExactTarget. A causa di questa decisione, la procedura guidata ExactTarget non è più accessibile nell’interfaccia Connettori dati per le nuove implementazioni.
L'integrazione ExactTarget continuerà a essere visibile per i clienti che hanno già configurato l'integrazione. Le implementazioni esistenti continueranno a funzionare per un periodo di tempo non specificato (che sarà determinato da Salesforce). In caso di domande, consigliateli di contattare il rappresentante Salesforce/ExactTarget.
Prossime azioni
I clienti di Analytics possono implementare integrazioni personalizzate per ExactTarget utilizzando le funzioni e le API standard di Analytics, quali classificazioni, origini dati, regole di elaborazione ed esportazioni di Data Warehouse. Se necessario, è possibile considerare il coinvolgimento del team di consulenza Adobe.

Analytics

Avvisi importanti per gli amministratori di Analytics

Consulta la tabella seguente per avvisi importanti su Analytics che possono influenzare la raccolta di dati, l’elaborazione, le API, la fine di vita del prodotto e così via.
Data di rilascio: 21 settembre 2017
Avviso Data di aggiunta o aggiornamento Descrizione
Modifica a Rapporti pianificati in Adobe Report Builder
8 maggio 2018
Il campo “Da” nei rapporti pianificati è stato rimosso per risolvere una vulnerabilità di sicurezza all’interno dello strumento. In futuro, tutti i rapporti pianificati creati verranno generati da no-reply@adobe.com.
Migrazione degli ID utente ad Admin Console
21 settembre 2017
La migrazione degli ID utente di Analytics permette agli amministratori di trasferire facilmente gli account utente da Gestione utenti di Analytics ad Adobe Admin Console. Dopo la migrazione, gli utenti potranno accedere alle soluzioni e ai servizi di base disponibili in Experience Cloud. La migrazione verrà implementata ai clienti in più fasi a partire dalla fine di questo mese.
Avviso per i metodi API interessati dalla migrazione ad Admin Console.
21 settembre 2017
Con la migrazione della gestione e degli accessi utente ad Admin Console, Adobe ritirerà gradualmente i metodi API Permissions e Company.GetLoginKey .
Tutte le aziende Analytics che al momento utilizzano tali metodi riceveranno una notifica di premigrazione a partire dal 31 marzo 2018 . Dopo aver ricevuto questa notifica, gli amministratori avranno 30 giorni di tempo prima dell’inizio della migrazione e questi metodi non funzioneranno più per la società.
In preparazione a tale evento, puoi prendere visione delle API interessate e leggere le raccomandazioni di Adobe consultando Analytics Administration API 1.4 .
Ad Hoc Analysis
21 settembre 2017
A partire da maggio 2018, Ad Hoc Analysis supporterà solo Java 8 o versione successiva. Se dopo la versione di manutenzione di maggio 2018 scegliete di eseguire Analisi ad hoc su Java 7, Adobe non supporterà più l’implementazione di Analisi ad hoc.
I nostri file .jar sono firmati con una cifratura sicura a 256 bit non supportata dalle versioni di Java precedenti alla 1.7.0_76. Questo certificato a 256 bit ci consente di fornirvi una maggiore sicurezza.
Regole bot
21 settembre 2017
È consigliabile definire non più di 500 regole bot per suite di rapporti.
L'interfaccia utente consente di definire manualmente 500 regole. Al raggiungimento di tale limite, le regole devono essere gestite in gruppo usando le opzioni Importa file ed Esporta regole bot.
Eventi calendario: ultimi 20 eventi principali
21 settembre 2017
Per migliorare le prestazioni di reporting, gli ultimi 20 eventi di calendario principali vengono visualizzati su grafici di trend e nel tempo.
geo_zip
23 agosto 2017
A partire dal 22 agosto, Adobe Analytics ha iniziato a determinare il campo geo_zip per tutti gli hit ricevuti durante la raccolta di dati. Questo aggiornamento aumenta l’accuratezza dei dati, in particolare per i dispositivi mobili. Precedentemente, il campo geo_zip veniva impostato una volta per visita. Ora invece può cambiare correttamente nel corso di una visita del visitatore. Il campo geo_zip non viene utilizzato nella generazione dei rapporti, ma compare nei feed di dati.
Segmentazione geografica
21 agosto 2017
Il 22 agosto i rapporti di segmentazione geografica sono stati abilitati in Adobe Analytics per tutti i clienti. Questa modifica è un’anticipazione della prossima rimozione delle impostazioni di segmentazione geografica in Admin Console.

