Show Menu
ARGOMENTI×

Token di risposta

Response tokens let you automatically output information specific to Target (activity details, user profile information, geo information, and so forth) to use in debugging or integrating with 3rd-party systems (such as Clicktale).
I token di risposta consentono di scegliere quali variabili sfruttare e quindi di inviarle come parte di una risposta di Target. Per fare ciò, è sufficiente abilitare una variabile utilizzando lo switch e la variabile verrà inviata con le risposte di Target, che possono essere convalidate nelle chiamate di rete. Response tokens work in Preview mode as well.
Una differenza fondamentale tra i plug-in e i token di risposta è che i plug-in recapitano alla pagina un codice JavaScript che viene eseguito al momento del recapito. I token di risposta, invece, recapitano un oggetto che può quindi essere letto e utilizzato mediante i listener di eventi. Per ulteriori informazioni, consulta Eventi personalizzati di at.js e gli esempi forniti più avanti in questo articolo. L’approccio dei token di risposta è più sicuro e dovrebbe consentire uno sviluppo e una manutenzione più agevoli delle integrazioni di terze parti.
I token di risposta sono disponibili con at.js 1.1 o versione successiva. I token di risposta non sono supportati con mbox.js.
Libreria di Target in uso
Azioni consigliate
at.js
Assicurati di utilizzare at.js nella versione 1.1 o successiva. Per informazioni su come scaricare l’ultima versione di at.js, consulta Scaricare at.js . Per informazioni sulle nuove funzionalità in ogni versione di at.js, vedi Dettagli sulla versione di at.js .
I clienti che utilizzano at.js sono incoraggiati a utilizzare i token di risposta e ad abbandonare i plug-in. Alcuni plug-in che si basano su metodi interni di mbox.js che non sono presenti in at.js verranno consegnati, ma non avranno esito positivo. Per ulteriori informazioni, consulta Limitazioni di at.js .
mbox.js
I plug-in continueranno a essere supportati e consegnati utilizzando mbox.js.
Tuttavia, i clienti che utilizzano mbox.js e i plug-in sono invitati a passare ad at.js e ai token di risposta. Per informazioni sui vantaggi dell’utilizzo di at.js rispetto a mbox.js, consulta Domande frequenti su at.js . Per informazioni sulla migrazione, consulta Migrare a at.js da mbox.js .
Dopo che Target Classic è stato dichiarato obsoleto (novembre 2017), potrebbe essere necessario contattare l’Assistenza clienti per modificare o disabilitare i plug-in esistenti. Dovresti aver controllato i plug-in prima che Target Classic venisse dichiarato obsoleto, e aver disabilitato i plug-in indesiderati.
Non è possibile creare nuovi plug-in in Target Standard/Premium. Al loro posto, utilizza piuttosto i token.
I plug-in obsoleti di SiteCatalyst devono essere disattivati e sostituiti con Adobe Analytics come origine per la generazione di rapporti per Adobe Target (A4T). Il plug-in ttMeta deve essere disabilitato e sostituito con Adobe Experience Cloud Debugger .

