Show Menu
ARGOMENTI×

Note sulla versione - Novembre 2017

Nuove funzioni e correzioni in Adobe Experience Cloud.
Per ricevere le note sulla versione una settimana prima dell'aggiornamento mensile del prodotto, eseguire la sottoscrizione ad Adobe Priority Product Update (Aggiornamento prioritario del prodotto Adobe). Le informazioni sulla versione nel Priority Product Update vengono comunicate una settimana prima della data di rilascio. Per informazioni sugli aggiornamenti, controlla nuovamente al momento del rilascio.

Esempi pratici di Experience Cloud

Gli esempi pratici di Experience Cloud consentono di implementare e distribuire flussi di lavoro e integrazioni applicabili a differenti soluzioni.
Esempio pratico
Data di pubblicazione
Descrizione
Configurazione iniziale
18 ottobre 2017
L’esempio pratico sulla configurazione iniziale guida l’utente attraverso le fasi necessarie per iniziare a utilizzare le soluzioni Experience Cloud.
Ottimizzazione e-mail
15 agosto 2017
Il caso di utilizzo per il marketing tramite e-mail mostra come implementare una strategia e-mail integrata con analisi, ottimizzazione e gestione delle campagne.
Interazione con app per dispositivi mobili
1 giugno 2017
Il caso d’uso di interazione con app per dispositivi mobili illustra come integrare le tue app mobili con Adobe Experience Cloud per misurare le interazioni degli utenti e offrire esperienze personalizzate al tuo pubblico.
Digital Foundation
Maggio 2017
L’esempio Digital Foundation è utile per implementare una piattaforma di marketing digitale con Analytics, per ottimizzare e gestire le campagne.
Informazioni sui clienti
Aprile 2017
Il caso d’uso Informazioni sui clienti spiega come creare un profilo unificato del cliente con più origini dati e come usarlo per creare un pubblico fruibile.

Experience Cloud e servizi core

Note sulla versione dell’interfaccia dei servizi di base, compresi Assets, Feed, Profili e pubblico, Mobile Services, Launch e Gestione tag dinamica. Sono incluse anche le informazioni sulla versione del servizio Experience Cloud ID (Visitor API).