Nuove funzioni di Adobe Analytics

Nuove funzioni rilasciate in Adobe Analytics.
Prodotto Nome funzione Descrizione
Analysis Workspace
Suddivisione delle dimensioni in base al tempo in Analysis Workspace
In Analysis Workspace sono state aggiunte delle dimensioni basate su marca temporale. Le dimensioni includono:
  • Ora del giorno (ad esempio 01, 12, 15, 23)
  • AM/PM (ad esempio AM PM)
  • Giorno della settimana (ad es. Lunedì, Martedì, Mercoledì, ecc.)
  • Fine settimana/Giorno feriale (ad esempio, Fine settimana, Giorno feriale)
  • Giorno del mese (ad esempio 1, 2, .... 30, 31)
  • Mese dell’anno (ad esempio gennaio, febbraio, marzo)
  • Giorno dell’anno (ad esempio Giorno 1, Giorno 2, ecc.)
  • Trimestre dell’anno (ad esempio Q1, Q2, ecc.)
Gestione di più colonne alla volta (nelle tabelle a forma libera)
È ora possibile modificare le impostazioni per più colonne alla volta. È sufficiente selezionare più colonne e fare clic sull'icona delle impostazioni di una di queste colonne. Le modifiche apportate vengono applicate a tutte le colonne contenenti celle selezionate. Altro...
Flusso: etichette interdimensionali
Una nuova etichetta di dimensione all’inizio di ogni colonna Flusso facilita l’utilizzo di più dimensioni in una visualizzazione di flusso. Altro...
Metodo di conteggio degli hit per istogramma
Precedentemente, erano disponibili 2 metodi di conteggio in una visualizzazione Istogramma: Visita e Visitatore (impostazione predefinita).
Ora puoi usare un terzo metodo di conteggio, "Hit", come contenitore di segmenti. "Occorrenze" viene utilizzato come metrica dell’asse y nella tabella a forma libera. Altro...
Pulsante Clear All (Cancella tutto) per la configurazione di Segment Comparison e Contribution Analysis (Confronto fra segmenti, Analisi di contributo)
Invece di eliminare singolarmente ogni elemento, ora è possibile usare il pulsante Clear All (Cancella tutto) per eliminare tutti gli elementi nelle seguenti aree di Workspace:
Nomi aggiornati per i tipi di visualizzazioni Summary Change (Variazione di riepilogo)
Sono state rinominate due opzioni di Summary Change (Variazione di riepilogo):
  • Show Change > Show Percent Change (Mostra modifica > Mostra modifica percentuale)
  • Show Difference > Show Raw Difference (Mostra differenza > Mostra differenza raw)
Altro...
Cifre decimali estese per visualizzazioni Summary Number/Changes (Numero/Variazione di riepilogo) abbreviate
Precedentemente, le visualizzazioni Summary Number/Changes (Numero/Variazione riepilogo) abbreviate mostravano 0 cifre decimali.
Ora puoi scegliere da 0 a 3 cifre decimali per migliorare il reporting. Altro...
Amministratore di Analytics
Autorizzazioni di gruppo amministratore
Le seguenti autorizzazioni sono state consolidate in un'unica autorizzazione “Classificazioni” a supporto della nuova esperienza di classificazione per l'anno successivo: “Classificazioni traffico”, “Classificazioni video”, “Classificazioni conversione”, “Gerarchie classificazione”, “Gestione classificazioni” e “Importazione/esportazione classificazioni e Strumento di creazione regola”. Tutti gli utenti che disponevano di queste autorizzazioni prima del rilascio di manutenzione di settembre ora dispongono della nuova autorizzazione.
Ulteriori informazioni sulla nuova esperienza Classificazioni verranno fornite una volta che sarà disponibile più vicino.
Analisi per voce
Adobe Analytics Cloud ora è in grado di monitorare le prestazioni di assistenti intelligenti con funzioni vocali come Amazon Alexa, Google Assistant, Microsoft Cortana e Apple Siri.
Consulta le Domande frequenti .