Utilizzo dei token di risposta

  1. Assicurati di utilizzare at.js nella versione 1.1 o successiva.
    Per ulteriori informazioni, consulta Scarica at.js .
  2. In Target, click Administration > Response Tokens .
  3. Attiva i token di risposta desiderati, ad esempio activity.id , option.id e così via.
    Per impostazione predefinita sono disponibili i seguenti parametri:
    Tipo
    Parametro
    Note
    Profili incorporati
    profile.activeActivities
    Restituisce una matrice dei codici activityIds per i quali il visitatore si qualifica. Viene incrementato man mano che gli utenti si qualificano. For example, on a page with two Target requests delivering two different activities, the second request includes both activities.
    profile.isFirstSession
    Restituisce “vero” o “falso”.
    profile.isNewSession
    Restituisce “vero” o “falso”.
    profile.daysSinceLastVisit
    Restituisce il numero di giorni dall’ultima visita del visitatore.
    profile.tntId
    Restituisce il codice tntID del visitatore.
    profile.marketingCloudVisitorId
    Restituisce l’ID visitatore di Experience Cloud per il visitatore in oggetto.
    profile.thirdPartyId
    Restituisce l’ID di terze parti del visitatore.
    profile.categoryAffinity
    Restituisce la categoria preferita del visitatore.
    profile.categoryAffinities
    Restituisce una matrice delle 5 categorie principali del visitatore, sotto forma di stringhe.
    Attività
    activity.name
    activity.id
    experience.name
    experience.id
    option.name
    option.id
    Dettagli dell’attività corrente. “Opzione” equivale a “offerta”.
    Geo
    geo.country
    geo.state
    geo.city
    geo.zip
    geo.dma
    geo.domainName
    geo.ispName
    geo.connectionSpeed
    geo.mobileCarrier
    Consulta Geo per ulteriori informazioni sull’utilizzo del geotargeting nelle attività.
    Metodo
    di allocazione del traffico (applicabile solo alle attività Auto-Target e Automated Personalization ).
    experience.trafficAllocationId
    Restituisce 0 se un visitatore ha ricevuto un'esperienza dal traffico "di controllo" e 1 se ha ricevuto un'esperienza dalla distribuzione del traffico "di destinazione".
    experience.trafficAllocationType
    Restituisce "control" o "target".
    Nell’elenco vengono visualizzati anche gli attributi del profilo utente e gli attributi del cliente.
    I parametri con caratteri speciali non vengono visualizzati nell’elenco. Sono supportati solo caratteri alfanumerici e il trattino basso.
  4. (Conditional) If you want to use a profile parameter as a response token, but the parameter has not been passed through a Target request and, thus, has not loaded into the Target UI, you can use the Add Response Token button to add the profile to the UI.
    Fate clic su Aggiungi token di risposta, fornite il nome del token, quindi fate clic su Attiva .
  5. Crea un’attività.
Usa gli eventi personalizzati di at.js per ascoltare la risposta della e leggere i token di risposta.Target
Il codice di esempio seguente aggiunge un gestore di eventi personalizzati di at.js direttamente alla pagina HTML:
<html> 
  <head> 
    .... 
    <script src="at.js"></script> 
    <script> 
      document.addEventListener(adobe.target.event.REQUEST_SUCCEEDED, function(e) { 
        console.log("Request succeeded", e.detail); 
      }); 
    </script> 
  <head> 
  <body> 
  ... 
  </body> 
</html>

Le istruzioni seguenti spiegano come aggiungere un gestore di eventi personalizzati di at.js utilizzando Adobe Dynamic Tag Manager (DTM):
  1. Accedi a DTM.
  2. Individua la proprietà appropriata.
  3. Apri lo strumento Target.
    Poiché DTM non supporta at.js nativamente, è necessario utilizzare l’editor di codice.
  4. Nell’editor di codice aggiungi il seguente codice a at.js:
    document.addEventListener(adobe.target.event.REQUEST_SUCCEEDED, function(e) { 
      console.log("Request succeeded", e.detail); 
    });
    
    
Se desideri avere tutto in un singolo file, aggiungi lo snippet seguente al piè di pagina della libreria nella pagina Configurazione di at.js .
document.addEventListener(adobe.target.event.REQUEST_SUCCEEDED, function(e) { 
  console.log("Request succeeded", e.detail); 
});