Adobe Launch

Questa è la prima versione di Launch.
Data di rilascio: 8 novembre 2017
Launch viene introdotto gradualmente per i clienti Adobe Experience Cloud. Se vuoi avere la possibilità di accedervi in anteprima, compila le informazioni richieste nel modulo per il rilascio di Launch .
Launch è la soluzione Adobe di nuova generazione per la gestione dei tag. Launch offre ai clienti un modo semplice di implementare e gestire tutti i tag di analisi, marketing e annunci pubblicitari necessari per fornire ai clienti esperienze personalizzate.
Launch permette a chiunque di generare e mantenere le proprie integrazioni Launch, chiamate “estensioni”. Queste sono disponibili per i clienti di Launch in un’esperienza di tipo app-store per velocizzarne l’installazione, la configurazione e l’implementazione dei tag.
Launch è offerto ai clienti di Adobe Experience Cloud come funzionalità inclusa a valore aggiunto. Launch è un prodotto completamente nuovo, con un nuovo codice, progettato per sostituire il precedente servizio Dynamic Tag Management (DTM, Dynamic Tag Management). Tuttavia DTM continuerà per il momento a essere supportato. Adobe continuerà a correggerne i bug rilevanti e a garantirne le prestazioni. Al momento, non sono pianificati miglioramenti importanti delle funzioni di DTM.
Vantaggi chiave
  • Time-to-value più rapido
  • Dati affidabili grazie a operazioni di raccolta, organizzazione e consegna centralizzate mediante gli elementi dei dati
  • Esperienze coinvolgenti tramite l'integrazione di dati e tecnologie di marketing mediante un modulo per la generazione di regole
Funzioni chiave
Funzione Descrizione
Estensioni
Un’estensione è un pacchetto di codice (JavaScript, HTML e CSS) che estende l’interfaccia utente e le funzionalità client di Launch. ​Puoi generare, gestire e aggiornare le integrazioni tramite un'interfaccia praticamente self-service. Se si paragona Launch a un sistema operativo, le estensioni sono paragonabili alle applicazioni che consentono di eseguire determinate attività.
Catalogo delle estensioni
Trova, configura e distribuisci strumenti di marketing e pubblicitari generati e mantenuti da fornitori di software indipendenti.
Generatore di regole
Crea solide regole che combinano più eventi, in una specifica sequenza definita con logica if/then con condizioni ed eccezioni. Le estensioni forniscono opzioni per:
  • Eventi
  • Condizioni
  • Eccezioni
  • Azioni
Il generatore di regole include funzionalità di verifica degli errori ed evidenziazione della sintassi nel codice personalizzato in tempo reale.
Quando vengono soddisfatti i criteri e le condizioni descritti dalle regole, le azioni definite vengono eseguite in ordine.
Elementi dati
Puoi raccogliere, organizzare e distribuire i dati per diverse tecnologie per marketing e annunci pubblicitari basate sul Web.
Pubblicazione Enterprise
Il processo di pubblicazione permette ai team di pubblicare il codice nelle pagine. Diverse persone possono creare un'implementazione, approvarla e pubblicarla sulle tue pagine.
  • Le modifiche al codice sono racchiuse nelle librerie da te definite. ​
  • Puoi specificare dove e quando implementare il codice.​
  • Team differenti possono creare più librerie in parallelo.​
  • Non vi è alcun limite di ambiente di sviluppo.
  • Le librerie possono essere unite mediante un processo intenzionale e basato su autorizzazioni.
API aperte
Puoi automatizzare le implementazioni di singole tecnologie o di un gruppo di tecnologie.
  • Launch interagisce direttamente con le API di Reactor.​
  • Le implementazioni possono essere automatizzate tramite API.​
  • È possibile integrare le API di Launch con i propri sistemi interni.​
  • Puoi scegliere di creare un'interfaccia utente personalizzata.​
Tag contenitore leggero e modulare
Il tag contenitore di Launch è più leggero del 60% rispetto ad Adobe Tag Manager e del 40% rispetto a Google Tag Manager. Il contenuto del contenitore è ridotto al minimo, compreso il tuo codice personalizzato. Ogni caratteristica è modulare. Se non hai bisogno di un elemento, non verrà incluso nella libreria. Il risultato è un'implementazione veloce e compatta.
Altre funzioni importanti
Launch offre diversi miglioramenti rispetto ad altri sistemi simili, tra cui:
  • document.write () non viene utilizzato dove non è consentito da Chrome​
  • Le regole Page Top (Inizio pagina) e Page Bottom (Fine pagina) sono unite nella libreria principale per ridurre al minimo le chiamate HTTP. ​
  • Gli script di azioni personalizzati di una regola possono essere caricati in parallelo, ma vengono eseguiti in sequenza.​
  • Se eviti le regole Page Top (Inizio pagina) e Page Bottom (Fine pagina), il codice è principalmente asincrono, con un percorso per ottenere la piena asincronia.​

Mobile Services

Nuove funzioni, aggiornamenti e correzioni in Mobile Services.
Data di rilascio: 9 novembre 2017
  • Correzioni di bug minori.
  • A partire da marzo 2018, all’accesso verrà richiesto un Adobe ID perché non sarà più supportato il processo di accesso di Adobe Analytics. Altro... .
Consulta la documentazione di Adobe Mobile Services . Per leggere le note sulle versioni precedenti, espandi Note sulle versioni precedenti nel riquadro a sinistra.