Analytics - Correzioni e aggiornamenti

Correzioni e piccoli aggiornamenti all’interfaccia, agli strumenti e ai componenti di Adobe Analytics (ad esempio Analysis Workspace, Reports & Analytics, Report Builder, ecc.).
Prodotto Correzione o aggiornamento
Analysis Workspace
  • È stato risolto un problema che impediva la distribuzione dei progetti Workspace pianificati. (AN-149150, AN-138186)
  • È stato corretto un problema a causa del quale i progetti Workspace non venivano scaricati o inviati. (AN-149074, AN-141311)
  • È stato risolto un problema che impediva la restituzione dei dati dopo l'aggiunta di una metrica calcolata contenente un evento non abilitato per la suite di rapporti. Tuttavia, i dati venivano restituiti dopo l’aggiunta di una seconda metrica calcolata contenente anche metriche non abilitate. (AN-14884)
  • È stato risolto un problema che causava la visualizzazione occasionale di righe vuote nelle tabelle a forma libera. (AN-148833, AN-148567)
  • È stato corretto un problema a causa del quale i grafici a linee non venivano regolati quando si deselezionavano le metriche. (AN-148718, AN-147756, AN-148407)
  • È stato corretto un problema a causa del quale i progetti Workspace venivano consegnati in date diverse da quelle previste. (AN-148693)
  • È stato risolto un problema che impediva l’apertura dei progetti Workspace contenenti grafici a barre non validi. (AN-148581)
  • È stato risolto un problema con le tabelle di coorte che non mostravano dati. (AN-146403, AN-144140)
  • È stato risolto un problema che impediva il filtraggio dei componenti non segmentabili quando si faceva clic su "Crea segmento da selezione". (AN-142883)
Strumenti di analisi e amministrazione
  • Autenticazione : è stato corretto un problema di frequente disconnessione dei clienti a causa di indirizzi IP che cambiavano. (AN-147874)
  • Autenticazione : è stato corretto un problema che si verificava all’accesso tramite Marketing Cloud e impediva agli utenti di accedere ad alcune suite di rapporti virtuali. (AN-148185, AN-147504)
  • Amministrazione : è stato corretto un problema che impediva l’esportazione e la visualizzazione di informazioni sul traffico nel Billing Center (Centro fatturazione). (AN-148365)
  • Amministrazione : è stato corretto un problema di eliminazione delle regole di elaborazione quando veniva aggiunta una nuova regola che cercava parametri della stringa di query contenenti “%”. (AN-146389)
  • Amministrazione : è stato corretto un problema a causa del quale diversi tipi di amministratori venivano visualizzati in diverse interfacce: amministratori di Analytics (utenti impostati come amministratore nell’interfaccia di Analytics) e amministratori di Marketing Cloud (utenti impostati come amministratore in Marketing Cloud), con conseguente conteggio non coerente. (AN-140044)
  • Amministrazione : è stato corretto un problema a causa del quale il rapporto Geografia veniva abilitato per tutte le successive suite di rapporti. (AN-149293)
  • Metrica calcolata : è stato corretto un problema nella creazione di segmenti da una dimensione in cui per la condizione “Esiste” veniva comunque richiesto un valore. (AN-148630)
  • Reports & Analytics : è stato corretto un problema di mancata visualizzazione di suite di rapporti nel selettore delle suite di rapporti, se il nome della società conteneva un carattere speciale. (AN-147934)
  • Reports & Analytics : è stato corretto un problema a causa del quale i rapporti pianificati subivano un timeout e non venivano consegnati. (AN-140336)
  • Segmentazione : è stato corretto un problema che si verificava quando si creava un segmento in Analytics e lo si condivideva con Marketing Cloud: creati simultaneamente 2 segmenti venivano in Audience Manager con lo stesso nome, ma con suite di rapporti diverse. D'ora in poi, pubblicheremo il segmento solo su una suite di rapporti. (AN-148432)