Domande frequenti sui token di risposta

Quale ruolo è autorizzato ad attivare o disattivare i token di risposta?
I token di risposta possono essere attivati o disattivati solo dagli utenti con il ruolo Amministratore di Target.
Cosa succede se eseguo at.js 1.0 o versione precedente?
Potrai visualizzare i token di risposta, ma at.js non sarà in grado di utilizzarli.
Che cosa succede se uso at.js 1.1 (o versione successiva) su alcune pagine del sito e mbox.js su altre?
Response tokens will be delivered to the at.js Target responses, but not to the mbox.js responses.
È possibile avere attivi allo stesso tempo sia plug-in di Target Classic che i token di risposta?
Plug-in e token di risposta saranno disponibili in parallelo; tuttavia, i plug-in diventeranno obsoleti in futuro.
I token di risposta vengono distribuiti attraverso tutteTargetle risposte o solo attraversoTargetle risposte che forniscono un'attività?
Response tokens are delivered only through Target responses delivering an activity.
Il mio plug-in di Target Classic comprendeva JavaScript. Come posso riprodurne la funzionalità utilizzando i token di risposta?
Quando esegui la migrazione ai token di risposta, questo tipo di JavaScript dovrà essere mantenuto nel codebase o nella soluzione di gestione dei tag. Puoi attivare il codice utilizzando gli eventi personalizzati at.js e trasmettere i valori del token di risposta alle funzioni JavaScript.
Perché il mio parametro profilo/attributi del cliente non viene visualizzato nell’elenco dei token di risposta?
Target normalmente aggiorna i parametri ogni 15 minuti. L’aggiornamento dipende dall’azione dell’utente e i dati vengono aggiornati solo quando visualizzi la pagina dei token di risposta. Se i parametri non vengono visualizzati nell’elenco dei token di risposta, probabilmente Target non ha ancora aggiornato i dati.
Inoltre, se il parametro contiene caratteri non alfanumerici o un simbolo diverso dal trattino basso, il parametro non verrà visualizzato nell’elenco. Attualmente sono supportati solo caratteri alfanumerici e il trattino basso.
Se creo un token di risposta utilizzando uno script di profilo o un parametro di profilo e poi elimino lo script o il parametro del profilo, il token di risposta consegnerà comunque il contenuto?
I token di risposta estraggono informazioni dai profili utente e quindi recapitano tali informazioni. Se elimini uno script o un parametro di profilo, le informazioni non vengono necessariamente rimosse dai profili utente. I profili utente contengono ancora i dati corrispondenti allo script del profilo e il token di risposta continuerà a fornire il contenuto. Per gli utenti nel cui profilo non sono salvate tali informazioni oppure per i nuovi visitatori, il token non verrà consegnato perché i dati non sono presenti nei profili.
Target non disattiva automaticamente il token. Se elimini uno script di profilo e non desideri più che il token venga consegnato, devi disattivare il token manualmente.
Ho rinominato il mio script di profilo, ma il token che utilizza lo script è ancora attivo con il vecchio nome. Perché?
Come accennato in precedenza, i token di risposta funzionano sulle informazioni del profilo salvate per gli utenti. Anche se hai rinominato il tuo script di profilo, gli utenti che hanno visitato il tuo sito web hanno ancora il vecchio valore dello script di profilo salvato nel loro profilo, pertanto il token continua a prendere il vecchio valore dai profili utente. Se ora desideri consegnare il contenuto del nuovo nome, devi disattivare il token precedente e attivare quello nuovo.
Se i miei attributi sono cambiati, quando saranno rimossi dall’elenco?
Target esegue un aggiornamento degli attributi a intervalli regolari. Tutti gli attributi non attivati vengono rimossi durante l’aggiornamento successivo. Tuttavia, se hai un attributo che era stato attivato e quindi è stato rimosso (ad esempio, hai rimosso uno script di profilo che veniva utilizzato come token), lo script non viene rimosso dall’elenco degli attributi finché non sarà stato disattivato. Target rimuove dall’elenco solo gli attributi disattivati quando vengono eliminati o rinominati.