Analytics

Data di rilascio: 9 novembre 2017

Avvisi importanti per gli amministratori di Analytics

Consulta la tabella seguente per avvisi importanti su Analytics che possono influenzare la raccolta di dati, l’elaborazione, le API, la fine di vita del prodotto e così via.
Avviso Data di aggiunta o aggiornamento Descrizione
Collegamento degli account utente
26 ottobre 2017
Gli utenti di Analytics non dovranno più collegare manualmente i propri account tra Experience Cloud e Analytics. Per richiedere l’accesso ad Analytics gli utenti possono contattare il proprio amministratore Admin Console .
Migrazione degli ID utente ad Admin Console
21 settembre 2017
La migrazione degli ID utente di Analytics permette agli amministratori di trasferire facilmente gli account utente da Gestione utenti di Analytics ad Adobe Admin Console. Dopo la migrazione, gli utenti potranno accedere alle soluzioni e ai servizi di base disponibili in Experience Cloud. La migrazione diventerà disponibile per i clienti in più fasi, a partire dalla fine di questo mese.
Avviso per i metodi API interessati dalla migrazione ad Admin Console.
21 settembre 2017
Con la migrazione della gestione e degli accessi utente ad Admin Console, Adobe ritirerà gradualmente i metodi API Permissions e Company.GetLoginKey .
Tutte le aziende Analytics che al momento utilizzano tali metodi riceveranno una notifica di premigrazione a partire dal 31 marzo 2018 . Dopo aver ricevuto questa notifica, gli amministratori avranno 30 giorni di tempo prima dell’inizio della migrazione, dopodiché tali metodi non funzioneranno più.
In preparazione a tale evento, puoi prendere visione delle API interessate e leggere le raccomandazioni di Adobe consultando Analytics Administration API 1.4 .
Ad Hoc Analysis
21 settembre 2017
A partire da maggio 2018, Ad Hoc Analysis supporterà solo Java 8 o versione successiva. Se dopo la versione di manutenzione di maggio 2018 esegui Ad Hoc Analysis con Java 7, Adobe non sarà più in grado di fornire supporto per la tua implementazione di Ad Hoc Analysis.
I nostri file .jar sono firmati con una cifratura sicura a 256 bit non supportata dalle versioni di Java precedenti alla 1.7.0_76. Questo certificato con cifratura a 256 bit offre maggiore sicurezza.
Regole bot
21 settembre 2017
Consigliamo di definire on più di 500 regole bot per suite di rapporti.
L'interfaccia utente consente di definire manualmente 500 regole. Al raggiungimento di tale limite, le regole devono essere gestite in gruppo usando le opzioni Importa file ed Esporta regole bot.
Eventi calendario: ultimi 20 eventi principali
21 settembre 2017
Per migliorare le prestazioni di reporting, gli ultimi 20 eventi di calendario principali vengono visualizzati su grafici di trend e nel tempo.
geo_zip
23 agosto 2017
A partire dal 22 agosto, Adobe Analytics ha iniziato a determinare il campo geo_zip per tutti gli hit ricevuti durante la raccolta di dati. Questo aggiornamento aumenta l’accuratezza dei dati, in particolare per i dispositivi mobili. Precedentemente, il campo geo_zip veniva impostato una volta per visita. Ora invece può cambiare correttamente nel corso di una visita del visitatore. Il campo geo_zip non viene utilizzato nella generazione dei rapporti, ma compare nei feed di dati.
Segmentazione geografica
21 agosto 2017
Il 22 agosto i rapporti di segmentazione geografica sono stati abilitati in Adobe Analytics per tutti i clienti. Questa modifica è un’anticipazione della prossima rimozione delle impostazioni di segmentazione geografica in Admin Console.

Nuove funzioni di Adobe Analytics

Miglioramenti e nuove funzioni introdotte in Adobe Analytics.
Prodotto Nome funzione Descrizione
Analysis Workspace
Elenco dei componenti non compatibili
A volte non tutti i componenti inclusi in un progetto sono inclusi nella suite di rapporti. In tal caso, quando si carica un progetto o si passa a una suite di rapporti, viene visualizzato il messaggio “Suite di rapporti non compatibile”, in cui ora vengono elencati i componenti non compatibili.

Analytics - Correzioni e aggiornamenti

Correzioni e piccoli aggiornamenti all’interfaccia, agli strumenti e ai componenti di Adobe Analytics (ad esempio Analysis Workspace, Reports & Analytics, Report Builder, ecc.).
Prodotto Correzione o aggiornamento
Analysis Workspace
  • È stato corretto un problema per cui l’asse Y nei diagrammi a linee o barre con metriche in percentuale veniva sempre ridimensionato al 100%. (AN-152424, AN-152391)
  • È stato corretto un problema che impediva di copiare e incollare i valori in Workspace. (AN-151844, AN-148578)
Analytics - Generale
  • È stato corretto un problema per cui i dati non venivano restituiti se in precedenza era stato applicato un filtro o segmento a un intervallo di dati. (AN-151926, AN-152011)
Data Workbench