Analytics - Amministrazione, raccolta dati, implementazione

Correzioni e aggiornamenti applicati agli strumenti di amministrazione di Analytics, inclusi quelli per implementazione e sviluppatori (servizi Web e SDK).
Prodotto / Funzione Aggiornamento
Data Warehouse
  • È stato risolto un problema che impediva ai segmenti che utilizzavano "java_enabled" di essere gestiti correttamente per i processi Data Warehouse. (AN-147372)
AppMeasurement (SDK legacy e mobile)
AppMeasurement per JavaScript
JavaScript versione 2.5.0
AppMeasurement per altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio AppMeasurement per una cronologia del rilascio di AppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian
Servizi Web di Analytics (API SOAP e REST)
API Livestream
L'API Livestream esporrà i nuovi campi "pageEvent" e "exclude" nell'output. Questo aggiornamento consente di includere informazioni dal campo Evento pagina in modo che i clienti possano determinare se l’hit era una visualizzazione di pagina, una chiamata di collegamento o una chiamata per contenuti multimediali.

Audience Manager

Funzione Descrizione
File di registro fruibili
Con i file di registro fruibili, puoi acquisire dati multimediali dai registri Google DCM e usarli come caratteristiche in Audience Manager. Cattura come caratteristiche impression, clic e conversioni dai server di annunci senza dover utilizzare chiamate pixel. Consulta File di registro fruibili .
Registro di controllo delle caratteristiche
La pagina dei dettagli per le caratteristiche basate su regola e registrate include un registro di controllo. Questo miglioramento mostra le 10 modifiche più recenti apportate a tali tipi di caratteristiche e consente di scaricare l’intero registro come file .csv.
Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • Fixed a bug that prevented Audience Lab from loading in a timely manner. (AAM-32249)
  • È stato corretto un bug a causa del quale le regole di unione profilo visualizzavano i dati del rapporto in modo non accurato nel dashboard di riepilogo rispetto alla pagina dei dettagli. (AAM-31118)
  • È stato corretto un bug in Generatore di modelli e Generatore di segmenti che troncava le descrizioni se il testo conteneva doppie virgolette. (AAM-31314)
  • È stato risolto un problema per il quale i nomi dei segmenti aggiornati di Audience Manager non venivano inviati alle destinazioni Google DFP. (AAM-31677)
  • Sono state revisionate le descrizioni per le API dei feed di dati e per le API per la richiesta di caratteristiche e i parametri di risposta. (AAM-31901, AAM-31914)
DIL - Correzioni di bug, miglioramenti e codice dichiarato obsoleto
DIL è il codice di raccolta di dati API per Audience Manager. Con il rilascio di settembre, DIL è stato incrementato alla versione 6.12.
Il supporto di DIL per Internet Explorer 6, 7 e 8 è diventato obsoleto e verrà terminato. (CORE-4932)
  • È stato corretto un bug relativo a Chrome a causa del quale DIL generava un errore quando si faceva clic sul pulsante Indietro in tale browser. (CORE-5135)
  • Sono stati rimossi i moduli di codice non utilizzati. (CORE-4554)
  • DIL ora avvia di nuovo la sincronizzazione degli ID quando l’ID regione cambia nella risposta della chiamata dell’evento. (CORE-4304)

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Primetime

Adobe Primetime è una piattaforma TV multischermo che consente alle media company di creare e monetizzare esperienze di visione coinvolgenti e personalizzate.