Invio di dati a Google Analytics tramite at.js

Puoi inviare dati a Google Analytics tramite at.js aggiungendo il seguente codice alla pagina HTML:
<script type="text/javascript"> 
  (function(i, s, o, g, r, a, m) { 
    i['GoogleAnalyticsObject'] = r; 
    i[r] = i[r] || function() { 
      (i[r].q = i[r].q || []).push(arguments) 
    }, i[r].l = 1 * new Date(); 
    a = s.createElement(o), 
      m = s.getElementsByTagName(o)[0]; 
    a.async = 1; 
    a.src = g; 
    m.parentNode.insertBefore(a, m) 
  })(window, document, 'script', 'https://www.google-analytics.com/analytics.js', 'ga'); 
  ga('create', 'Google Client Id', 'auto'); 
</script> 
 
<script type="text/javascript"> 
  document.addEventListener(adobe.target.event.REQUEST_SUCCEEDED, function(e) { 
    var tokens = e.detail.responseTokens; 
 
    if (isEmpty(tokens)) { 
      return; 
    } 
 
    var activityNames = []; 
    var experienceNames = []; 
    var uniqueTokens = distinct(tokens); 
 
    uniqueTokens.forEach(function(token) { 
      activityNames.push(token["activity.name"]); 
      experienceNames.push(token["experience.name"]); 
    }); 
 
    ga('send', 'event', { 
      eventCategory: "target", 
      eventAction: experienceNames, 
      eventLabel: activityNames 
    }); 
  }); 
 
  function isEmpty(val) { 
    return (val === undefined || val == null || val.length <= 0) ? true : false; 
  } 
 
  function key(obj) { 
     return Object.keys(obj) 
    .map(function(k) { return k + "" + obj[k]; }) 
    .join(""); 
  } 
 
  function distinct(arr) { 
    var result = arr.reduce(function(acc, e) { 
      acc[key(e)] = e; 
      return acc; 
    }, {}); 
   
    return Object.keys(result) 
    .map(function(k) { return result[k]; }); 
  } 
</script>

Debug (simile al plug-in ttMeta)

L’equivalente del plug-in ttMeta per scopi di debug può essere creato aggiungendo il seguente codice alla pagina HTML:
<script type="text/javascript" > 
  document.addEventListener(adobe.target.event.REQUEST_SUCCEEDED, function (e) { 
    window.ttMETA= typeof(window.ttMETA)!="undefined" ? window.ttMETA : []; 
 
    var tokens=e.detail.responseTokens; 
 
    if (isEmpty(tokens)) { 
      return; 
    } 
     
    var uniqueTokens = distinct(tokens); 
 
    uniqueTokens.forEach(function(token) { 
      window.ttMETA.push({ 
        'CampaignName': token["activity.name"], 
        'CampaignId' : token["activity.id"], 
        'RecipeName': token["experience.name"], 
        'RecipeId': token["experience.id"], 
        'OfferId': token["option.id"], 
        'OfferName': token["option.name"], 
        'MboxName': e.detail.mbox}); 
      console.log(ttMETA); 
    }); 
  }); 
 
  function isEmpty(val){ 
    return (val === undefined || val == null || val.length <= 0) ? true : false; 
  } 
 
  function key(obj) { 
     return Object.keys(obj) 
    .map(function(k) { return k + "" + obj[k]; }) 
    .join(""); 
  } 
 
  function distinct(arr) { 
    var result = arr.reduce(function(acc, e) { 
      acc[key(e)] = e; 
      return acc; 
    }, {}); 
   
    return Object.keys(result) 
    .map(function(k) { return result[k]; }); 
  } 
</script>

Video di formazione: Token di risposta ed eventi personalizzati at. js

Guarda il video seguente e scopri come utilizzare i token di risposta e gli eventi personalizzati at.js per condividere le informazioni del profilo da Target a sistemi di terze parti.
L’interfaccia utente del menu Target Amministrazione (precedentemente Configurazione ) è stata riprogettata per fornire prestazioni migliori, ridurre il tempo di manutenzione necessario per rilasciare nuove funzioni e migliorare l’esperienza dell’utente nel prodotto. Le informazioni riportate nel seguente video sono generalmente corrette; tuttavia, le opzioni potrebbero trovarsi in posizioni leggermente diverse. I video aggiornati verranno pubblicati a breve.