Analytics - Amministrazione, raccolta dati, implementazione

Correzioni e aggiornamenti applicati agli strumenti di amministrazione di Analytics, inclusi quelli per implementazione e sviluppatori (servizi Web e SDK).
Prodotto / Funzione Aggiornamento
AppMeasurement (SDK legacy e mobile)
AppMeasurement per JavaScript
JavaScript 2.6.0
È stato corretto un problema per cui la libreria AppMeasurement non imposta sempre la combinazione corretta di account quando si richiama s_gl. (AN-152153)
AppMeasurement per altre piattaforme
Consulta Cronologia rilascio AppMeasurement per una cronologia del rilascio di AppMeasurement per le seguenti piattaforme:
  • JavaScript
  • iOS
  • Android
  • Flash-Flex
  • OSX
  • Windows Phone, XBOX, Silverlight e .NET
  • BlackBerry
  • Java
  • PHP
  • Symbian
Consulta anche: Servizio Marketing Cloud ID (già servizio ID visitatore )

Audience Manager

Correzioni, miglioramenti ed elementi obsoleti
  • Nella pagina dei dettagli delle caratteristiche, è stato corretto un problema che impediva il corretto download CSV in IE 11.
  • È stato corretto un bug a causa del quale il metodo GET API per la cartella dei segmenti non restituiva il parametro path .
  • È stato corretto un bug a causa del quale il parametro folderCount nel metodo GET API non restituiva il numero totale di sottocartelle.
  • Il codice è stato rivisto per migliorare i tempi di caricamento per la pagina dei segmenti.

Target

Consulta le Note sulla versione di Adobe Target per informazioni aggiornate sulle versioni dei seguenti prodotti:
  • Target Standard e Premium
  • Target Classic
  • Recommendations Classic

Campaign

Adobe Campaign offre un modo intuitivo e automatico di inviare messaggi a singoli utenti tra canali di marketing online e offline. Ora è possibile prevedere cosa vogliono i clienti usando esperienze determinate dalle loro abitudini e preferenze.
Per la documentazione sul prodotto consulta:

Experience Manager

Note sulla versione di AEM

Ai clienti con distribuzioni locali, Adobe consiglia di implementare le ultime patch in modo da garantire stabilità, protezione e prestazioni migliori.
Titolo Descrizione
Rilasci di prodotti
App desktop AEM 1.6
AEM Desktop App 1.6 migliora il procedimento di accesso, ottimizza il supporto a diverse configurazioni di sicurezza AEM, perfeziona le informazioni sulle operazioni di download e upload in background, nonché la stabilità e le prestazioni dell’applicazione.
Imaging intelligente
Domande frequenti sull’imaging intelligente in Dynamic Media Classic (Scene7)/Dynamic Media.
AEM 6.3: Aggiornamenti dei frammenti di contenuto e servizi per contenuti – Feature Pack
Questo Feature Pack contiene aggiornamenti a frammenti di contenuto, componenti chiave e lo strumento di esportazione JSON.
I miglioramenti consentono di definire frammenti di contenuto basati su modelli di contenuto strutturati e inviare contenuti AEM in formato JSON da usare su diversi canali e punti di contatti.
Manutenzione del prodotto
AEM 6.3 Service Pack 1
AEM 6.3 Service Pack 1 (6.3.1.0), rilasciato il 13 ottobre 2017, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi segnalati dai clienti nonché miglioramenti a prestazioni, stabilità e sicurezza disponibili dopo il rilascio di AEM 6.3 ad aprile 2017.
AEM 6.3 Service Pack 1 può essere installato su AEM 6.3 GA.
Principali caratteristiche di questo service pack:
  • Archivio incorporato (Apache Jackrabbit Oak) aggiornato alla versione 1.6.3.
  • Supporto per azioni desktop migliorate su risorse multiple mediante l’app Desktop nell’interfaccia utente Touch.
  • Supporto per i parametri di scadenza della connessione configurabili dall’utente per le soluzioni Marketing Cloud (Adobe Analytics, Adobe Dynamic Tag Management, Adobe Target e Adobe Search&Promote).
  • Ottimizzazione delle capacità di gestione delle pubblicazioni per pubblicare gerarchie di siti complesse.
  • Perfezionamento delle capacità di Iparsys di riportare sulle pagine le modifiche al testo.
  • Ottimizzazione della funzione di eliminazione delle versioni per le risorse.
  • Ottimizzazione delle prestazioni in fase di pubblicazione delle risorse sul Brand Portal.
  • Abilitazione della gestione di modelli di contenuto flessibili e dell’API JSON.
  • Risoluzione di problemi di traduzione relativi ai frammenti di contenuti AEM.
  • Miglioramenti relativi a: libreria dei file Community, rilevamento di spam, interfaccia utente di moderazione e funzioni di abilitazione.
  • Aggiunta di supporto per l’esecuzione di AEM Forms su Oracle Linux 7.1 con piattaforma Oracle EXA.
  • Aggiunta della capacità di elencare le risorse DAM nella visualizzazione e nelle funzioni di ricerca del Portale moduli.
  • Possibilità di scegliere la risorsa CRX con modalità dinamiche per l’operazione Gestione processi.
AEM 6.2 Service Pack 1 – Cumulative Fix Pack 8
AEM 6.2 SP1–CFP8, rilasciato il 9 ottobre 2017, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi segnalati dai clienti, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.2 SP1 nel dicembre 2016.
AEM 6.1 Service Pack 2 – Cumulative Fix Pack 12
AEM 6.1 SP2–CFP12, rilasciato il 6 ottobre 2017, è un aggiornamento importante che include correzioni di problemi segnalati dai clienti, introdotte successivamente alla data di disponibilità generale di AEM 6.1 SP2 nell’agosto 2016.
Aiuto e documentazione
Migrazione della documentazione a https://helpx.adobe.com/it.
Come parte dell’aggiornamento del sistema di documentazione di Experience Cloud, la documentazione tecnica di AEM è stata trasferita dall’attuale piattaforma AEM docs.adobe.com alla piattaforma centrale Helpx. La documentazione di AEM è ora disponibile dai seguenti collegamenti:
Nota: la documentazione di AEM 6.1 è ancora disponibile da https://docs.adobe.com/docs/it/aem/6-1.html . La documentazione di versioni precedenti di AEM è stata archiviata ed è disponibile qui .
Esercitazioni di Adobe Experience Cloud
Le esercitazioni di Adobe Experience Cloud consentono di apprendere le nozioni di base o di perfezionare le proprie competenze.
AEM Repo Tool
Ulteriori informazioni su AEM Repo Tool. Questa soluzione è disponibile per i trasferimenti semplificati di tipo FTP, tra il file system e AEM, con dipendenze minime. Si tratta di un semplice script Bash che consente l’integrazione in IntelliJ ed Eclipse.
Aggiornamento ad AEM 6.3 Forms
Sono state aggiunte informazioni sulla gestione delle regole relative ai moduli adattivi per i quali non viene eseguita la migrazione automatica tramite l’utility di migrazione.
Community
Orario del servizio Assistenza clienti di
Partecipa a questa sessione per informazioni su come ottimizzare le prestazioni e sulle best practice di AEM 6: martedì 14 novembre 2017, 10:30 - 11:30 PST.
Verranno trattati i seguenti argomenti:
  • Best practice per l’implementazione
  • Pianificazione dell’implementazione di AEM Assets
  • Architettura dell’archiviazione dati di AEM
  • Ottimizzazioni di AEM Assets
  • Attività di manutenzione richieste
Experience Insider: approfondimenti sulle best practice consigliate per gli autori di AEM.
Abbonati a Experience Insider per ricevere best practice e consigli su AEM. Registrati qui, bastano pochi secondi: http://bit.ly/EINews . Gli archivi sono disponibili qui: http://www.adobeeventsonline.com/AEM/2017/NL/lp/ .
Webinar mensile: possiamo aiutarti a ottimizzare efficienza e time-to-market. Nel webinar di questo mese di Experience Insider abbiamo presentato informazioni sulle best practice per esperienze fluide da AEM e la sua applicazione nella gestione dei contenuti e delle esperienze in scenari CMS headful e headless. Condividi questo collegamento con gli autori del tuo team affinché possano ricevere ulteriori informazioni e confermare la partecipazione: https://landing.adobe.com/ags/2017/na/aem-6-3-best-practice/power-tips-and-best-practices.html .
Chiedi agli esperti della community AEM
Partecipa all’ultima sessione di “Ask the Expert”, con Bertrand de Coatpont di Adobe, del 28 novembre 2017.
Bertrand parlerà di AEM Communities e illustrerà come impostare e personalizzare velocemente un sito community. Scoprirai come sfruttare la potente interfaccia di authoring per creare un'animata community per i tuoi clienti. Ottieni informazioni sugli strumenti utili per mantenere il coinvolgimento chi ti segue e sfrutta i contenuti generati dagli utenti (UGC) per rafforzare il tuo marchio.
Si prega di confermare la partecipazione all’indirizzo https://www.meetup.com/AEM-Technologist-Group/events/244123044/
AEM GEMS
Mercoledì 22 novembre 2017 alle 08:00 PST, Dominique Pfister, Senior Computer Scientist di Adobe, presenterà le nuove funzioni di AEM Dispatcher e le relative best practice.
Dominique descriverà le nuove funzioni introdotte a partire dalla versione 4.1.9. Parlerà inoltre di alcune best practice per l’implementazione del dispatcher.
Si prega di confermare la partecipazione all’indirizzo https://www.meetup.com/AEM-Technologist-Group/events/244687467/
Sessioni tecniche on-demand recenti
Se non hai potuto partecipare alla sessione tecnica su AEM e sulle esperienze fluide per scenari headless, ora la trovi on-demand all’indirizzo:

Advertising Cloud

Aggiornato il 9 novembre 2017
Funzione Descrizione
Integrazione di Analytics
Nuovi feed forniscono metriche di conversione infragiornaliere, con la possibilità di scegliere tra tutte le metriche disponibili in Analytics. Per ulteriori informazioni e per pianificare la migrazione al nuovo feed, contatta il tuo account manager.
Portfolio
(Funzione beta) I dati Bing Ads per “Impression Share Lost due to Budget” (Quota impression perduta a causa del budget) vengono ora utilizzati per regolare automaticamente i budget delle campagne nei portfolio impostati con l’opzione “Auto adjust campaign budget limits” (Regola automaticamente i limiti di budget delle campagne).
Ricerca Advanced Campaign Management (ACM)
Nei modelli per feed inventario, ora puoi usare le colonne in un file di feed o nell’account centrale di un esercente come variabili dinamiche per i valori di classificazione etichette.
Ricerca nei bulksheet e Campagne basate su ricerche
(Account Bing Ads) Gli annunci esistenti Bing Dynamic Search Ads (DSA) e le destinazioni DSA sono ora elencati nelle viste Ads (Annunci) e Auto Targets (Destinazioni automatiche). L'accuratezza dei dati relativi ai costi e ai clic per i DSA e le destinazioni, nonché l'attribuzione dei ricavi, sono ancora in fase di test e Advertising Cloud non esegue ancora la modellazione e l'ottimizzazione delle offerte per le destinazioni DSA in portfolio ottimizzati. Ora puoi scaricare gli annunci esistenti Bing Dynamic Search Ads (DSA) e le destinazioni DSA, e modificare (ma non creare) annunci e destinazioni DSA utilizzando bulksheet. Nella finestra di dialogo Download Bulksheet (Scarica bulksheet), seleziona la sezione "Auto Target" (Destinazione automatica) per aggiungere i dati sulle destinazioni di ricerca dinamica.
Campagne basate su ricerche - Funzione Beta
Nuove funzioni:
  • Il caricamento iniziale di Campaigns Beta è più rapido.
  • Il selettore della data ora include gli stessi intervalli di date predefiniti delle viste precedenti.
  • Nella barra degli strumenti è disponibile una nuova finestra di dialogo per set di filtri.
  • Puoi fare clic sulla definizione di un singolo filtro accanto alla barra degli strumenti per modificarla.
  • Dall’intestazione di una colonna, puoi creare un filtro per la colonna stessa.
  • Dopo aver eseguito azioni in massa da una vista di gestione delle campagne (ad esempio per modificare le impostazioni per più campagne, incollare delle righe in una tabella di dati o sincronizzare una o più campagne) riceverai una notifica e-mail al completamento dell’attività o in caso di errore.

Social

Il rilascio di Social 17.11.1.0 (14/11/2017) include le seguenti modifiche:
Miglioramenti
Funzione Descrizione
Limite di caratteri Twitter
Adobe Social è stato aggiornato in conformità al nuovo limite di 280 caratteri per i tweet di Twitter.
Per maggiori informazioni, consultare la discussione della community di Twitter .