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Adobe Campaign Standard 17.9
Data di rilascio: 18 settembre 2017
Funzione Descrizione
Libreria di modelli e-mail
Sono stati introdotti diciotto nuovi modelli reattivi creati in due splendidi temi: Astro e Feather. Questi modelli personalizzabili non sono agnostici del settore e sono pronti per essere utilizzati immediatamente. I modelli includono contenuti per una serie di casi di utilizzo per progettare e distribuire le campagne di e-mail marketing in modo più rapido, efficiente e perfetto che in passato.
Generazione di rapporti dinamici con dati profilo
Dynamic Reporting offre rapporti aziendali completamente personalizzabili e in tempo reale. Con questa release, un potente miglioramento alla funzione di reporting dinamico aggiunge l'accesso ai dati del profilo, consentendo l'analisi demografica per dimensioni del profilo quali genere, città, codice postale ed età, oltre ai dati funzionali delle campagne e-mail come aperture e clic. Grazie alla stessa interfaccia intuitiva, è più facile determinare le prestazioni della campagna e-mail rispetto ai segmenti di clienti più importanti.
Iscrizione di massa con origine e data
Grazie a questo miglioramento dell'iscrizione di massa, ora puoi archiviare le informazioni sull'iscrizione (origine e data) direttamente nel database Adobe Campaign Standard tramite l'attività Subscription Services (Servizi iscrizione) in un flusso di lavoro.
Adobe Campaign v7 17.9
Data di rilascio: 21 settembre 2017
Funzione Descrizione
Miglioramento del connettore ACS
È ora possibile restituire dati comportamentali da Adobe Campaign Standard ad Adobe Campaign v7, consentendo agli esperti di marketing e agli analisti di dati di creare una visualizzazione a 360° delle campagne di marketing; creare audience e segmenti avanzati che incorporino dati comportamentali ACS; e misurare in modo più efficace il ROI delle attività di marketing.
Connettore SAP HANA
Rompi i silos e sfrutta tutti i ‪ di dati esterni in ‪ Adobe Campaign in tempo reale con i connettori ‪ Federated Data Access che ora supportano anche SAP HANA. Federated ‪ Data Access ‪ consente agli utenti di collegare più database ‪ esterni ‪ diversi con Adobe Campaign. Esegui query in tempo reale da qualsiasi origine senza importare ‪ set di dati ‪ o memorizzarlo nella piattaforma Adobe Campaign.
Connettore Hadoop tramite HiveSQL
Quando si tratta di gestire grandi set di dati, Hadoop ha il vantaggio rispetto ai sistemi di gestione di database relazionali, e il suo valore per le aziende di qualsiasi dimensione continuerà ad aumentare man mano che i dati non strutturati continuano a crescere. Adobe Campaign può sfruttare la potenza di Hadoop attraverso il connettore Hadoop tramite HiveSQL, dove i clienti possono accedere agli schemi direttamente dall'interfaccia utente di Adobe Campaign per creare audience avanzate, altamente segmentate, in modo veloce, flessibile e scalabile.
Canale LINE: Miglioramenti della messaggistica
Questo miglioramento al canale LINE consentirà di ottimizzare l'efficienza dei costi mediante pagamenti per campagna e non per ogni contenuto inviato; aumentare il coinvolgimento degli utenti inviando messaggi avanzati (non solo immagini semplici); e semplificare l'usabilità con i messaggi multipli, evitando di creare più consegne per una singola campagna.
Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Note sulla versione di AEM

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.
Title Descrizione
Rilasci di prodotti
AEM 6.3 Dynamic Media Feature Pack (NPR-14410 e NPR-18912)
Questa release offre nuove funzioni di automazione e consegna per i clienti di Dynamic Media, ed è la prima release destinata ai clienti esistenti di Dynamic Media Classic (S7)-AEM per passare a Dynamic Media.
Manutenzione del prodotto
AEM 6.2 Service Pack 1 – Cumulative Fix Pack 7
AEM 6.2 SP1–CFP7, rilasciato il 12 settembre 2017, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi fondamentali per il cliente, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.2 SP1 nel dicembre 2016.
Aiuto e documentazione
Stato delle funzioni dell’interfaccia touch
Anche se la maggior parte delle funzionalità sono presenti nell'interfaccia touch, alcune funzioni non sono ancora complete e verranno aggiunte nelle release future.
Per informazioni sullo stato attuale delle funzionalità implementate in AEM 6.3, consulta Stato delle funzione per l’interfaccia Touch .
Editor regole moduli
Il servizio di configurazione dei moduli adattivi consente di limitare l’accesso all’editor delle regole agli utenti in base al loro ruolo o funzione.
Ottimizzazione delle prestazioni di Forms
È possibile escludere file e cartelle di AEM Forms dall’applicazione antivirus all’accesso per migliorare le prestazioni del server Forms.
Moduli adattivi
Gli sviluppatori di moduli possono incorporare moduli adattivi completamente funzionanti in una pagina Web esterna ospitata all’esterno di AEM. Consente agli utenti di compilare un modulo senza uscire dalla pagina Web e di rimanere nel contesto di altri elementi della pagina.
Integrazione dei dati Forms
AEM Forms offre un pacchetto di configurazione che consente di integrare rapidamente Dynamics 365 con Forms. Il pacchetto include una configurazione del servizio cloud e un modello di dati del modulo con entità e servizi Dynamics 365 preconfigurati.
Installare e aggiornare Forms JEE
Sono stati risolti diversi problemi e sono state aggiornate l’installazione e la documentazione sull’aggiornamento per AEM 6.3 Forms JEE.
Consulta Installare o aggiornare AEM Forms su JEE in Argomenti , nel pannello a sinistra.
Guida introduttiva allo sviluppo di AEM Sites 6.3 - Esercitazione WKND
È disponibile una nuova esercitazione introduttiva per sviluppatori per la versione 6.3 basata sulle ultime tecnologie AEM:
Utilizzo delle librerie lato client
Sono state aggiunte informazioni su come individuare clientlibs in /apps e utilizzare il servlet proxy , nonché su come utilizzare i preprocessori .
Documentazione di AEM Screens 6.3 basata su librerie lato client
È disponibile la nuova documentazione di AEM Screens 6.3. In alternativa, è disponibile un Quickstart che consente a un utente di creare un'esperienza di digital signage in 5 minuti. Consulta le risorse seguenti:
Sono state aggiunte informazioni su come individuare clientlibs in /apps e utilizzare il servlet proxy , nonché su come utilizzare i preprocessori .
Comportamento tag decorazione
Quando viene eseguito il rendering di un componente in una pagina Web, potete generare un elemento HTML a capo automatico del componente rappresentato. Per gli sviluppatori, AEM offre una logica chiara e semplice per controllare i tag di decorazione che racchiudono i componenti inclusi.
Limitazioni per l’editor
L’editor nell’interfaccia touch utilizza le sovrapposizioni per interagire con contenuti confinati in un iframe. Questa interazione crea alcune limitazioni sia nell'utilizzo dell'editor che per gli sviluppatori.
Community
AEM GEMS
Dynamic Media Feature Pack: architettura e risoluzione di problemi
  • Panoramica delle nuove funzionalità di Dynamic Media Feature Pack.
  • Architettura di Dynamic Media Feature Pack.
  • Suggerimenti per la risoluzione dei problemi.

Advertising Cloud

Aggiornato - 16 Ottobre 2017
Funzione Descrizione
Cerca
(Campagne Bing Ads con target di remarketing) Advertising Cloud supporta le seguenti funzionalità:
  • I tipi di pubblico Bing Ads esistenti e le destinazioni/esclusioni degli elenchi di remarketing sono elencati nella vista Destinazioni di pubblico in Campagne e nelle viste Pubblico in Campaigns Beta.
  • I bulksheet ora supportano la creazione e la modifica di destinazioni di pubblico a livello di gruppo di annunci (ma non esclusioni). Nella finestra di dialogo Download Bulksheet (Scarica bulksheet), selezionando la sezione "RLSA Target" (Destinazione RLSA) vengono aggiunti i dati sulle destinazioni RLSA, comprese le seguenti colonne: "Nome campagna", "Nome gruppo annuncio", "Adeguamento offerta" (facoltativo), "Pubblico" e "Stato destinazione RLSA". La colonna "ID destinazione RLSA" viene aggiunta automaticamente per ogni destinazione RLSA.
Note:
  • Le destinazioni di pubblico a livello di campagna sono sincronizzate e visibili nelle visualizzazioni Pubblico, ma non sono ancora supportate nei bulksheet.
  • I tipi di pubblico interni al mercato non sono supportati.
  • Le regolazioni dell'offerta per le destinazioni di pubblico Bing non vengono ancora regolate automaticamente tramite l'impostazione del portafoglio per ottimizzare automaticamente le regolazioni dell'offerta.
Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
È ora possibile assegnare le campagne ai portfolio dalla vista Campagne beta.
Rapporti
Nel report Target Pubblico di AdWords ora puoi includere colonne per le proprietà delle transazioni tracciate da Advertising Cloud.
16 settembre 2017
Funzione Descrizione
Portfolio
Le impostazioni del portfolio per l'ottimizzazione automatica delle regolazioni dei bid per destinazioni di posizione e dispositivi non sono più in modalità beta.
I dati Google per "Impression Share Lost due to Budget" (Quota impression perduta a causa del budget) vengono ora utilizzati per regolare automaticamente i budget delle campagne nei portfolio, quando il portfolio utilizza l'opzione "Auto adjust campaign budget limits" (Regola automaticamente i limiti di budget delle campagne).
Ricerca in Advanced Campaign Management
I modelli di acquisto Bing Ads e AdWords ora consentono fino a otto livelli di gruppi di prodotti, inclusi "Tutti i prodotti" e altri sette livelli. Precedentemente, permettevano fino a sette livelli tra cui "Tutti i prodotti".
Campagne basate su ricerche
Bing Ads inizierà la migrazione degli account gestiti da Advertising Cloud al nuovo modello sitelink (sitelink condivisi) il 25 settembre; il processo dovrebbe richiedere quattro giorni. Tra il 22 settembre e il completamento della migrazione dell'account, i collegamenti dei siti non saranno accessibili in Advertising Cloud e verranno erroneamente visualizzati come eliminati. Se devi apportare modifiche ai collegamenti dei siti prima che la migrazione sia completata, lavora direttamente nell'editor Bing Ads. al termine della migrazione, le modifiche verranno trasferite al nuovo modello e sincronizzate da Advertising Cloud. La funzionalità per il supporto dei collegamenti di siti condivisi sarà disponibile nella release di ottobre.
Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
Per tutti gli utenti è ora disponibile la nuova interfaccia beta per ricerche in Search Advertising > Campaigns > Campaigns Beta (Annunci per ricerca > Campagne > Campagne beta).
Le nuove funzioni includono:
  • È ora possibile creare e modificare i record account dei singoli motori di ricerca dalla vista Account.
  • Le campagne possono essere indirizzate a tipi di pubblico (elenchi di remarketing) dalla vista Live > Audiences > Targets (Live > Pubblico > Destinazioni). Precedentemente, era possibile eseguire il targeting delle audience solo a livello di gruppo di annunci. Potete impostare una regolazione dell'offerta per ogni destinazione di pubblico dalla modalità di modifica o dalla colonna "Regolazione bid" nella vista Destinazioni; le regolazioni automatizzate delle offerte non sono ancora disponibili. Nota: il supporto dei collegamenti di siti condivisi diventerà disponibile nella release di ottobre.
  • Le viste personalizzate esistenti (create nella vista Campagne precedente) sono disponibili nel riquadro di navigazione a sinistra, in "Custom Views" (Visualizzazioni personalizzate). Potete caricarle, comprese le colonne e i filtri, ma non è ancora possibile modificare o creare viste personalizzate nella visualizzazione Beta.
  • Tutte le visualizzazioni eccetto le visualizzazioni Ads (Annunci) e Sitelink ora dispongono di una funzione di ricerca nella barra degli strumenti.
  • I miglioramenti delle prestazioni della griglia hanno comportato tempi di caricamento più rapidi, scorrimento più fluido e più righe disponibili.